ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Maria del Pilar Cabarcas-Gaberell. Beneficenza, ma con ‘stile’

Dalla doppia nazionalità colombiana e svizzera, la incontriamo a Paradiso, dove lavora. Vivace, dinamica e solare, non ha mai dimenticato le sue origini
Ticino7
4 gior

Broadcast. Fine delle trasmissioni

Una manciata di album, alcune raccolte, lavori sperimentali e qualche collaborazione. Ma di solo talento non si vive, e senza la buona sorte...
Ticino7
4 gior

Disavventure Latine. Messico: l’ultimo cenote

Tutti a dirmi “vai a fare il bagno in un cenote”. E io ci sono andato, non in uno, ma in quattro. Che cosa sono mo’ ve lo spiego (per chi non lo sapesse).
Ticino7
4 gior

Stevie Wonder, il ragazzo dei miracoli

Siamo nell’ottobre del 1972 e nei negozi arriva “Talking Book”. Stevie aveva 22 anni e 19 dischi alle spalle. Sarà un capolavoro e altri ne seguiranno
Ticino7
4 gior

Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)

Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo
Ticino7
4 gior

Orphaned Land. Di metal e di religioni

’Mabool’ è un album del 2004 di un quintetto di metallari israeliani, con testi anche in ebraico e un sacco di religione. Vi suona strano? Ascoltatelo
Ticino7
5 gior

Stefanino Meraviglia e altre meravigliose storie

In caso di dolori di cuore, turbe esistenziali e altri scompensi di natura umana, il brano giusto è quello che ci vuole. Nel dubbio, puntate sui classici
Ticino7
1 sett

Barbara Conrad corre sempre più in alto

Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
1 sett

Arnold Rikli, il dottore del Sole

Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
1 sett

Covid-19. Il valzer delle statistiche

Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
Ticino7
1 sett

Sano sì, ma all’apparenza

A volte è solo una questione genetica. Molto più spesso stare bene dipende (naturalmente) da noi, da ciò che facciamo, mangiamo e respiriamo
Ticino7
1 sett

Roger Federer: la forza delle emozioni

In occasione del recente annuncio del ritiro, pubblichiamo un approfondito contributo dedicato al fenomeno basilese apparso su ‘Ticino7’ nel febbraio 2018
Ticino7
2 sett

Luca Mengoni: l’arte d’indagare la realtà

Afferma di essere un pragmatico, materialista, poco incline all’introspezione. Le sue opere, però, sono evocative, quasi meditative: un bel mistero
Ticino7
2 sett

Lauro Rodoni e quella cassetta misteriosa

La Val Pontirone è casa sua e quassù fa il pastore più o meno da quando ha imparato a camminare.
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine. Messico: Palenque e Campeche

Ascoltare e seguire le dritte di chi è del posto, sarebbe sempre buona cosa... soprattutto quando si tratta di muoversi coi mezzi pubblici
Ticino7
2 sett

A lezione di carcere. Andare ‘dentro’ per capire

Cronaca di una mattinata nelle vecchie Pretoriali di Locarno. Per comprendere e vedere “che effetto che fa”. Ma qui c’è poco da ridere e molto da pensare
Ticino7
2 sett

Vite forzate. Le parole di chi ci è passato

Ci finisci dentro perché, salvo errori, qualcosa hai combinato. E in un attimo ti ritrovi in un ‘altro mondo’
01.05.2021 - 09:58

Sulla tela di Antonio Lüönd

"Chi sono, da dove vengo, perché sono qui? Attraverso la pittura ho sempre sentito una spinta interna che mi portasse delle risposte. E ancora le sto cercando”

di Natascia Bandecchi
sulla-tela-di-antonio-l-ond
© Roberto Pellegrini; dalla serie ‘Ateliers’ di R. Pellegrini, © ProLitteris Zürich

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

È nato a Lugano il 16 marzo 1947 sotto il segno dei pesci. Mamma Irma faceva la donna di servizio e papà Tommaso, spesso sporco di farina, il mugnaio. A 5 anni la vita l’ha segnato con un incidente di percorso invalidante che gli ha donato una sorta di ‘sesto senso’. Ha frequentato la scuola dei Salesiani per poi ficcarsi in tasca il tanto agognato – dai genitori – diploma di ingegnere edile. Come ogni anima artistica che si rispetti, si è fidato del suo intuito e ha seguito la sua passione: l’arte. Ha studiato a Parigi e Bruxelles, mischiandosi con artisti illustri della Belle Époque moderna. È testardo, ama cucinare e prendersi cura del suo giardino con la sua compagna di vita Hanny Bürgin. Sta leggendo il ‘Corano’, perché è curioso per natura.

“Sono passati quasi settant’anni, ma se chiudo gli occhi è come se fossi lì: ero steso nel lettino dell’ospedale, mi sentivo malissimo, volevo muovere le braccia ma non riuscivo. Era terribile”. Grazie al fiuto della mamma e alle cure in ospedale – dove sta per quasi due anni –, Antonio scampa a un’epidemia infantile che negli anni Cinquanta ha colpito molti bambini: la poliomielite. “Ho perso l’uso del braccio sinistro e ho una paresi a quello destro che rallenta i miei movimenti. Da una parte l’handicap ha portato dolore, frustrazione, mi sentivo diverso, discriminato, dall’altra parte invece mi ha donato una forza pazzesca. Forza che ho trovato per uscire dal tunnel; ho imparato ad arrangiarmi, a fare delle piccole, ma grandi cose, con una mano sola”. Antonio ha sempre imparato a conoscere i suoi limiti ma non si è mai fatto limitare da essi. “Vivo nel presente, il passato è passato. Desidero continuare a vivere facendo esperienze e, se possibile, mi piacerebbe lasciare delle tracce utili a chi voglia cogliere pezzetti di me”.

Scintilla creativa

Pablo Picasso diceva “l’arte scuote dall’anima la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni”. Nella vita di Antonio ci sono stati pochi strati di polvere: sin da bimbo creatività e fantasia pare non gli mancassero: “Conservo ancora i libri di scuola pieni di miei disegni, mi dicevano che avevo talento e già a 7 anni avevo il tratto di ragazzi molto più grandi di me”. Antonio ha sempre vissuto il momento della creazione pittorica come una totale catarsi in un luogo senza tempo e senza spazio. Dopo un periodo trascorso a Bruxelles a studiare arte e tecnica pittorica fiamminga, Antonio se ne va nella città sulla Senna: “Ho frequentato l’Académie de la Grande Chaumière per tre anni e nel mentre bazzicavo l’atelier di Alberto e Diego Giacometti. Stare a Parigi significava nutrirsi di cultura internazionale e arte. Crescere, non solo artisticamente, ma anche umanamente”. Bohémien è la parola che meglio caratterizza il periodo parigino vissuto da Antonio. “La vita era stretta, avevo una cameretta in affitto con una piccola cucina, mangiavo brodini e baguette, tutto era contato fino all’ultimo centesimo”.


© Roberto Pellegrini; dalla serie ‘Ateliers’ di R. Pellegrini, © ProLitteris Zürich

Risposte & colori

Antonio non lesina racconti e aneddoti, si ricorda con entusiasmo e dovizia di particolari tasselli della sua vita e mi apre – per mia grande fortuna – la porta del suo atelier, zeppo di opere, caricature fatte su “buste volanti” di Angela Merkel, Alain Berset e Manuele Bertoli e un quadretto colorato con la scritta “Io non ho difetti. Io ho effetti speciali”. “Non faccio un’arte elitaria, costruita, non mi interessa arricchire una parete per il semplice gusto di riempire dei vuoti. Ho sempre cercato risposte a domande esistenziali che mi risuonassero: chi sono, da dove vengo, perché sono qui? Attraverso la pittura ho sempre sentito una spinta interna che mi portasse delle risposte. E ancora le sto cercando”. Antonio convive con il periodo pandemico presente come con un nonsoché di conosciuto: “Erano i primi anni Cinquanta, c’erano già le mascherine allora. Io in ospedale da solo, avevo già vissuto la mia prima quarantena in tenera età”. Oggi Antonio si definisce solitario per natura, a lui basta stare nel suo atelier, nel verde e a due passi dal laghetto di Origlio. “Ogni occasione è buona per incamerare ispirazione e trasformarla poi in creazione su tela. A proposito di colori, ricordo l’incontro con Francis Bacon, gli chiesi cosa significasse per lui la pittura astratta. La risposta mi sorprese: per lui era solo un esercizio di colore”. Antonio sprigiona colori, immagini e storie di vita infinite.

Il canto libero

E chi si immaginava che Antonio fosse stato un figlio delle culture giovanili degli anni Sessanta? Mi sarei aspettata che ascoltasse musica medievale, classiconi alla Beethoven, magari del jazz... Come si dice, l’apparenza inganna. “Oltre all’arte, ho sempre amato anche la musica, la mia disabilità non mi ha certo impedito di suonare da autodidatta vari strumenti: la tastiera elettronica, l’armonica a bocca, il flauto di pan e il didgeridoo. Ascolto l’elettronica dei Kraftwerk, Jimy Hendrix e mi piace un sacco Lucio Battisti”. E, pensando all’immortale Battisti, mi congedo da Antonio canticchiando tra me e me “il mio canto libero”. Pensando che la libertà di essere chi si vuole non ha confini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved