molino-nuovo-o-l-estetica-delle-rovine
© Igor Ponti
Via Giacomo Brentani (un particolare delle fotografia originale)
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 gior

Sul telecomando e la (solita) nostalgia

Cresciute coi cartoni giapponesi dove le pallavoliste si allenavano "catene ai polsi", pretendiamo di spacciare la sofferenza come valore. Ma a chi?
Ticino7
2 gior

I palchi di Ursula Rampoldi

Il suo è un mestiere fatto di carne, ossa ed emozioni, per dirla con le parole di uno dei suoi utenti. E una buona dose di umanità
Ticino7
2 gior

Un sabato ticinese. In compagnia di Sergio Caputo

Anche se "il peggio (non) sembra essere passato" (come cantava), ecco alcune battute del nostro eroe sulla musica e quel che sarà
Ticino7
2 gior

Sì, è tutta colpa di Johnny

Il trucco dell’amico immaginario non è roba per svitati: è una strategia per stare al mondo e trovare ʻrisposteʼ. A meno che gli scopi non siano altri...
Ticino7
2 gior

United Roads of America. Ecco la bestia nucleare

Il Titan Missile Museum si trova nel deserto del sud dellʼArizona, semi-nascosto tra i cactus. Se volete capire cosa era la Guerra Fredda, venite con noi
Ticino7
2 gior

Fake news: disinformazione (ma di casa nostra)

Tra i portali accusati di diffondere notizie false e/o "poco veritiere", alcuni sono svizzeri. Ma chi sono e cosa scrivono?
Ticino7
1 sett

Naomi Brunschwig: dal Messico ai gioielli

È cresciuta in un rustico nei boschi della Val Colla. Nei suoi geni è rimasto tutto l’amore per l’oggetto decorativo e per la creazione artigianale
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso e quello che non possiamo permetterci

“Oh che belle, ma lei che lavoro fa?”. La cortese signora del negozio parlava delle mie scarpe: eh, certe cose fanno ancora la "differenza"...
GALLERY
Ticino7
1 sett

Clarence, Martin e il capitolo della “Black History”

Ogni anno, il mese dedicato alla storia e al ruolo degli Afroamericani è febbraio. Ma il mio fu a giugno. Era il 2016, a Louisville, in Kentucky.
Ticino7
1 sett

Cosa significa davvero avere una malattia rara

Tra casse malati che non rimborsano i farmaci, sofferenza fisica e mentale, gente che non capisce. Alcune testimonianze
Ticino7
1 sett

Non pensare al Carnevale, non pensare all’elefante

A Bellinzona le fotografie dei vecchi carnevali cercano di lenire il nostro senso di vuoto. Ma che fatica
Ticino7
2 sett

Parchi per bambini: a che gioco giochiamo?

ʻIl gioco sa innalzarsi a vette di bellezza e di santità che la serietà non raggiungeʼ. Per questo progettare spazi stimolanti e originali è fondamentale
Ticino7
2 sett

Jole Agostinetti. Una signora da "palco"

Per decenni è stata nella sala del Gran Consiglio. Ora saluta l’amministrazione cantonale, che non perde solo una segretaria ma un punto di riferimento
Ticino7
2 sett

Le lettere di Clooney e le stanze di ‘Clubhouse’

Chi vive in una relazione di copia lo sa: ogni tanto è meglio laciar perdere. E se hai qualcosa da dire, scrivilo (per il bene di tutti e a futura memoria)
Ticino7
2 sett

L’effetto farfalla (al dente)

Quando si scambia il massacro di un popolo per un villaggio vacanze, tutto è possibile. E per lavarsi la coscienza basta una spolverata di parmigiano
Ticino7
2 sett

Un tipaccio con le frecce spuntate

Girano voci che causa pandemia questʼanno Cupido colpirà molto meno. E forse è meglio così, visti i tempi.
Ticino7
2 sett

Che dite, ma esiste davvero il Punto G?

No, e secondo la sessuologa Isabel Londoño questa è una buona notizia. Per sfatare questo e altri "miti" legati al piacere femminile leggete un po' qui...
Ticino7
2 sett

Brasile. Surfate l’onda!

Mentre in Europa il Covid-19 continua a far tremare, le spiagge di Rio de Janeiro sono letteralmente prese d’assalto da cacciatori di ben altre onde
Ticino7
3 sett

Lodovico Brioschi e il commercio online

Dal Ticino all'Inghilterra, da Londra al Brasile, una storia d'intraprendenza e scelte coraggiose. E sul mercato digitale ha le idee molto chiare...
Ticino7
3 sett

Ne ho abbastanza delle bambine ribelli

Meglio crescere con lo stereotipo del lupo cattivo e della principessa addormentata o essere svezzati a manuali di valori giusti e buoni sentimenti?
Ticino7
3 sett

Storie di zucche che brillano di luce propria

Come nella fiaba di Cenerentola abbiamo un castello, una ragazza (Letizia Cislini Ferrari) e una zucca. Che però qui non si trasforma in carrozza
Ticino7
3 sett

Il sesso è tra noi (e non se lo sono inventato "i ragazzi")

I giovani sono la rappresentazione del mondo creato loro dagli adulti. E di che ci meravigliamo, dunque?
Ticino7
3 sett

Educare Kamala Harris

La nuova vice americana è nata nel 1964. E in un mondo dove sono tutti in giro con gli scarponcini ortopedici, lei mantiene un "profilo" assai più basso...
Ticino7
1 mese

L'arte di vivere per Marta Margnetti

Abitare, vivere e creare nell’era della pandemia. In attesa che una nuova normalità ridefinisca le nostre vite (e porti nuove forze nelle nostre scelte)
Ticino7
1 mese

1984: un anno da non dimenticare

Tra Orwell e Bowie, nella trappola del tempo incontri sempre chi non ti aspetti. Scherzi del destino o di "qualcuno" che dall'alto ti osserva impietoso?
Ticino7
1 mese

Il ‘romanzo’ della filologa Carla Rossi

Ha fondato a Lugano "Receptio", un centro di ricerca dove vivono curiosità e libri antichi. Si definisce ʻtransnazionaleʼ, un po' come la scrittura...
Ticino7
1 mese

Senegal. Una rete d'acqua per la vita

L’Ong luganese Associazione Cooperazione Essere Umani ha portato l'acqua dove non c'era. Due suoi membri raccontano la genesi e l’impatto del progetto
Ticino7
1 mese

L'acqua e altre gocce di civiltà

‘Lo Spirito di Dio aleggiava sulla superficie delle acque’, si legge nella Genesi: e quando lʼacqua non cʼè?
Ticino7
1 mese

L'oggetto della settimana è l'anfibio (inteso come calzatura)

La società che oggi è proprietaria del marchio vuole sbarcare in Borsa. In pratica l'unico luogo in cui ancora non si erano visti i Dr. Martens...
Ticino7
14.11.2020 - 14:500
Aggiornamento : 17.11.2020 - 11:09

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

“Ho la fama di essere uno che fa foto di cose brutte”. Messa giù così, non è esattamente la frase che ci aspetteremmo di leggere sul biglietto da visita d’un fotografo. Ma la prospettiva cambia se a dircelo è Igor Ponti. Uno il cui lavoro – in effetti e grazie al cielo – non parte dalla bellezza esotica, dalle tenerezze a buon mercato, dall’intimismo saturo dell’instagrammabile. Il suo è un mondo fatto di palazzoni, parcheggi, muri vecchi e nuovi. Un cartellone qua, un alberello malconcio là, magari un autolavaggio o un distributore di benzina. Il tutto senza neppure indulgere in un’altrettanto onnipresente, estetizzante ‘pornografia delle rovine’. “Cose brutte”, in un certo senso, ma anche ricche di frammenti che parlano di noi, nel bene e nel male. Cocci aguzzi di bottiglia, direbbe il poeta. “Mi interessa mostrare il territorio per com’è e per come riflette le persone che lo abitano”, spiega; un modo per “indovinare come vivono andando a vedere dove” e magari “notare quello che altrimenti tendiamo a rimuovere”. Succede che l’operazione è a volte illuminante, altre allusiva, altre ancora piuttosto dolorosa.

Spazio e tempo

Perché mentre la nostra mente tende a concentrarsi su verdi montagne o bei laghetti pur di convincerci a tutti i costi di stare in paradiso, Ponti ci riporta a quel paesaggio urbano confuso, sghembo e a volte squallido nel quale in realtà molti di noi passano gran parte del loro tempo. “Non per giudicare, ma per far vedere che questo è ciò che abbiamo attorno”, con le sue stratificazioni di edifici e oggetti che “forse, all’epoca in cui sono sorti, sembravano il non plus ultra e oggi invece non lo sono più”. Perché “le persone cambiano idee, lavori, opinioni, attività, modi di relazionarsi col prossimo”, e il segno di questo andare avanti – e di ciò che ci lasciamo dietro – “resta impresso nei luoghi nei quali viviamo, forse ancor più che nel modo in cui ci raccontiamo e ci vestiamo”. Così, per esempio, “i bagni di dieci città diverse testimoniano dieci storie a loro volta differenti, che nessuna omologazione riesce ancora a nascondere”.
Lo spazio che si fa tempo e viceversa, a voler proprio filosofare. È seguendo questo solco che Ponti – luganese, classe 1981 – ha girato le strade di Molino Nuovo, per documentare l’affastellarsi di diverse epoche nello stesso contesto cittadino, il più denso di tutta Lugano. Un proposito che “ti mette sempre di fronte a un lavoro incompiuto, perché il territorio, ovvero tutto quello che sta fuori dalla porta di casa tua, cambia sempre”; sicché “ogni documentazione che se ne fa è allo stesso tempo attuale e incompleta”. Per portare a casa qualcosa, allora, c’è anche bisogno di darsi dei limiti senza i quali “l’aspetto narcisistico di questo lavoro” rischierebbe di degenerare in onanismo retorico. Nel suo caso quei limiti autoimposti si ritrovano nella scelta – già distintiva in lavori quali Looking for Identity (2014) e Foce (2016) – di lavorare con cavalletto e banco ottico, vincolandosi a un approccio statico e molto poco ‘portatile’, che “mi permette di tracciare i confini entro i quali lavorare in maniera creativa, anche istintiva e caotica, ma senza dispersioni né distorsioni, in modo il più possibile fedele a quello che vede l’occhio umano”. Si tratta, spiega Ponti con un’espressione che non a caso ricorda il mondo dell’edilizia, di “tenere le linee ‘in bolla’”. Il risultato è una ricerca che passa dalla geometria dei palazzi, dalla grana dei materiali, ma anche dall’involontario effetto ironico di certi dettagli: il cespuglio che spunta da un marciapiede, il colore acceso dell’insegna d’un garage.
“È un modo di lavorare che può sembrare un po’ anacronistico: c’è chi mi dice che gli ricorda gli anni Settanta. Ma mi serve a osservare meglio come le trasformazioni sociali si riflettano su Lugano”.


© Igor Ponti

La città-memoria

Tanto più che alcune di quelle trasformazioni fa parte della sua esperienza personale: “Il mio primo ricordo di Molino Nuovo è legato a quando ero piccolo e mio padre mi portava in un grandissimo negozio di materiale da hockey, che ora ha chiuso. A Molino Nuovo ho frequentato il Csia (Centro Scolastico per le Industrie Artistiche, ndr), quando ancora stava sopra al Migrolino. Mi ricordo le prime feste al Conservatorio di scienze audiovisive, il Cisa, in un palazzo che adesso hanno buttato giù. E anche il mio primo studio e la mia prima casa, un appartamento ricavato in una vecchia villa dell’Ottocento, coi soffitti alti e il parquet a lisca di pesce. Hanno buttato giù anche quella. Si vede che dove passo io non cresce più l’erba…”. Scherzi – malinconici – a parte, nasce anche da qui la voglia di raccontare un posto nel quale “è iniziata la mia vita adulta”. Un quartiere popolare che ancora oggi resta unico nella realtà ticinese: “Quando vivevo qui amavo gli odori diversi di una comunità che vedeva affiancati il pakistano e l’italiano, il ticinese e il portoghese. Provavo la sensazione di avere tutto a portata di mano: le botteghe, la cartoleria, la pizzeria, il kebab. Un posto piccolo, ma grande. Lo so che suona strano, ma mi sembra un po’ Brooklyn”.
Ecco, un’altra cosa da sapere è che l’immaginario di Ponti è completamente permeato da quell’egemonia culturale americana che d’altronde domina tutta la nostra generazione, quella di chi è ‘venuto grande’ tra anni Ottanta e Novanta: “Sono un europeo che fotografa come un americano, anche se in America non ci ho mai vissuto”, dice con qualche rimpianto; “sono cresciuto con l’idea di essere nato nel posto sbagliato”, guardando sempre dall’altra parte dell’Atlantico. Non rida, il lettore più avvezzo a banalizzare la cultura ‘yankee’ alla luce d’una presunta superiorità europea: piaccia o no, dell’America siamo ancora la periferia, e allora tanto vale conoscerne il centro (o le altre periferie possibili). Così, nelle foto di queste pagine capita di scorgere un uomo e una vetrina da Edward Hopper, o certi ‘paesaggi sociali’ di Lee Friedlander. Anche se per Ponti l’America è anche l’A-Team e Michael Jordan, Bo & Luke, Charles Bukowski. E poi lo skate, che ha plasmato il suo modo di vivere la città (e al quale ha dedicato un altro libro, Skate Generation nel 2009): “Crescere come skater vuol dire guardare, connettere gli oggetti e l’arredo urbano in modo diverso”, vedere una rampa per saltare o un tienimano per far correre la tavola “in elementi concepiti per usi completamente diversi”. Uno sguardo rovesciante che poi, anche da fotografi, proprio per la sua originalità “può significare un sacco di frustrazioni, perché naturalmente non tutti vediamo le stesse cose con gli stessi occhi. A livello di autopromozione, scegliere di concentrarsi su certe cose e di raccontarle in questo modo è un po’ come darsi una martellata sulle palle”. 

Sviluppo o tragedia?

E in effetti non ce lo vediamo Ponti a fotografare modelle e salotti, men che meno il nostro matrimonio (piuttosto, il nostro divorzio). Ma quella martellata rompe il guscio di superficialità col quale (non) guardiamo le nostre città. Certe immagini ci spingono a pensare dove mai avessimo gli occhi e la testa negli ultimi cinquant’anni o giù di lì, mentre sul territorio si addensava un Tetris di edifici incoerenti, tutti più o meno avviati lungo l’impietosa parabola che corre veloce dalla lucente modernità a un sommesso, spesso goffo, più raramente romantico squallore: “Oltre mezzo secolo di sviluppo senza nessuna pianificazione urbana, con risultati che in certi casi meriterebbero una denuncia contro ignoti” , la tocca piano. Anche se la sua, Ponti si affretta ad aggiungere, “non è una fotografia di denuncia. Non so nemmeno se esista, una cosa del genere. Magari c’è anche un po’ la speranza che qualcuno guardi e pensi che forse è ora di cambiare qualcosa, ma la critica sociale non è il mio obiettivo. E il giudizio, se dev’esserci, spetta proprio a chi guarda”. In effetti, l’impressione è che quelle inquadrature né troppo distanti, né troppo asfittiche rendano la densità urbana senza per questo vagheggiare chissà quale passato bucolico. È vero che Molino Nuovo è il posto in cui “ancora cinquant’anni fa mio papà veniva a far fieno”, ma in queste immagini si sente più Tom Waits che il ragazzo della via Gluck. Quello di Ponti è allora “uno sguardo vernacular”, come dicono – ancora una volta meglio di tutti – gli americani: ovvero “attento a raccontare gli oggetti di tutti i giorni. Nel mio caso, i paesaggi. Tutto sommato, qualcosa di semplice e familiare”. Perché in fondo è di casa nostra, che si parla qui.

LA MOSTRA - ʻGeografia del Tempoʼ di Igor Ponti

Gli scatti del fotografo Igor Ponti presenti in queste pagine fanno parte di un’esposizione visitabile (rispettando le normative sanitarie anti Covid-19 vigenti) negli spazi della Galleria del Ristorante Canvetto Luganese, aperto dal martedì al sabato, dalle 8.30 alle 23. La mostra celebra i vent’anni del Canvetto a Molino Nuovo.
Canvetto Luganese, via Rinaldo Simen 14b, Lugano: le fotografie sono visibili fino al 27 febbraio 2021. Per il programma e ulteriori informazioni vi rimandiamo al sito cultura.canvettoluganese.ch.

 

 

© Igor Ponti
Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved