1984-un-anno-da-non-dimenticare
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior

Naomi Brunschwig: dal Messico ai gioielli

È cresciuta in un rustico nei boschi della Val Colla. Nei suoi geni è rimasto tutto l’amore per l’oggetto decorativo e per la creazione artigianale
Ticino7
5 gior

La Ficcanaso e quello che non possiamo permetterci

“Oh che belle, ma lei che lavoro fa?”. La cortese signora del negozio parlava delle mie scarpe: eh, certe cose fanno ancora la "differenza"...
GALLERY
Ticino7
5 gior

Clarence, Martin e il capitolo della “Black History”

Ogni anno, il mese dedicato alla storia e al ruolo degli Afroamericani è febbraio. Ma il mio fu a giugno. Era il 2016, a Louisville, in Kentucky.
Ticino7
5 gior

Cosa significa davvero avere una malattia rara

Tra casse malati che non rimborsano i farmaci, sofferenza fisica e mentale, gente che non capisce. Alcune testimonianze
Ticino7
5 gior

Non pensare al Carnevale, non pensare all’elefante

A Bellinzona le fotografie dei vecchi carnevali cercano di lenire il nostro senso di vuoto. Ma che fatica
Ticino7
1 sett

Parchi per bambini: a che gioco giochiamo?

ʻIl gioco sa innalzarsi a vette di bellezza e di santità che la serietà non raggiungeʼ. Per questo progettare spazi stimolanti e originali è fondamentale
Ticino7
1 sett

Jole Agostinetti. Una signora da "palco"

Per decenni è stata nella sala del Gran Consiglio. Ora saluta l’amministrazione cantonale, che non perde solo una segretaria ma un punto di riferimento
Ticino7
1 sett

Le lettere di Clooney e le stanze di ‘Clubhouse’

Chi vive in una relazione di copia lo sa: ogni tanto è meglio laciar perdere. E se hai qualcosa da dire, scrivilo (per il bene di tutti e a futura memoria)
Ticino7
1 sett

L’effetto farfalla (al dente)

Quando si scambia il massacro di un popolo per un villaggio vacanze, tutto è possibile. E per lavarsi la coscienza basta una spolverata di parmigiano
Ticino7
30.01.2021 - 17:200
Aggiornamento : 02.02.2021 - 09:42

1984: un anno da non dimenticare

Tra Orwell e Bowie, nella trappola del tempo incontri sempre chi non ti aspetti. Scherzi del destino o di "qualcuno" che dall'alto ti osserva impietoso?

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

‘Ti rendi conto che il passato, compreso quello più recente, è stato abolito?ʼ
George Orwell in 1984 (1949)

‘Qualcuno cui rendere conto / Qualcuno da seguire / Qualcuno che ci faccia vergognare / Un qualche Apollo coraggioso / Qualcuno che ci inganni / Qualcuno come te! / Vogliamo te Grande Fratello, Grande Fratello!’
David Bowie in ʻBig Brotherʼ (dall'album Diamond Dogs, 1974)

“Noi siamo i morti”, dice Winston a Julia. La vita rubata allo schermo che osserva e controlla, la vita consapevole del niente che è. L’abisso di Nietzsche, quello che se lo guardi a lungo anche lui guarda in te. Materiale per citazioni ce n’è a ogni pagina in 1984 di George Orwell. Inutile girarci attorno, però: la distopia che ti si fa vicina supera la fascinazione per il mondo oscuro, controllato dal Grande Fratello, che è quella Londra minuscola parte di Oceania. Comprensibile. In fondo la vita è vita quando ogni giorno mandato in Terra viene difesa una libertà, che sia nostra o di altri poco cambia. Perché alla donna che si ama bisogna dire “siamo vivi”, non “siamo morti”.
E alla fine fece bene David Bowie, quando si mise in testa di ispirarsi a 1984, ad andare – come ha fatto per tutta la vita – oltre. L’album Diamond Dogs prende spunto e supera, cita e aggiunge, ritrae e mette un’altra cornice. Prende, appunto, i Cani di diamante che controllano una Londra che diventa Hunger City e condisce il tutto con dadaismo à gogo e William Burroughs come piovesse. Il finale è a due velocità: la sottomissione / denuncia / bandiera bianca che sventola, prima. Il “Canto della famiglia di scheletri perennemente rotanti”, col trascinante e super glam invito a svegliarsi, a muoversi, dopo. La vita è arte, movimento, situazioni. Anche a Londra, Pista Uno, Oceania. Anche a Hunger City.
Ieri e oggi. Aldous Huxley disse che “la società descritta in 1984 è una società controllata quasi esclusivamente dal castigo e dal timore di esso”. I casi della vita hanno portato, nel mese di gennaio, alla scadenza del copyright cinquantennale sull’opera di Orwell e a miriadi di nuove traduzioni uscite in libreria. A volte, i casi della vita sono provvidenziali. E hanno tempismo.

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved