united-roads-of-america-il-villaggio-dell-utopia-esiste-giu-in-florida
© E. Bos
Il signor Ed con i suoi amici, che condividono con lui la lotta per la libertà dʼespressione.
+2
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
20 ore

Un mistero chiamato Phil Collins

Le ultime immagini che lo ritraggono (anche sul palco) mostrano tutte le difficoltà legate alla sua salute. Eppure rimane un genio del pop/rock mondiale
Ticino7
2 gior

La strategia del ‘revenge dress’ (metti il caso che...)

Giugno 1994: Carlo ammette l’infedeltà nei confronti della moglie Diana. Lei, di tutto punto, tira fuori dall’armadio l’abito della rivincita. Che colpo!
Ticino7
2 gior

Traffico e rumore. Quelli coi tubi in testa

Da Berna presto un giro di vite contro i veicoli rumorosi e gli stili di guida molesti. E in Ticino che si fa per arginare il fenomeno dei “tamarri”?
Ticino7
2 gior

Angélique Beldner: una questione di pelle?

Il percorso, a ritroso ma non solo, di una donna a cui oggi – nel 2021, in Svizzera – non è permesso essere come tante
Ticino7
3 gior

Quando l’emancipazione partì in bicicletta

Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...
Ticino7
3 gior

‘Gas a martello’ (tanto son tamarro)

Sono spesso giovani e vogliono trasgredire. Ok, ma certe cose oggi è meglio farle in un circuito automobilistico
Ticino7
1 sett

Bindu De Stoppani e le immagini che (s)corrono

Sceneggiatrice, regista e showrunner, cioè chi ‘fa correre’ l’intero processo di produzione di un telefilm. Ma ci sa fare anche con gli “affari di cuore”
Ticino7
1 sett

Ciò che il mondo separa, la poesia unisce

I versi di Francesca Matteoni e la grafica di Luca Mengoni per una raccolta poetica (curata da Fabio Pusterla) che racconta quello che sente il cuore
Ticino7
1 sett

Tra lui e lei: attraversamenti di genere e di vestiti

Uomini e donne non sono semplicemente “maschili” o “femminili”: sono molto di più. E allora si spiegano i fisici scolpiti, i toraci depilati e molto altro
Ticino7
1 sett

Radersi tra salute e consapevolezza, a ‘Movember’

Avete tempo sino alla fine del mese. Ma le buone cause, si sa, non hanno date e scadenze. Soprattutto quando parliamo di benessere, malattie e prevenzione
Ticino7
1 sett

L’ultima libertà dell’ultima cena

Nel nome del vostro bene e di quello dei vostri ospiti, mettete un bel cartello sulla porta di casa, con scritto: "Qui è vietato parlare di Covid’
Ticino7
2 sett

Dio salvi i punkinari! E le loro chitarre

C’è chi ha scritto che è morto nel 1977, altri pensano sia un modo di vivere e vedere il mondo che tiene ancora botta. Noi preferiamo parlare di musica
Ticino7
2 sett

Gli antivaccinisti al tempo del vaiolo (correva l’anno 1931)

“Il pro e il contro nella scienza sono (...) pesati e sempre soggetti a controllo. I controlli poi sono infiniti in una scienza pratica come la medicina”
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine 8. Senza tejo, tornerò

Il caffè in Colombia è pessimo. Attenzione, non il caffè prodotto in Colombia, ma quello che bevono: “Il migliore rende troppo per non venderlo..."
Ticino7
2 sett

Patrizia Varini preferisce il viola

Nella sua esistenza fatta di lavoro, passioni, hobby e viaggi i colori non mancano. Ma ce n’è uno che brilla e vibra sopra tutti gli altri...
Ticino7
2 sett

L’omosessualità di ieri (ma vista oggi)

Vale per tutto, pure con i film: per giudicare quanto siano ‘intelligenti’ andrebbero rivisti. Ma decenni dopo
Ticino7
3 sett

1821-2021: buon compleanno, maestro!

L’11 novembre si celebra il bicentenario della nascita dello scrittore e pensatore russo Fedor Dostoevskij, fra i capisaldi della letteratura mondiale
Ticino7
3 sett

Squid Game e il solito allarmismo di noi vecchi

Il ciclo dei media sulle mode giovanili è sempre lo stesso: non le capiamo, quindi decidiamo che son pericolose e ci mettiamo a sparare titoloni
Ticino7
3 sett

La Ficcanaso e l’eterno ritardo

Essere indietro su tutto, indiscriminatamente, è un’arte. Ma potrebbe anche essere una dote ereditaria
Ticino7
3 sett

‘Mamme in equilibrio’ e figlie ribelli: una testimonianza

La storia di Cecilia e della figlia Abigaille, per imparare che la perfezione non esiste ma non bisogna mai arrendersi
Ticino7
3 sett

La sindrome di Riccioli d’oro e l’esempio dei bimbi

Siamo sempre scontenti perché viviamo in perenne attesa di qualcosa di meglio. Eppure guardando all’infanzia dovremmo capire che spesso esageriamo
Ticino7
3 sett

Elisa Lazzari, la chef vegana di Riva San Vitale

“Spesso si pensa erroneamente che ciò che è vegano sia insapore e che chi abbraccia questa filosofia sia un invasato oppure un modaiolo”
Ticino7
1 mese

Il minimo indispensabile: storie di seni e di reggiseni

‘Forse è ora di fare davvero ognuna come ci pare, decidere se la lingerie è uno dei piaceri della vita o se non ce ne importa niente’
Ticino7
06.03.2021 - 16:280

United Roads of America. Il villaggio dell’utopia esiste (giù in Florida)

Al “The Villages” è un viavai, sibili invece di rombi. All’ora di punta il traffico è intenso. Ci sono quasi solo veicoli da golf, qui tutti ne hanno uno

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Viaggiano su corsie riservate, bordeggiano gli impeccabili campi da 18 buche, cedono la precedenza alle rotonde stradali fiorite come serre. La città dell’utopia in realtà è un villaggio. Anzi, al plurale: “The Villages”. In questa località della Florida Centrale vivono oltre 100mila baby-boomer, età minima 55 anni. Una comunità di pensionati arrivati qui da tutta l’America, sparpagliati nelle loro residenze ordinate tra una cinquantina di campi da golf.

La bolla di Peggy 

La signora Peggy, ex insegnante in pensione appena trasferitasi qui dalla Virginia, mi offre un passaggio sulla sua golf-cart. “Viviamo in una bolla, persino il giornale locale si chiama così” , ammette questa 60enne mentre parcheggia accanto a uno dei magnifici laghetti artificiali che orlano gli impeccabili tappeti di green. Lei ha insegnato spagnolo per quasi tre decenni, suo marito è un ex ufficiale, una vita al servizio della patria. E ora, aggiunge, “ci godiamo la pensione”. Si definisce conservatrice e cristiana e quando l’ho incontrata – era la vigilia delle presidenziali dello scorso novembre – sul parabrezza della sua mini-auto mostrava il cartello “Donne pro-Trump”. Ma io – precisa subito – “sono una moderata”. Anche i piaceri di questi pensionati sono moderati. Nessun eccesso. Ristoranti affollati ma non troppo, parcheggi per i loro veicoli poco ingombranti, la band che suona il jazz – in tempi non Covid-19 – nella piccola piazzetta. In questo eden erboso dei piccoli desideri soddisfatti, è facile sentirsi al sicuro. Peggy lo conferma: “Molto, molto al sicuro”. Ma non nasconde il disagio iniziale al suo arrivo: “La composizione demografica è un po’ diversa dalla Virginia”. Un modo elegante per dire che non ci sono afroamericani né minoranze, a parte il personale dei locali pubblici. I residenti sono bianchi al 98% e repubblicani nella stessa percentuale. Chi abita qui, dice ancora l’ex insegnante, “ha lavorato sodo nella propria vita e ha avuto la fortuna di vivere il sogno americano”. 


© E. Bos
La signora Peggy a bordo del suo veicolo da golf, principale mezzo di locomozione nei ʻVillagesʼ in Florida.

La pecora democratica 

Anche il signor Ed McGanty, 74 anni, ha vissuto il suo sogno. Ex agente immobiliare di Filadelfia, ha scelto i “Villages” proprio per godersi l’età del riposo post-lavorativo. Ma qui ha trovato una specie di “incubo”, malgrado i prati pettinati e le aiuole con la messinpiega di petali. Oggi è il capitano di una sorta di “resistenza geriatrica” ai repubblicani in questa comunità della Florida. Una battaglia iniziata dopo aver ricevuto insulti per la sua appartenenza politica, lui pecora nera democratica in un gregge di incanutiti conservatori. Anni fa venne pure aggredito. Da lì, la decisione di una protesta silenziosa e solitaria. Ora però con lui c’è pure un drappello di altri anziani. Le loro sedie da campeggio disposte in cerchio sotto un paio di palme, cartelli pro-Biden appoggiati agli immancabili veicoli da golf. “Difendiamo il nostro diritto a parlare di politica e a sostenere chi preferiamo”. E se i repubblicani non vogliono giocare a golf con me come accaduto anche stamane – aggiunge – “non è un problema”. Di certo non vogliono i tre anziani col cappello di Trump che proprio durante la nostra conversazione gli urlano insulti e volgarità. Poi si allontanano. “Accade da anni”, chiosa il signor Ed. Ma l’età non dovrebbe rendere saggi? Sorride e sospira. L’utopia finisce qui. 


© E. Bos
Ed McGanty, 74 anni, uno dei pochissimi democratici dichiarati in questʼarea, dove la maggioranza era pro-Trump.

Il villaggio che cresce 

Anzi no. Per qualcuno, l’utopia sembra ricominciare un’ora d’auto più in là, in direzione sud-ovest. Invece dei campi da golf, ecco l’Oceano della baia di Tampa. John, 44 anni, è ben lontano dalla pensione. Ma la qualità di vita che sognava l’ha trovata qui. Ha abbandonato la carriera in una grande società assicurativa alla periferia di Washington per aprire una propria agenzia qui. “Dalla frustrazione della corporation alla soddisfazione del business in proprio” , sintetizza sua moglie. “Sono il boss di me stesso” , scherza lui mentre camminiamo in orario lavorativo sulla Harbour Island, l’isola del benessere nel cuore di Tampa, separata da un doppio ponte dai grattacieli della downtown, fra cui tre nuovi quasi terminati. È una bolla anche questa. John e la sua famiglia vivono in una gated community: ville e villette a schiera tra le bouganville con ingresso sorvegliato. Sbarra e vigilantes: entrano solo i residenti e i loro visitatori. L’ossessione costante e impercettibile della sicurezza vale anche per chi non la considera una priorità ma poi ammette di beneficiarne. Altro che Miami o Daytona Beach, è questa – secondo alcune statistiche – la città migliore della Florida negli ultimi anni. Tampa è in testa alle classifiche di chi vuole comprare casa per la prima volta; sul podio o quasi, anche tra i nuovi hub tecnologici che attraggono i millennials. 


© E. Bos
Il Seddon Channel, che porta verso il centro della città.

Splende il sole tra i fulmini 

Quasi 400mila abitanti, Tampa accoglie una classe urbana più upper che middle, e comunque in continua crescita, quintessenza di un Paese in rapida trasformazione. Me ne accorgo al tramonto, quando percorro – nel vero senso,
di corsa – il River Walk, la via ciclopedonale che costeggia il fiume Hillsborough prima di confluire nel canale marittimo del centro città. I flutti non sono proprio trasparenti in questo lato della baia. Ma basta un lungo ponte e qualche chilometro per raggiungere le acque cristalline della vicina Clearwater con le sue invidiate spiagge bianche. Tutti in infradito qui nel patio di “Sloppy Joe”, dove l’hamburger è davvero un po’ sciatto come il nome che si porta appresso, commenta sornione un signore al tavolo accanto. La battigia è lì dietro la cameriera con la mascherina. In questa sera mite di fine febbraio il disco arancione del sole s’infila nell’Oceano come un 45 giri nel jukebox. 
Capitale mondiale dei fulmini, Tampa detiene pure il record di 25 mesi soleggiati ininterrotti alla fine degli anni Sessanta. Se la Florida è il “Sunshine State”, su questa baia ora splende anche la gloria dello sport più amato d’America, con i suoi Buccaneers vittoriosi al Super Bowl un mese fa. Risplendono pure i lampadari nella lussuosa residenza del leggendario quarterback Tom Brady, affacciata sul canale. La si scorge facilmente dalla barca da pesca di John, 5 metri e 150 cavalli. Di ritorno
da un ristorante con polpette di alligatore nel menù, l’ex dirigente-ora-imprenditore-di-se-stesso ormeggia a un molo privato della sua isola-fortezza, pochi minuti a piedi da casa. Gli appartamenti affacciati sull’acqua costano un milione di dollari. Ne bastano 450 al mese per il posto barca dotato di carrucola per sollevare lo scafo e proteggerlo dal sale. Casa, lavoro, sicurezza. “E una canna da pesca ogni volta che voglio”, scherza John. La sua piccola utopia.

© E. Bos
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved