GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
DJOKOVIC N./HERRERA C.
16:45
 
GOLUBIC V. (SUI)
1
BENCIC B. (SUI)
0
2 set
(6-4 : 0-0)
l-ansia-di-non-saper-gestire-l-ansia
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
3 gior

Zucchero? Sì, ma con giudizio

È opinione diffusa che dolci e affini siano da demonizzare, perché responsabili della dilagante obesità. Ma forse li stiamo solo consumando nel modo sbagliato
Ticino7
4 gior

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
4 gior

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
4 gior

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
1 sett

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
1 sett

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
2 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
3 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
17.04.2021 - 14:220

L'ansia di non saper gestire l’ansia

Non siamo fatti per stare chiusi tra 4 mura. Il rischio (fra le molte altre "controindicazioni") è di ritrovarsi con un'ospite indesiderata. Proprio in casa

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Stare forzatamente in casa ci ha aiutato a riscoprire noi stessi. Ora, infatti, siamo tutti relativamente in grado di preparare una pizza e sappiamo che il lievito di birra si può addirittura congelare, ma abbiamo anche realizzato che trascorrere molto tempo rinchiusi tra quattro mura aumenta in modo esponenziale il nostro livello di ansia.
Per natura siamo abituati a scappare dalle situazioni che ci creano disagio, quindi aspettiamo con trepidazione la fine del lockdown per poter finalmente passare in modalità Forrest Gump e correre liberi fuori dal comune, dal cantone, dalla nazione e dal pianeta. 
Ora, la domanda è: prima di diventare pizzaioli provetti, eravamo capaci di gestire meglio la nostra ansia? 
In realtà, da quel (maledetto) giorno in cui siamo diventati adulti, abbiamo cominciato a svegliarci la mattina con l’idea di dover fare al meglio le quattromilacinquecento cose programmate minuziosamente la sera precedente, ma disponendo di un cervello molto più piccolo della nostra infinita
“to do list”, abbiamo ahimè sviluppato una straordinaria capacità di trasformare un pensiero entrato nella testa in un problema che non esiste, il problema che non esiste in una paranoia, la paranoia in preoccupazione e la preoccupazione è il cuore pulsante dell’ansia.
Eppure, già nel 300 a.C. Epicuro era stato limpido e cristallino nell’affermare che bastano tre semplici cose per godere di uno stato mentale di totale tranquillità: liberarsi dalla paura della morte, soddisfare i propri desideri basilari come mangiare o ripararsi, e fare tesoro delle amicizie. Tutto qui.
Certo, facile per lui che non ha dovuto ubbidire a una trentina di regole solo per buttare la spazzatura, o che non ha mai passato un’ora del suo tempo bloccato nel traffico, o che non si è mai ritrovato ad avere a che fare con un rallentamento del wi-fi. 
Avremo anche le nostre colpe nel non essere stati dei discepoli degni di capire i precetti del filosofo greco, ma bisogna ammettere che la società non si è dimostrata l’alleata ideale per lenire la nostra angoscia abituale; per esempio, nella lingua tedesca si dice “quanto è tardi?” invece di usare l’espressione “che ore sono?”. Ecco come l’ansia possa essere capace di porre le sue radici già nelle fondamenta della lingua.
Sono sostanzialmente due gli ambiti in cui spazia la nostra ospite indesiderata: la sfera fisiologica, facilmente identificabile con il battito del cuore accelerato, il respiro affannato, il nodo in gola, lo stomaco che va a fuoco e quel senso di apprensione come se da lì a cinque minuti dovessimo improvvisare il discorso di apertura delle Olimpiadi. Inoltre attacca l’aspetto cognitivo, creandoci difficoltà di concentrazione, irritabilità, preoccupazioni, “SÌ! SÌ!” che diciamo senza aver ascoltato una parola del nostro interlocutore, e pensieri irreali che confondiamo con la realtà escogitando mentalmente il modo per evitare disastri che poi, puntualmente, non si verificano.
È interessante osservare come l’ansia raramente si concentri sul presente ma dia il meglio di sé facendoci rimuginare ciò che è stato o ciò che sarà. Un ruolo fondamentale lo svolge l’amigdala, e cioè quella parte del cervello responsabile delle emozioni, che riesce a fare solamente una cosa alla volta per cui è capace di avvertirci se una situazione è pericolosa, ma la fregatura è che non riesce a fare distinzioni tra i diversi livelli di pericolo generando, quasi sempre, la stessa reazione fisica ed emotiva.
Consapevoli, quindi, che né il cervello né la società ci danno una mano, spetta solo a noi il compito di riuscire a distinguere una minaccia reale da una immaginaria. Funziona pressappoco così: se sei in montagna e incontri un orso, vivi un pericolo accertato perché se ti dà una zampata è presumibile che ti faccia male, ma se non riesci a dormire perché hai letto che è precipitato un aereo in Azerbaigian e domani devi prendere un volo, stai perdendo sonno prezioso per un’ipotesi la cui probabilità di verificarsi è 1 su 11 milioni. Il fatto è che quando ci sentiamo impotenti nell’affrontare le situazioni, giungiamo a conclusioni catastrofiche che automaticamente generano inquietudine. Siamo quindi eternamente destinati a rimanere schiavi dell’ansia? Sì, se continuiamo a temerla. Troviamo il coraggio di approfondire la sua conoscenza cominciando a chiederci “il perché” si sia manifestata. Se ci tormenta per un problema che possiamo risolvere, attiviamoci immediatamente! 
Se, al contrario, è causata da situazioni che vanno oltre il nostro controllo, non possiamo fare altro che imparare a lasciare andare e a sorridere del casino evolutivo di cui siamo fatti. Trasformandola da ospite indesiderata a piacevole amica venuta a trovarci, alla fine si ridimensionerà da sola perché ha bisogno di essere contrastata per alimentarsi. 
È una vita che ci facciamo definire dall’ansia, ma imparando a osservarla, a comprenderne la natura, ad accoglierla e quindi ad accettarla, saremo noi, per una volta, a definire lei. 

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved