lodovico-brioschi-e-il-commercio-online
© AMARO
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior

Naomi Brunschwig: dal Messico ai gioielli

È cresciuta in un rustico nei boschi della Val Colla. Nei suoi geni è rimasto tutto l’amore per l’oggetto decorativo e per la creazione artigianale
Ticino7
5 gior

La Ficcanaso e quello che non possiamo permetterci

“Oh che belle, ma lei che lavoro fa?”. La cortese signora del negozio parlava delle mie scarpe: eh, certe cose fanno ancora la "differenza"...
GALLERY
Ticino7
5 gior

Clarence, Martin e il capitolo della “Black History”

Ogni anno, il mese dedicato alla storia e al ruolo degli Afroamericani è febbraio. Ma il mio fu a giugno. Era il 2016, a Louisville, in Kentucky.
Ticino7
5 gior

Cosa significa davvero avere una malattia rara

Tra casse malati che non rimborsano i farmaci, sofferenza fisica e mentale, gente che non capisce. Alcune testimonianze
Ticino7
5 gior

Non pensare al Carnevale, non pensare all’elefante

A Bellinzona le fotografie dei vecchi carnevali cercano di lenire il nostro senso di vuoto. Ma che fatica
Ticino7
1 sett

Parchi per bambini: a che gioco giochiamo?

ʻIl gioco sa innalzarsi a vette di bellezza e di santità che la serietà non raggiungeʼ. Per questo progettare spazi stimolanti e originali è fondamentale
Ticino7
1 sett

Jole Agostinetti. Una signora da "palco"

Per decenni è stata nella sala del Gran Consiglio. Ora saluta l’amministrazione cantonale, che non perde solo una segretaria ma un punto di riferimento
Ticino7
1 sett

Le lettere di Clooney e le stanze di ‘Clubhouse’

Chi vive in una relazione di copia lo sa: ogni tanto è meglio laciar perdere. E se hai qualcosa da dire, scrivilo (per il bene di tutti e a futura memoria)
Ticino7
1 sett

L’effetto farfalla (al dente)

Quando si scambia il massacro di un popolo per un villaggio vacanze, tutto è possibile. E per lavarsi la coscienza basta una spolverata di parmigiano
Ticino7
1 sett

Un tipaccio con le frecce spuntate

Girano voci che causa pandemia questʼanno Cupido colpirà molto meno. E forse è meglio così, visti i tempi.
Ticino7
2 sett

Che dite, ma esiste davvero il Punto G?

No, e secondo la sessuologa Isabel Londoño questa è una buona notizia. Per sfatare questo e altri "miti" legati al piacere femminile leggete un po' qui...
Ticino7
2 sett

Brasile. Surfate l’onda!

Mentre in Europa il Covid-19 continua a far tremare, le spiagge di Rio de Janeiro sono letteralmente prese d’assalto da cacciatori di ben altre onde
Ticino7
2 sett

Ne ho abbastanza delle bambine ribelli

Meglio crescere con lo stereotipo del lupo cattivo e della principessa addormentata o essere svezzati a manuali di valori giusti e buoni sentimenti?
Ticino7
2 sett

Storie di zucche che brillano di luce propria

Come nella fiaba di Cenerentola abbiamo un castello, una ragazza (Letizia Cislini Ferrari) e una zucca. Che però qui non si trasforma in carrozza
Ticino7
2 sett

Il sesso è tra noi (e non se lo sono inventato "i ragazzi")

I giovani sono la rappresentazione del mondo creato loro dagli adulti. E di che ci meravigliamo, dunque?
Ticino7
3 sett

Educare Kamala Harris

La nuova vice americana è nata nel 1964. E in un mondo dove sono tutti in giro con gli scarponcini ortopedici, lei mantiene un "profilo" assai più basso...
Ticino7
3 sett

L'arte di vivere per Marta Margnetti

Abitare, vivere e creare nell’era della pandemia. In attesa che una nuova normalità ridefinisca le nostre vite (e porti nuove forze nelle nostre scelte)
Ticino7
06.02.2021 - 18:420

Lodovico Brioschi e il commercio online

Dal Ticino all'Inghilterra, da Londra al Brasile, una storia d'intraprendenza e scelte coraggiose. E sul mercato digitale ha le idee molto chiare...

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Nato a Lugano nel 1985, entra nel mondo del lavoro nel settore finanziario. Dopo un periodo a Londra viene mandato in Brasile per una consulenza. A San Paolo matura l’idea, assieme a due colleghi, di creare una start-up completamente digitale sulla moda femminile. Fondata nel 2012, AMARO diventa la prima marca online per fatturato e clienti di tutta l’America Latina. Con la pandemia il loro volume d’affari è aumentato, raggiungendo 730mila clienti, e il loro modello è stato copiato da altre marche tradizionali. Hanno iniziato a produrre anche calzature e offrire accessori e cosmetici di altre marche nella loro piattaforma. Tra i progetti per il 2021 l’apertura di nuovi spazi espositivi e l’internazionalizzazione della marca. Lodovico torna regolarmente in Svizzera e ha partecipato alle discussioni sul futuro dell’industria della moda in Ticino. 

Un’idea brillante e un progetto concreto da realizzare assieme a due coetanei. Il sogno del luganese Lodovico Brioschi, classe 1985, si è materializzato in Brasile e si chiama AMARO (amaro.com), diventata in pochi anni la più grande impresa di abbigliamento femminile online dell’America Latina. Tutto è iniziato nel 2011, con un viaggio di lavoro a San Paolo per conto del Credit Suisse, dove Lodovico lavorava. “Il Brasile mi ha subito affascinato per la qualità della sua gente e per le grandi potenzialità; un paese enorme, con 210 milioni di abitanti, moltissimi giovani e profondamente digitale”. Il tempo di lasciare la banca e un anno più tardi è iniziata l’avventura assieme a due amici, uno di San Paolo e un ex compagno di studi di Zurigo. “Abbiamo notato che non esisteva una marca di abbigliamento femminile 100% online, con capi di qualità e dei tempi brevi di consegna”. Il nome è stato scelto dopo un lungo brain storming; doveva essere corto, astratto, iniziare con la A e facile da pronunciare in diverse lingue per non precludersi possibili futuri mercati. 

Problema-soluzione

Tra i punti di forza del nuovo business la qualità e varietà dei prodotti (ogni mese vengono sfornati centinaia di nuovi abiti), ma soprattutto un ottimo livello di cura della clientela. “Fin da subito abbiamo capito che era importante catturare gli utenti con un servizio efficiente e personalizzato. Sembra incredibile, ma il miglior cliente non è quello che compra una volta e poi si dimentica di te, ma quello a cui viene risolto velocemente un problema. Con noi, se il capo che hai comprato online non ti piace, lo puoi restituire senza pagare neanche il costo di spedizione. Così si crea una fiducia nella marca che poi viene ripagata a lungo termine”. Anno dopo anno la clientela e il fatturato sono cresciuti esponenzialmente. Oggi AMARO raggiunge 730mila clienti, nel 2020 ha venduto un milione e mezzo di capi. Altra novità è aver evitato la pubblicità tradizionale, manifesti murali o sui media, preferendo gli influencer digitali, molto seguiti in Brasile, terzo Paese al mondo per numero di utenti di Facebook e secondo per traffico su WhatsApp. 
La pandemia è stata una sfida, ma AMARO si è trovata con una situazione di vantaggio rispetto a tutti gli altri concorrenti. “All’inizio, marzo e aprile, c’è stato un calo forte delle vendite. Col lockdown la gente sta a casa e smette di comprare vestiti. Poi, però, è cresciuto tantissimo il commercio online e noi siamo stati ovviamente preferiti ad altre marche che avevano piattaforme ancora da perfezionare”. Oltre ai capi di abbigliamento oggi vendono anche calzature proprie e ospitano nella loro piattaforma piccole marche di cosmetici, borse e accessori. Il risultato è stato sorprendente, con un aumento di 190mila clienti rispetto al 2019. L’altra faccia della medaglia è stata il calo del 30% delle vendite nei 17 negozi propri, che funzionano come “guide shop”; si provano i capi delle ultime collezioni e si ordinano online. 


© AMARO

Sfide e cambiamenti

Per Lodovico è sbagliato contrapporre le vendite online al commercio al dettaglio. “È vero che siamo concorrenziali ai negozi o centri commerciali, ma in termini di posti di lavoro dobbiamo pensare alle nuove figure professionali come gli analisti di sistema, la logistica, le imprese di spedizione o di marketing. Abbiamo creato 400 posti di lavoro e stiamo per aprire cinque nuovi negozi per far conoscere la nostra marca fuori dall’asse San Paolo-Rio de Janeiro”. Se il cliente non esce di casa il commerciante deve ingegnarsi per portargli il suo prodotto: “Durante la pandemia in Brasile tantissimi piccoli negozi hanno iniziato a vendere via Facebook oppure WhatsApp; sono così riusciti a salvarsi”.
Lodovico torna almeno tre volte all’anno in Ticino e ha partecipato alle discussioni sul futuro dell’industria della moda locale. “Godiamo di una posizione strategica, siamo vicini alla grande industria dell’abbigliamento italiano, possediamo sistemi tecnologici avanzati, ci sono tutte le potenzialità per fare bene”. Quando è a Lugano deve lavorare con il fuso orario brasiliano, “questo mi permette di vedere amici a pranzo, poi mi trovo a fare riunioni online fino a notte fonda”.
Il 2021 è pieno di sfide, la prima è lasciarsi alle spalle la pandemia e poter tornare alla normalità. “Dovremo cercare dei nuovi uffici perché abbiamo lasciato la nostra sede. Saranno di meno, visto che la modalità in telelavoro è destinata, in parte, a continuare. Un’eredità che ci lascia questo periodo di profondi cambiamenti”. 

© AMARO
Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved