i-panchinari-del-metal-10-dischi-da-riscoprire
+9
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
23 ore

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
1 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
1 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
2 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
2 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
3 sett

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
3 sett

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
3 sett

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
Ticino7
4 sett

Paolo Tognina, tra fede e nuove sfide

Pastore e giornalista, volto noto della RSI, dal primo luglio si occuperà tempo pieno della comunità riformata di Poschiavo. Conosciamolo meglio
Ticino7
4 sett

Metti una sera al ‘caffè dei gatti’...

Creati alla fine degli anni Novanta, i neko café oggi sono diffusi in tutto il mondo. Nati per trovare casa ai gatti, sono anche un luogo di ‘cat-therapy’
Ticino7
4 sett

L’invasione russa. Storie e fragilità

La violenza si alimenta di un passato mai elaborato. Ne è convinta la scrittrice Serena Vitale, che sul grande gigante russo ha scritto pagine importanti
Ticino7
1 mese

Il tempo (è) perduto

Per sapere chi siamo è bene capire cosa siamo stati (anche perché del futuro pare ci sia poco da fidarsi)
Ticino7
1 mese

I panchinari del country: suoni dell’America della frontiera

Volete cogliere il senso più profondo (e anche contemporaneo) della musica dei cowboy? Ecco le suggestioni Dwayne Poteet e i consigli del nostro “Tondo”
Ticino7
1 mese

Lisa Lurati e gli esperimenti con l’arte

"Credo in quello faccio (...) ma allo stesso tempo me ne distacco molto in fretta, lascio alle opere una loro indipendenza, una vita che non mi riguarda”
Ticino7
1 mese

Covid-19. Lo strano caso dei resistenti

Esposti al virus ma senza sintomi o test positivi. I ricercatori ipotizzano delle mutazioni genetiche, ma nulla è certo e la medicina avanza per ipotesi
Ticino7
1 mese

Quando li chiamavamo ‘invertiti’

L’omosessualità vista dalle pagine dei giornali ticinesi del Novecento. Un “male da debellare” tra violenze, denigrazione e insulti mica da poco
Ticino7
1 mese

Buongiorno, mi presento (segue sorriso)

La faccio breve, sennò va a finire che annoio. Questo è il mio primo numero alla direzione di ‘Ticino7’
Ticino7
1 mese

La trappola del ‘greenwashing’, il lavaggio verde che confonde

Davvero improvvisamente tutto è diventato ‘green’, amico dell’ambiente e della natura, non inquinante, ecologico o biologico?
Ticino7
1 mese

‘La vita è tutta un film’ (una produzione firmata Jack Martin)

L’amore per il cinema nasce da bambino, durante le vacanze in Maremma, quando un amico di famiglia gli fa scoprire i grandi classici. Poi, 10 anni fa...
Ticino7
1 mese

Libri a caso e il premio Alberi Inutilmente Abbattuti)

Tu, amante della lettura, quanti libri non sei mai riuscito a terminare? Di fronte a quanti non sei proprio riuscito a continuare dopo i primi capitoli?
26.12.2020 - 09:00

I panchinari del Metal. 10 dischi da riscoprire

20 gennaio 1982. Des Moines, Iowa. In quella tundra del metal, Ozzy Osbourne stacca la testa a morsi a un pipistrello vivo. È la scintilla...

di Sandro "Tondo" Bassanini e Leonardo Buratti

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, questa settimana (causa festività) allegato del giovedì a laRegione.

Ozzy azzanna un pipistrello vivo, madri e padri di tutto il mondo trovarono la ragione definitiva per seguire la retta via. Quella che passava dalla scomunica della musica Metal. E mentre i genitori cercavano di bandirlo dalle loro placide magioni, ecco che le vendite di cuffie tra gli adolescenti fecero il botto.

La musica del ‘male’

Gli anni Sessanta e Settanta sono stati un’età di ‘certezze’. Alcuni genitori erano certi che i comunisti ci avrebbero rubato le case e mangiato i nostri bebè, parecchi genitori credevano che il Giappone potesse fabbricare solo paccottiglia elettronica da quattro soldi, mentre TUTTI i genitori sapevano che il Metal era il male per i loro figli, un veleno musicale che li avrebbe inevitabilmente spinti verso una vita di odio, droghe, crimini e violenza. Ma il Diabolus in Musica – quel tritono che puoi leggere come una quarta eccedente o una quinta diminuita – stava già fermentando dentro alle melodie dell’epoca, anzi: c’era già dentro da secoli. Arrivati alla fine degli anni Sessanta, mentre la San Francisco del ‘Peace & Love’ cominciava a sfibrarsi, tutto era pronto. Ed eccoci al METAL.
Una volta morso dal metal, lo amerai finché campi. Nella mia vita non ho mai – dico, mai – incontrato un fan del metal che se ne sia allontanato, che abbia ripudiato la sua vecchia vita di metallaro, o che peggio ancora abbia finito per criticarlo. I fan del metal sono in mezzo a voi, e magari nemmeno ve ne accorgete. Sono i commercianti, i medici, i dirigenti, i camionisti, i contadini, i bancari che incontrate ogni giorno (anche il pediatra dei nostri figli? Brividi, ndr). E non pensate che siano solo maschietti. Ovunque ci sono LEGIONI di metallare, e alcune potrebbero essere le vostre madri. I metallari si riconoscono a vicenda, sentiamo quel suono e le nostre teste iniziano a dondolare a ritmo, ci guardiamo e ci sorridiamo, e in un niente ci troviamo ‘horns up’ e ‘headbanging’, e se non sapete di cosa stiamo parlando, impossibile tradurvelo. È una comunità, la nostra, che va oltre qualsiasi barriera economica e sociale.

Avanti signori, non abbiate timore…

La persona con la quale mi trovo qui oggi è non solo un ‘connoisseur’ della musica metal, ma anche il proprietario di una delle collezioni del genere più incredibili al mondo: Leonardo Buratti. La sua ‘caverna del metal’ fa sbavare tutti noialtri metallari. Leonardo gira il mondo alla ricerca del pezzo raro, di quel vinile che brilla come un diamante nella storia. Insieme cercheremo ancora una volta di segnalarvi i ‘panchinari’: quei dischi di metal bellissimi che però pochi apprezzano, eclissati come sono da Black Sabbath, AC/DC, Metallica, Iron Maiden e compagnia bella. Come al solito, vorremmo far avvicinare al genere coloro che magari un po’ lo temono, e condurli così verso una vita criminale, o almeno rovinare per sempre il loro rating creditizio (cit. Frank Zappa, dal brano “Central Scrutinizer”, 1979).

LA CLASSIFICA - di Leonardo Buratti

Grazie per la presentazione Alessandro, troppo gentile, sono soltanto un collezionista, malattia che non auguro davvero a nessuno… e metallaro fino al midollo: mai mi sognerei di abiurare e che Dio (Ronnie James) mi punisca se solo mi venisse un pensiero così impuro. Allora, si parte.

10. Diamond Head, ʻBorrowed Timeʼ (1982)
Tutti i metallari conoscono la NWOBHM (New Wave of British Heavy Metal), movimento di fine anni ’70 inizio anni ’80, che al metal ha dato gli Iron Maiden e i Def Leppard. Membri di quel movimento erano anche i Diamond Head, band britannica che niente aveva da invidiare ai suddetti. Il loro disco più rappresentativo è Borrowed Time, del quale fa parte "Am I Evil", pezzo con un gran tiro, in realtà reso famoso perché coverizzato dai Metallica (‘un gran tiro’ ce lo spiegate poi con calma davanti a un avvocato, grazie, ndr).

9. Death SS, ‘In Death of Steve Sylvester’ (1988)
Andiamo di corsa in Italia. In Italia!? La terra di Albano e Romina e Peppino di Capri? (E la Pausini dove la mettiamo? Ndromagnolo) Italia, terra Metal; e che Metal: i Death SS nascono a Pesaro negli anni ’70, il loro padre-padrone è Steve Sylvester, autore di uno splendido Hard Rock and Heavy che tanti gruppi ha influenzato. Il disco è quello della rinascita del gruppo nel 1988, quando Steve, trasferitosi a Firenze, riprende il gruppo e tira fuori un capolavoro assoluto.

8. Extrema, ʻTension at the Seamsʼ (1993)
Rimaniamo in terra italica, trasferiamoci a Milano. La band di Tommy Massara (grandissimo tifoso milanista: ascoltatevi il loro pezzo “ai tempi del Paron”; sorry, Sandro) spacca: ho scelto il loro primo LP, perché è con questo che li ho conosciuti. Violenza Thrash suonata con un’ottima tecnica. Nel ’93 li vedemmo aprire al Delle Alpi per Megadeth e Metallica. Scusatemi se è poco (si figuri, qua abbiamo ucciso per molto meno, ndr).

7. Cinderella, ʻLong Cold Winterʼ (1988)
Ci spostiamo negli USA, nei gloriosi anni ’80. A quei tempi spopolava il Glam dei Mötley Crüe e dei Poison. Noi invece prendiamo i Cinderella di Tom Keifer, da Philadelphia. Voce graffiante, rock stradaiolo, poco affine con il Glam. Long Cold Winter è il loro secondo album, Hard Rock Blues da smutandarci tutta la California dell’epoca, dove ogni pezzo vale la Billboard 100.

6. Warlock, ʻTriumph and Agonyʼ (1987)
Saltiamo nuovamente di qua dall’oceano e andiamo nella terra dei Nibelunghi. Qui troviamo i Warlock da Düsseldorf (vien da chiedersi se si debba pronunciare ‘uòrlok’ all’inglese o ‘vàrlok’ alla wagneriana, ma non siamo poi così sicuri di volerlo sapere, ndr). La band è capitanata dalla splendida Doro Pesch. Voce graffiante, bionda mozzafiato, con un grandissimo talento nello scrivere pezzi metal. L’album è il loro canto del cigno, poi ci sarà lo scioglimento. Da segnalare "All We Are", anthem da cantare a squarciagola o "Für immer", splendida ballad in tedesco. Quando i Rammstein erano ancora al di là del muro.

5. Sodom - ʻAgent Orangeʼ (1989)
Siamo nella Ruhr (a conti fatti meglio Pesaro, ndr). Qui ci sono tre simpatici signori che hanno scritto la storia del Thrash Metal mondiale, insieme a Kreator e Destruction. Hanno ispirato il loro concept alla guerra del Vietnam. Pubblicato nel 1989, parliamo di un disco che rivaleggia con le composizioni dell’epoca di mostri come Slayer e Testament.

 

4. Coroner, ʻMental Vortexʼ (1991)
Adesso restiamo a casa nostra. Qui sono di parte, ma i Coroner sono una delle migliori band di tutti i tempi. Arrivano da madre Helvetia e possono insegnare il Thrash a tante altre band osannate dal grande pubblico. Semplicemente tre fenomeni. Mental Vortex è il loro album più completo, quello che consiglio di ascoltare per tuffarsi subito nel mondo Coroner.

3. Faster Pussycat- ʻFaster Pussycatʼ (1987)
Da Hollywood, California (scemi noi che credevamo Hollywood, Alta Leventina, ndr) il vero spirito rock di fine anni ’80. I Pussycat erano grandiosi, ma ebbero la sfortuna di uscire contemporaneamente ai Guns’n’Roses di Appetite, e ne furono schiacciati. L’album è il loro omonimo di debutto, e vi porta direttamente dentro il Cathouse, locale sulla strip di Los Angeles, dove trovate tutto quello che avreste cercato in quegli anni.

2. Carnivore - ʻRetaliationʼ (1986)
La prima band di uno degli ultimi geni musicali a stelle e strisce, Peter Steel da Brooklyn. Loro secondo e ultimo album, ottimo Thrash in stile NY con venature hardcore. Il tutto condito da testi estremamente espliciti che parlano del degrado che New York viveva in quegli anni, nell’America di Reagan (per la proprietà transitiva, messa così sembra quasi merito suo, ndr).

1. Gustav Holst - ʻThe Planetsʼ (1916)
Scritto tra il 1914 e il 1916, The Planets è puro terrore Metal. Marte la Guerrafondaia è palesemente materiale da leggenda metallara. Ci siamo tenuti questo titolo per ultimo, nella speranza di convertire al “lato oscuro” almeno un musicista classico. Quanto ai fan di Star Wars che ci stanno leggendo: sappiate che John Williams ha chiaramente copiato da qui la sua "Imperial March".

→ Eccoci alla fine. Ora dovete solo seguire il suggerimento dei Quiet Riot: ‘Bang your head, metal health will drive you mad’.

Nota della Redazione: Ticino7 declina qualsivoglia responsabilità per danni, furti, manomissioni e lesioni personali cagionati da questa lettura o dal conseguente ascolto a esseri umani, animali, piante o amanti del neomelodico.

 

 

 

 

 

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
album band dischi genitori metal musica ozzy osbourne panchinari pipistrello
Guarda 11 immagini e 2 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved