Portogallo
2
Germania
4
fine
(1-2)
Spagna
Polonia
21:00
 
disavventure-latine-2-i-nazisti-dei-caraibi
© R. Scarcella
+2
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
5 ore

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
7 ore

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
13 ore

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
5 gior

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
5 gior

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
1 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
2 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
3 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
3 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
3 sett

Teatro: vivere il palco, ma in modo diverso

La recitazione può diventare un laboratorio dove rileggere il proprio vissuto, a volte drammatico e molto doloroso. Ecco alcune esperienze e testimonianze
Ticino7
3 sett

Un giorno da nulla

Una buona azione fa bene agli altri, ma soprattutto fa bene a noi. Non avete ancora deciso cosa fare?
Ticino7
3 sett

United Roads of America. La battaglia sull'aborto

Qui gli animi si sono accesi 50 anni fa e oggi tutti attendono di capire come si pronuncerà la Corte Suprema. In gioco c'è la vita o la morte, e i diritti civili
Ticino7
3 sett

C'era una volta la Valascia (con Danilo Gobbi)

Se volevate una birra e qualcosa da mettere sotto i denti dovevate vedervela con lui, lì, davanti alla "Buvette". E poi tutti in Curva a cantare e saltare
Ticino7
3 sett

Tecnologia e sicurezza. Una faccia, una persona?

Polizie e governi in tutto il mondo li usano, ma gli studi sembrano dimostrare come i sistemi di riconoscimento del viso siano spesso imprecisi e discriminatori
Ticino7
24.04.2021 - 11:180

Disavventure Latine 2. I nazisti dei Caraibi

Il viaggio verso la Colombia continua: da Panama e il suo Canale ci spostiamo sulla costa. Fra gente che dovrebbe esserci ma non c'è e infausti vessilli...

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Volevo vedere il Canale di Panama perché da bambino sfogliavo quei libroni con le grandi opere dell’uomo. E poi volevo attraversare un confine. Un confine vero. Perché ormai in Europa, anche quando ci sono, è come se non ci fossero. Niente timbri, niente suspense, niente di niente. Ti giri e all’orizzonte vedi l’Ikea da tutte e due le parti. E non sai più se stai tornando a casa o se stai andando via. In America Latina, come altrove, le frontiere sono mondi a parte: faccendieri, cambiavalute, procacciatori di ogni genere di bene materiale e immateriale. Tra Panama e Colombia è un mondo ulteriormente a parte. Sempre se non scegli la via facile, l’aereo, o quella difficilissima, avventurarsi tra le boscaglie e i guerriglieri del Darin, al cui confronto i faccendieri di confine hanno la pericolosità dei puffi. Insomma, volevo entrare in Colombia in un modo un po’ avventuroso, ma possibilmente vivo. Ci sono arrivato via mare, su una barchetta grande quanto un divano, ma non altrettanto comoda. Da lì mi aspettavano la Cartagena di García Márquez, la Medellín di Escobar e la Bogotá di due tipi loschi col coltello. Ma ancora non lo sapevo

Potevo prendere l’aereo, come tutti. Invece no, ho deciso di arrivare in Colombia via mare. Come un avventuriero, come un trafficante, come un cretino. Ho messo la sveglia alle 4.35 del mattino, una mossa che dovrebbe essere illegale in vacanza. L’ho messa così presto perché tra le cinque e le cinque e mezza avrebbero dovuto venirmi a prendere direttamente in hotel seguendo quel cervellotico sistema centro-sudamericano che sembra una gentilezza e invece è una tortura. In pratica un pulmino passa a prendere uno a uno chi ha prenotato un determinato viaggio: un modo perfetto, quasi scientifico, per far impazzire sia chi viene recuperato per primo e si ritrova per ore a girare per le stesse strade, sia chi viene lasciato ad aspettare, con i pensieri sempre in bilico tra il “mi hanno dimenticato”, il “mi dimenticheranno” e il “perché mi hanno fatto preparare un’ora fa se non sono ancora passati?”.


© R. Scarcella

C’è nessuno?

Il sistema l’ho imparato durante un viaggio in Guatemala, dove però almeno erano passati a prendermi. Purtroppo per primo. Qui non vedo nessuno alle 5, nessuno alle 5.30, nessuno alle 6. Telefono a due numeri diversi e non mi rispondono, mando sms e messaggi WhatsApp: non mi rispondono. Alle 6.30, con calma, mi chiamano: “Ehm, ci siamo dimenticati”. Almeno non mi lasceranno in hotel, ma manderanno, di lì a poco, un simpaticissimo autista di un’app similUber per farmi raggiungere il resto del gruppo diretto a Cartí, un piccolo porto nel nord del Paese. Dopo un’ora di chiacchierata standard con l’autista (calcio, donne, cibo italiano vs cibo locale) arrivo a Pacora, dove avevano fatto fermare il pulmino in una specie di autogrill per aspettarmi. A bordo ci sono quattro ragazzi che dormono e una coppia di tedeschi, oltre all’autista e alla guida.Dopo un numero interminabile di curve arriviamo a una specie di check-point con militari armati in mimetica e una bandiera che inizialmente penso sia un’allucinazione dovuta al sonno, ai ritardi e alle curve. È una bandiera della Spagna con dentro un segno che ricorda tanto una svastica. Stiamo entrando nel territorio dei Guna Yala, fiero popolo indigeno che mantiene una sorta di indipendenza dentro i confini panamensi. Per entrare c’è una tassa di venti dollari. Io e i tedeschi guardiamo la bandiera, ci guardiamo tra noi e aspettiamo che ci facciano passare. Sulla destra ci sono due signori in borghese seduti sotto un’altra bandiera spagnola con svastica incrociata a un’altra bandiera meno inquietante, seppur sempre minacciosa: due braccia che sorreggono un arco e una freccia. Insomma, benvenuti tra i Guna Yala. Un popolo fiero, mi dicono. Pure troppo per i miei gusti.


© R. Scarcella

La strada per il Reich

Quando ripartiamo, iniziamo a fare un numero di curve inumano tra continui saliscendi, così per complicare ulteriormente le cose: io che leggevo sono costretto a smettere, i ragazzi che dormivano si svegliano, la ragazza tedesca inizia a contorcersi. Dopo poco vomita. Ci fermiamo e iniziamo a capire il perché di tutte quelle auto parcheggiate a bordo strada lungo il percorso. La ragazza chiede scusa, autista e guida parlottano tra loro e si dicono, apparentemente sollevati: “Dai, siamo quasi arrivati e ha rimesso solo una persona”. Un successo, a quanto pare. Ma io inizio a guardare gli interni dell’auto con maggior circospezione. Quella strada, scoprirò poi su Google Maps, è talmente piccola e tortuosa che bisogna fare uno zoom a livello micro per trovarla. 
Arrivati al porticciolo di Cartí, da dove partirà la nostra barca diretta alle Isole San Blas, e poi - dopo un viaggio di tre giorni - in Colombia, le bandiere ispano-naziste si moltiplicano. Sono all’ingresso del porto, sul molo, davanti al bar e praticamente su ogni barca ormeggiata o in movimento. La guida si fa pagare i 300 dollari pattuiti per la traversata, ci fa firmare qualche foglio, si dilegua e ci lascia lì ad aspettare una delle tante barche che fanno avanti e indietro. I tedeschi sono visibilmente a disagio, i quattro ragazzi ci scherzano su e io inizio a pensare a come potrebbe essere una vacanza in un arcipelago dominato da nazisti spagnoli.


© R. Scarcella
Naranjo Chico

Cucina glocal e letture discutibili

A parte l’indigesta paella con i crauti e la pesantissima tortilla con i würstel, non è poi tanto male immaginarsi un resort caraibico nazispagnolo, intanto ci sono birra e sangria a volontà e magari anche un cineclub all’aperto, tra le palme. Certo, proietterebbe probabilmente solo film di Leni Riefenstahl. Tra gli altri inconvenienti spiacevoli, gente che si saluta dicendo "Hola Hitler", una biblioteca per il relax in spiaggia con il Mein Kampf in castigliano e l’intero catalogo di Altaforte, serate con il flamenco tirolese e dj che mixano Aserejé con i suoni della Luftwaffe, giochi di società di dubbio gusto come l’affondamento delle barche battenti bandiera americana o l’invasione del Costarica. Così, tanto per fare gruppo. Quando poi scopro che una delle cinque persone che ci accompagnerà lungo il viaggio è davvero tedesca e lavora lì, inizio a chiedermi cosa ci faccia e a pensare che il soggiorno possa davvero essere come l’ho immaginato. O anche peggio. Ma quando arriva Edwin, il nostro Caronte caraibico, sorridente, simpatico, alla mano e molto poco nazista, capisco che forse le cose non andranno poi tanto male. È arrivato il momento di salpare per Naranjo Chico, l’isola il cui nome tradotto in italiano vuol dire Piccolo Arancio. Ma sia chiaro, ci dicono, lì arance non ne sono mai cresciute. Non sarà l’ultima insensatezza del viaggio. Come scopriremo nelle prossime settimane...

 

© R. Scarcella
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved