il-romanzo-della-filologa-carla-rossi
© C.R. / Receptio
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
2 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
3 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
3 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
3 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
3 sett

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
3 sett

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
4 sett

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
30.01.2021 - 14:50

Il ‘romanzo’ della filologa Carla Rossi

Ha fondato a Lugano "Receptio", un centro di ricerca dove vivono curiosità e libri antichi. Si definisce ʻtransnazionaleʼ, un po' come la scrittura...

di Alba Minadeo

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Nata a Roma, trascorre l’infanzia nel bel quartiere Coppedè, casette liberty tutt’intorno alla fontana di Piazza Mincio. Frequenta la Schweizer Schule Rom e a sedici anni si trasferisce a Zurigo per il liceo. Torna a Roma per studiare Filologia romanza, completa poi i suoi studi accademici a Zurigo e a Friburgo, con laurea, dottorato e una doppia abilitazione all’insegnamento universitario in Letteratura antico-francese e Letteratura italiana antica. Oggi è Titularprofessorin für Romanische Philologie presso l’Universität Zürich.

La professoressa

Filologicamente si potrebbe dire che una studiosa di origini romane sia la più idonea a parlarci della filologia romanza, dei testi nelle lingue neolatine. Il termine viene da romanus, poi romanz nel francese antico, che risale a romanĭce loqui, “parlare latino”. Oggi Carla Rossi vive a Lugano per amore del Ticino, e qui ha trovato casa anche la Collezione privata di libri di filologia romanza più ricca del Cantone, ereditata dalla lusitanista Giulia Lanciani e dal filologo Giuseppe Tavani. Tutti i testi sono in lingua originale: antico francese (lingua d’oc provenzale, lingua d’oïl francese del nord e la variante anglo-normanna), spagnolo, catalano e galego-portoghese. Ci incontriamo sulla piattaforma web di Receptio, dal latino “accoglienza”. Alle spalle della professoressa non la solita biblioteca, ma un arazzo di libri antichi.  


© C.R. / Receptio
La chaise longue verde è il simbolo del centro. Qui si siedono i conferenzieri.

La filologa

“Il filologo è una via di mezzo tra Robert Langdon, il professore dei libri di Dan Brown, e Indiana Jones. Il metodo filologico è vicino a quello dell’archeologo e analizza i segni applicandoli a vari soggetti testuali e artistici, in diversi campi: è possibile restaurare materialmente testi, filmati, bozzetti di moda.
Può essere applicato persino alle fake news. A questo scopo, Receptio tiene corsi per giornalisti e l’approccio filologico in rete ha nome Net-logy. Sarebbe interessante insegnare il metodo con un semplice manuale nelle scuole medie, in modo da capire quando le notizie sono false”. Il collaboratore di Receptio Marco Nava sta organizzando a Lugano un workshop sui falsi svizzeri di arte decorativa, figurativa e architettura. E il suo collega Jonathan Schiesaro ha ottenuto una borsa per un altro “laboratorio” a Zurigo nel maggio 2021 sui falsi nell’arte rinascimentale italiana. “Sottoponiamo ad analisi anche il Patto Federale, per ribadire che la sua pretesa antichità è un falso, poiché non può essere stato redatto in latino, ma la sua origine è ecclesiastica, volta a convalidare qualcosa di preesistente al Patto del Grütli”. Affiliata all’Università Franklin di Sorengo, Receptio promuove eventi divulgativi, è all’interno del circuito internazionale H2Cu e ne ha creato uno con varie università per rivalutare la filologia romanza in Svizzera. Sul sito it.receptio.eu è possibile visionare i video dei filologi, i contenuti dei congressi e partecipare, per esempio, a eventi come quello del 18 dicembre scorso dal titolo Hedy Lamarr, l’attrice ingegnere che inventò il Wi-Fi


© C.R. / Receptio

La scrittrice

Oltre a insegnare all’Università di Zurigo dal 2003 ed essere presidente di Receptio, Carla Rossi è autrice, tra gli altri, del libro Sul confine italo-svizzero 1943-1945, accessibile gratuitamente online in formato e-book grazie a una sovvenzione del Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica (tcla-journal.eu/purchasebooks). Acquistando il cartaceo si sostiene il centro. Ricostruisce gli ultimi giorni dei profughi ebrei e il loro labile destino. A pagina 124 della pubblicazione, l’unica nota del Registro di Caprino scritta da una guardia di confine riguarda Liliana Latis e non ha bisogno di commenti: “Quella che mi è piaciuta di più!”. Il 6 novembre 1943, la ventiduenne milanese e la sua famiglia vennero respinte, nonostante i documenti falsi perfettamente ritoccati sugli originali (Latis divenne Alati) dai partigiani di cui faceva parte l’altro figlio, Giorgio Latis, fucilato proprio il giorno della liberazione. Tentarono nuovamente la fuga il 5 dicembre, senza successo. In seguito, furono trasferiti ad Auschwitz. Oltre alla testimonianza dei sopravvissuti, la scrittrice ha effettuato ricerche presso il museo del lager. Sempre attraverso una ricerca storico-filologica con indagine in archivio, negli anni Ottanta Carla Rossi ha scritto la biografia della prima donna rivoluzionaria cubana, Haydée Santamaría. A metà dei Novanta, ha pubblicato con Casagrande Macocc un romanzo storico sul Ticino e i Grigioni.

 

IL FUTURO DI RECEPTIO

“Il centro è stato inaugurato nell’agosto 2019 con beffardo tempismo, visto che da febbraio 2020 si è bloccato tutto per la pandemia”. È una fondazione e si sostiene attraverso seminari, eventi, corsi e donazioni. “Non abbiamo ricevuto alcun sostegno dal Cantone, del resto anche l’insegnamento universitario della filologia romanza in Svizzera è ormai ridotto all’osso, i finanziamenti sono stati tagliati già dagli anni Novanta”. Lo scopo di Receptio è rianimare la filologia romanza: “Purtroppo, lo scorso novembre ci è stato comunicato che la villa liberty, che avevamo in affitto, era stata venduta
e il nuovo proprietario, in sfregio alla cultura, ci ha intimato di sgombrare entro dicembre, prima della scadenza del contratto ad agosto 2021. Stavamo resistendo, in attesa di continuare in presenza: così, in tutta fretta, abbiamo traslocato in una casa del Settecento a Orlino (frazione di Lugano-Pregassona), insieme con gli oltre 10’000 volumi della biblioteca, per essere pronti con i convegni previsti in primavera. Nel frattempo, è possibile frequentare gli eventi settimanali e i corsi di specializzazione via web”. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carla rossi filologia romanza libri antichi lugano zurigo
© C.R. / Receptio
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved