laRegione
la-linea-del-tempo-e-il-se-narrativo
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

La volpe, l’uva e il racconto di noi

Nella vita i tranelli sono sempre dietro l'angolo (che ve lo dico a fare). Alcuni sono comuni a tutte noi, altri invece capitano solo a poche elette
Ticino7
3 gior

Cristina Di Pietro e la materia

È nata a Locarno e vive a Nivo (Leventina) coi suoi quattro gatti. Ha una folta chioma e una manciata di rasta. Ama lavorare la pietra, ma non è tutto...
Ticino7
3 gior

United Roads of America. Patria, grilletto e milizie

‘We the People’ (noi il popolo) è lʼincipit della Costituzione americana, a cui si rifanno gruppi armati di nazionalisti. Il risultato lo abbiamo visto
Ticino7
3 gior

La mente e i mali invisibili

I disturbi della sfera psichica sono poco conosciuti e quindi fanno paura. Chi ne soffre cerca di non dirlo in giro e si mette ancora più in disparte
Ticino7
3 gior

La telenovela di Franca & Luigi

Mi chiedeva di recente un collega: ma che fine ha fatto la moglie di quel tuo amico? Tutto bene a casa? Eh, magari...
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta

Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci
Ticino7
1 sett

Arianna Tulipani e la sacrosanta difesa del ‘body positive’

“L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo”. Così diceva Gandhi e personalmente lo declinerei pure al femminile. Lo sa bene Arianna
Ticino7
1 sett

Povertà. La pandemia in Ticino vista dai margini

Con SOS Ticino scopriamo come vive il confinamento e le difficoltà chi si trova escluso dai contesti sociali più favorevoli. Tanti sono donne, uomini e bambini con storie di migrazione.
Ticino7
1 sett

Trump, il boia federale e le carceri strapiene

L’ultima volta accadde in America quando in Europa non era ancora stata inaugurata la torre Eiffel e stava per nascere Adolf Hitler. Gennaio 1889.
Ticino7
1 sett

Il Natale, il virus e la prostituta di Tom Waits

Un bilancio delle feste, tra dubbi esistenziali e una 'cartolina da una battona di Minneapolis'
Ticino7
2 sett

Sandro Matasci. Tra cemento, vigna e pennelli

Dalla diga del Luzzone alla Stazione Fart di Muralto: i ricordi di un ingegnere civile con una grande passione per la pittura e la viticoltura
Ticino7
2 sett

Metti un po' di Fontaines nel tuo smartphone

Passare dall'indimenticato John Peel ai giovani irlandesi Fontaines D.C. il passo è breve, se provi a riscoprire la genialità dei The Fall
Ticino7
2 sett

Le parole (dell’anno) sono importanti

"Resilienza: capacità di fare fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita...". Ok, e la famosa crisi?
Ticino7
2 sett

Noi, nell'epoca del capitalismo della sorveglianza

Li chiamano Big Data, in pratica sono una sterminata raccolta di informazioni, spesso molto personali, dal valore commerciale enorme. Tanta roba insomma...
Ticino7
2 sett

Sulla pandemia ‘è l'ora della verità’ (cin cin)

Il cenone del 31 dicembre loro lo hanno fatto. Un momento di normalità, per ribadire che "non ce la raccontano mica giusta quelli lì".
Ticino7
3 sett

I panchinari del Metal. 10 dischi da riscoprire

20 gennaio 1982. Des Moines, Iowa. In quella tundra del metal, Ozzy Osbourne stacca la testa a morsi a un pipistrello vivo. È la scintilla...
Ticino7
3 sett

Informazione. La via dei "social" alternativi

Preservare la razza, cospirazioni, teorie pseudoscientifiche, complotti. Il mondo dell’internet è diventato un immondezzaio? Fortunatamente no...
Ticino7
3 sett

"La rouso" - Un racconto di Giorgio Genetelli

“A renn ala roisgio, la rouso l’é modigo ma orouso c’a piou”. Ecco. Ma ecco cosa, che non si capisce niente! Tu capisci?
Ticino7
3 sett

Alla vigilia di quel che resta

Questo Natale sarà tutto e il contrario di tutto, credetemi. Per esempio, provate a pensare a come apparirà la vostra tavolata (così silenziosa)?
Ticino7
3 sett

La storia di Lidia e Agata

Una mamma e una figlia ospiti del Centro di accoglienza Casa Astra di Mendrisio si raccontano. Perché non sempre Natale fa rima con serenità
Ticino7
3 sett

2021: andrà tutto meglio

Doveva essere un anno come tutti gli altri, è diventato un incubo planetario. Che per fortuna finirà (dice il calendario).
Ticino7
4 sett

Tradizioni. Come nasce un presepe

Sandro Delmuè da Biasca. Un sacrestano con la passione per il muschio
Ticino7
1 mese

La Nascita di Gesù è un’occasione

Nella sua enciclica Papa Francesco ci ricorda, tra l'altro, come di fronte alle tragedie "nessuno si salva da solo". Uniti possiamo farcela
Ticino7
1 mese

United Roads of America. Fame, obesità e cibo

C’è più fame oggi negli USA rispetto al 1998. Complici pandemia e stillicidio di posti di lavoro, anche l'alimentazione ne risente pesantemente
Ticino7
1 mese

Casa Astra. Per chi non ha più un tetto

Chi sono le persone che in Ticino si ritrovano a non avere più un alloggio? Per quali motivi questo avviene? E che fine fanno?
Ticino7
1 mese

Il 2020 peggio di Bin Laden?

L’ultima volta che il periodico "Time" ha messo una X in copertina, sotto c’era il volto di un famigerato terrorista...
Ticino7
1 mese

Trovare un senso (anche al Natale)

Amore fraterno, semplicità e gioia. Il pensiero di San Francesco d’Assisi si conferma di scottante attualità. Parola di Papa Francesco.
Ticino7
1 mese

Nel giardino delle fragole. Fortis ricorda Lennon

Nel 1982 il cantautore italiano pubblica un album dedicato al Beatles ucciso nell'80 a New York. Ecco la genesi del disco (e altre emozioni)
Ticino7
1 mese

Ma chi te l’ha chiesto?

"Ora vivo da solo in questa casa buia e desolata / il tempo che dava l'amore lo tengo solo per me / ogni volta in cui ti penso mangio ..."
Ticino7
1 mese

Assi di cuori, assi di picche. Una vita senza sesso

Costituirebbero almeno lʼ1% della popolazione, ma nessuna etichetta pare essere in grado di delinearne con precisione profilo e comportamenti sociali
Ticino7
1 mese

Sul tinteggio e la mazza nostrana

Albano Zuffi di Ponto Valentino: imbianchino e salumiere ʻper la sopravvivenza dei miei clientiʼ. Perché del maiale lui non butta niente
Ticino7
1 mese

Una storia di passioni inattese

«M’hai detto: ti amo. Ti dissi: aspetta. Stavo per dirti: eccomi. Tu m’hai detto: vattene»
Ticino7
1 mese

Che tempo che fa (conduce Luca Panziera)

È una delle voci che giornalmente fanno capolino fra un radiogiornale e l'altro. Perché se piove o non piove, nevica o meno, è un po' colpa sua...
Ticino7
1 mese

United Roads of America. Le armi, l'altra epidemia

La Pandemia continua a colpire duramente gli Stati Uniti. Purtroppo, contro altre piaghe mortali di antidoti all'orizzonte non se ne vedono
Ticino7
28.11.2020 - 17:350
Aggiornamento : 01.12.2020 - 11:57

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Cʼè una procedura che qualche volta gli psicoterapeuti propongono ai loro pazienti all'inizio di un percorso: si chiama ‘la linea del tempo’ ed è un esercizio molto semplice. Consiste nel tracciare un grafico cartesiano dove lʼasse orizzontale rappresenta il tempo e quello verticale il gradiente (positivo, neutro o negativo) di un evento. Il terapeuta chiede alla persona di collocare nellʼarea del grafico quelli che ritiene essere gli episodi più salienti della sua esistenza fino a quel momento. Quello che segue, di solito, è molto interessante…

Dapprima con mano incerta, poi più sicura, la persona inizia ad annotare gli episodi più salienti della sua vita: come il trasferimento in un’altra città, la separazione dei genitori, la morte di una nonna, la nascita di un fratello... Alcuni fatti vengono cancellati, spostati in avanti o all’indietro, più in alto o più in basso: il primo giorno di scuola, “quando la mia squadra ha perso il torneo di pallavolo”, “quella volta che sono scappato di casa”... la scala del tempo viene accorciata o allungata (“quell’anno lì sono successe un sacco di cose importanti”) e gradualmente la rappresentazione sinottica della storia di vita della persona assume una conformazione più precisa. Emergono le pietre angolari, i punti di svolta, gli iati, brevi o lunghi, in cui apparentemente non accade nulla, e mentre la persona è impegnata a registrare in maniera puntiforme i ricordi selezionati, capita anche che tracci delle connessioni fra gli eventi, oppure che ne colga di nuove per la prima volta in quel momento. I punti si uniscono e formano figure, sequenze, trame, e da queste scaturiscono significati, interpretazioni, letture, anche contraddittorie, di quanto è accaduto e perché. E si aprono le sliding doors di come le cose sarebbero andate “se avessi inviato la candidatura per quel lavoro in un altro paese” o “se quella sera non fossi andato a quel concerto, dove poi ho conosciuto mia moglie”. 

Tessere l’esistenza

Secondo Michele Crossley, autrice di un’introduzione alla psicologia narrativa (Introducing narrative psychology, McGraw-Hill Education, 2000), “la nostra esperienza assume automaticamente una forma temporalmente articolata nella quale futuro, presente e passato si determinano reciprocamente come parti di un tutto”, ragione per cui la psicologia umana avrebbe una struttura essenzialmente narrativa. Tuttavia, “il testo letterario trasmette un senso di struttura e di ordine perché gli eventi che formano la storia sono stati messi lì dall’autore mentre gli elementi contraddittori o incoerenti sono stati eliminati. Al contrario di quanto avviene nell’accurata composizione di una storia, la vita non può vantare questo tipo di struttura. […] mentre la storia ha un contratto implicito con l’ordine, la vita non ha niente del genere”. Cionondimeno, nel momento in cui, immersi nel flusso di coscienza del nostro dialogo interiore, ci raccontiamo quello che abbiamo vissuto, o lo riportiamo ad altri, ci comportiamo un po’ come degli autori, selezionando od omettendo in maniera più o meno conscia alcuni elementi, alla ricerca istintiva di una migliore coerenza interna. “Dettagli discordanti non vengono tagliati fuori ma semplicemente spinti sullo sfondo, messi in serbo per dopo, ordinati per importanza. E di chi è la voce del narratore che dà conto di tutto questo? La nostra, naturalmente. Nel pianificare i nostri giorni e le nostre vite, noi componiamo le storie e i drammi che metteremo in atto determinandone il punto focale e l’intento, in base ai quali distinguere fra figura e sfondo” (Carr, 1991).
In questa prospettiva, l’identità personale è una sofisticata narrazione che andiamo abilmente intessendo da quando abbiamo preso coscienza di esistere (quindi a partire più o meno dai tre anni di età). È una storia che raccontiamo e perfezioniamo continuamente, a beneficio di noi stessi e degli altri, apportando ogni volta impercettibili aggiustamenti di cui non siamo neppure consapevoli. La memoria, sulla quale il senso d’identità personale si fonda, non è infatti quell’elegante libreria statica che ci piace immaginare, bensì un processo di adattamento continuo ai dati esperienziali che in ogni momento vengono integrati al fine di mantenere una coerenza di significato interna: il fil rouge che si diparte dal momento in cui per la prima volta ci siamo riconosciuti allo specchio fino alla rappresentazione attuale di noi per come ci conosciamo. 

Ricomporre il tutto. O almeno provarci

Questo filo rosso scorre in filigrana attraverso l’esperienza quotidiana e vi siamo così abituati che neanche ce ne accorgiamo. Tipicamente, è solo a fronte di un evento traumatico, suscettibile cioè d’imporre una discontinuità nello svolgersi del “discorso”, che ne diventiamo drammaticamente coscienti. È il caso, per esempio, di quando si riceve una diagnosi infausta: un avvenimento sconvolgente viene a interrompere la nostra routinaria attitudine a proiettarci verso il futuro. In alcune circostanze, quando per esempio il trauma viene sperimentato in età infantile o adolescenziale, quando viene reiterato nel tempo, quando è di natura relazionale, il suo effetto “dirompente” può essere tale da determinare delle discontinuità anche a livello dell’identità personale, la cui “narrazione” viene per così dire scissa in trame diverse. È il caso del disturbo dissociativo dell’identità, precedentemente noto come disturbo da personalità multipla, nel quale l’individuo sperimenta una frammentazione del senso d’identità personale. Le amnesie, le fughe dissociative, il percepire dentro di sé “voci” che non vengono riconosciute come proprie (per esempio, quella di un bambino) sono tutti sintomi di una difficoltà a integrare in un senso di sé “unitario” parti di un’esperienza che, non potendo essere metabolizzata, viene di fatto dissociata. Nei casi più severi, queste “parti” dissociate possono organizzarsi in identità parzialmente autonome, ciascuna con la propria “storia di vita”, dove le diverse “versioni” del sé corrispondono spesso agli aspetti inconciliabili di una stessa vicenda. Di qui la valenza fortemente terapeutica, per le persone che hanno subito un trauma psicologico, di arrivare a raccontare in maniera integrata quanto è accaduto loro in modo da ripristinare quel senso di continuità “storica” su cui, metaforicamente, poggiamo i piedi. E nel riallacciare quel filo che si era spezzato, scoprire nuovi significati, elementi inediti, un diverso punto di vista...

La ʻqualità’ dei temi

Ma il modo in cui raccontiamo noi stessi e la nostra storia non è importante solo nel caso delle esperienze traumatiche: la qualità di questa narrativa autobiografica “implicita” tende a “informare” trasversalmente il senso di benessere e realizzazione personale. Esaminando gli studi svolti sull’argomento, un gruppo di ricercatori (Adler et al., 2016) ha individuato quattro elementi ricorrenti: due di tipo tematico (temi affettivi e motivazionali) e due “di processo” (integrazione del significato e grado di strutturazione), ciascuno dei quali risulta correlato al benessere psicologico. 
I temi affettivi sono la componente emotiva della narrazione e tendono a cambiare dall’inizio alla fine della storia, polarizzandosi tipicamente sulla dinamica del riscatto individuale (movimento dal negativo al positivo) o della contaminazione (dal positivo al negativo). Anche i temi motivazionali sono molto frequenti e sembrano oscillare fra senso di efficacia (autonomia, auto-determinazione) e senso di appartenenza (rapporti interpersonali, comunità). Il modo in cui i nuovi dati esperienziali vengono integrati nell’ambito della “storia” può privilegiare un processo di “assimilazione” (che tende a lasciare invariata la trama preesistente) oppure di “accomodamento” (che richiede una revisione, parziale o sostanziale, della trama sviluppata fino a quel momento al fine di capitalizzare le nuove informazioni). Infine, il grado di strutturazione indica la coerenza interna della storia, il suo essere consequenziale e non (eccessivamente) contraddittoria, come invece capita quando il sé è traumatizzato. 
Una ricerca estensiva (McLean et al. 2019) ha posto a verifica la relazione fra queste caratteristiche e il benessere psicologico, con risultati in parte inaspettati. In primo luogo, i temi affettivi declinati sulla dinamica del riscatto sono quelli che correlano maggiormente con la salute mentale, cosa che non stupisce considerata la centralità delle emozioni nella nostra economia psichica e il senso di direzionalità conferitoci dall’avere una motivazione. Al contrario, il grado d’integrazione del significato risulta importante per lo sviluppo dell’identità, ma non comporta automaticamente dei vantaggi. “Possiamo comprendere noi stessi e il nostro passato, ma questa comprensione non garantisce benessere, a meno che non si accompagni a un’interpretazione positiva di quanto è accaduto” (McLean et al., “The structure of narrative identity”, Journal of Personality and Social Psychology, pag. 44).

PICCOLI E GRANDI MITI

La tendenza a “raccontare storie” è connaturata all’essere umano, avendo noi una mente simbolica organizzata in forma linguistica. Si parla a tale proposito di “funzione mitopoietica” dell’inconscio, ovvero della capacità – o necessità – d’inventare miti e leggende che interpretino – e dunque mettano ordine – nell’apparente caoticità dell’esperienza quotidiana. Non a caso, quando raccontiamo una nostra vicissitudine a qualcuno, tendiamo a definirla “un’Odissea”... 

LA STORIA CHE CI SALVERÀ

La psicologia narrativa è un orientamento, configuratosi a partire dagli anni Settanta del secolo scorso, che studia come gli esseri umani “fabbrichino” storie per comprendere la propria esperienza. L’espressione è stata coniata dallo psicologo Theodore R. Sarbin (Narrative psychology: The storied nature of human conduct, Praeger Publishers/Greenwood Publishing Group, 1986) secondo il quale la narrativa è “il principio organizzatore” dell’azione umana”, in quanto gli esseri umani cercano continuamente d’imporre una struttura al flusso dell’esperienza. In questa prospettiva, l’auto-dissimulazione, la tendenza cioè a nascondere aspetti di noi stessi giudicati negativi o “inconciliabili” è una “competenza” al servizio del mantenimento (o potenziamento) della propria identità narrativa. Si tratterebbe cioè di una ricostruzione della propria storia ad opera della persona che ne è protagonista. 
Muovendo da questa considerazione, un altro autore (Murray M., Narrative psychology and narrative analysis, 2003) afferma che “attraverso la narrativa, non ci limitiamo a dare una forma al mondo e a noi stessi, ma ne modifichiamo le caratteristiche in accordo alla trama che stiamo seguendo”. Spingendosi ancora oltre, McAdams et al. (Identity and story: Creating self in narrative, American Psychological Association, 2006) sostengono che le persone conferiscano senso alla propria esistenza attraverso la costruzione e l’interiorizzazione di storie che ci definiscono a partire dall’adolescenza e dalla prima giovinezza, e che quindi “le nostre vite potrebbero essere il prodotto delle storie che raccontiamo”.

 

 

 

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved