laRegione
burger-king-e-l-amore-da-whopper
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
12 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
15 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
19 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
14.11.2020 - 17:250
Aggiornamento : 17.11.2020 - 10:50

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

In questa landa incerta in cui un pezzo del parentado è in lockdown e un altro è in allarme da “come faremo a Natale”, festeggiamo almeno la liberazione dai buoni sentimenti. Oggi vogliamo solo uscirne (e uscire): ingrati, ottusi e cinici come sempre siamo stati. Eppure, il marketing “col cuore in mano” scalda ancora gli animi. Lo ha dimostrato Burger King, con un manifesto in cui invitava a ordinare da un rivale storico come McDonald’s (e in senso lato da qualunque altro ristorante), per sostenere un settore in enorme crisi durante la pandemia. Nei giorni in cui realizzavo di avere tantissimi conoscenti esperti di politica statunitense e scatenati fan di Joe Biden, conoscevo anche una marea di esperti di comunicazione e profondi conoscitori del settore ristorazione. A nessuno è venuto in mente di osservare che ordinare delivery significa spesso foraggiare società che sfruttano le persone che consegnano, perché ancora una volta ci era stata venduta un’idea bellissima nel modo più efficace, ossia senza volerlo fare esplicitamente. 


Una pubblicità anni Ottanta: per la serie i consigli e l'esperienza contano (anche se le creme non ti servono, fortuna tua)


La blogger L’Estetista Cinica insegna tutte le volte che ti dice che non devi sprecare soldi. Se il destino ti ha dato in sorte un sedere importante nessuna crema anticellulite ti trasformerà nella Hunziker della pubblicità di Roberta. È nell’esatto momento in cui ti dice questo che decidi di investire su una crema viso e scegli la sua. Perché ti ha detto una grande e pacificante verità. 
Alcune di noi si sono spesso sentite Burger King in campo sentimentale: non rincorrerli, torneranno da te, strisceranno ai tuoi piedi conquistati dalla nobiltà d’animo che esprimi nel non abbassarti a far loro la corte. Fai la splendida: niente coltello tra i denti per conquistare il mercato, solo tanta verità per far rafforzare il marchio e farne quello che gli esperti definirebbero un “love brand”. Investire sui valori e allo stesso tempo non dimenticare mai di curare il prodotto. Perché i valori non bastano se la customer experience non è soddisfacente. Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi si passano le giornate in attività fastidiose e inutili. Come quella di togliere i cetriolini dal Whopper. 

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved