Portogallo
2
Germania
4
fine
(1-2)
Spagna
Polonia
21:00
 
sulla-tela-di-antonio-l-ond
© Roberto Pellegrini; dalla serie ‘Ateliers’ di R. Pellegrini, © ProLitteris Zürich
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
5 ore

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
7 ore

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
13 ore

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
5 gior

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
5 gior

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
1 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
2 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
3 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
3 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
01.05.2021 - 09:580

Sulla tela di Antonio Lüönd

"Chi sono, da dove vengo, perché sono qui? Attraverso la pittura ho sempre sentito una spinta interna che mi portasse delle risposte. E ancora le sto cercando”

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

È nato a Lugano il 16 marzo 1947 sotto il segno dei pesci. Mamma Irma faceva la donna di servizio e papà Tommaso, spesso sporco di farina, il mugnaio. A 5 anni la vita l’ha segnato con un incidente di percorso invalidante che gli ha donato una sorta di ‘sesto senso’. Ha frequentato la scuola dei Salesiani per poi ficcarsi in tasca il tanto agognato – dai genitori – diploma di ingegnere edile. Come ogni anima artistica che si rispetti, si è fidato del suo intuito e ha seguito la sua passione: l’arte. Ha studiato a Parigi e Bruxelles, mischiandosi con artisti illustri della Belle Époque moderna. È testardo, ama cucinare e prendersi cura del suo giardino con la sua compagna di vita Hanny Bürgin. Sta leggendo il ‘Corano’, perché è curioso per natura.

“Sono passati quasi settant’anni, ma se chiudo gli occhi è come se fossi lì: ero steso nel lettino dell’ospedale, mi sentivo malissimo, volevo muovere le braccia ma non riuscivo. Era terribile”. Grazie al fiuto della mamma e alle cure in ospedale – dove sta per quasi due anni –, Antonio scampa a un’epidemia infantile che negli anni Cinquanta ha colpito molti bambini: la poliomielite. “Ho perso l’uso del braccio sinistro e ho una paresi a quello destro che rallenta i miei movimenti. Da una parte l’handicap ha portato dolore, frustrazione, mi sentivo diverso, discriminato, dall’altra parte invece mi ha donato una forza pazzesca. Forza che ho trovato per uscire dal tunnel; ho imparato ad arrangiarmi, a fare delle piccole, ma grandi cose, con una mano sola”. Antonio ha sempre imparato a conoscere i suoi limiti ma non si è mai fatto limitare da essi. “Vivo nel presente, il passato è passato. Desidero continuare a vivere facendo esperienze e, se possibile, mi piacerebbe lasciare delle tracce utili a chi voglia cogliere pezzetti di me”.

Scintilla creativa

Pablo Picasso diceva “l’arte scuote dall’anima la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni”. Nella vita di Antonio ci sono stati pochi strati di polvere: sin da bimbo creatività e fantasia pare non gli mancassero: “Conservo ancora i libri di scuola pieni di miei disegni, mi dicevano che avevo talento e già a 7 anni avevo il tratto di ragazzi molto più grandi di me”. Antonio ha sempre vissuto il momento della creazione pittorica come una totale catarsi in un luogo senza tempo e senza spazio. Dopo un periodo trascorso a Bruxelles a studiare arte e tecnica pittorica fiamminga, Antonio se ne va nella città sulla Senna: “Ho frequentato l’Académie de la Grande Chaumière per tre anni e nel mentre bazzicavo l’atelier di Alberto e Diego Giacometti. Stare a Parigi significava nutrirsi di cultura internazionale e arte. Crescere, non solo artisticamente, ma anche umanamente”. Bohémien è la parola che meglio caratterizza il periodo parigino vissuto da Antonio. “La vita era stretta, avevo una cameretta in affitto con una piccola cucina, mangiavo brodini e baguette, tutto era contato fino all’ultimo centesimo”.


© Roberto Pellegrini; dalla serie ‘Ateliers’ di R. Pellegrini, © ProLitteris Zürich

Risposte & colori

Antonio non lesina racconti e aneddoti, si ricorda con entusiasmo e dovizia di particolari tasselli della sua vita e mi apre – per mia grande fortuna – la porta del suo atelier, zeppo di opere, caricature fatte su “buste volanti” di Angela Merkel, Alain Berset e Manuele Bertoli e un quadretto colorato con la scritta “Io non ho difetti. Io ho effetti speciali”. “Non faccio un’arte elitaria, costruita, non mi interessa arricchire una parete per il semplice gusto di riempire dei vuoti. Ho sempre cercato risposte a domande esistenziali che mi risuonassero: chi sono, da dove vengo, perché sono qui? Attraverso la pittura ho sempre sentito una spinta interna che mi portasse delle risposte. E ancora le sto cercando”. Antonio convive con il periodo pandemico presente come con un nonsoché di conosciuto: “Erano i primi anni Cinquanta, c’erano già le mascherine allora. Io in ospedale da solo, avevo già vissuto la mia prima quarantena in tenera età”. Oggi Antonio si definisce solitario per natura, a lui basta stare nel suo atelier, nel verde e a due passi dal laghetto di Origlio. “Ogni occasione è buona per incamerare ispirazione e trasformarla poi in creazione su tela. A proposito di colori, ricordo l’incontro con Francis Bacon, gli chiesi cosa significasse per lui la pittura astratta. La risposta mi sorprese: per lui era solo un esercizio di colore”. Antonio sprigiona colori, immagini e storie di vita infinite.

Il canto libero

E chi si immaginava che Antonio fosse stato un figlio delle culture giovanili degli anni Sessanta? Mi sarei aspettata che ascoltasse musica medievale, classiconi alla Beethoven, magari del jazz... Come si dice, l’apparenza inganna. “Oltre all’arte, ho sempre amato anche la musica, la mia disabilità non mi ha certo impedito di suonare da autodidatta vari strumenti: la tastiera elettronica, l’armonica a bocca, il flauto di pan e il didgeridoo. Ascolto l’elettronica dei Kraftwerk, Jimy Hendrix e mi piace un sacco Lucio Battisti”. E, pensando all’immortale Battisti, mi congedo da Antonio canticchiando tra me e me “il mio canto libero”. Pensando che la libertà di essere chi si vuole non ha confini.

© Roberto Pellegrini; dalla serie ‘Ateliers’ di R. Pellegrini, © ProLitteris Zürich
Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved