laRegione
alberto-pellanda-ti-prende-per-la-gola
© Ti-Press / Alessandro Crinari
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
11 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
15 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
18 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
1 sett

Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre

Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
1 sett

Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto

Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...
Ticino7
2 sett

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
2 sett

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
Ticino7
2 sett

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?
Ticino7
2 sett

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare
Ticino7
3 sett

Quella "fortuna" di Victoria

Una famiglia siriana, una guerra assurda e senza fine, una casa che non c'è più. Poi la dea bendata volge lo sguardo, questa volta dalla parte giusta
Ticino7
3 sett

Il Metodo Mathieu: essere ragazzi al "Tempo delle mele"

Ovvero, quando i sogni diventavano la vera quotidianità. Perché essere giovani (mica fingere di esserlo) è la cosa più bella del mondo, si sa...
Ticino7
3 sett

E il futuro del lavoro? Sarà donna

Secondo molti esperti, tipicamente ‘femminili’ sono le competenze che saranno sempre più richieste in ambito professionale. Anche agli uomini.
Ticino7
14.11.2020 - 14:400

Alberto Pellanda ti prende per la gola

È panettiere, pasticciere e anche confettiere. Gestisce l’attività di famiglia a Intragna, dove è nato 44 anni fa.

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione. 

La loro storia vede gli albori agli inizi degli anni Settanta, quando papà Ercole Pellanda e la moglie Lucia decidono di avviare una loro attività, aprendo una panetteria in paese. Alberto nasce qualche anno più tardi e con le due sorelle vive e cresce insieme alla realtà della bottega. Negli anni, l’attività si espande con l’apertura di un negozio a Losone e un punto vendita al fianco della panetteria a Intragna. Una quindicina di anni fa Ercole, ormai prossimo alla pensione, consegna al figlio le redini dell’attività e Alberto inaugura l’apertura di un Tea-Room a pochi passi dalla panetteria.
Ho appuntamento proprio lì, al Tea-Room Centvai, un piccolo locale ai bordi della strada. Il ritmo frenetico delle collaboratrici fa intuire che il lavoro non manca. Aspetto sorseggiando un ottimo cappuccino e gustandomi la vista che dalla terrazza si apre sulla valle. Alberto arriva poco dopo con il grembiule colorato di farina. Mi sembra di sentire il profumo del pane appena sfornato, uno di quegli odori che ti rallegra al solo pensiero. Il mestiere del panettiere mi ha sempre incuriosita. Di notte, quando tutti dormono, loro si destreggiano nei laboratori, tra farine, lieviti e burro, in un’attività che racchiude in sé qualcosa di così autentico. Ricordo quando da bambini trovavamo sempre il pane fresco nella cassetta delle lettere, e si faceva a gara a chi si svegliava per primo per riuscire a incontrare il “signore del pane”.
“Mio papà consegnava il pane tutti i giorni in valle”, conferma Alberto, “è iniziato tutto così. Poi negli anni le valli si sono spopolate, ma abbiamo continuato questa tradizione. Un paio di volte la settimana prendo il mio furgoncino e porto il pane nelle case. Anche se i tempi cambiano e bisogna sapersi adattare, nei piccoli paesini di montagna questi gesti contano ancora molto”.

Pane e pandemia

Gli chiedo di raccontarmi di questo periodo e il peso che ha avuto sulla sua attività. “All’inizio non è stato facile. Non si sapeva cosa sarebbe successo e l’incertezza non aiuta mai. Abbiamo dovuto chiudere il Tea-Room mentre la panetteria è rimasta aperta e tutti e cinque gli operai hanno continuato a lavorare. Il pane rimane il cibo della gente per antonomasia, e anche se durante il lockdown si è cercato di sperimentare di più il “fai da te”, non abbiamo notato un calo delle richieste. Anche a Losone abbiamo proposto le consegne direttamente a casa. Sono venuti un po’ a mancare i matrimoni, le prime comunioni e gli eventi più particolari, però poi l’estate ci ha aiutati. Abbiamo molti turisti che arrivano dalla Svizzera interna”.


© Ti-Press / Alessandro Crinari

Formazione ʻartisticaʼ 

I panettieri-pasticcieri sono come degli artisti, “c’è sicuramente una buona componente creativa, senza quella difficilmente può piacerti questo mondo. Poi come in tutto ci vuole la passione. Già da bambino amavo osservare mio papà mentre si destreggiava tra farine e frumenti, è un mestiere anche molto dinamico. I prodotti variano in base alla stagione; adesso per esempio ci sono le castagne, quindi ci sbizzarriamo tra vermicelles, torte e pasticcini, poi tra un mesetto ci orienteremo verso le specialità più natalizie, come i panettoni, le corone dell’avvento, poi ci sarà il carnevale, la Pasqua, l’estate con i gelati... Ci tengo molto a rispettare il “ritmo stagionale”, anche se qualcosa di nuovo cerco sempre di inventarmelo.
Ho fatto la scuola di tre anni per panettiere-pasticciere a Trevano e l’apprendistato proprio qui “in casa”.  In seguito ho fatto anche la formazione come confettiere (per il cioccolato, le caramelle, il gelato ecc.) a Losone in un’altra pasticceria. Continuo poi a specializzarmi, seguo i corsi di perfezionamento e leggo molti libri. Mi piace anche osservare le specialità delle altre pasticcerie. È importante, perché c’è sempre qualcosa da imparare. 

A pieno ritmo 

“La mia giornata inizia alle 4 del mattino e fino a mezzogiorno sono in laboratorio a preparare i prodotti da vendere”. Riguardo le quantità che deve gestire per la produzione, mi spiega che dipendono molto dal periodo: “D’estate raggiungiamo anche i 250 chili di pane al giorno e i 300 pasticcini”. Poi durante il pomeriggio dà una mano dove serve, al bar, nel punto vendita, “in serata invece inizio a programmare la produzione del mattino seguente. E poi c’è anche la famiglia” , mi dice sorridendo. “Sono sposato e ho tre figli di 7, 10 e 12 anni che spesso si aggirano nei paraggi, anche se per ora non hanno ancora espresso la volontà d’intraprendere questa strada. Abitiamo proprio qui, sopra il Tea-Room, così è più semplice gestire il tutto”. E poi c’è papà Ercole, che dietro le quinte rimane un grande sostegno: “Avere lui al mio fianco è sicuramente una forza in più, conosce il mestiere da molto più tempo ed è ancora una grande spalla su cui posso contare”.
Un mestiere antico, quello del “fare il pane”, che racconta una storia millenaria, tramandata di generazione in generazione. Un’attività che col tempo ha saputo trasformarsi, adattarsi ma mai scomparire e, come forse poche altre, ancora oggi può dirsi attuale e al passo con i tempi. Il pane non muore mai, cambia forma, colore, sapore e profumo, ma non smette mai di soddisfare anche il più fine dei palati.

 

© Ti-Press / Alessandro Crinari
Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved