il-romanzo-della-filologa-carla-rossi
© C.R. / Receptio
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior

Naomi Brunschwig: dal Messico ai gioielli

È cresciuta in un rustico nei boschi della Val Colla. Nei suoi geni è rimasto tutto l’amore per l’oggetto decorativo e per la creazione artigianale
Ticino7
5 gior

La Ficcanaso e quello che non possiamo permetterci

“Oh che belle, ma lei che lavoro fa?”. La cortese signora del negozio parlava delle mie scarpe: eh, certe cose fanno ancora la "differenza"...
GALLERY
Ticino7
5 gior

Clarence, Martin e il capitolo della “Black History”

Ogni anno, il mese dedicato alla storia e al ruolo degli Afroamericani è febbraio. Ma il mio fu a giugno. Era il 2016, a Louisville, in Kentucky.
Ticino7
5 gior

Cosa significa davvero avere una malattia rara

Tra casse malati che non rimborsano i farmaci, sofferenza fisica e mentale, gente che non capisce. Alcune testimonianze
Ticino7
5 gior

Non pensare al Carnevale, non pensare all’elefante

A Bellinzona le fotografie dei vecchi carnevali cercano di lenire il nostro senso di vuoto. Ma che fatica
Ticino7
1 sett

Parchi per bambini: a che gioco giochiamo?

ʻIl gioco sa innalzarsi a vette di bellezza e di santità che la serietà non raggiungeʼ. Per questo progettare spazi stimolanti e originali è fondamentale
Ticino7
1 sett

Jole Agostinetti. Una signora da "palco"

Per decenni è stata nella sala del Gran Consiglio. Ora saluta l’amministrazione cantonale, che non perde solo una segretaria ma un punto di riferimento
Ticino7
1 sett

Le lettere di Clooney e le stanze di ‘Clubhouse’

Chi vive in una relazione di copia lo sa: ogni tanto è meglio laciar perdere. E se hai qualcosa da dire, scrivilo (per il bene di tutti e a futura memoria)
Ticino7
1 sett

L’effetto farfalla (al dente)

Quando si scambia il massacro di un popolo per un villaggio vacanze, tutto è possibile. E per lavarsi la coscienza basta una spolverata di parmigiano
Ticino7
1 sett

Un tipaccio con le frecce spuntate

Girano voci che causa pandemia questʼanno Cupido colpirà molto meno. E forse è meglio così, visti i tempi.
Ticino7
2 sett

Che dite, ma esiste davvero il Punto G?

No, e secondo la sessuologa Isabel Londoño questa è una buona notizia. Per sfatare questo e altri "miti" legati al piacere femminile leggete un po' qui...
Ticino7
2 sett

Brasile. Surfate l’onda!

Mentre in Europa il Covid-19 continua a far tremare, le spiagge di Rio de Janeiro sono letteralmente prese d’assalto da cacciatori di ben altre onde
Ticino7
2 sett

Lodovico Brioschi e il commercio online

Dal Ticino all'Inghilterra, da Londra al Brasile, una storia d'intraprendenza e scelte coraggiose. E sul mercato digitale ha le idee molto chiare...
Ticino7
2 sett

Ne ho abbastanza delle bambine ribelli

Meglio crescere con lo stereotipo del lupo cattivo e della principessa addormentata o essere svezzati a manuali di valori giusti e buoni sentimenti?
Ticino7
2 sett

Storie di zucche che brillano di luce propria

Come nella fiaba di Cenerentola abbiamo un castello, una ragazza (Letizia Cislini Ferrari) e una zucca. Che però qui non si trasforma in carrozza
Ticino7
2 sett

Il sesso è tra noi (e non se lo sono inventato "i ragazzi")

I giovani sono la rappresentazione del mondo creato loro dagli adulti. E di che ci meravigliamo, dunque?
Ticino7
3 sett

Educare Kamala Harris

La nuova vice americana è nata nel 1964. E in un mondo dove sono tutti in giro con gli scarponcini ortopedici, lei mantiene un "profilo" assai più basso...
Ticino7
3 sett

L'arte di vivere per Marta Margnetti

Abitare, vivere e creare nell’era della pandemia. In attesa che una nuova normalità ridefinisca le nostre vite (e porti nuove forze nelle nostre scelte)
Ticino7
3 sett

1984: un anno da non dimenticare

Tra Orwell e Bowie, nella trappola del tempo incontri sempre chi non ti aspetti. Scherzi del destino o di "qualcuno" che dall'alto ti osserva impietoso?
Ticino7
30.01.2021 - 14:500

Il ‘romanzo’ della filologa Carla Rossi

Ha fondato a Lugano "Receptio", un centro di ricerca dove vivono curiosità e libri antichi. Si definisce ʻtransnazionaleʼ, un po' come la scrittura...

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Nata a Roma, trascorre l’infanzia nel bel quartiere Coppedè, casette liberty tutt’intorno alla fontana di Piazza Mincio. Frequenta la Schweizer Schule Rom e a sedici anni si trasferisce a Zurigo per il liceo. Torna a Roma per studiare Filologia romanza, completa poi i suoi studi accademici a Zurigo e a Friburgo, con laurea, dottorato e una doppia abilitazione all’insegnamento universitario in Letteratura antico-francese e Letteratura italiana antica. Oggi è Titularprofessorin für Romanische Philologie presso l’Universität Zürich.

La professoressa

Filologicamente si potrebbe dire che una studiosa di origini romane sia la più idonea a parlarci della filologia romanza, dei testi nelle lingue neolatine. Il termine viene da romanus, poi romanz nel francese antico, che risale a romanĭce loqui, “parlare latino”. Oggi Carla Rossi vive a Lugano per amore del Ticino, e qui ha trovato casa anche la Collezione privata di libri di filologia romanza più ricca del Cantone, ereditata dalla lusitanista Giulia Lanciani e dal filologo Giuseppe Tavani. Tutti i testi sono in lingua originale: antico francese (lingua d’oc provenzale, lingua d’oïl francese del nord e la variante anglo-normanna), spagnolo, catalano e galego-portoghese. Ci incontriamo sulla piattaforma web di Receptio, dal latino “accoglienza”. Alle spalle della professoressa non la solita biblioteca, ma un arazzo di libri antichi.  


© C.R. / Receptio
La chaise longue verde è il simbolo del centro. Qui si siedono i conferenzieri.

La filologa

“Il filologo è una via di mezzo tra Robert Langdon, il professore dei libri di Dan Brown, e Indiana Jones. Il metodo filologico è vicino a quello dell’archeologo e analizza i segni applicandoli a vari soggetti testuali e artistici, in diversi campi: è possibile restaurare materialmente testi, filmati, bozzetti di moda.
Può essere applicato persino alle fake news. A questo scopo, Receptio tiene corsi per giornalisti e l’approccio filologico in rete ha nome Net-logy. Sarebbe interessante insegnare il metodo con un semplice manuale nelle scuole medie, in modo da capire quando le notizie sono false”. Il collaboratore di Receptio Marco Nava sta organizzando a Lugano un workshop sui falsi svizzeri di arte decorativa, figurativa e architettura. E il suo collega Jonathan Schiesaro ha ottenuto una borsa per un altro “laboratorio” a Zurigo nel maggio 2021 sui falsi nell’arte rinascimentale italiana. “Sottoponiamo ad analisi anche il Patto Federale, per ribadire che la sua pretesa antichità è un falso, poiché non può essere stato redatto in latino, ma la sua origine è ecclesiastica, volta a convalidare qualcosa di preesistente al Patto del Grütli”. Affiliata all’Università Franklin di Sorengo, Receptio promuove eventi divulgativi, è all’interno del circuito internazionale H2Cu e ne ha creato uno con varie università per rivalutare la filologia romanza in Svizzera. Sul sito it.receptio.eu è possibile visionare i video dei filologi, i contenuti dei congressi e partecipare, per esempio, a eventi come quello del 18 dicembre scorso dal titolo Hedy Lamarr, l’attrice ingegnere che inventò il Wi-Fi


© C.R. / Receptio

La scrittrice

Oltre a insegnare all’Università di Zurigo dal 2003 ed essere presidente di Receptio, Carla Rossi è autrice, tra gli altri, del libro Sul confine italo-svizzero 1943-1945, accessibile gratuitamente online in formato e-book grazie a una sovvenzione del Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica (tcla-journal.eu/purchasebooks). Acquistando il cartaceo si sostiene il centro. Ricostruisce gli ultimi giorni dei profughi ebrei e il loro labile destino. A pagina 124 della pubblicazione, l’unica nota del Registro di Caprino scritta da una guardia di confine riguarda Liliana Latis e non ha bisogno di commenti: “Quella che mi è piaciuta di più!”. Il 6 novembre 1943, la ventiduenne milanese e la sua famiglia vennero respinte, nonostante i documenti falsi perfettamente ritoccati sugli originali (Latis divenne Alati) dai partigiani di cui faceva parte l’altro figlio, Giorgio Latis, fucilato proprio il giorno della liberazione. Tentarono nuovamente la fuga il 5 dicembre, senza successo. In seguito, furono trasferiti ad Auschwitz. Oltre alla testimonianza dei sopravvissuti, la scrittrice ha effettuato ricerche presso il museo del lager. Sempre attraverso una ricerca storico-filologica con indagine in archivio, negli anni Ottanta Carla Rossi ha scritto la biografia della prima donna rivoluzionaria cubana, Haydée Santamaría. A metà dei Novanta, ha pubblicato con Casagrande Macocc un romanzo storico sul Ticino e i Grigioni.

 

IL FUTURO DI RECEPTIO

“Il centro è stato inaugurato nell’agosto 2019 con beffardo tempismo, visto che da febbraio 2020 si è bloccato tutto per la pandemia”. È una fondazione e si sostiene attraverso seminari, eventi, corsi e donazioni. “Non abbiamo ricevuto alcun sostegno dal Cantone, del resto anche l’insegnamento universitario della filologia romanza in Svizzera è ormai ridotto all’osso, i finanziamenti sono stati tagliati già dagli anni Novanta”. Lo scopo di Receptio è rianimare la filologia romanza: “Purtroppo, lo scorso novembre ci è stato comunicato che la villa liberty, che avevamo in affitto, era stata venduta
e il nuovo proprietario, in sfregio alla cultura, ci ha intimato di sgombrare entro dicembre, prima della scadenza del contratto ad agosto 2021. Stavamo resistendo, in attesa di continuare in presenza: così, in tutta fretta, abbiamo traslocato in una casa del Settecento a Orlino (frazione di Lugano-Pregassona), insieme con gli oltre 10’000 volumi della biblioteca, per essere pronti con i convegni previsti in primavera. Nel frattempo, è possibile frequentare gli eventi settimanali e i corsi di specializzazione via web”. 

© C.R. / Receptio
Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved