il-romanzo-della-filologa-carla-rossi
© C.R. / Receptio
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 ore

La cultura (vista da Martina Gamboni)

Gira, visita e racconta il territorio a modo suo. Animo contagioso e aperto, la potete incontrare a 'Cultura a spasso Ticino', una comunità che vive di passioni
Ticino7
2 gior

I social, la savana e i leoni da tastiera

Il meccanismo è sempre lo stesso: qualcuno la spara grossa e scrive cose che altrove forse mai direbbe. Ma odio chiama odio, e il piatto è servito...
Ticino7
2 gior

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
3 gior

Piccola storia dei certificati lasciapassare

Vaccinati o non vaccinati, oggi il problema è garantire a tutti la libertà di potersi muovere (non solo per bazzicare una spiaggia). Un tema vecchio come il mondo
Ticino7
3 gior

Tra chiacchiere, chiappe e vaccini

In un compleanno estivo che raduna compagni di scuola o parenti, si parla solo di quello. E solo uno stolto può pensare che il campo non sia minato
Ticino7
4 gior

Nei social il silenzio paga

Non volete alimentare il fuoco dell’odio? Evitate di gettare nuova benzina, semplice
Ticino7
1 sett

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
1 sett

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
1 sett

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
1 sett

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
1 sett

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
1 sett

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
2 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
2 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
2 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
2 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
3 sett

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti
GALLERY
Ticino7
3 sett

United Roads of America. In Alaska, dove finisce il viaggio

L’ultimo contributo di Emiliano Bos dalle vene dell’America, prima del suo rientro in Europa. Cronache dai confini del mondo.
Ticino7
3 sett

Gioventù bruciata. Al mercato della nostalgia

“La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”. Lo scriveva David Trueba in Quattro amici.
Ticino7
30.01.2021 - 14:500

Il ‘romanzo’ della filologa Carla Rossi

Ha fondato a Lugano "Receptio", un centro di ricerca dove vivono curiosità e libri antichi. Si definisce ʻtransnazionaleʼ, un po' come la scrittura...

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Nata a Roma, trascorre l’infanzia nel bel quartiere Coppedè, casette liberty tutt’intorno alla fontana di Piazza Mincio. Frequenta la Schweizer Schule Rom e a sedici anni si trasferisce a Zurigo per il liceo. Torna a Roma per studiare Filologia romanza, completa poi i suoi studi accademici a Zurigo e a Friburgo, con laurea, dottorato e una doppia abilitazione all’insegnamento universitario in Letteratura antico-francese e Letteratura italiana antica. Oggi è Titularprofessorin für Romanische Philologie presso l’Universität Zürich.

La professoressa

Filologicamente si potrebbe dire che una studiosa di origini romane sia la più idonea a parlarci della filologia romanza, dei testi nelle lingue neolatine. Il termine viene da romanus, poi romanz nel francese antico, che risale a romanĭce loqui, “parlare latino”. Oggi Carla Rossi vive a Lugano per amore del Ticino, e qui ha trovato casa anche la Collezione privata di libri di filologia romanza più ricca del Cantone, ereditata dalla lusitanista Giulia Lanciani e dal filologo Giuseppe Tavani. Tutti i testi sono in lingua originale: antico francese (lingua d’oc provenzale, lingua d’oïl francese del nord e la variante anglo-normanna), spagnolo, catalano e galego-portoghese. Ci incontriamo sulla piattaforma web di Receptio, dal latino “accoglienza”. Alle spalle della professoressa non la solita biblioteca, ma un arazzo di libri antichi.  


© C.R. / Receptio
La chaise longue verde è il simbolo del centro. Qui si siedono i conferenzieri.

La filologa

“Il filologo è una via di mezzo tra Robert Langdon, il professore dei libri di Dan Brown, e Indiana Jones. Il metodo filologico è vicino a quello dell’archeologo e analizza i segni applicandoli a vari soggetti testuali e artistici, in diversi campi: è possibile restaurare materialmente testi, filmati, bozzetti di moda.
Può essere applicato persino alle fake news. A questo scopo, Receptio tiene corsi per giornalisti e l’approccio filologico in rete ha nome Net-logy. Sarebbe interessante insegnare il metodo con un semplice manuale nelle scuole medie, in modo da capire quando le notizie sono false”. Il collaboratore di Receptio Marco Nava sta organizzando a Lugano un workshop sui falsi svizzeri di arte decorativa, figurativa e architettura. E il suo collega Jonathan Schiesaro ha ottenuto una borsa per un altro “laboratorio” a Zurigo nel maggio 2021 sui falsi nell’arte rinascimentale italiana. “Sottoponiamo ad analisi anche il Patto Federale, per ribadire che la sua pretesa antichità è un falso, poiché non può essere stato redatto in latino, ma la sua origine è ecclesiastica, volta a convalidare qualcosa di preesistente al Patto del Grütli”. Affiliata all’Università Franklin di Sorengo, Receptio promuove eventi divulgativi, è all’interno del circuito internazionale H2Cu e ne ha creato uno con varie università per rivalutare la filologia romanza in Svizzera. Sul sito it.receptio.eu è possibile visionare i video dei filologi, i contenuti dei congressi e partecipare, per esempio, a eventi come quello del 18 dicembre scorso dal titolo Hedy Lamarr, l’attrice ingegnere che inventò il Wi-Fi


© C.R. / Receptio

La scrittrice

Oltre a insegnare all’Università di Zurigo dal 2003 ed essere presidente di Receptio, Carla Rossi è autrice, tra gli altri, del libro Sul confine italo-svizzero 1943-1945, accessibile gratuitamente online in formato e-book grazie a una sovvenzione del Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica (tcla-journal.eu/purchasebooks). Acquistando il cartaceo si sostiene il centro. Ricostruisce gli ultimi giorni dei profughi ebrei e il loro labile destino. A pagina 124 della pubblicazione, l’unica nota del Registro di Caprino scritta da una guardia di confine riguarda Liliana Latis e non ha bisogno di commenti: “Quella che mi è piaciuta di più!”. Il 6 novembre 1943, la ventiduenne milanese e la sua famiglia vennero respinte, nonostante i documenti falsi perfettamente ritoccati sugli originali (Latis divenne Alati) dai partigiani di cui faceva parte l’altro figlio, Giorgio Latis, fucilato proprio il giorno della liberazione. Tentarono nuovamente la fuga il 5 dicembre, senza successo. In seguito, furono trasferiti ad Auschwitz. Oltre alla testimonianza dei sopravvissuti, la scrittrice ha effettuato ricerche presso il museo del lager. Sempre attraverso una ricerca storico-filologica con indagine in archivio, negli anni Ottanta Carla Rossi ha scritto la biografia della prima donna rivoluzionaria cubana, Haydée Santamaría. A metà dei Novanta, ha pubblicato con Casagrande Macocc un romanzo storico sul Ticino e i Grigioni.

 

IL FUTURO DI RECEPTIO

“Il centro è stato inaugurato nell’agosto 2019 con beffardo tempismo, visto che da febbraio 2020 si è bloccato tutto per la pandemia”. È una fondazione e si sostiene attraverso seminari, eventi, corsi e donazioni. “Non abbiamo ricevuto alcun sostegno dal Cantone, del resto anche l’insegnamento universitario della filologia romanza in Svizzera è ormai ridotto all’osso, i finanziamenti sono stati tagliati già dagli anni Novanta”. Lo scopo di Receptio è rianimare la filologia romanza: “Purtroppo, lo scorso novembre ci è stato comunicato che la villa liberty, che avevamo in affitto, era stata venduta
e il nuovo proprietario, in sfregio alla cultura, ci ha intimato di sgombrare entro dicembre, prima della scadenza del contratto ad agosto 2021. Stavamo resistendo, in attesa di continuare in presenza: così, in tutta fretta, abbiamo traslocato in una casa del Settecento a Orlino (frazione di Lugano-Pregassona), insieme con gli oltre 10’000 volumi della biblioteca, per essere pronti con i convegni previsti in primavera. Nel frattempo, è possibile frequentare gli eventi settimanali e i corsi di specializzazione via web”. 

© C.R. / Receptio
Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved