ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
21 ore

Maria del Pilar Cabarcas-Gaberell. Beneficenza, ma con ‘stile’

Dalla doppia nazionalità colombiana e svizzera, la incontro a Paradiso, dove lavora. Vivace, dinamica e solare, non ha mai dimenticato le sue origini
Ticino7
1 gior

Broadcast. Fine delle trasmissioni

Una manciata di album, alcune raccolte, lavori sperimentali e qualche collaborazione. Ma di solo talento non si vive, e senza la buona sorte...
Ticino7
1 gior

Disavventure Latine. Messico: l’ultimo cenote

Tutti a dirmi “vai a fare il bagno in un cenote”. E io ci sono andato, non in uno, ma in quattro. Che cosa sono mo’ ve lo spiego (per chi non lo sapesse).
Ticino7
1 gior

Stevie Wonder, il ragazzo dei miracoli

Siamo nell’ottobre del 1972 e nei negozi arriva “Talking Book”. Stevie aveva 22 anni e 19 dischi alle spalle. Sarà un capolavoro e altri ne seguiranno
Ticino7
1 gior

Dagli Steely Dan a Donald Fagen (o il contrario, se vi pare)

Quanti sono gli album che avete consumato a forza di ascoltarli? Qui ve ne proponiamo un paio, dischi “senza tempo” da ascoltare prendendovi del tempo
Ticino7
1 gior

Orphaned Land. Di metal e di religioni

’Mabool’ è un album del 2004 di un quintetto di metallari israeliani, con testi anche in ebraico e un sacco di religione. Vi suona strano? Ascoltatelo
Ticino7
2 gior

Stefanino Meraviglia e altre meravigliose storie

In caso di dolori di cuore, turbe esistenziali e altri scompensi di natura umana, il brano giusto è quello che ci vuole. Nel dubbio, puntate sui classici
Ticino7
1 sett

Barbara Conrad corre sempre più in alto

Classe 1977, un passo dietro l’altro, un metro di dislivello sopra l’altro, oggi è fra le appassionate di trail e ultra trail più tenaci del Ticino
19.12.2020 - 11:35

Il 2020 peggio di Bin Laden?

L’ultima volta che il periodico "Time" ha messo una X in copertina, sotto c’era il volto di un famigerato terrorista...

di Laura (la Ficcanaso
il-2020-peggio-di-bin-laden

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Prima di Bin Laden, prima del terrorista dei terroristi e prima dell’anno 2020 che si è guadagnato il “riconoscimento” quest’anno, la X su Time era finita sul volto di Abu Mousab al-Zarqawi (giugno 2006), il leader di al-Qaeda in Iraq; su quello di Saddam Hussein (2003); sulla bandiera del Giappone (giugno 1945 dopo la fine della guerra nel Pacifico) e per la prima volta il 7 maggio 1945 sul volto di Hitler. Oggi tocca appunto al 2020, evidentemente considerato un anno di terrore e miseria. 
I geopoliticamente consapevoli, quelli che non si accontentano delle copertine date in pasto al popolo, ma leggono riviste di politica internazionale, ci guardano con sufficienza. Dicono che gli strascichi saranno lunghi e che nulla sarà più come prima. Dicono, quelli consapevoli e analisti, che il 2021 sarà ben più impegnativo perché ci vedrà alle prese con le conseguenze di tutti i colpi che quest’anno abbiamo lavorato per parare e schivare. Ormai abituati all’impensabile – mascherine, solitudine, Natali in poche persone quando vieni da famiglie in cui sotto le quattro persone non ci si siede neanche all’ora di pranzo di un normalissimo martedì infrasettimanale – dovremo gestire il pensabile. Le feste da recuperare, i lavori da ripensare, gli stipendi ridotti, gli orari sbriciolati, la delusione che si accumula.
Sembra un secolo fa e invece era solo la primavera scorsa, quando eravamo barricati in casa e la grande chiedeva: “Se fra tre giorni trovano il vaccino pensi che a fine mese potrò fare la mia festa di compleanno?”. La piccola si pavoneggiava, con quel modo crudele tipico dei bambini: “Io compio gli anni a dicembre, sono molto più fortunata di te”. Solo che la festa non si può fare neppure questa volta, con la differenza che le scuole sono aperte e quello che per noi è un sollievo per i bambini appare come un’aggravante imperdonabile. 
Non credo che il 2020 sia l’anno peggiore di sempre. Anche se di sfighe ne ha messe in fila parecchie e con una costanza ammirabile. Mi scuserete per questa chiusa che mi fa sembrare saggia, mite e – quel che è peggio – ottimista: finché avremo spazio per pensare a come rifarci non ci sarà nulla di irrecuperabile. Abbiamo un credito di felicità e divertimento. Potremo dimenticarlo in un cassetto, come si fa con quei buoni da spendere che si ricevono quando si cambia un regalo sbagliato. Oppure farne tesoro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved