sui-travestimenti-e-il-folclore-del-male
Per la serie cappelli di pessimo gusto: a sinistra Hans Heinrich Lammers, SS e capo della Cancelleria del Reich; a destra Scott Weiland (morto nel 2015), già cantante degli americani Velvet Revolver, gruppo dal discreto seguito formato da membri degli Stone Temple Pilots, Guns N' Roses ecc.
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Dalla biopolitica alla psicopolitica. La filosofia ci salverà?

‘Nel cuore della relazione di potere, e a provocarla costantemente, c’è la resistenza della volontà e l’intransigenza della libertà’ (Michel Foucault)
Ticino7
3 gior

Brillante come un ramarro

Verde, azzurro, giallo sono solo alcune delle cromie di quest’agile rettile, dall’indole timida e che può essere considerato il re dei sauri europei
Ticino7
3 gior

Karin Motta non abbocca, anzi...

“La caccia e la pesca (...) mi avvicinano alla natura, perché si ha l’opportunità di conoscerla da vicino". E se non conosci, come puoi giudicare?
Ticino7
3 gior

Mele. Dalla Capriasca un nettare rigorosamente ‘doc’

Avete delle piante di mele nel vostro giardino e volete produrre un succo “tutto vostro”? In Ticino si può, seguendo la filosofia della filiera corta
Ticino7
4 gior

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
1 sett

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
1 sett

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 sett

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
1 sett

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
10.03.2021 - 12:00
Aggiornamento : 13:18

Sui travestimenti e il folclore del male

Elaborare le tragedie è umano. Ma sdoganarle come un’innocua questione di costumi e ʻcuriositàʼ forse è troppo (anche se sotto elezioni ogni vota conta)

Pubblichiamo l'editoriale apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Ogni tanto qualcuno ci casca, eh già. Ricordate il principino Harry che si era presentato a una festa vestito da nazi? Era il 2005 e per calmare le acque anche le scuse – dopo il putiferio – furono regali.
Ma di gente che ha creduto fosse divertente agghindarsi da SS o portare i simboli dell’Olocauto se ne trova un po’ ovunque (a ricordarseli). In particolare nella musica pop rock, personaggi spinti da una gran voglia di provocare. È noto il David Bowie ritratto mentre faceva (forse?) il “saluto romano” e certe sue dichiarazioni su Adolf: tutta colpa dell’ambiente berlinese, di una lettura poco accorta di Nietzsche e della cocaina a palate che gli annebbiarono la mente, vai a capire. Non si contano poi gli scatti in pieno punk inglese che ritraggono i Sex Pistols, i Siouxsie & the Banshees e i loro entourage con magliette e fasce al braccio recanti la svastica. Si gettarono nel filone pure i Joy Division con una nota copertina del 1977/'78 (ma gli obiettivi erano altri, si disse).
Anche i gruppi che si sono fatti ritrarre con cappelli e divise ispirate alla Luftwaffe della Wehrmacht non sono pochi, una moda che negli Usa piace in un certo ambiente dell’hard rock di matrice bianca (bandiera sudista inclusa). E allora, che vuoi che sia se anche da noi ci sono candidati alle prossime Comunali che “per provare” andavano in giro vestiti da fascisti e passano dal nazismo all’anarchia? Tanto va tutto bene, come a Carnevale.

LA CITAZIONE
“Television is the most successful fascist, needless to say. Rock stars are fascists, too. Adolf Hitler was one of the first rock stars” (David Bowie, Playboy, settembre 1976)


Il Duca Bianco e una teutonica Mercedes: ma che fa, saluta...?


© publico.es
In ordine di apparizione: Siouxsie (cantante dei Banshees), Lemmy Kilmister (Motörhead), Brian Jones (Rolling Stones), Sid Vicious (diventata ahinoi l'iconica immagine dei Sex Pistols) e i controversi Laibach. Ma si potrebbe continuare.


Una provocazione in piena scena punk, o solo un'infantile idiozia. Certo, i Clash di Joe Strummer certe cose non le avrebbero né fatte né indossate.


Fine anni Settanta: da Manchester con furore (ma forse hanno solo esagerato...).

 

 

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved