laRegione
noi-nell-epoca-del-capitalismo-della-sorveglianza
©iStock
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

La volpe, l’uva e il racconto di noi

Nella vita i tranelli sono sempre dietro l'angolo (che ve lo dico a fare). Alcuni sono comuni a tutte noi, altri invece capitano solo a poche elette
Ticino7
3 gior

Cristina Di Pietro e la materia

È nata a Locarno e vive a Nivo (Leventina) coi suoi quattro gatti. Ha una folta chioma e una manciata di rasta. Ama lavorare la pietra, ma non è tutto...
Ticino7
3 gior

United Roads of America. Patria, grilletto e milizie

‘We the People’ (noi il popolo) è lʼincipit della Costituzione americana, a cui si rifanno gruppi armati di nazionalisti. Il risultato lo abbiamo visto
Ticino7
3 gior

La mente e i mali invisibili

I disturbi della sfera psichica sono poco conosciuti e quindi fanno paura. Chi ne soffre cerca di non dirlo in giro e si mette ancora più in disparte
Ticino7
3 gior

La telenovela di Franca & Luigi

Mi chiedeva di recente un collega: ma che fine ha fatto la moglie di quel tuo amico? Tutto bene a casa? Eh, magari...
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta

Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci
Ticino7
1 sett

Arianna Tulipani e la sacrosanta difesa del ‘body positive’

“L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo”. Così diceva Gandhi e personalmente lo declinerei pure al femminile. Lo sa bene Arianna
Ticino7
1 sett

Povertà. La pandemia in Ticino vista dai margini

Con SOS Ticino scopriamo come vive il confinamento e le difficoltà chi si trova escluso dai contesti sociali più favorevoli. Tanti sono donne, uomini e bambini con storie di migrazione.
Ticino7
1 sett

Trump, il boia federale e le carceri strapiene

L’ultima volta accadde in America quando in Europa non era ancora stata inaugurata la torre Eiffel e stava per nascere Adolf Hitler. Gennaio 1889.
Ticino7
1 sett

Il Natale, il virus e la prostituta di Tom Waits

Un bilancio delle feste, tra dubbi esistenziali e una 'cartolina da una battona di Minneapolis'
Ticino7
2 sett

Sandro Matasci. Tra cemento, vigna e pennelli

Dalla diga del Luzzone alla Stazione Fart di Muralto: i ricordi di un ingegnere civile con una grande passione per la pittura e la viticoltura
Ticino7
2 sett

Metti un po' di Fontaines nel tuo smartphone

Passare dall'indimenticato John Peel ai giovani irlandesi Fontaines D.C. il passo è breve, se provi a riscoprire la genialità dei The Fall
Ticino7
2 sett

Le parole (dell’anno) sono importanti

"Resilienza: capacità di fare fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita...". Ok, e la famosa crisi?
Ticino7
2 sett

Sulla pandemia ‘è l'ora della verità’ (cin cin)

Il cenone del 31 dicembre loro lo hanno fatto. Un momento di normalità, per ribadire che "non ce la raccontano mica giusta quelli lì".
Ticino7
3 sett

I panchinari del Metal. 10 dischi da riscoprire

20 gennaio 1982. Des Moines, Iowa. In quella tundra del metal, Ozzy Osbourne stacca la testa a morsi a un pipistrello vivo. È la scintilla...
Ticino7
3 sett

Informazione. La via dei "social" alternativi

Preservare la razza, cospirazioni, teorie pseudoscientifiche, complotti. Il mondo dell’internet è diventato un immondezzaio? Fortunatamente no...
Ticino7
3 sett

"La rouso" - Un racconto di Giorgio Genetelli

“A renn ala roisgio, la rouso l’é modigo ma orouso c’a piou”. Ecco. Ma ecco cosa, che non si capisce niente! Tu capisci?
Ticino7
3 sett

Alla vigilia di quel che resta

Questo Natale sarà tutto e il contrario di tutto, credetemi. Per esempio, provate a pensare a come apparirà la vostra tavolata (così silenziosa)?
Ticino7
3 sett

La storia di Lidia e Agata

Una mamma e una figlia ospiti del Centro di accoglienza Casa Astra di Mendrisio si raccontano. Perché non sempre Natale fa rima con serenità
Ticino7
3 sett

2021: andrà tutto meglio

Doveva essere un anno come tutti gli altri, è diventato un incubo planetario. Che per fortuna finirà (dice il calendario).
Ticino7
4 sett

Tradizioni. Come nasce un presepe

Sandro Delmuè da Biasca. Un sacrestano con la passione per il muschio
Ticino7
1 mese

La Nascita di Gesù è un’occasione

Nella sua enciclica Papa Francesco ci ricorda, tra l'altro, come di fronte alle tragedie "nessuno si salva da solo". Uniti possiamo farcela
Ticino7
1 mese

United Roads of America. Fame, obesità e cibo

C’è più fame oggi negli USA rispetto al 1998. Complici pandemia e stillicidio di posti di lavoro, anche l'alimentazione ne risente pesantemente
Ticino7
1 mese

Casa Astra. Per chi non ha più un tetto

Chi sono le persone che in Ticino si ritrovano a non avere più un alloggio? Per quali motivi questo avviene? E che fine fanno?
Ticino7
1 mese

Il 2020 peggio di Bin Laden?

L’ultima volta che il periodico "Time" ha messo una X in copertina, sotto c’era il volto di un famigerato terrorista...
Ticino7
1 mese

Trovare un senso (anche al Natale)

Amore fraterno, semplicità e gioia. Il pensiero di San Francesco d’Assisi si conferma di scottante attualità. Parola di Papa Francesco.
Ticino7
1 mese

Nel giardino delle fragole. Fortis ricorda Lennon

Nel 1982 il cantautore italiano pubblica un album dedicato al Beatles ucciso nell'80 a New York. Ecco la genesi del disco (e altre emozioni)
Ticino7
1 mese

Ma chi te l’ha chiesto?

"Ora vivo da solo in questa casa buia e desolata / il tempo che dava l'amore lo tengo solo per me / ogni volta in cui ti penso mangio ..."
Ticino7
1 mese

Assi di cuori, assi di picche. Una vita senza sesso

Costituirebbero almeno lʼ1% della popolazione, ma nessuna etichetta pare essere in grado di delinearne con precisione profilo e comportamenti sociali
Ticino7
1 mese

Sul tinteggio e la mazza nostrana

Albano Zuffi di Ponto Valentino: imbianchino e salumiere ʻper la sopravvivenza dei miei clientiʼ. Perché del maiale lui non butta niente
Ticino7
05.01.2021 - 09:450

Noi, nell'epoca del capitalismo della sorveglianza

Li chiamano Big Data, in pratica sono una sterminata raccolta di informazioni, spesso molto personali, dal valore commerciale enorme. Tanta roba insomma...

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Guardi un video di ricette su YouTube, l’algoritmo capisce che sei interessata alla cucina. Ne guardi degli altri quindi stabilisce che, in particolar modo, ti piacciono i dolci al cioccolato. L’algoritmo va oltre: sa che sei una donna, conosce la tua età e presume tu sia fertile; consumi contenuti che riguardano il cioccolato una volta al mese e non sempre, quindi non sei né golosa né appassionata al cioccolato, è una questione ormonale. Ecco che ti compariranno banner pubblicitari con confezioni di prodotti per l’intimo scontati. Geniale, ma come fanno e quale prezzo paghiamo noi utenti, spesso ignari di tutto?

Se qualcuno vi consiglia (quasi) sempre quello che volete, non è magia: è il potere dei mega dati (Big Data), una delle risorse più ambite e preziose della nostra epoca. I colossi del Big Tech che ne possiedono quantità enormi – Google, Apple, Facebook, Amazon, ma seguono a ruota Microsoft e Uber – hanno un valore di mercato complessivo che supera i 5 trilioni di dollari, cresciuto ulteriormente a causa della pandemia. 
Le aziende che possiedono più dati possono sviluppare intelligenze artificiali e servizi personalizzati migliori, i quali attraggono sempre più utenti che rilasciano sempre più dati rendendole ancora più potenti.  Shoshana Zuboff, ricercatrice ad Harvard, ha coniato il termine capitalismo della sorveglianza riferendosi alla possibilità derivata dallo studio dei mega dati di modificare il comportamento umano in nome del profitto. 
Anche i governi usufruiscono dei Big Data per la sorveglianza. Senza metafore. Ad esempio per individuare e controllare potenziali terroristi: in Svizzera l’organo che si occupa di questo è il SIC (Servizio delle attività Informative della Confederazione) che fa capo al Dipartimento Federale della Difesa, della protezione della popolazione e dello sport. Sulla protezione dei dati vigilano l’incaricato federale
e cantonale per il settore pubblico.

Noi, analfabeti digitali

Attualmente in Ticino i mega dati vengono utilizzati per lo più nel ramo delle telecomunicazioni, nel settore assicurativo e bancario (per migliorare la gestione dei rischi, ottimizzare il portafoglio clienti e prevedere attività illecite) o dai supermercati. Nella maggior parte dei casi il fine è quello di fare proposte commerciali basate sui gusti dei clienti o migliorare il processo di automatizzazione digitale dell’azienda. 
Cristina Giotto direttrice di Ated ICT, un’associazione ticinese che si occupa, fra le varie cose, di promuovere un uso della tecnologia consapevole, sostiene che i dati siano una delle maggiori risorse che abbiamo oggi; motivo per cui il numero di abusi in cui rischiamo d’imbatterci è elevato. Oltre ai problemi legati alla privacy, forse i più numerosi, incorriamo in problematiche legate alla cybersicurezza - ancora troppo sottovalutate - e al mercato: le aziende che non sapranno stare al passo con le nuove tecnologie rischiano di esser soppiantate da chi avrà implementato questo settore. Gli usi positivi ipotizzabili sono tanti: basti pensare al campo della ricerca scientifica, dove un accesso più rapido a una mole più grande d’informazioni potrebbe significare una sperimentazione più rapida; o alle iniziative promosse dalla stessa associazione in cui l’uso di queste tecnologie è volto a ridurre l’inquinamento. Il potenziale dei Big Data è enorme, bisogna imparare a gestirlo senza subirlo.
Nel tempo è nato un legittimo timore in materia di protezione dati, palesatosi pure nelle discussioni sull’applicazione Swisscovid. Tuttavia le argomentazioni, sia degli scettici sia dei promotori, sono risultate spesso scollate dalla realtà. Siamo analfabeti digitali, parliamo una lingua differente rispetto agli sviluppatori delle applicazioni che quotidianamente utilizziamo e che installiamo senza leggere termini e condizioni, concedendo loro accesso a parti private del nostro telefono. 

Il ciclo dei dati e bolle di disinformazione

Dato l’avvento dei social network e dei Big Data la comunicazione di massa si è trasformata in comunicazione individuale. Se prima una notizia arrivava in uguale forma a una moltitudine di persone, oggi notizie diverse appaiono agli utenti a dipendenza delle loro interazioni virtuali. Nella mia home page di Facebook (Newsfeed) vedo prima i contenuti delle persone con cui interagisco più spesso o le notizie dei quotidiani che leggo abitualmente. Non sono gli stessi che vengono proposti a Tizio, a Caio e nemmeno a mio fratello.  I contenuti personalizzati polarizzano l’informazione creando delle bolle di disinformazione. Se sono convinta che il Covid-19 non esiste, consumerò una grande quantità di contenuti che lo sosterranno; di conseguenza gli algoritmi me ne proporranno altri simili: il mio accesso alle informazioni sarà limitato a questa bolla che mi sono autocostruita. In modo analogo funzionano le inserzioni pubblicitarie; le mie riguardano spesso i voli aerei e nella maggior parte dei casi sono dinamiche, perché l’algoritmo ha stabilito che la mia attenzione è catturata da immagini in movimento più che statiche. Chi riesce a ottenere più dati può proporre pubblicità più performanti, avrà dunque più inserzionisti interessati a pagargli uno spazio virtuale per promuovere il proprio prodotto.Ogni azione che compio nel web corrisponde a una serie di dati che viene registrata da Google, Facebook o chi per loro. I dati vengono immagazzinati o in luoghi fisici (Data Center) o tramite servizi virtuali di Cloud Computing. A questi, causa l’estrema ramificazione e internazionalità del web, corrisponde spesso una maggior perdita di controllo. A questo punto si tratta di dati grezzi (raw data) non analizzabili, serve un algoritmo in grado di estrapolarne delle informazioni, unirle fra loro e interpretarle in maniera utile. 
Le persone a cui piace il cioccolato – esempio inventato e molto semplificato – sono emotive; quando visualizzano una pubblicità progresso si commuovono e la condividono: a loro verranno proposte pubblicità centrate su un messaggio sociale più che sul fatto che un gran numero di persone è fedele acquirente di quel prodotto, perché questo non è un criterio che influenza le loro azioni o i loro acquisti. A ogni click l’algoritmo impara nuove cose, si migliora e profila gli utenti in modo sempre più accurato.


©iStock

Psicometria e analisi predittorie 

La psicometria è una disciplina che mira a studiare scientificamente elementi intangibili, come la personalità, scomponendoli in elementi più concreti e rintracciandoli tramite indicatori. Per esempio utilizzare frequentemente il termine “actually” (in realtà, indicatore linguistico) è indice di scarsa stabilità emotiva (elemento della personalità). Il modello OCEAN, o anche detto dei Big Five, prevede che la personalità sia composta da cinque tratti principali: apertura mentale (Openness), coscienziosità (Conscientiousness), estroversione (Extraversion), amicabilità (Agreeableness) e stabilità emotiva (Neuroticism); per ognuno di questi vi sono dei sottogradi che indicano la quantità in cui quel tratto è presente (molto/poco emotivo). Nel 2012 Michal Kosinski, ricercatore all’Università di Cambridge, mette a punto un metodo per catalogare le persone seguendo il modello OCEAN, basandosi solo sui “mi piace” di Facebook. 68 like sarebbero stati sufficienti per predire il colore della pelle di una persona con una precisione del 95%, il suo orientamento sessuale o l’appartenenza politica (in questo caso la precisione scendeva rispettivamente a 88% e 85%). Con un numero ancora maggiore di like era possibile prevedere il quoziente intellettivo, la religione, uso o abuso di sostanze e alcune caratteristiche familiari.
Negli USA il metodo Kosinski è stato usato dall’azienda digitale che ha gestito la campagna elettorale di Donald Trump nel 2016 (Cambridge Analytica) per diffondere bufale mirate al fin di manipolare o sopprimere il voto degli elettori. Apply Magic Sauce, il sito web del centro psicometrico di Cambridge creato da Kosinski, permette di caricare i propri dati (Facebook, Twitter o Linkedin) e vedere quali previsioni possono essere fatte sul nostro conto. È bastato inserire le informazioni riguardanti i “mi piace” (68), commenti (542) e post (172) affinché indovinasse la mia età, il mio genere sessuale, la mia (non) religiosità, le mie tendenze politiche e ad azzeccare i miei tratti della personalità. Aumentando la quantità di dati è arrivato a dirmi quanto io sia soddisfatta della mia vita – potrei esserlo di più – e quanto forti siano le mie capacità di leadership: giustamente ha stabilito fossero scarse siccome passo troppo tempo a contemplare il mondo...

Discriminazioni, leggi e abusi 

L’analisi dei dati non serve solo a offrire pubblicità più efficaci, ma anche a variare i prezzi in base alla fascia o all’interesse che le persone dimostrano di avere nei confronti di un prodotto esauribile. È il caso di molti siti per prenotare hotel o voli aerei. Un rapporto dell’AGCOM (Autorità italiana per le Garanzie nelle Comunicazioni) mette in guardia da possibili risvolti pericolosi come pratiche algoritmiche discriminatorie legate al prezzo basate su orientamento sessuale, etnia, razza o stato di salute.
Swisscom utilizza le analisi predittive per l’ottimizzazione dei pagamenti (come evitare di inviare richiami nel caso abbiano la certezza che il cliente sia un pagatore puntuale, ma ritardatario), ma anche per la manutenzione interna: sapere in anticipo quando i macchinari avranno dei guasti e ottimizzare l’inventario. I loro sistemi di profilazione, anche a causa di una popolazione limitata, non risultano certo accurati come quelli usati dalle grandi aziende di Big Data. E fortunatamente i nostri politici sono lontani dall’usare tecniche digitali così sofisticate per le loro campagne elettorali. 
Nel 2016 è stata varata la General Data Protection Regulation, un testo unico che regola a livello europeo le leggi sul trattamento dati, a cui si è allineata anche la legge svizzera (LPD). Ciò nonostante restano numerosi gli abusi in campo digitale. Così come l’eventualità che questo fenomeno – che ci è sfuggito di mano prima ancora che ci rendessimo conto esistesse – si sviluppi in scenari ancor più inquietanti. Staremo a vedere.

©iStock
Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved