carne-alla-carne-i-vegani-e-le-teorie-della-rete
© iStock/Variante S.V.
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?

‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
3 gior

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
3 gior

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
3 gior

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
4 gior

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
1 sett

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
1 sett

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 sett

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
1 sett

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
1 sett

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
2 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
2 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
2 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
2 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
3 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
3 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
3 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
3 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
1 mese

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
1 mese

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
1 mese

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
1 mese

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
1 mese

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
1 mese

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
Ticino7
1 mese

Paolo Tognina, tra fede e nuove sfide

Pastore e giornalista, volto noto della RSI, dal primo luglio si occuperà tempo pieno della comunità riformata di Poschiavo. Conosciamolo meglio
Ticino7
1 mese

Metti una sera al ‘caffè dei gatti’...

Creati alla fine degli anni Novanta, i neko café oggi sono diffusi in tutto il mondo. Nati per trovare casa ai gatti, sono anche un luogo di ‘cat-therapy’
Ticino7
1 mese

L’invasione russa. Storie e fragilità

La violenza si alimenta di un passato mai elaborato. Ne è convinta la scrittrice Serena Vitale, che sul grande gigante russo ha scritto pagine importanti
Ticino7
1 mese

Il tempo (è) perduto

Per sapere chi siamo è bene capire cosa siamo stati (anche perché del futuro pare ci sia poco da fidarsi)
Ticino7
1 mese

I panchinari del country: suoni dell’America della frontiera

Volete cogliere il senso più profondo (e anche contemporaneo) della musica dei cowboy? Ecco le suggestioni Dwayne Poteet e i consigli del nostro “Tondo”
Ticino7
1 mese

Lisa Lurati e gli esperimenti con l’arte

"Credo in quello faccio (...) ma allo stesso tempo me ne distacco molto in fretta, lascio alle opere una loro indipendenza, una vita che non mi riguarda”
20.03.2021 - 15:44
Aggiornamento : 22.03.2021 - 11:43

Carne alla carne. I vegani e le teorie della rete

Che mangiare frutta e verdura sia assolutamente necessario è impossibile negarlo. Ma che mangiare polli e maiali faccia malissimo forse è un'esagerazione?

di Sara Rossi Guidicelli

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Luca Avoledo non ce l’ha con i vegani, né con i fruttariani o i crudisti. Gli dispiace solo quando qualcuno prova a dire che una dieta non onnivora sia più salutare, più conveniente, più naturale. Più etica, magari sì, e non è poco. Ma lui, nutrizionista ed esperto di salute naturale, consiglia di approfondire l’argomento basandosi su studi e ricerche scientifiche piuttosto che soltanto sul ʻsentito direʼ. Ogni giorno qualcuno gli scrive per chiedergli consigli del tipo: ʻÈ vero che se divento vegano posso guarire da un tumore? L’ho letto sul web...ʼ. E qui sta tutto il punto: ognuno è libero di scegliere il suo stile di vita personale, ma quando si cerca di convincere gli altri bisogna farlo con onestà intellettuale perché si possono creare illusioni, disinformazione e anche situazioni pericolose.

La carne non fa sempre male, il pressappochismo sì

Mettendo su Google le parole “dieta vegana” escono 23’400’000 di voci. Tutti abbiamo già sentito qualcuno esprimere l’opinione che rinunciare ai derivati animali fa bene, o addirittura che “guarisce da ogni male”. Chi non ha mai pensato che acquistare un prodotto con il simbolo “veg” sia un regalo alla propria salute? Ecco, il libro No Vegan cerca di fare chiarezza su cosa ci sia di fondato, e in che misura lo sia, quando si parla di veganesimo. Raccoglie dati, esperimenti e informazioni scientifiche per contrastare i dogmi, gli slogan e le storie personali raccontate dall’amico del cugino o dal sedicente dietologo curatore. Cerca di smascherare quei “disinformatori vegani”, molto attivi nei social media e presenti in qualsiasi dibattito, che snocciolano “con la sicumera di quello che crede di aver capito tutto” il solito rosario di pseudoargomentazioni, mezze verità, frasi a effetto, slogan colpevolizzanti, paroloni difficili, studi farlocchi, moniti inquietanti sulle malattie che attendono i consumatori di carne, citazioni senza fonte e fuffa varia. La seconda parte del libro è poi dedicata a spiegare quando e perché una dieta vegana può addirittura nuocere alla salute.


© iStock/Variante S.V.

La crociata contro i luoghi comuni 

Per esempio si mette in contrapposizione “naturale” e “artificiale”. Ma quasi niente di quello che troviamo al supermercato si può dire naturale, fa notare Avoledo. “Sugli scaffali possiamo scegliere cereali, legumi, verdura e frutta negli assortimenti più disparati, in quantità smisurate, di qualunque provenienza geografica, in ogni stagione e dotati di caratteristiche organolettiche e contenuti nutrizionali al cui confronto i vegetali selvatici impallidiscono”. Sono il prodotto di una selezione operata dall’uomo e durata migliaia di anni, un po’ come quella che ha dato origine alle tante e diverse razze di cani oggi esistenti, tutte derivanti dal lupo. Se già il pomodoro e il mais che coltiviamo oggi sono molto diversi dai frutti e dalle piante che troveremmo davvero “in natura”, figuriamoci i preparati vegani. Per non parlare della possibilità di avere in Europa il pomodoro e il mais, che sono stati importati in modo artificiale, o l’avocado e le noci di pecan, tanto care alla dieta senza derivati animali, che non crescono certo alle nostre latitudini.
Anche l’affermazione che una dieta veg sia più ecologica, economica o distante dalle lobby delle multinazionali, secondo Avoledo “richiede molto coraggio”. E spiega come ci siano invece lauti guadagni nel mettere in commercio bistecche o yogurt di soia. Così come spiega anche entrando nei dettagli il funzionamento dei nostri enzimi e lo studio sui denti dei nostri antenati preistorici, i quali provano che siamo animali onnivori e non erbivori.


© iStock/Variante S.V.

Anche la carne ha fatto l’Uomo

Non siamo né animali che si nutrono unicamente di vegetali – come le mucche, le pecore, gli elefanti ecc. dotati di un apparato digerente apposito per trarre tutto ciò di cui necessitano da erba e foglie – e non siamo nemmeno animali carnivori, cioè che si nutrono di sola carne, come invece sono tigri o squali, che possiedono le doti necessarie per cacciare e dilaniare le loro prede. Siamo onnivori, come l’orso bruno, il cinghiale e lo scimpanzé, che ricavano nutrienti ed energia da sostanze di origine sia vegetale sia animale. Ci sono dunque molte ragioni per dire che una dieta ricca di frutta e verdura fa bene, ma l’affermazione che siamo una specie erbivora non è tra queste. L’essere in grado di mangiare pressoché di tutto ha costituito per noi un grande vantaggio evolutivo: anche in situazioni critiche possiamo reperire risorse alimentari. L’alimentazione variata ci ha dunque portati ad avere più tempo di un primate erbivoro da dedicare alla tecnica e alla cultura. Non si può infatti avere contemporaneamente un grande apparato digerente e un grande cervello. Dunque, non è una questione di natura, ma di cultura. La preoccupazione per il pianeta non nasce da un istinto di sopravvivenza, ma da studi approfonditi che ci mettono in guardia dal seguire unicamente le nostre voglie e i nostri piaceri.

Quindi, cosa fare?

Oggi siamo in grado di rinunciare ai prodotti animali, perché abbiamo sostituti validi e un bagaglio culturale che ci permette di fare delle scelte. Come dice Jonathan Safran Foer nel libro in cui spiega perché è diventato vegano “Se niente importa” , il fatto che il pianeta mangi carne porta inevitabilmente allo sfruttamento animale: perché siamo tanti, perché siamo avidi, perché non abbiamo un controllo sull’industria della carne (Foer si riferisce agli Stati Uniti, ma afferma che poche nazioni hanno leggi sostenibili riguardo a questo business). Qualcosa bisogna fare.
Qualcuno pensa sia possibile puntare sulle leggi, sulla moderazione, sul “chilometro zero”. Osservando i dati svizzeri sul consumo di carne, vediamo che la popolazione in media consuma una cinquantina di chili di carne all’anno, cioè circa 1kg a settimana. Niente di cui allarmarsi allora? Dipende dalla carne che si compra. La presunta cancerogenicità delle carni “rosse” – l’Oms chiama carni rosse quelle dei mammiferi, incluso il vitello, a differenza di quelle bianche dei volatili – sarebbe dovuta più che altro ai modi di cottura o alle preparazioni con additivi. Si potrebbe dunque ridurre il consumo di insaccati senza per forza rinunciare ad altre carni, latticini e pesce che addirittura hanno “effetti protettivi nei confronti dei tumori gastrointestinali”. 
Rinunciare a ogni derivato animale è un lusso che si può abbracciare solo se si vive in condizioni agiate. Un’alimentazione esclusivamente vegetale è in altri paesi o in altre epoche chiamata denutrizione. Questo lo sanno i vegani che si impegnano a vivere senza derivati animali a causa delle condizioni inaccettabili in cui viene prodotta buona parte della carne (allevamento, macelli, preparazione). In conclusione ci sono al mondo pochi privilegiati che possono decidere di rinunciare alla carne e ai suoi derivati oppure battersi per la valorizzazione delle piccole aziende di cui si conosce l’etica di allevamento.


© iStock/Variante S.V.

I CIARLATANI SONO OVUNQUE

In campo medico, spirituale, politico, attenzione a chi vi parla e come lo fa. In ogni ambito si può argomentare in modo trasparente e completo, tenendo conto dei pro e dei contro, oppure portare acqua al proprio mulino omettendo informazioni. Dai terrapiattisti agli stregoni ai fondamentalisti di qualsiasi cosa, il web pullula di voci che gridano la “verità”: si basano su una storia personale ignorando tutte le altre, accusano di complotto organizzazioni famose ogni volta che vanno in contrasto con le proprie teorie, per poi invece citarne una frase estrapolata dal contesto quando fa comodo, dicendo “persino loro sono d’accordo con me”. 
Digitando su Google “guarire da qualsiasi malattia” escono 20’700’000 di voci, la prima delle quali su bigodino.it: “I medici hanno scoperto come curare ogni malattia senza farmaci”. Per dire. Poi c’è la diffidenza, che fa sentire furbi. Una persona informata potrà costruire un solido castello di argomentazioni basate su seri studi accademici, prove e fatti, ma dall’altra parte si sentirà deridere con il sorrisetto di chi la sa lunga ma non riesce a citare mezza ricerca valida che attesti il contrario, chiedendo: “Ma sei così ingenuo?”. Toglierà un mattoncino del castello e trionfante esclamerà: “Non sta in piedi!”. Ho letto una volta che discutere con una persona provvista di cieca fede è come giocare a scacchi con un piccione: per quanto ti sforzi di giocare bene, lui camminerà sulla scacchiera rovesciando i pezzi, si gonfierà di orgoglio e penserà di aver vinto.
Paolo Attivissimo, noto smascheratore di bufale, si è recentemente espresso con queste parole sulle migliaia di segnalazioni di fake news riguardo al coronavirus: “Scegliete il silenzio. Scegliete di non diffondere notizie incontrollate. Scegliete di non farvi fregare dai ciarlatani, dai seminatori di panico, dai complottisti e dagli imbecilli. Non fatevi ingannare dalle foto di articoli di testate giornalistiche: ne circolano parecchie falsificate intenzionalmente. Ascoltate gli esperti e cestinate qualunque ‘notizia’ che non provenga da una fonte esperta e attendibile. Ricordate la regola di fondo del buon giornalismo: tutto quello che viene affermato senza prove può essere liquidato senza indagine. Non sta a noi smentire: spetta a chi fa l’affermazione portarne le prove. Niente prove? Niente fonti? Allora niente clic, niente inoltri, niente condivisioni, niente commenti”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alimentazione animali bugie carne dieta fake news studi teorie vegani verdura
© iStock/Variante S.V.
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved