ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Disavventure Latine. Messico: l’ultimo cenote

Tutti a dirmi “vai a fare il bagno in un cenote”. E io ci sono andato, non in uno, ma in quattro. Che cosa sono mo’ ve lo spiego (per chi non lo sapesse).
Ticino7
4 ore

Stevie Wonder, il ragazzo dei miracoli

Siamo nell’ottobre del 1972 e nei negozi arriva “Talking Book”. Stevie aveva 22 anni e 19 dischi alle spalle. Sarà un capolavoro e altri ne seguiranno
Ticino7
4 ore

Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)

Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo
Ticino7
5 ore

Orphaned Land. Di metal e di religioni

’Mabool’ è un album del 2004 di un quintetto di metallari israeliani, con testi anche in ebraico e un sacco di religione. Vi suona strano? Ascoltatelo
Ticino7
9 ore

Stefanino Meraviglia e altre meravigliose storie

In caso di dolori di cuore, turbe esistenziali e altri scompensi di natura umana, il brano giusto è quello che ci vuole. Nel dubbio, puntate sui classici
Ticino7
1 sett

Barbara Conrad corre sempre più in alto

Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
1 sett

Arnold Rikli, il dottore del Sole

Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
1 sett

Covid-19. Il valzer delle statistiche

Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
Ticino7
1 sett

Sano sì, ma all’apparenza

A volte è solo una questione genetica. Molto più spesso stare bene dipende (naturalmente) da noi, da ciò che facciamo, mangiamo e respiriamo
Ticino7
1 sett

Roger Federer: la forza delle emozioni

In occasione del recente annuncio del ritiro, pubblichiamo un approfondito contributo dedicato al fenomeno basilese apparso su ‘Ticino7’ nel febbraio 2018
Ticino7
1 sett

Luca Mengoni: l’arte d’indagare la realtà

Afferma di essere un pragmatico, materialista, poco incline all’introspezione. Le sue opere, però, sono evocative, quasi meditative: un bel mistero
Ticino7
2 sett

Lauro Rodoni e quella cassetta misteriosa

La Val Pontirone è casa sua e quassù fa il pastore più o meno da quando ha imparato a camminare.
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine. Messico: Palenque e Campeche

Ascoltare e seguire le dritte di chi è del posto, sarebbe sempre buona cosa... soprattutto quando si tratta di muoversi coi mezzi pubblici
Ticino7
2 sett

A lezione di carcere. Andare ‘dentro’ per capire

Cronaca di una mattinata nelle vecchie Pretoriali di Locarno. Per comprendere e vedere “che effetto che fa”. Ma qui c’è poco da ridere e molto da pensare
Ticino7
2 sett

Vite forzate. Le parole di chi ci è passato

Ci finisci dentro perché, salvo errori, qualcosa hai combinato. E in un attimo ti ritrovi in un ‘altro mondo’
Ticino7
2 sett

Babel 2022. E la traduzione diventa arte

A pochi giorni dall’importante appuntamento bellinzonese (dal 15 al 18 settembre), abbiamo incontrato il suo nuovo direttore, Matteo Campagnoli
Ticino7
2 sett

La vera forza di Romeo Taddei (oltre alla musica)

Ha sempre avuto il ritmo dentro e da piccolo tamburellava con le dita su qualsiasi cosa. Sarà perché nella sua famiglia suonare è sinonimo di vita
03.04.2021 - 10:51

Tutti i colori di Francine Mury

ʻOgni persona ha una sua cromaticaʼ, ci confida l'artista di Meride. Una gamma di sfumature che manifesta nel vestirsi, nell’arredare casa o nel dipingere...

di Keri Gonzato
tutti-i-colori-di-francine-mury
© Nadia Bindella
+1

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

ʻIl colore è una risonanza, tutte le nuance di questa risonanza sono onde con cui la persona si identifica o menoʼ.

Mi trovo nella casa-atelier dell’artista a Meride, e le sue parole trovano una conferma diretta in quello che vedo. I miei sensi si rilassano stimolati dalla danza di tonalità organiche e tenui attorno a me. Nuvole, foglie di bambù mosse dal vento, pennelli e carta, persino il disordine, qua, trova il suo giusto ordine. Dalle grandi finestre entrano la luce e il verde della campagna del Mendrisiotto. Francine Mury, cresciuta a Basilea fino ai 19 anni e vissuta in passato in Svizzera francese, a Parigi e in Italia, da molti anni ormai ha scelto Meride come luogo di vita e di ispirazione. Nella sua arte il colore ha un’importanza anche a livello materico: “Mi piace lavorare con i pigmenti che respirano e comunicano con le superfici, mentre gli acrilici non li uso, sono derivati del petrolio e privi
di difetti”, racconta spostando dei grandi pannelli frutto del suo ultimo lavoro. Opere grandi, ma discrete, nelle loro tonalità lattiginose. “Sono state dipinte con la caseina, utilizzata per dipingere fin dall’antichità”, spiega. L’artista evita i colori assoluti e quindi anche il bianco, che rappresenta la nebbia che può arrivare d’un tratto sulle cime montane, è sporcato di nero. In un equilibrio mai banale, riesce a creare armonia e allo stesso risvegliare un senso di irrequietezza, pericolo e dunque indagine… La serie sulla montagna è nata in questo strano periodo e porta con sé un silenzio, un senso di stasi, uno scomporsi inesorabile. “Sono lavori ispirati dallo scioglimento dei ghiacciai, una grande lacrima della terra. Seppur io non sia un’artista concettuale, tematiche cruciali come quella del cambiamento climatico emergono nelle opere”.   


© Jiang Zuquin

Prendersi cura

Francine Mury viene dalla grafica e nei primi anni lavora come illustratrice scientifica per tematiche archeologiche e di storia naturale. Allora i libri della scienza includevano splendidi disegni di insetti, elementi botanici... “Studiai queste materie quando erano appena state introdotte a livello accademico, per poi vederle sparire in breve tempo con l’avvento della micro-fotografia, del computer e quindi anche della grafica digitale” , spiega. “In pochissimo tempo cambiò tutto”. Quegli anni lasciarono però un segno in lei, legandola permanentemente al mondo naturale, alle forme organiche, ai movimenti della geografia terrestre.
Il desiderio di prendersi cura delle cose ancora oggi motiva tutte le scelte importanti della sua vita: “Da sempre cerco di creare impressioni visive che fanno stare bene, voglio lasciare spazio alla riflessione e a un incontro morbido con l’altro”. I suoi viaggi in Cina rappresentano esperienze di grande maturazione in questo senso. Durante la sua prima permanenza, con un’artista locale conosciuta a Parigi, dà vita a una serie a quattro mani: “Aver creato con un’altra persona su dei grandi fogli di carta posti sul pavimento dell’Accademia d’Arte della Tsinghua Università di Pechino – utilizzando i pennelli della tradizione cinese – è stata un’esperienza molto ricca, l’opera cessa di essere ‘tua’ per divenire qualcosa di più grande che appartiene anche all’altro e quindi al mondo: è stato necessario sentire i ritmi di entrambe, lasciare spazio, ascoltare, permettere e non entrare in lotta. Un incontro, un’apertura”. A partire dall’8 maggio queste opere saranno in mostra al Musée d’Art et d’Histoire di Neuchâtel, e in autunno al Musec di Lugano (Covid permettendo). La Cina le è rimasta pennellata nel cuore: “La tradizione taoista e il confucianesimo continuano a informare la realtà di oggi”, racconta, “molti sono affascinati dal Giappone, ma pochi sanno che la cultura giapponese ha preso spunto largamente dalla Cina. Arrivarci dall’Occidente, ti fa sentire piccolo”. 
A differenza di quanto accade da noi, in Cina la formazione dell’artista passa sempre dalle basi della tradizione che gli danno delle solide radici filosofiche. “Ho sperimentato come il tratto del tuo pennello rivela immediatamente se ti stai muovendo da uno spazio di calma, fiducia e rilassamento oppure di rigidità mentale. Molte volte durante le mie permanenze mi è stato detto: il problema di voi occidentali è che non avete più il cuore”. 


© Jiang Zuquin

Ascoltare il cuore

Francine Mury ha sempre condiviso le sue esperienze con i suoi giovani allievi, prima alla scuola di grafica a Bienne e poi in Ticino alla Supsi e alla Csia di Lugano. Osservatori da dove riflettere su un Occidente che oggi pare confuso: “Io lo vedo come un momento di passaggio, un grande calderone dove si stanno muovendo molte cose, il mio consiglio alle nuove generazioni di artisti, ma non solo, è di smettere di guardare fuori e di approfittare della situazione straordinaria della pandemia per lasciare cadere le superficialità
e focalizzarsi su sé stessi, per conoscersi e sviluppare delle antenne capaci di sentire e scegliere solo ciò che è vero per te: la difficoltà necessaria della vita è che non c’è un cammino o un modo d’uso, solo tu puoi trovare il tuo cammino”. L’importanza di scendere dalla testa al cuore. Questo ha appreso in Cina e ha portato con sé in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved