united-roads-of-america-la-realta-di-reality
© E.Bos
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?

‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
3 gior

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
3 gior

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
3 gior

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
4 gior

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
1 sett

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
1 sett

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 sett

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
1 sett

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
1 sett

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
2 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
2 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
2 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
2 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
3 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
3 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
3 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
3 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
1 mese

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
1 mese

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
1 mese

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
1 mese

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
1 mese

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
1 mese

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
Ticino7
1 mese

Paolo Tognina, tra fede e nuove sfide

Pastore e giornalista, volto noto della RSI, dal primo luglio si occuperà tempo pieno della comunità riformata di Poschiavo. Conosciamolo meglio
13.03.2021 - 17:26
Aggiornamento : 15.03.2021 - 14:39

United Roads of America. La realtà di Reality

Si chiama Reality Winner. Non è un nome d’arte e non ha vinto nulla. Anzi, del 2017 è in prigione per aver rivelato quanto in pericolo fosse la democrazia

di Emiliano Bos

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Aveva sottratto di nascosto documenti riservati dei servizi segreti. Che confermavano lo sforzo della Russia di attaccare i sistemi elettorali degli USA alla vigilia delle presidenziali del 2016, poi vinte da Donald Trump. Reality, allora 25enne, passò quelle carte top secret a un sito d’inchiesta che le pubblicò. Lavorava come collaboratrice esterna della National Security Agency (NSA), la centrale dell’intelligence americana. 

Talpe USA e fischietto UBS 

Una whistleblower, come si dice qui. Cioè chi “suona il fischietto” – come si faceva tra i soldati ai tempi dell’Indipendenza – per segnalare qualcosa che non funziona dentro un’istituzione, un’azienda, un governo. Alle nostre latitudini si chiama “informatore” o “talpa”, ma forse non rende giustizia. Reality non s’è infilata sottoterra. Ha ammesso le proprie responsabilità. Nel 2018 è stata condannata in base a una legge sullo spionaggio che risale alla Prima Guerra Mondiale. Una norma mai applicata prima in modo così duro: 63 mesi di carcere. Di lei mi parlò David Colapinto, un avvocato di Washington che si occupa da anni di whistleblower. E che ha fondato un centro nazionale per proteggerli. Il suo studio legale ha negoziato tra l’altro la ricompensa da oltre 100 milioni di dollari per Bradley Birkenfeld, l’ex banchiere americano dell’UBS che raccontò al fisco USA le pratiche di evasione fiscale della banca elvetica, costringendola a pagare una multa di 780 milioni di dollari nel 2009 per evitare procedimenti penali. 
In Europa la vicenda di Reality è poco conosciuta. A differenza di Edward Snowden – che svelò al mondo lo spionaggio su scala globale, quello sì, degli USA – lei è rinchiusa in un carcere federale. Per questo sono andato a trovare sua madre a Kingsville, in fondo al Texas. Sei ore d’auto a sud di Dallas. Gli ultimi cinque minuti su una strada sterrata che porta a un’abitazione isolata nella piatta pampa petrolifera a ridosso del Golfo del Messico. 


© E.Bos
Qui mentre mostra un attestato di riconoscimento che Reality ha ottenuto durante il suo servizio nellʼaviazione militare.

Un’eroina, non una spia 

La signora Billie Winner-Davis è una donna mite e minuta. Sprigiona energia senza scintille di rancore verso chi imprigiona sua figlia. “Reality è una patriota: ha fatto tutto questo perché lo riteneva giusto”. Però ha violato la legge, le faccio notare.
“Non aveva alternativa: a differenza dei dipendenti del governo, i collaboratori esterni come lei non hanno un canale istituzionale per segnalare ciò che non va”. Suonando quel fischietto, Reality si è messa dalla parte del torto, secondo le autorità USA. “È stata la prima a far sapere dell’attacco della Russia contro il nostro paese”, insiste Billie. Un’eroina, dice, altro che una spia. La Procura ha scritto che rivelando quei documenti Reality ha provocato un “enorme danno alla sicurezza” degli Stati Uniti. 
“Non lo hanno dimostrato ed è vero il contrario: noi americani – prosegue Billie – avevamo il diritto di saperlo: tutta l’intelligence ne era a conoscenza ma non ce l’hanno detto. C’è voluta Reality”. Un atto di coraggio, secondo la sua mamma. Nel 2017, mi dice ancora, “aveva 25 anni, era un’idealista. Lo riteneva giusto”.
All’epoca aveva appena terminato un servizio di 6 anni nell’aviazione militare. Reality parla diverse lingue, tra le quali l’arabo. È stata impegnata a lungo nelle missioni per individuare terroristi. “Ha contribuito a smantellare la rete dei Talebani, di Al-Qaida e dell’Isis”. Intercettava le loro telefonate e forniva le posizioni per poterli colpire. “L’hanno anche premiata per il suo impegno” , aggiunge Billie mostrando la decorazione incorniciata e appesa a una parete del salotto. 


© E.Bos
La mamma di Reality Winner insieme al compagno Gary davanti alla loro casa di Kingsville, nel sud del Texas.

La cella e la pandemia 

Quando l’ho incontrata era appena tornata dal suo pellegrinaggio periodico al carcere federale di Fort Worth, vicino a Dallas, dov’è rinchiusa Reality. Quasi 700 chilometri in auto ogni due settimane. Nei mesi successivi quella detenzione è diventata ancora più angosciante a causa del Covid. Nel reparto maschile, nel periodo successivo, sono morti 12 detenuti. Quella prigione – come molte altre – è diventata un focolaio. “Vivo nel terrore che si ammali” , mi disse Billie al telefono lo scorso luglio. Ad agosto Reality risultò positiva al Covid-19. Ne è uscita. Dall’infezione. Ma non dalla sua cella. 
Nei mesi scorsi è stata respinta anche una richiesta di scarcerazione per motivi umanitari. “Reality è una vittima sacrificale perfetta, è stata punita come deterrente per altri” , dice ancora la madre. Che denuncia anche le limitazioni ai suoi diritti durante il processo e la detenzione. Solo 5 persone erano autorizzate a visitarla, prima che il Covid-19 bloccasse tutto. “Il nostro sistema carcerario è folle, persino l’accesso al suo avvocato è complicato e ci vogliono mesi d’attesa a volte”. Sembra un paradosso ma poco più di un anno fa Billie, ex assistente sociale, ha trovato un impiego proprio all’interno di una prigione. “Ero già in pensione, ma dopo la condanna di Reality non potevo né volevo restare in casa. Mi sono chiesta: riuscirò a lavorare in un carcere?”. L’hanno assunta in un centro di detenzione privato, una struttura for-profit dove sono rinchiusi soprattutto immigrati o trafficanti arrestati nelle zone di confine col Messico. “Una mattina nella biblioteca vidi una detenuta di spalle, con la divisa arancione e i capelli biondi. Mi si gelò il sangue: sembrava Reality”. Ovviamente non era lei. Ma Billie prova a trattare i 650 detenuti del “suo” carcere come se fossero sua figlia: “Cerco di restituire loro un po’ di dignità e farli sentire esseri umani. A volte è un rotolo di carta igienica, altre è un numero di telefono per l’assistenza legale”. 


© E.Bos
Reality Winner è cresciuta nel sud del Texas. Ha già fatto sapere che quando uscirà dal carcere vuole tornare qui.

Gli appelli a Trump e Biden 

Mobilitazioni online, uno spettacolo a Broadway su Reality, l’appello di Amnesty International. Nessun risultato. L’ex contractor dell’intelligence resta in cella. “L’unico modo per tirarla fuori di lì è attirare l’attenzione del presidente. Ma non siamo ricchi e siamo democratici”, mi disse Billie a marzo del 2020. Un paio d’anni prima Trump aveva scritto di sua figlia in un tweet: una condanna “ingiusta” , scrisse l’allora presidente citando questo caso per prendere di mira il suo ministro della giustizia Jeff Sessions. Per Billie e per Reality si accese una speranza. Che si è spenta lo scorso 19 gennaio. Alla vigilia della sua uscita dalla Casa Bianca Trump ha graziato 143 persone, il mese prima altri 46. Tra questi: una serie di alleati politici, quattro mercenari accusati di aver ucciso una dozzina di civili in Iraq e due ex guardie di confine accusate di aver sparato a un immigrato disarmato. Ma su quella lista il nome di Reality Winner non c’era. “Adesso speriamo nel presidente Joe Biden”, dice Billie con la voce di chi non ha perso la speranza. “Però il tempo sta passando e lei resta in prigione”. 
La raccolta di firme online per la richiesta di grazia al presidente ha ampiamente superato in questi giorni quota 15mila. Da una vetrata del tinello di casa sua, Billie mi aveva mostrato un prato. “Lì sorgerà il cottage di Reality, avrà il suo spazio e potrà stare con noi. La stiamo aspettando”. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
america carcere emiliano bos prigione reality spia trump
© E.Bos
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved