NJ Devils
ARI Coyotes
01:00
 
i-taccuini-di-gabriele-genini-creatore-d-immagini-e-di-sogni
© G. Genini
+6
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
2 gior

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
4 gior

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
4 gior

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
4 gior

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
4 gior

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
4 gior

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
1 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
1 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
1 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
1 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
2 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
2 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
Ticino7
2 sett

Il Capodanno, la Stube e i balli di gruppo

“Dai fior‘ dai fior′ dai fiordi della Norvegia, è sce′ è sce’ è scesa la vichinga. Cerca’, cerca’, cercava un po′ di sole e invece ha trovato l’amor”
Ticino7
2 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Pesci

“Gli ultimi saranno i primi?”. Voi continuate a fare le vittime, siete bravissimi. Poi però non lamentatevi, né con l’Oroscopo e nemmeno con chi vi ama
Ticino7
2 sett

2020, 2021, 2022: ‘Avanti un altro’

Inutile girarci intorno: anche il 2021 non è stato proprio una bellezza. Andrà meglio, abbiate fede. In fondo domani è...
Ticino7
2 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Acquario

Quando le cose vanno male, potrebbero anche andare meglio. Per la serie: “Quando hai toccato il fondo, può succedere che ti tocchi pure scavare”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Capricorno

“L’anno vecchio è finito, ormai / Ma qualcosa ancora qui non va”. Lucio Dalla era del segno dei Pesci, e forse per questo aveva già capito tutto
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Sagittario

Credavate di avere già dato abbastanza. Credavate: ma non avete fatto i conti col resto del mondo e tutti quegli “amici” che tanto vi amavano...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Lo Scorpione

Avete un pungiglione, vero. A che vi serve però non si sa. Forse a difendervi dal mondo, perché non avete amici, “ma solo nemici” (cantavano i Litfiba)
23.01.2021 - 17:350

I taccuini di Gabriele Genini, creatore dʼimmagini e di sogni

Classe 1981, vive tra la Toscana e la Svizzera. Originario di Osogna, utilizza le immagini per raccontare il fascino dei suoi viaggi tra Europa e Asia

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Di cosa parliamo quando parliamo di un artista? Come fare a darne una definizione aderente alla realtà ed esaustiva, senza rischiare di scadere nell’uso di parole trite e ritrite? Potrebbe venirci in soccorso Taboo, il gioco in scatola in cui ogni giocatore deve far indovinare un termine ai membri della propria squadra senza però utilizzare una serie di vocaboli correlati a esso. Se la parola fosse artista probabilmente dovremmo evitare come la peste quadro, arte, creativo, pittura, scultura, artistico e forse anche Caravaggio, lanciandoci in definizioni pindariche e strampalate ma forse più originali di quella data dalla Treccani (che a Taboo avrebbe perso subito). Diciamo che un artista è un creatore di immaginari, un viaggiatore nel tempo e nello spazio, un risuonatore di anime, un artigiano che ha sempre qualcosa per le mani, pronto a trasformarla in altro. E Gabriele Genini risponde proprio a queste definizioni. Quando lo contatto, lo scorso dicembre, l’intervista lo interrompe nella costruzione di un presepe, più simile in realtà a una stupefacente città di bambole fatta di casette con finestra e pavimento di mattonelle, pareti affrescate, tavole apparecchiate, pozzi e torrenti. Un piccolo capolavoro creato con la compagna Gaia per pochissimi spettatori.


© G. Genini

Disegnatore, fumettista, illustratore e insegnante

Gabriele non ha mai avuto dubbi su come usare il suo tempo e, subito dopo le medie, ha cominciato gli studi alla Scuola del fumetto di Milano. E così, quindicenne, da Osogna viene catapultato in una grande città, condivide la casa con ragazzi molto più grandi e si trova faccia a faccia con un mondo completamente nuovo, ricco di grande fermento culturale e artistico. Tra il 1995 e il 2000 Milano brulica di mostre, cinema d’essai e fumetterie frequentati da giovani artisti a caccia di nuovi autori e soggetti da cui prendere spunto.
I cellulari non esistono ancora e l’unico modo per estendere le proprie conoscenze è quello di uscire, frequentare diversi luoghi, acquistare libri e cavarsela senza l’aiuto di un motore di ricerca in grado di soddisfare all’istante tutte le domande. “Il primo impatto con Milano è stato scioccante – racconta Gabriele –; da bravo svizzero andavo in giro con mappa e bussola a esplorare la città. Partivo cercando un indirizzo preciso e da lì mi muovevo. I miei primi coinquilini poi erano personaggi folli… tutti sopra i trent’anni e con abitudini totalmente diverse dalle mie. Sono stati un’ottima scuola di vita. Mi hanno sempre trattato da adulto, dandomi una mano con il disegno e ascoltando le mie idee. Purtroppo dopo un anno ho dovuto cambiare casa; la fidanzata di uno di loro portò a casa un cagnolino con la passione della carta che smozzicava tutte le mie tavole da disegno”. Agli anni milanesi seguono quelli dell’Accademia delle Belle Arti di Firenze, dove l’approccio al disegno e alla pittura è completamente diverso e il fumetto viene considerato dagli insegnanti una forma d’arte minore che è meglio non assecondare. 


© G. Genini

In viaggio, matita alla mano

E così le diverse scuole cominciano una coesistenza al principio forzata e scomoda, dove l’anima del fumetto cerca di sbucare dalla pittura a olio, per poi fondersi dando vita a un mix originale in cui i tratti più vignettistici si affiancano a stili pittorici classici, appartenenti al mondo di tele e cavalletto. I taccuini di viaggio di Gabriele sono un felice esempio di questa combinazione: pagine e pagine un po’ alla Hugo Pratt di disegno libero a china, a matita, a pennarello o ad acquerello che immortalano paesaggi, strade, persone, piazze. Cambogia, Vietnam, Myanmar, Turchia, Giappone, Laos: squarci di vita vissuta nati da un diverso modo di viaggiare e osservare. Fermarsi lungo il percorso per uno schizzo dà un altro ritmo al viaggio e apre un dialogo con le persone del posto, spesso incuriosite da uno straniero che, invece di scattare una foto e andarsene, tira fuori carta e colori: “Nei Paesi asiatici le persone dopo un po’ si avvicinano, vogliono toccare il disegno, danno consigli. Una volta in India io e Gaia ci siamo imbattuti in una bandella militare che faceva jazz in un vecchio forte. Appena tiro fuori il mio taccuino uno di loro si avvicina e a gesti mi fa capire che vorrebbe un ritratto. Così si mette in posa mentre io faccio uno schizzo del volto. Era meraviglioso, con questi baffoni a manubrio. Quando glielo mostro, insieme alla meraviglia noto nel suo sguardo una punta di delusione. Solo allora mi viene in mente che mentre disegnavo non faceva altro che accarezzarsi con orgoglio il cinturone. Probabilmente ci teneva che entrasse anche lui nel ritratto!”.


© G. Genini

ʻI giovani sono strepitosiʼ

Nati un po’ per divertimento, i taccuini sono diventati ottimi compagni di viaggio e parte fondamentale dell’opera di Gabriele. Quello sul Giappone è stato commissionato dalla Fondazione Balli, che nel 2009 ha premiato l’artista e finanziato il viaggio. Ci sono poi le illustrazioni per la casa editrice White Star, le incisioni e le esplorazioni artistiche con gli adolescenti. Da ormai dieci anni Gabriele sale dalla Toscana – dove abita fin dai tempi dell’Accademia – per trascorrere i mesi estivi in Ticino, portando i ragazzi dei corsi di Lingue e Sport a scoprire e disegnare il territorio. Fattorie, monumenti, fiumi, sentieri dal Mendrisiotto al Bellinzonese sono occasioni per stare all’aria aperta e riprendere un contatto con la natura: “Gli adolescenti sono strepitosi e il disegno è un ottimo modo per agganciarli. Funziona. Insieme abbiamo creato dei sottopiatti illustrati che rappresentano varie regioni del cantone, stampati insieme agli enti regionali del turismo. In un grotto a Osogna li usano ancora”. Per definire correttamente un artista servono tante parole. E il concetto di viaggio può essere un buon punto di partenza per addentrarsi in un mestiere complesso e poliedrico, in grado come pochi di esplorare territori e mostrare luoghi sconosciuti dell’anima come del mondo.


© G. Genini

© G. Genini
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved