quelle-stranezze-del-mondo-animale
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 ore

I social, la savana e i leoni da tastiera

Il meccanismo è sempre lo stesso: qualcuno la spara grossa e scrive cose che altrove forse mai direbbe. Ma odio chiama odio, e il piatto è servito...
Ticino7
3 ore

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
1 gior

Piccola storia dei certificati lasciapassare

Vaccinati o non vaccinati, oggi il problema è garantire a tutti la libertà di potersi muovere (non solo per bazzicare una spiaggia). Un tema vecchio come il mondo
Ticino7
1 gior

Tra chiacchiere, chiappe e vaccini

In un compleanno estivo che raduna compagni di scuola o parenti, si parla solo di quello. E solo uno stolto può pensare che il campo non sia minato
Ticino7
2 gior

La cultura (vista da Martina Gamboni)

Gira, visita e racconta il territorio a modo suo. Animo contagioso e aperto, la potete incontrare a 'Cultura a spasso Ticino', una comunità che vive di passioni
Ticino7
2 gior

Nei social il silenzio paga

Non volete alimentare il fuoco dell’odio? Evitate di gettare nuova benzina, semplice
Ticino7
5 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
5 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
1 sett

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
1 sett

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
1 sett

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
1 sett

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
2 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
2 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
2 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
2 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
21.11.2020 - 14:500

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

C’è un ragno che è un bravo pescatore, pesca insetti, è il Deinopidae (immagine in basso) ha corpo e zampe molto allungati e costruisce la sua ragnatela fra le estremità delle zampe, in modo da poterla contrarre ed estendere a piacere. In inglese viene chiamato net-casting spider, cioè ragno che getta la rete, in quanto allargando le zampe può avvolgere la preda nella propria tela e la sua eccellente visione notturna lo aiuta a scorgere e afferrare le prede con precisione.
Per rimanere nel mondo animale vi è una falena che vive a rate! La Gynaephora groenlandica è un’eccezione nel mondo dei lepidotteri che sappiamo bene sono animali dalla scarsa longevità se si considera lo stadio adulto che spesso non supera i pochi giorni o i pochi mesi. Questa falena vive per ben 14 anni e vive nelle condizioni estreme del Circolo Polare Artico, sopravvivendo anche a temperature di -60 °C e lo fa vivendo a rate; il bruco può infatti nutrirsi nella tundra solo durante la brevissima estate artica nel mese di giugno, dopodiché per sopravvivere è costretto a congelarsi degradando i mitocondri delle proprie cellule, per risintetizzarli nella successiva estate, quando potrà continuare ad accrescersi. In questo modo il bruco passa in ibernazione quasi il 95% della sua vita e arriva a svilupparsi anche nell’arco di 14 estati, approfittando del poco tempo a disposizione e poi ricongelandosi, finché, alla fine, può effettuare la metamorfosi all’interno di un bozzolo di seta e diventare adulto, per vivere i suoi ultimi giorni. Insomma la vita trova sempre un modo per vincere anche negli habitat più estremi.

Roba da fantascienza

Alcune strategie del mondo animale sono messe in atto per difendersi, come il caso del coleottero bombardiere (immagine in basso) che se disturbato spruzza in modo esplosivo dall’addome un miscuglio di sostanze prodotte da speciali ghiandole. Queste sostanze, che possono essere indirizzate in qualsiasi direzione, raggiungono la temperatura di 100 °C e sono in grado di allontanare qualsiasi predatore, causando a volte perfino cecità o morte, o dolore per i grandi animali come noi.
Ci sono anche strategie per rimanere sempre vigili seppur dormendo anche in volo o sott’acqua: il rondone che torna in Europa dall’Africa, per esempio, si addormenta in volo facendo riposare un emisfero cerebrale per volta così da regolare il volo. Sale a grandi altezze poi plana ad ali distese e, mantenendo una velocità di rotta pari a 8-10 metri al secondo, scende molto lentamente compiendo grandi circonferenze, per poi risalire e così via. Essendo uccelli migratori passano quasi tutta la vita in volo, tutto del loro corpo è fatto per volare, perfino le zampe sono molto corte e inadatte per camminare a terra, tanto da attribuire loro il nome scientifico Apus apus che significa “senza piedi”, in riferimento al fatto che osservato da lontano il rondone può sembrare privo di zampe, così non si posa mai al suolo. 

Anche i cetacei, come per esempio i delfini, dormono con solo metà del cervello. Sono mammiferi ben adatti alla vita acquatica, ma possedendo polmoni sono costretti a tornare in superficie per respirare. Dato che dormono circa 8 ore al giorno per respirare devono dormire solo con un emisfero cerebrale per volta, così da rimanere coscienti e risalire ogni tanto per respirare.
Ma continuiamo con altre stranezze del mondo animale; il kiwi è un piccolo uccello della Nuova Zelanda, senza coda, con le ali ridotte a due piccoli moncherini, narici poste sulla punta del becco e non alla base come negli altri uccelli. La particolarità più grande è che produce un uovo molto grande rispetto al proprio corpo, di circa 180 mm di lunghezza e 80 di diametro, di 1/4 del peso totale della femmina. L’uovo è grande 10 volte un uovo di gallina, nonostante il kiwi abbia la stessa taglia. 

E infine dobbiamo citare il mollusco marino nordamericano Elysia chlorotica, che sa come stupire gli scienziati (immagine sopra). Questo sorprendente animale si nutre di alghe che raschia sul fondo, ma quando queste vengono a mancare non si fa problemi: riesce a compiere la fotosintesi clorofilliana, il processo che consente a un organismo di trasformare la luce solare in energia utilizzabile dall’organismo stesso. Insomma, la fotosintesi clorofilliana (un processo tipico delle piante) viene svolta anche da un animale e questo grazie proprio alle alghe di cui si nutre, poiché è riuscito ad appropriarsi dei loro geni responsabili della produzione di clorofilla e dei cloroplasti. In questo modo può superare senza problemi anche 10 mesi senza cibo, basta che nella sua vita abbia mangiato almeno una volta queste alghe per prenderne i cloroplasti e che vi sia un po’ di luce solare.

 

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved