ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Maria del Pilar Cabarcas-Gaberell. Beneficenza, ma con ‘stile’

Dalla doppia nazionalità colombiana e svizzera, la incontriamo a Paradiso, dove lavora. Vivace, dinamica e solare, non ha mai dimenticato le sue origini
Ticino7
5 gior

Broadcast. Fine delle trasmissioni

Una manciata di album, alcune raccolte, lavori sperimentali e qualche collaborazione. Ma di solo talento non si vive, e senza la buona sorte...
Ticino7
5 gior

Disavventure Latine. Messico: l’ultimo cenote

Tutti a dirmi “vai a fare il bagno in un cenote”. E io ci sono andato, non in uno, ma in quattro. Che cosa sono mo’ ve lo spiego (per chi non lo sapesse).
Ticino7
5 gior

Stevie Wonder, il ragazzo dei miracoli

Siamo nell’ottobre del 1972 e nei negozi arriva “Talking Book”. Stevie aveva 22 anni e 19 dischi alle spalle. Sarà un capolavoro e altri ne seguiranno
Ticino7
5 gior

Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)

Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo
Ticino7
5 gior

Orphaned Land. Di metal e di religioni

’Mabool’ è un album del 2004 di un quintetto di metallari israeliani, con testi anche in ebraico e un sacco di religione. Vi suona strano? Ascoltatelo
Ticino7
5 gior

Stefanino Meraviglia e altre meravigliose storie

In caso di dolori di cuore, turbe esistenziali e altri scompensi di natura umana, il brano giusto è quello che ci vuole. Nel dubbio, puntate sui classici
Ticino7
1 sett

Barbara Conrad corre sempre più in alto

Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
Ticino7
1 sett

Arnold Rikli, il dottore del Sole

Il pioniere del ‘turismo’ della salute era svizzero. Nell’800 mise a punto un metodo di cura basato su luce, aria e acqua (applicato anche in Ticino)
Ticino7
1 sett

Covid-19. Il valzer delle statistiche

Mentre secondo alcuni dovremo tornare a fare i conti con la pandemia, la questione dei ricoveri e dei decessi ‘con’ o ‘per’ il virus rimane irrisolta
Ticino7
1 sett

Sano sì, ma all’apparenza

A volte è solo una questione genetica. Molto più spesso stare bene dipende (naturalmente) da noi, da ciò che facciamo, mangiamo e respiriamo
Ticino7
2 sett

Roger Federer: la forza delle emozioni

In occasione del recente annuncio del ritiro, pubblichiamo un approfondito contributo dedicato al fenomeno basilese apparso su ‘Ticino7’ nel febbraio 2018
Ticino7
2 sett

Luca Mengoni: l’arte d’indagare la realtà

Afferma di essere un pragmatico, materialista, poco incline all’introspezione. Le sue opere, però, sono evocative, quasi meditative: un bel mistero
Ticino7
2 sett

Lauro Rodoni e quella cassetta misteriosa

La Val Pontirone è casa sua e quassù fa il pastore più o meno da quando ha imparato a camminare.
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine. Messico: Palenque e Campeche

Ascoltare e seguire le dritte di chi è del posto, sarebbe sempre buona cosa... soprattutto quando si tratta di muoversi coi mezzi pubblici
Ticino7
2 sett

A lezione di carcere. Andare ‘dentro’ per capire

Cronaca di una mattinata nelle vecchie Pretoriali di Locarno. Per comprendere e vedere “che effetto che fa”. Ma qui c’è poco da ridere e molto da pensare
Ticino7
2 sett

Vite forzate. Le parole di chi ci è passato

Ci finisci dentro perché, salvo errori, qualcosa hai combinato. E in un attimo ti ritrovi in un ‘altro mondo’
Ticino7
3 sett

Babel 2022. E la traduzione diventa arte

A pochi giorni dall’importante appuntamento bellinzonese (dal 15 al 18 settembre), abbiamo incontrato il suo nuovo direttore, Matteo Campagnoli
Ticino7
3 sett

La vera forza di Romeo Taddei (oltre alla musica)

Ha sempre avuto il ritmo dentro e da piccolo tamburellava con le dita su qualsiasi cosa. Sarà perché nella sua famiglia suonare è sinonimo di vita
Ticino7
3 sett

Piccole canzoni da abitare: da Mark Knopfler a Billy Joel

Avete in mente quei brani che “vi prendono”, spesso senza sapere nemmeno perché? Quelli che non passano alla radio e non si trovano nei “the best of”...
Ticino7
3 sett

Le due torri (senza dimenticare ciò che sta sotto)

Come per quella di Babele, anche la torre d’avorio è una costruzione che punta in alto. Esagerando
Ticino7
1 mese

Giada Olivotto e la ‘cura’ per l’arte

‘La discussione e l’inclusione di diversi punti di vista è centrale nella creazione di progetti artisti’. E lei, classe 1990, ci mette anche del suo...
Ticino7
1 mese

Scaltro come un airone cenerino

Riconoscibile per il colore grigio-azzurrognolo, che dà il nome alla specie, è un campione di pazienza e di scaltrezza, grazie alla sua abilità predatoria
Ticino7
1 mese

‘Orgasmi’ cerebrali: quando la testa ci stimola

Si chiama ASMR, un fenomeno sensoriale simile a un brivido che parte dalla nuca e talvolta arriva fino a braccia e gambe. Piacevole, emozionante...
16.01.2021 - 14:35

United Roads of America. Patria, grilletto e milizie

‘We the People’ (noi il popolo) è lʼincipit della Costituzione americana, a cui si rifanno gruppi armati di nazionalisti. Il risultato lo abbiamo visto

di Emiliano Bos
united-roads-of-america-patria-grilletto-e-milizie
+3

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

David Corey, pizzetto e occhiali da sole, impartisce ordini precisi prima dell’avvio dell’esercitazione. “Tranquilli, ho informato lo sceriffo. Lui sa perché oggi siamo qui”. Per sparare proiettili veri nel bosco, simulando un’operazione armata in una specie di scenario di guerra. “We the People” è il tatuaggio a stelle-e-strisce sull’avambraccio muscoloso di Charles, un ex marine che maneggia con calma e perizia il suo fucile, in attesa di inoltrarsi nella boscaglia. Fusti di fucili e alberi ad alto fusto della West Virginia, dall’altro lato delle colline allineate lungo l’Interstate 81.
C’è chi adesso denuncia l’improvviso rigurgito di terrorismo domestico e di estremismo fanatico dopo l’assalto al Congresso di Washington. “State pronti, state preparati”: Donald Trump aveva lanciato il suo messaggio da tempo. Queste milizie non si sono mai nascoste. Anzi. Mi avevano permesso di seguire un loro addestramento già nel 2017. Volontari della “Lightfoot militia” in arrivo da Maryland e Pennsylvania. Radunati per l’occasione in una foresta. In mimetica e pesantemente armati.
“We the People”: quelle parole – l’incipit della Costituzione americana – le ho viste tatuate anche sul braccio di uno degli assalitori del Campidoglio. Mi stava accanto insieme ai facinorosi che hanno tentato invano di sfondare uno degli ingressi laterali, tra granate assordanti, gas lacrimogeni e la polizia che su quel lato dell’edificio è riuscita a respingere l’attacco.
Molti di questi movimenti di miliziani si richiamano alla Costituzione. Quasi una bestemmia laica contro i Padri Fondatori. Una nebulosa di gruppi dove i confini tra sedicente patriottismo e razzismo palesemente ostentato appaiono labili. Ne esistono centinaia: formazioni armate, vere e proprie milizie private, gruppi paramilitari composti spesso da veterani. Monitorati da anni, studiati da esperti. E ora divenuti il simbolo dell’arrembaggio alla democrazia trasmesso in diretta planetaria
il giorno della Befana.


© E. Bos
Infidel (infedele). Un appartenente alla milizia Lightfoot Militia, durante unʼesercitazione nel 2017. Lo stesso gruppo – e lo stesso personaggio – erano presenti a Charlottesville.

Nei boschi della West Virginia

Christian Yingling – un teschio nero cucito sulla divisa – era il comandante della milizia incontrata in West Virginia. “Non siamo di destra, non abbiamo nulla a che fare con i gruppi politici” mi disse. Eppure i suoi uomini – con lo stesso AR-15 brandito tra i boschi – erano presenti anche nelle strade di Charlottesville, quando un mese prima un’armata di neo-nazisti e suprematisti calò sulla città provocando poi la morte di una donna di 32 anni. A Charlottesville, aveva poi insistito il comandante di questa milizia durante l’intervista – “noi abbiamo garantito libertà di espressione in difesa della Costituzione”. Ancora una volta la Magna Charta d’America tirata in ballo. Nella lista dei movimenti anti-governativi compilata dal Southern Poverty Law Center, nel 2019 esso ha censito 576 organizzazioni definite “anti-governative”, di cui 181 milizie armate. Un calo rispetto all’anno precedente, ma il numero è cresciuto negli anni di Trump. E soprattutto ha ottenuto una legittimazione dalla Casa Bianca. La retorica incendiaria del presidente ha concimato in abbondanza un terreno fertile di intolleranza, suprematismo bianco, fanatismo e xenofobia. Che poi si è concentrato nell’insurrezione contro il Campidoglio.
Tra i miliziani della West Virginia, ne riconobbi uno incontrato e fotografato poche settimane prima proprio a Charlottesville. Tra caricatori zeppi di proiettili, coltelli appesi alla cintola e l’immancabile fucile semi-automatico, sulla divisa portava la stessa dicitura: “Infidel” (infedele), scritta anche in caratteri arabi. Sdraiato a terra tra le sterpaglie, nascosto dietro un tronco mi disse: “Io sono cristiano e voglio proteggere i cristiani”. Poi premette il grilletto sparando con la sua arma. Certo, regolarmente detenuta.


© E. Bos
Kenosha, Wisconsin. Carcasse di auto incenerite dopo le violenze e i saccheggi per il ferimento dellʼafroamericano Jacob Blake.

Le fiamme di Kenosha

“Violenza da entrambe le parti” , tenta di giustificare qualcuno adesso. L’hanno detto anche alcuni deputati repubblicani respingendo il voto per l’impeachment di Trump. Disordini e tumulti – dicono - non solo da parte dei sostenitori del presidente. Ma anche di chi è sceso in piazza a protestare nei mesi scorsi contro la violenza razzista della polizia, come i Black Lives Matter. Un rancore detonato, in qualche caso, con assalti devastanti. Come i negozi distrutti a Kenosha, in Wisconsin, dopo il ferimento dell’afro-americano Jacob Blake da parte della polizia. Nel parcheggio dell’autosalone Car Source lo scorso settembre avevo visto le carcasse annerite di decine di auto date alle fiamme. Condanna unanime, certo. Un rabbia – comprensibile – tracimata talvolta in cieco e inutile vandalismo. La risposta armata arrivò da un 17enne invasato di suprematismo, che uccise due manifestanti anti-razzismo proprio a Kenosha. Resta una differenza fondamentale: milioni (nel vero senso) di persone sono scese per strada a protestare nell’estate dell’anno scorso. La stragrande maggioranza delle manifestazioni è stata pacifica. Stavolta a infiammare il rancore – orientandolo verso il Congresso che stava certificando la vittoria di Joe Biden – è stato lo stesso presidente. Lo riconoscono anche alcuni repubblicani. Con la litania di bugie sulle elezioni “rubate”. Una realtà parallela ormai infiltratasi sottopelle a milioni di americani. Lo si è visto nelle settimane prima dell’attacco al Campidoglio. A un’altra manifestazione nelle strade di Washington, un sabato di metà novembre. “Stop the Steal”, fermate il furto delle elezioni. Uno slogan iniettato come veleno con la complicità colpevole di network televisivi compiacenti, opinionisti radiofonici radicalizzati e il tam-tam incontrollabile sui social dell’estremismo. 


© E. Bos
La scalata del muro del Capitol, come un assalto medioevale. In realtà chi conosce lʼedificio sa che basta spostarsi di qualche decina di metri per guadagnare la terrazza.

Antifa(scismo) e squadrismo

Al termine di quella manifestazione avevo visto in azione i drappelli di pseudo anarchici e sedicenti “anti-fascisti”. Antifa, come li chiamano qui. Che in realtà sono degli incappucciati con atteggiamenti squadristi. Ero stato testimone della fastidiosa aggressione contro una coppia di anziani colpevoli soltanto di camminare per strada con una bandiera di Trump. Proprio lì, tra la 16esima Strada e la H Street, dove mesi prima avevo assistito agli assalti della polizia contro i pacifici manifestanti anti-razzismo, ordinati per permettere al presidente di farsi fotografare con la Bibbia in mano davanti alla Casa Bianca. Dan Rather, nell’ottimo libro What unites us, scrive che non bisogna confondere il patriottismo col nazionalismo.
Nella foresta della West Virginia l’obiettivo dell’esercitazione era salvare presunte milizie intrappolate. Per riconoscerle, avevano usato una bandiera confederata. Lo stesso drappo schiavista con cui un sostenitore di Trump dieci giorni fa aveva profanato la Rotunda del Capitol. Dove per la prima volta dalla Guerra Civile si sono accampati i riservisti della Guardia nazionale.  
Il mio aereo sta atterrando a Washington, di ritorno dall’ultima visita fuori città di Trump in Texas. Da quassù si vede il Memoriale di Lincoln che chiude il Mall, dall’altro lato del lungo viale antistante il Congresso. Da quassù, Lincoln sembra corrucciato tra le pieghe di marmo, forse preoccupato per la democrazia americana.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved