laRegione
trattalo-male-per-piacere-il-masochista-della-porta-accanto
Particolare della locandina del film "La Vénus à la fourrure" di R. Polanski (1993)
+2
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
12 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
15 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
18 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
1 sett

Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre

Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
2 sett

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
2 sett

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
Ticino7
2 sett

Alberto Pellanda ti prende per la gola

È panettiere, pasticciere e anche confettiere. Gestisce l’attività di famiglia a Intragna, dove è nato 44 anni fa.
Ticino7
2 sett

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?
Ticino7
2 sett

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare
Ticino7
3 sett

Quella "fortuna" di Victoria

Una famiglia siriana, una guerra assurda e senza fine, una casa che non c'è più. Poi la dea bendata volge lo sguardo, questa volta dalla parte giusta
Ticino7
3 sett

Il Metodo Mathieu: essere ragazzi al "Tempo delle mele"

Ovvero, quando i sogni diventavano la vera quotidianità. Perché essere giovani (mica fingere di esserlo) è la cosa più bella del mondo, si sa...
Ticino7
3 sett

E il futuro del lavoro? Sarà donna

Secondo molti esperti, tipicamente ‘femminili’ sono le competenze che saranno sempre più richieste in ambito professionale. Anche agli uomini.
Ticino7
3 sett

Emily e la meraviglia del corpo (che cambia)

Anche John Fante non se lo spiegava: "Quella cosa era dentro di lei e lei era remota, sdegnosa e beata". Che poi, più che un mistero e solo la vita.
Ticino7
3 sett

La sindrome del faggio (perché odiamo le foglie che cadono?)

Inizia a perdere il fogliame da metà ottobre. Improvvisamente. Che scende pacatamente, come lievi pensieri e ricordi, per lunghe settimane
Ticino7
3 sett

United Roads of America: il voto visto dall'ombelico

Il giornalista della RSI Emiliano Bos ci porta nel cuore del paese, a poche ore dall'elezione del nuovo inquilino della Casa Bianca
Ticino7
4 sett

Tic. Scatti, smorfie e altre prove di comunicazione

Un periodo di stanchezza, uno stato di prolungata tensione, ed ecco che una palpebra inizia a muoversi per conto suo. Perché?
Ticino7
4 sett

Confinamento. Per te, ma non per tutti

Chiudere tutto, aprire tutto. Fate un po' come vi pare, ma vedete di non complicarmi troppo la vita (di quella degli altri mi frega meno...)
Ticino7
4 sett

La montagna capovolta (una storia di sopravvivenza)

"La notte non dà tregua e quando sbuca il mattino tutto sembra tremolare e i larici svengono..."
Ticino7
4 sett

Manuela Bieri: io, loro e ciò che sarà

Un'esistenza piena come gli scaffali di una libreria. E poi, quando meno te lo aspetti, ecco il battito di una nuova vita. E il viaggio continua.
Ticino7
4 sett

Ridere con gli occhi

Prima, quando erano arrabbiati, c'era sempre la vecchia cuffia da bagno rossa della nonna da indossare (e si capiva l'aria che tirava). Ma i tempi sono cambiati...
Ticino7
1 mese

Ricordando Giovanni Boggini

"Un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.
Ticino7
1 mese

QAnon: i complottisti e Donald Trump

Immaginate i Clinton e Obama a capo di una setta satanista, con divi del cinema, il Papa e il Dalai Lama. No, non è la trama di un film...
Ticino7
1 mese

Di bronchi e shampoo

Se non ti cambi le mutande ogni giorno, ripeteva sempre mia nonna, come farai il giorno in cui ti porteranno in ospedale?
Ticino7
1 mese

Per capire il Kosovo

Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
1 mese

La pandemia e le strategie asettiche

La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
1 mese

This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola

I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
17.11.2020 - 11:070
Aggiornamento : 13:17

Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto

Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...

Cento franchi per una prestazione ‘normale’, 240 se c’è violenza; queste più o meno sono le tariffe di una prostituta in Ticino. Negli ambienti sado-maso il rapporto sessuale normale si chiama ‘vanilla’, perché è dolce e soft. Fra i giochi violenti, invece, a volte non cʼè nemmeno penetrazione. Si può capire dunque perché molte prostitute si stiano formando per diventare dominatrici: più soldi, più frustini, meno rapporti sessuali completi. E forse anche meno rischi.

Cominciamo col fare un po’ di chiarezza. Ci aiuta Isabel Londoño, medico di famiglia e sessuologa, che da tre anni lavora per Zona Protetta all’interno del progetto Primis, per la salute sessuale delle persone che in Ticino offrono servizi erotici. Spiega che dopo il romanzo e il film Cinquanta sfumature di grigio l’erotismo estremo è diventato un fenomeno di cui si può parlare. La comunità Bdsm (Bondage [legare], Dominazione, Sado-Masochismo) si è sentita offesa dal film perché non rispetta il suo codice etico: chi vive il Bdsm ha regole molto chiare che si basano su fiducia e rispetto e possono riassumersi in tre parole: salute, sicurezza e consenso. “Cinquanta sfumature mostra un rapporto di dominazione imposta che è in disaccordo con l’etica della comunità”, spiega la dottoressa Londoño, “però ha permesso a molte persone di sentirne parlare e soprattutto di capire che tutti possono avere fantasie di questo tipo senza essere anormali. Numerosi sondaggi d’altronde dimostrano che circa il 60% della popolazione sogna un tipo di relazione erotica con elementi di violenza, anche se poi non li mette in pratica”. 

I modi del dominare

Ci sono persone che vivono il Bdsm come un orientamento sessuale al pari dell’omosessualità, cioè una tendenza che si esplicita fin dalla pubertà e il modo di vivere la coppia e il piacere intimo. Si tratta però di una comunità ristretta, mentre più folto è il gruppo di chi integra nel proprio ventaglio di giochi erotici anche pratiche “estreme”. “Chi offre servizi sessuali ci racconta che i clienti chiedono spesso prestazioni del genere”, afferma Londoño. “Noi consigliamo sempre di fare una formazione apposita, perché è molto pericoloso. Quando loro stessi devono assumere il ruolo di sottomessi, rischiano traumi a causa della violenza fisica e di quella psicologica. Quando è il cliente che desidera essere sottomesso, c’è invece il pericolo di mandarlo all’ospedale o addirittura di ucciderlo; per legare, picchiare, strangolare, seviziare qualcuno senza fargli troppo male bisogna conoscere le tecniche giuste”, fa notare la dottoressa Londoño. Non è sufficiente usare la parola d’ordine per smettere o i tre colori del semaforo per indicare al dominatore se può continuare, se si è arrivati al limite o se deve fermarsi. 


La copertina dello storico saggio di Michael Leigh, apparso nel 1963, che indagava i comportamenti sessuali e le perversioni degli adulti americani. Il titolo e i contenuti del volume ispirarono anche il cantante e chitarrista Lou Reed per il nome del gruppo fondato a NY con l'amico John Cale, i Velvet Underground.

Dominatrici senza sesso

Visto che questa tendenza negli ultimi anni è venuta allo scoperto, nella foresta di internet sono spuntate come funghi pagine e pagine di mistress, cioè ragazze che schiavizzano uomini disposti a pagare per essere umiliati. Potrà sembrare strano, ma quello che va per la maggiore è la dominazione finanziaria: in pratica uno paga per farsi spillare soldi. Eva Dea, studentessa universitaria, è una delle money mistress più seguite del web. Sul suo sito internet, pubblico, scrive, tra le altre cose: “Non sono qui per farvi da psicologa o da badante, ma per fottervi il portafoglio. Mi presento: già a 12 anni avevo un’indole dominante e i miei compagni si trovavano a portarmi lo zaino per un semplice mio sorriso. Quello che voi ora dovete fare è darmi del Lei e sbavare come cagnette. Sono io che faccio le richieste. Voi provvederete al mio divino benessere e se sarete servi con la S maiuscola dopo otto mesi potrete forse incontrarmi di persona. Do un senso alle vostre vite di esserini nati per servire ragazze come me e che senza una Dea non sarebbero nemmeno degnati di uno sguardo. Schiavi, prostratevi”. Le dominatrici finanziarie umiliano i clienti chiedendo denaro e mostrando poi come questo viene sperperato in quisquilie e lussi vari. In cambio dei regali, i money-masochisti ricevono umiliazioni telefoniche, parole sprezzanti e foto di piedi da adorare. Le mistress che ricevono i clienti dal vivo non danno mai prestazioni sessuali, bensì si limitano a far richieste sadico-creative, come per esempio leccare tacchi a spillo sporchi, introdurre oggetti nell’ano, procurarsi dolore da soli. E proprio questo crea il piacere di chi le paga: non è una truffa, è un contratto.

Dominazione come terapia

Più rare ma in crescita sono le prodomme, che sta per Professional Dominatrix, figura nata qualche anno fa a New York e diffusasi per lo più negli Stati Uniti, in Inghilterra e Spagna. Si tratta di persone (per lo più donne) che si definiscono life coach e “guidano” il cliente con strategie estremamente autoritarie. Gente che non trova lavoro, che fatica a perdere peso o non riesce a smettere di bere, può rivolgersi a queste signore col frustino che con ogni mezzo (quasi) impongono l’obbedienza. Il metodo consiste nel togliere responsabilità al loro paziente e di accollarsi il controllo della situazione. “Giocano con la paura, come quando da bambini si temevano le sgridate della mamma e allora si faceva anche quello che non si aveva voglia di fare” spiega Isabel Londoño. “I clienti spesso sono persone che hanno già provato vari percorsi che non hanno funzionato. Certo questo può essere un metodo più efficace, perché qualcuno decide al posto tuo e perché le punizioni o le multe se non raggiungi gli obiettivi prefissati possono essere molto pesanti; molti si chiedono però se oltre al risultato si raggiunge anche un cambiamento benefico interiore”. Le prodomme rispondono di sì, perché fanno affrontare la fame, attraversare il dolore, conoscere il male; dicono che si crea un riflesso automatico di paura di fronte a quello che è sbagliato (bere, mangiare troppo, essere pigri...). “Come in quei laboratori dove si dà la scossa ai topi ogni volta che toccano un oggetto per vedere se imparano a non farlo più”. Secondo la dottoressa alcuni si avvicinano a un percorso di dominazione “terapeutica” perché sono attratti dal mondo Bdsm ma non osano entrare in un luogo di prostituzione.

Chiedere, chiedere, chiedere

Kasia Urbaniak è un’ex dominatrice che oggi tiene corsi di autostima per donne, insegnando come usare le richieste per stare bene. “Aiuto le donne a prendere coscienza del loro potere e a dire semplicemente quello che desiderano. Non ci sono molti trucchi nella vita e questo è l’unico che ho imparato nella mia: agli uomini piace sapere cosa vogliamo da loro”. Cita una ricerca pubblicata su una prestigiosa rivista di medicina sessuale che ha evidenziato come gli amanti del Bdsm risultino persone più estroverse, più aperte a nuove esperienze, più coscienti di sé, meno nevrotiche. Secondo i ricercatori, gli appassionati di Bdsm avrebbero una maggiore consapevolezza dei propri bisogni e desideri sessuali. Chiediamo a Isabel Londoño come se lo spiega: “Bisognerebbe fare più ricerche per capire meglio la voglia di infliggere dolore e il piacere di riceverlo; forse c’è qualcosa di positivo, forse invece semplicemente oggigiorno è più felice chi fa parte di un gruppo, di una comunità, qualunque essa sia”.


Un'edizione italiana del classico di Von Sacher-Masoch, qui con le illustrazioni di Guido Crepax (quello di Valentina)

PSICOLOGIA DEL MASOCHISTA

Il termine deriva dallo scrittore austriaco Leopold von Sacher-Masoch, autore del romanzo erotico Venere in pelliccia. Pubblicato nel 1870, racconta di un ragazzo che firma un contratto con la sua amata in cui lui si rende schiavo, rinuncia ai suoi averi e dà a lei il potere di vita o di morte. Adora farsi frustare e si paragona ai martiri che raggiungono l’estasi durante il loro estremo sacrificio. Tra l’altro, l’autore stesso funse da schiavo per un periodo, a condizione che la sua dominatrice indossasse una pelliccia mostrandosi crudele con lui. 
La psicologia si è occupata ancora relativamente poco della minoranza sessuale dei masochisti; in generale però si distingue tra piacere puramente legato al dolore fisico (algolagnia) e quello che include anche le umiliazioni psicologiche (masochismo). Le fantasie masochiste sono frequenti in molte persone, la maggior parte delle quali, non essendo masochiste, quando passano all’atto restano deluse (amano l’idea della sottomissione, ma non amano veramente provare dolore).
Freud e molti dopo di lui collegano il masochismo al periodo dell’infanzia, quando le figure importanti erano autoritarie e infliggevano punizioni corporali e umiliazioni; aver subito traumi da piccoli e riportarli nella propria sessualità adulta sotto forma di piacere è un modo di “sopravvivere” agli abusi subiti. Freud fa risalire le pratiche masochiste anche al senso di colpa: è contento di essere punito chi crede di meritarselo. Alcune correnti sensibili alle questioni di genere rendono attenti al fatto che la sessualità è spesso rappresentata come una dominazione virile sul fragile corpo di una donna. Riproporre questo schema erotizzandolo ed eventualmente scambiandosi i ruoli significa non aver esplorato forme di sessualità più paritarie, rispettose e improntate sullo scambio.
Altri ancora, come Maria Marcus, ritengono che le minoranze sessuali non debbano sentirsi malate, perché il concetto di normalità è labile e arbitrario. Se non diventa un’ossessione o una dipendenza, se viene praticata tra persone consenzienti, questa resta semplicemente nell’ordine della propensione personale a cercare il piacere laddove lo si trova. Come ogni godimento, dal vino allo shopping.

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved