sui-travestimenti-e-il-folclore-del-male
Per la serie cappelli di pessimo gusto: a sinistra Hans Heinrich Lammers, SS e capo della Cancelleria del Reich; a destra Scott Weiland (morto nel 2015), già cantante degli americani Velvet Revolver, gruppo dal discreto seguito formato da membri degli Stone Temple Pilots, Guns N' Roses ecc.
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Elastici, trampolini e regali boomerang

Ieri erano gli esercizi in VHS, oggi sono i tutorial su YouTube. Ma poco è cambiato... sempre che a casa non vi manchi una scatola di cereali pronta all'uso
Ticino7
4 ore

$Amazon. Consumi, lavoratori, concorrenza (e grandi affari)

Il più grande mercato sulla faccia della Terra fa parlare di sé. Questa volta è un problema di diritti, ma la materia sulla quale riflettere è molto più ampia
Ticino7
9 ore

Pacco & contropacco (aggiungi al carrello)

Qualcuno la chiama responsabilità personale. Che poi è la solita storia: se vuoi un mondo diverso, inizia da te
Ticino7
6 gior

Disavventure Latine 1. Targato Panama: il Canale

Con questo secondo episodio, si conclude la prima tappa del viaggio che dal Canale ci porterà in Colombia. Nove tappe per capire "l'altra America". Se vi va...
Ticino7
6 gior

Disavventure Latine 1. Targato Panama: la città

Inizia da qui il viaggio in compagnia di Roberto Scarcella, che da Panama ci condurrà verso la Colombia. Nove tappe per capire "l'altra America"
Ticino7
1 sett

Nino Buonocore. ʻAll That Jazzʼ

È quello di "Scrivimi", che a risentirla oggi ti chiedi che cosa sia successo alla musica italiana negli ultimi 30 anni. Ma questa è un'altra storia (o forse no)
Ticino7
1 sett

Hedy Lamarr, la madre del wi-fi

Spesso definita ʻla stella più bella del cinema’, senza di lei non potremmo avere satelliti per la difesa, telefoni cellulari, bluetooth e internet wireless
Ticino7
1 sett

Tutti i colori di Francine Mury

ʻOgni persona ha una sua cromaticaʼ, ci confida l'artista di Meride. Una gamma di sfumature che manifesta nel vestirsi, nell’arredare casa o nel dipingere...
Ticino7
1 sett

Di donne, uomini, preventivi & crocette

Il bello delle Elezioni comunali è scoprire chi fa cosa e perché. Anche se a volte dubbi e sospetti non ti mollano
Ticino7
10.03.2021 - 12:000
Aggiornamento : 13:18

Sui travestimenti e il folclore del male

Elaborare le tragedie è umano. Ma sdoganarle come un’innocua questione di costumi e ʻcuriositàʼ forse è troppo (anche se sotto elezioni ogni vota conta)

Pubblichiamo l'editoriale apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Ogni tanto qualcuno ci casca, eh già. Ricordate il principino Harry che si era presentato a una festa vestito da nazi? Era il 2005 e per calmare le acque anche le scuse – dopo il putiferio – furono regali.
Ma di gente che ha creduto fosse divertente agghindarsi da SS o portare i simboli dell’Olocauto se ne trova un po’ ovunque (a ricordarseli). In particolare nella musica pop rock, personaggi spinti da una gran voglia di provocare. È noto il David Bowie ritratto mentre faceva (forse?) il “saluto romano” e certe sue dichiarazioni su Adolf: tutta colpa dell’ambiente berlinese, di una lettura poco accorta di Nietzsche e della cocaina a palate che gli annebbiarono la mente, vai a capire. Non si contano poi gli scatti in pieno punk inglese che ritraggono i Sex Pistols, i Siouxsie & the Banshees e i loro entourage con magliette e fasce al braccio recanti la svastica. Si gettarono nel filone pure i Joy Division con una nota copertina del 1977/'78 (ma gli obiettivi erano altri, si disse).
Anche i gruppi che si sono fatti ritrarre con cappelli e divise ispirate alla Luftwaffe della Wehrmacht non sono pochi, una moda che negli Usa piace in un certo ambiente dell’hard rock di matrice bianca (bandiera sudista inclusa). E allora, che vuoi che sia se anche da noi ci sono candidati alle prossime Comunali che “per provare” andavano in giro vestiti da fascisti e passano dal nazismo all’anarchia? Tanto va tutto bene, come a Carnevale.

LA CITAZIONE
“Television is the most successful fascist, needless to say. Rock stars are fascists, too. Adolf Hitler was one of the first rock stars” (David Bowie, Playboy, settembre 1976)


Il Duca Bianco e una teutonica Mercedes: ma che fa, saluta...?


© publico.es
In ordine di apparizione: Siouxsie (cantante dei Banshees), Lemmy Kilmister (Motörhead), Brian Jones (Rolling Stones), Sid Vicious (diventata ahinoi l'iconica immagine dei Sex Pistols) e i controversi Laibach. Ma si potrebbe continuare.


Una provocazione in piena scena punk, o solo un'infantile idiozia. Certo, i Clash di Joe Strummer certe cose non le avrebbero né fatte né indossate.


Fine anni Settanta: da Manchester con furore (ma forse hanno solo esagerato...).

 

 

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved