whatsapp-cosa-cambia-e-mi-devo-preoccupare
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
5 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
5 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
5 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
6 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
20.01.2021 - 11:00
Aggiornamento : 21.01.2021 - 14:05

WhatsApp. Cosa cambia e mi devo preoccupare?

Dall'8 febbraio molti dei nostri dati potranno essere scambiati con Facebook, Instagram e altre società che fanno riferimento a Zuckerberg. E la privacy...

di Federica Cameroni

Da settimane si parla molto di WhatsApp. Ad alcuni sarà già comparsa la richiesta dell’applicazione di accettare i nuovi termini di servizio, altri, invece, avranno ricevuto il messaggio da parte dei propri amici decisi a passare a Signal. Alcuni esperti del settore, così come alcuni siti di debunking (i cacciatori di bufale e fake news), hanno rassicurato i residenti europei per i quali “non cambierà niente siccome i nuovi termini non saranno validi in Europa”. Cosa vera, perché la Legge sulla privacy (GDPR) a cui la Svizzera è allineata, impedisce alle aziende di cedere dati a terzi per fini pubblicitari. È altrettanto vero che in un mondo così interconnesso risulta un po’ paradossale sostenere che: “se succede in qualsiasi altro continente non sia l’Europa, allora non ci riguardi”.

Cosa farà WhatsApp dopo l’8 febbraio, non in Europa?

Obbligherà a condividere le informazioni raccolte su WhatsApp con Facebook e le altre società dell’omonimo gruppo (pratica che già avveniva, ma che fino ad ora era possibile rifiutare). Lo scopo, stando alle loro dichiarazioni, sarebbe offrire agli utenti una pubblicità mirata più performante, migliorare i sistemi di infrastruttura e consegna; così come la sicurezza e la protezione dell’acquirente. I dati che WhatsApp potrà condividere saranno: nomi, foto profilo, stati, rubrica, elenchi, indirizzi IP, informazioni sul dispositivo, ed eventuali interazioni con aziende oltre a indirizzi postali di spedizione e importi degli acquisti.

Crittografia "end-to-end"

Una tesi comune riguarda la crittografia end-to-end, usata da WhatsApp così come Telegram e Signal, per cui sarebbe assurdo considerare WhatsApp meno sicura. Il fatto che la chat sia criptata usando il medesimo sistema usato dalle rivali è cosa vera, ma, infatti, la raccolta e condivisione dati che attuerà WhatsApp non riguarda gli elementi testuali presenti all’interno delle conversazioni private. Piuttosto tutto ciò che c’è attorno. Immaginiamo la chat WhatsApp (o qualsiasi chat criptata dal modello end-to-end) come un appartamento vuoto: io, proprietaria, ne possiedo le chiavi. Una la tengo con me, l’altra (o le altre) la consegno alla persona con cui voglio parlare. Nessuno può ascoltarci mentre siamo all’interno, non legalmente. Ciò non significa che chi osserva non sappia: con chi mi sono incontrata, da dove venisse questa persona, dove fosse l’appartamento, a che ora o per quanto tempo ci siano rimasti... Nel caso specifico queste informazioni consistono in: numero di telefono, indirizzo e-mail, contatti, posizione, ID dispositivo, ID utente, dati pubblicitari, cronologia acquisti, interazione con il prodotto, informazioni di pagamento, arresti anomali, prestazioni e altri dati diagnostici, assistenza clienti e metadati. Telegram raccoglie nome, numero di telefono, contatti e l'ID utente; mentre Signal il numero di cellulare. Non esattamente: “la stessa cosa”, anche se la sicurezza delle chat è la medesima.

In Europa

In Europa, Svizzera compresa, WhatsApp è fornito da WhatsApp Ireland, nel resto del mondo da WhatsApp Inc. WhatsApp Ireland sottostà alle leggi della Commissione Irlandese per la Protezione dei Dati personali (IDPC) con cui WhatsApp dovrebbe convenire un accordo prima di poter proporre dietro semplice messaggio “accetta/rifiuta” un cambiamento così importante. Il Regolamento Generale per la Protezione dei Dati Personali (GDPR) per ora ci protegge dall’eventuale condivisione a scopi di marketing dei dati raccolti da WhatsApp con il gruppo Facebook. Come riportato dall’Ansa, Wired e numerosi altri media, la stessa azienda ha dichiarato che “non ci sono modifiche alle modalità di condivisione dei dati di WhatsApp nella Regione europea” (Svizzera e Regno Unito compresi).
Non è chiaro, come scrive anche Attivissimo nel suo blog Il Disinformatico, cosa accadrà nel caso di conversazione tra residenti in Europa e non. Allo stesso modo chi utilizza WhatsApp Business non sarà protetto dai medesimi regolamenti vigenti in Europa e che regolano WhatsApp Ireland.

Legittimo preoccuparsi della propria privacy anche in Europa?

L’avvocato italiano Diego Dimalta, per CyberSecurity360, spiega come questo aggiornamento debba essere considerato preoccupante a qualsiasi latitudine. Sostiene innanzitutto che le informazioni inviate negli USA non siano da considerarsi sicure, motivo per cui l’autorità di Controllo irlandese ha ingiunto alla società di Zuckerberg di portare i server in UE. Un altro problema risiederebbe nelle motivazioni per cui i dati verranno condivisi con il gruppo Facebook, da lui definite “quanto meno troppo generiche”. Dimalta non ritiene poi la protezione della GDPR sufficiente a proteggere i cittadini europei: se WhatsApp non dovesse rispettare le sue promesse e condividere comunque i dati dei cittadini europei si parlerebbe di una mole talmente grande che, nonostante le leggi, sarebbe impensabile esercitarne il controllo.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
facebook informazioni instagram mark zuckerberg privacy whatsapp
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved