laRegione
il-2020-peggio-di-bin-laden
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

La volpe, l’uva e il racconto di noi

Nella vita i tranelli sono sempre dietro l'angolo (che ve lo dico a fare). Alcuni sono comuni a tutte noi, altri invece capitano solo a poche elette
Ticino7
3 gior

Cristina Di Pietro e la materia

È nata a Locarno e vive a Nivo (Leventina) coi suoi quattro gatti. Ha una folta chioma e una manciata di rasta. Ama lavorare la pietra, ma non è tutto...
Ticino7
3 gior

United Roads of America. Patria, grilletto e milizie

‘We the People’ (noi il popolo) è lʼincipit della Costituzione americana, a cui si rifanno gruppi armati di nazionalisti. Il risultato lo abbiamo visto
Ticino7
3 gior

La mente e i mali invisibili

I disturbi della sfera psichica sono poco conosciuti e quindi fanno paura. Chi ne soffre cerca di non dirlo in giro e si mette ancora più in disparte
Ticino7
3 gior

La telenovela di Franca & Luigi

Mi chiedeva di recente un collega: ma che fine ha fatto la moglie di quel tuo amico? Tutto bene a casa? Eh, magari...
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta

Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci
Ticino7
1 sett

Arianna Tulipani e la sacrosanta difesa del ‘body positive’

“L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo”. Così diceva Gandhi e personalmente lo declinerei pure al femminile. Lo sa bene Arianna
Ticino7
1 sett

Povertà. La pandemia in Ticino vista dai margini

Con SOS Ticino scopriamo come vive il confinamento e le difficoltà chi si trova escluso dai contesti sociali più favorevoli. Tanti sono donne, uomini e bambini con storie di migrazione.
Ticino7
19.12.2020 - 11:350

Il 2020 peggio di Bin Laden?

L’ultima volta che il periodico "Time" ha messo una X in copertina, sotto c’era il volto di un famigerato terrorista...

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Prima di Bin Laden, prima del terrorista dei terroristi e prima dell’anno 2020 che si è guadagnato il “riconoscimento” quest’anno, la X su Time era finita sul volto di Abu Mousab al-Zarqawi (giugno 2006), il leader di al-Qaeda in Iraq; su quello di Saddam Hussein (2003); sulla bandiera del Giappone (giugno 1945 dopo la fine della guerra nel Pacifico) e per la prima volta il 7 maggio 1945 sul volto di Hitler. Oggi tocca appunto al 2020, evidentemente considerato un anno di terrore e miseria. 
I geopoliticamente consapevoli, quelli che non si accontentano delle copertine date in pasto al popolo, ma leggono riviste di politica internazionale, ci guardano con sufficienza. Dicono che gli strascichi saranno lunghi e che nulla sarà più come prima. Dicono, quelli consapevoli e analisti, che il 2021 sarà ben più impegnativo perché ci vedrà alle prese con le conseguenze di tutti i colpi che quest’anno abbiamo lavorato per parare e schivare. Ormai abituati all’impensabile – mascherine, solitudine, Natali in poche persone quando vieni da famiglie in cui sotto le quattro persone non ci si siede neanche all’ora di pranzo di un normalissimo martedì infrasettimanale – dovremo gestire il pensabile. Le feste da recuperare, i lavori da ripensare, gli stipendi ridotti, gli orari sbriciolati, la delusione che si accumula.
Sembra un secolo fa e invece era solo la primavera scorsa, quando eravamo barricati in casa e la grande chiedeva: “Se fra tre giorni trovano il vaccino pensi che a fine mese potrò fare la mia festa di compleanno?”. La piccola si pavoneggiava, con quel modo crudele tipico dei bambini: “Io compio gli anni a dicembre, sono molto più fortunata di te”. Solo che la festa non si può fare neppure questa volta, con la differenza che le scuole sono aperte e quello che per noi è un sollievo per i bambini appare come un’aggravante imperdonabile. 
Non credo che il 2020 sia l’anno peggiore di sempre. Anche se di sfighe ne ha messe in fila parecchie e con una costanza ammirabile. Mi scuserete per questa chiusa che mi fa sembrare saggia, mite e – quel che è peggio – ottimista: finché avremo spazio per pensare a come rifarci non ci sarà nulla di irrecuperabile. Abbiamo un credito di felicità e divertimento. Potremo dimenticarlo in un cassetto, come si fa con quei buoni da spendere che si ricevono quando si cambia un regalo sbagliato. Oppure farne tesoro.

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved