nel-giardino-delle-fragole-fortis-ricorda-lennon
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Live in Ticino. Voci da ‘strani’ concerti del secolo scorso

Una musica ‘fatta apposta per causare la sovreccitazione di cervelli ancora in formazione (...) meno resistenti a vibrazioni ritmate’? Ok, è solo r’n’roll
Ticino7
5 gior

Musica per adulti. Genitore avvisato, ragazzi salvati?

Sesso, droghe, alcool, occultismo, morte, violenze. Il mondo delle arti ne è pieno, e la musica pop e rock li cavalca da sempre. Poi 37 anni fa...
Ticino7
5 gior

Spartiti proibiti (alcuni sì, altri meno)

Sono peggio le droghe visionarie dei Greatful Dead o la sessualità cantata da Jane Birkin?
Ticino7
1 sett

Francesca Cavallo. Essere forti abbastanza

Imprenditrice, scrittrice, attivista, vive a Roma con Dopamina, una gatta. Ha appena pubblicato “Ho un fuoco nel cassetto”, un libro (anche) sulla libertà
Ticino7
1 sett

Locarno souvenir (cartoline dal Festival)

“Quando vai a cena con il diavolo, portati un cucchiaio molto lungo…”. Dal Presidentissimo a Ken Loach, ricordi e aneddoti da Piazza Grande (e dintorni)
Ticino7
1 sett

Bella sì, ma non vuota dentro

“La pelle è lo specchio della tua anima”, mi dicevano. Per questo mi sono rivolta a chi se ne intende (in attesa di fare poi due conti, anche economici)
Ticino7
1 sett

Come trovare una ‘gallina dalle uova d’oro’

Le storie migliori sono quelle di tutti i giorni. E il cinema lo sa bene
Ticino7
2 sett

Pallone e ‘coming out’. L’esempio di Jake Daniels

Certe cose sono dure a morire. Prendete il mondo del calcio professionistico e l’omosessualità, un binomio che a moltissimi fa storcere parecchio il naso
Ticino7
2 sett

Turismo alpino e sicurezza. Ma una volta eravamo ‘più bravi’?

E così, oggi, le montagne sarebbero frequentate da gente sprovveduta e incurante del pericolo... Ma il problema forse è un altro
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine. Messico: Francesca fugge dalla muerte

Continua il viaggio e non mancano le sorprese. Come in quel bar dove, già pronto a rinfrescarmi con una birretta, mi dicono che “No, oggi non si beve”...
Ticino7
2 sett

Bambini di genere

A lui piaceva il calcio, ma ai compagni non andava giù che a scuola preferisse giocare con le bimbe. Un bel problema...
Ticino7
3 sett

Nomadismo digitale. L’ultima frontiera della società liquida

Per tutti sono giovani professionisti senza fissa dimora che viaggiano per il mondo continuando a lavorare grazie alla connessione internet. Tutto qui?
Ticino7
3 sett

Il talento, la rete e le speranze di Fabiana Mottis

La pallavolo è uno sport “di famiglia” a casa sua. Ma per raggiungere certi livelli sono la costanza, l’impegno e la dedizione a fare la differenza
Ticino7
3 sett

X, Y, Z, @, # (e tutto quello che sarà)

Sì, è vero: le cose non stanno andando proprio benissimo. Ma non scoraggiamoci, dai...
Ticino7
1 mese

1962-2022: Sympathy for the Rolling Stones

Il 12 luglio del 1962 Mick Jagger e soci salgono su un palco londinese. Icone del rock mondiale, ne ricordiamo gli esordi e i primi – immortali – lavori
Ticino7
1 mese

La vita ‘segreta’ di Tidy Minghetti

Milano, Boston e ancora Milano, posto dal quale poi girare il mondo come ‘voce ufficiale’ di Versace. Almeno fino al 15 luglio 1997, poi...
Ticino7
1 mese

C’è Satisfaction anche dietro le quinte

“Le nozze di Jagger furono la festa più squallida nella storia del rock e in quella del matrimonio”
Ticino7
1 mese

L’arte e l’etica di Lisa Lubrini

Possono il mondo della moda e la sensibilità ambientale dialogare ed essere “produttivi”? Certo, e l’esperienza di questa giovane creativa lo conferma
Ticino7
1 mese

Economia. Dai tulipani al Metaverso (e ritorno)

Fra il 1634 e il 1637 si formò – e rapidamente implose – la prima, catastrofica bolla finanziaria storicamente registrata. Che cosa ci ha insegnato?
Ticino7
1 mese

La storia, i petali e le spine

Parafrasando Marzullo: il denaro aiuta a vivere o si vive per il denaro? La seconda, salvo imprevisti
Ticino7
1 mese

Francesco Aiello. Lo spirito, oltre il corpo

‘Il nostro corpo recepisce le vibrazioni meglio di qualsiasi altra cosa. Siamo degli esseri vibranti e ogni vibrazione ha un influsso sul nostro corpo’
Ticino7
1 mese

Vai col campeggio! (con alcune regole e tanto buon senso)

Dall’invenzione di questa modalità turistica al successo delle strutture ticinesi: cosa c’è dietro al boom della “tenda”?
Ticino7
1 mese

Viaggia che ti passa

Muoversi, anche a zonzo, aiuta ad allargare i propri orizzonti. Ma sempre con coscienza e rispetto
12.12.2020 - 17:35

Nel giardino delle fragole. Fortis ricorda Lennon

Nel 1982 il cantautore italiano pubblica un album dedicato al Beatles ucciso nell'80 a New York. Ecco la genesi del disco (e altre emozioni)

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

New England Patriots-Miami Dolphins. È il Monday Night dell’8 dicembre 1980, le 23 circa, ora locale; il match è sul 13-13 a pochi secondi dalla fine dei tempi regolamentari e il kicker dei Patriots John Smith ha nei piedi il calcio che può valere l’incontro. Per Abc Sports commentano Don Meredith, Howard Cosell e Frank Gifford. È quest’ultimo che avvisa di un’ultim’ora confermata da Abc News, lasciando il microfono a Cosell: “Ricordate che questa è solo una partita di football, non è importante chi vince e chi perde”, dice in diretta il collega, che “il più famoso di tutti i Beatles” lo aveva intervistato in occasione di un precedente Monday Night. È Howard Cosell ad annunciare che John Lennon è stato ucciso. “L’Abc lo seppe da uno dei suoi reporter, che si era trovato al pronto soccorso per un incidente di moto nello stesso momento in cui tentarono di rianimare Lennon”. È Alberto Fortis a raccontarci i dettagli, lui che nel dicembre del 1980 si trovava negli Stati Uniti per la prima volta, e a Los Angeles apprese della tragica fine di Lennon dalla tv: “Ricordo la reazione d’incredulità generale. E di come la donna con la quale stavo al tempo scoppiò in lacrime. Sintetizzo così quel momento che cambiò la storia della musica e non solo”.

Il padre e il figlio

Non è soltanto per Fragole infinite, album del 1982 dedicato all’ex Beatles, che si cerca Alberto Fortis quando c’è da parlare di Lennon. Non è nemmeno per la somiglianza fisica (basta un paio d’occhiali rotondi con le lenti nere ed è fatta). È perché nella musica di Fortis Lennon aleggia, ritorna, parla: “Quello che ho con lui – racconta l’artista italiano – è un rapporto strano. Fino alla sua morte, pur adorando io i Beatles, non avevo nei suoi confronti quel sentire che poi mi avrebbe dato insegnamenti artistici e di vita”. Un rapporto che arriva da molto lontano: “A 5 anni, nel 1960, prima ancora che i Beatles esplodessero, nel giardino della mia casa di famiglia a Domodossola avevo il mio angolo segreto, il mio avatar, che era l’area in cui mia madre coltivava le fragole. Mai avrei pensato che vent’anni dopo mi sarei ritrovato a registrare nella Sala 2 degli Abbey Road Studios di Londra e a cantare ‘Fragole infinite’ nello stesso microfono in cui John Lennon registrò ‘Strawberry Fields Forever’ ”. Per gentile concessione, e supervisione, di Sir George Martin, ‘il quinto Beatle’: “L’album fu prodotto insieme al maestro Claudio Fabi, papà di Niccolò e sì, avemmo l’onore di avere la supervisione di George Martin che convocò il quartetto d’archi della London Philarmonic Orchestra, di cui il maestro più anziano, il primo violino, aveva partecipato ad album come Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band e Abbey Road. Un sogno diventato realtà”. Lennon tornerà nella vita di Fortis a fine anni Ottanta sotto forma di Julian, primogenito di John, con lui per una settimana ai Power Plant Studios di New York dove si registrava Assolutamente tuo, ottavo album dell’italiano prodotto con Carlos Alomar, già (e molto a lungo) con David Bowie: “Julian arrivò con l’intenzione di fermarsi un pomeriggio e tornò ogni giorno. Forse lui non capiva la grande emozione che io provavo in quei momenti...”.

Con i grandi

È risaputo. La notte dell’8 dicembre 1980, a cadere sotto i colpi di Mark David Chapman furono l’artista ma pure il pacifista, il politico, l’uomo coraggioso e scomodo: “Sì, e infatti – continua Fortis – qualche dubbio sulla meccanica dell’assassinio rimane. Senza fare i complottisti a tutti i costi, il dossier di Lennon era sui tavoli della Cia, ed era una priorità. Lennon era inviso al governo americano, poteva portare un milione di persone in Central Park, si batteva contro la guerra in Vietnam, contro un certo tipo di establishment. Ancora una volta, ecco l’arte che diventa la voce del collettivo sano, non la protesta gratuita a tutti i costi. Quindi, va bene il disadattato pazzo, ma qualche ombra intorno all’omicidio ancora regge”. 
Per Fortis, Lennon sta con Ghandi e Kennedy, accomunati in ‘Queen Mary’, su Angeldom (2001). E i tre, con l’aggiunta di Martin Luther King, stanno anche in ‘Tu lo sai’ da Do l’anima (2014). In mezzo, da West of Broadway (1985), ‘Immagina che’, ‘Imagine’ in lingua italiana: “Sì, Lennon torna in questa sorta di mantra che ho avuto il piacere di riproporre in alcune mie canzoni perché, soprattutto in periodi come questi, penso che queste figure servano come insegnamenti di vita, soprattutto in una materia come l’arte che passa attraverso mille filtri e manipolazioni e che forse sfugge un po’ dall’essere, come accaduto in altri periodi della storia, la punta dell’iceberg di esigenze sociali, ideologiche, emotive, collettive”. 

Quella possibile ʻreunionʼ

Per finire, destinatario anche Alberto Fortis, quella richiesta un po’ morbosa di sapere cosa canterebbe oggi John Lennon se il “disadattato pazzo” si fosse limitato a chiedere l’autografo: “Ho partecipato giorni fa a una bellissima kermesse per l’8 dicembre creando, è la bellezza del web, un ponte tra Domodossola e Austin, Texas, eseguendo in duo ‘Imagine’ con Patricia Rodriguez, sorella di Robert Rodriguez, regista amico di Tarantino. In quell’occasione ho ascoltato reazioni a 360 gradi su cosa Lennon avrebbe potuto esprimere, insegnare ancora oggi. Personalmente, credo che avrebbe avuto un ritorno molto sentimentale alle sue origini, vista quella che parve al tempo la sua volontà di tornare a Liverpool. Magari non stabilmente, ma riallacciando determinati ponti con il passato. Io ho il sospetto che, al di là del suo essere con lo sguardo dritto verso la letteratura e il cinema, Lennon avrebbe creato una reunion con Paul McCartney e con il figlio Julian. E con Ringo Starr, che alla reunion si era detto disponibile, per quella che, credo, sarebbe stata una parvenza di New Beatles”.

UN ARTISTA IN 2 PAROLE

È un quarantennale di vita quello festeggiato da Alberto Fortis nel 2018 con la pubblicazione di 4Fortys, due dischi di vita artistica con tre inediti, versioni nuove dei suoi classici e, sul primo disco, l’album d’esordio sonato live piano e voce e integrato dal racconto dello stesso autore. Album imprescindibile, Alberto Fortis del 1979, assai diretto sin dall’apertura, quella ‘A voi romani’ che ai romani (“Brutta banda di ruffiani e di intriganti”) proprio non andò giù. Era l’album de ‘La sedia di lillà’ e de ‘Il Duomo di notte’ , dove il Duomo era quello di Milano e la Milano era quella di ‘Milano e Vincenzo’ , ovvero Vincenzo Micocci, talent scout accusato da Fortis di averlo parcheggiato a lungo prima di dargli una chance. Querelle che si risolse presto e, a sigillo della pace, la pubblicazione nel 2009 dell’autobiografia del Micocci intitolata… Vincenzo io ti ammazzerò. La storia dell’uomo che inventò i cantautori, in cui il discografico si fece scrivere la prefazione dal suo ‘assassino’…

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alberto fortis album dedicato john lennon musica italiana new york ucciso
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved