laRegione
quelle-stranezze-del-mondo-animale
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
8 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
11 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
14 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
17 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
1 sett

Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre

Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
1 sett

Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto

Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...
Ticino7
2 sett

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
2 sett

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
Ticino7
2 sett

Alberto Pellanda ti prende per la gola

È panettiere, pasticciere e anche confettiere. Gestisce l’attività di famiglia a Intragna, dove è nato 44 anni fa.
Ticino7
2 sett

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?
Ticino7
2 sett

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare
Ticino7
3 sett

Quella "fortuna" di Victoria

Una famiglia siriana, una guerra assurda e senza fine, una casa che non c'è più. Poi la dea bendata volge lo sguardo, questa volta dalla parte giusta
Ticino7
3 sett

Il Metodo Mathieu: essere ragazzi al "Tempo delle mele"

Ovvero, quando i sogni diventavano la vera quotidianità. Perché essere giovani (mica fingere di esserlo) è la cosa più bella del mondo, si sa...
Ticino7
21.11.2020 - 14:500

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

C’è un ragno che è un bravo pescatore, pesca insetti, è il Deinopidae (immagine in basso) ha corpo e zampe molto allungati e costruisce la sua ragnatela fra le estremità delle zampe, in modo da poterla contrarre ed estendere a piacere. In inglese viene chiamato net-casting spider, cioè ragno che getta la rete, in quanto allargando le zampe può avvolgere la preda nella propria tela e la sua eccellente visione notturna lo aiuta a scorgere e afferrare le prede con precisione.
Per rimanere nel mondo animale vi è una falena che vive a rate! La Gynaephora groenlandica è un’eccezione nel mondo dei lepidotteri che sappiamo bene sono animali dalla scarsa longevità se si considera lo stadio adulto che spesso non supera i pochi giorni o i pochi mesi. Questa falena vive per ben 14 anni e vive nelle condizioni estreme del Circolo Polare Artico, sopravvivendo anche a temperature di -60 °C e lo fa vivendo a rate; il bruco può infatti nutrirsi nella tundra solo durante la brevissima estate artica nel mese di giugno, dopodiché per sopravvivere è costretto a congelarsi degradando i mitocondri delle proprie cellule, per risintetizzarli nella successiva estate, quando potrà continuare ad accrescersi. In questo modo il bruco passa in ibernazione quasi il 95% della sua vita e arriva a svilupparsi anche nell’arco di 14 estati, approfittando del poco tempo a disposizione e poi ricongelandosi, finché, alla fine, può effettuare la metamorfosi all’interno di un bozzolo di seta e diventare adulto, per vivere i suoi ultimi giorni. Insomma la vita trova sempre un modo per vincere anche negli habitat più estremi.

Roba da fantascienza

Alcune strategie del mondo animale sono messe in atto per difendersi, come il caso del coleottero bombardiere (immagine in basso) che se disturbato spruzza in modo esplosivo dall’addome un miscuglio di sostanze prodotte da speciali ghiandole. Queste sostanze, che possono essere indirizzate in qualsiasi direzione, raggiungono la temperatura di 100 °C e sono in grado di allontanare qualsiasi predatore, causando a volte perfino cecità o morte, o dolore per i grandi animali come noi.
Ci sono anche strategie per rimanere sempre vigili seppur dormendo anche in volo o sott’acqua: il rondone che torna in Europa dall’Africa, per esempio, si addormenta in volo facendo riposare un emisfero cerebrale per volta così da regolare il volo. Sale a grandi altezze poi plana ad ali distese e, mantenendo una velocità di rotta pari a 8-10 metri al secondo, scende molto lentamente compiendo grandi circonferenze, per poi risalire e così via. Essendo uccelli migratori passano quasi tutta la vita in volo, tutto del loro corpo è fatto per volare, perfino le zampe sono molto corte e inadatte per camminare a terra, tanto da attribuire loro il nome scientifico Apus apus che significa “senza piedi”, in riferimento al fatto che osservato da lontano il rondone può sembrare privo di zampe, così non si posa mai al suolo. 

Anche i cetacei, come per esempio i delfini, dormono con solo metà del cervello. Sono mammiferi ben adatti alla vita acquatica, ma possedendo polmoni sono costretti a tornare in superficie per respirare. Dato che dormono circa 8 ore al giorno per respirare devono dormire solo con un emisfero cerebrale per volta, così da rimanere coscienti e risalire ogni tanto per respirare.
Ma continuiamo con altre stranezze del mondo animale; il kiwi è un piccolo uccello della Nuova Zelanda, senza coda, con le ali ridotte a due piccoli moncherini, narici poste sulla punta del becco e non alla base come negli altri uccelli. La particolarità più grande è che produce un uovo molto grande rispetto al proprio corpo, di circa 180 mm di lunghezza e 80 di diametro, di 1/4 del peso totale della femmina. L’uovo è grande 10 volte un uovo di gallina, nonostante il kiwi abbia la stessa taglia. 

E infine dobbiamo citare il mollusco marino nordamericano Elysia chlorotica, che sa come stupire gli scienziati (immagine sopra). Questo sorprendente animale si nutre di alghe che raschia sul fondo, ma quando queste vengono a mancare non si fa problemi: riesce a compiere la fotosintesi clorofilliana, il processo che consente a un organismo di trasformare la luce solare in energia utilizzabile dall’organismo stesso. Insomma, la fotosintesi clorofilliana (un processo tipico delle piante) viene svolta anche da un animale e questo grazie proprio alle alghe di cui si nutre, poiché è riuscito ad appropriarsi dei loro geni responsabili della produzione di clorofilla e dei cloroplasti. In questo modo può superare senza problemi anche 10 mesi senza cibo, basta che nella sua vita abbia mangiato almeno una volta queste alghe per prenderne i cloroplasti e che vi sia un po’ di luce solare.

 

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved