i-migliori-panchinari-del-jazz-secondo-me
+8
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 ore

I social, la savana e i leoni da tastiera

Il meccanismo è sempre lo stesso: qualcuno la spara grossa e scrive cose che altrove forse mai direbbe. Ma odio chiama odio, e il piatto è servito...
Ticino7
5 ore

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
1 gior

Piccola storia dei certificati lasciapassare

Vaccinati o non vaccinati, oggi il problema è garantire a tutti la libertà di potersi muovere (non solo per bazzicare una spiaggia). Un tema vecchio come il mondo
Ticino7
2 gior

Tra chiacchiere, chiappe e vaccini

In un compleanno estivo che raduna compagni di scuola o parenti, si parla solo di quello. E solo uno stolto può pensare che il campo non sia minato
Ticino7
2 gior

La cultura (vista da Martina Gamboni)

Gira, visita e racconta il territorio a modo suo. Animo contagioso e aperto, la potete incontrare a 'Cultura a spasso Ticino', una comunità che vive di passioni
Ticino7
2 gior

Nei social il silenzio paga

Non volete alimentare il fuoco dell’odio? Evitate di gettare nuova benzina, semplice
Ticino7
6 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
6 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
1 sett

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
1 sett

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
1 sett

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
1 sett

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
2 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
2 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
2 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
2 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
3 sett

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti
GALLERY
Ticino7
3 sett

United Roads of America. In Alaska, dove finisce il viaggio

L’ultimo contributo di Emiliano Bos dalle vene dell’America, prima del suo rientro in Europa. Cronache dai confini del mondo.
Ticino7
3 sett

Gioventù bruciata. Al mercato della nostalgia

“La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”. Lo scriveva David Trueba in Quattro amici.
Ticino7
3 sett

Come funzionano i bitcoin. E molto altro

La “Distributed Ledger Technology”, o Blockchain, spiegata come si deve. Per capirne rischi e opportunità
Ticino7
3 sett

It Takes Two: insieme si (video)gioca meglio

Il terzo titolo di un autore irriverente, fuori dagli schemi e capace di portare al successo idee uniche, cifra di una realtà creativa sempre più importante
Ticino7
4 sett

United Roads of America. I contadini che resistono

Siamo nel Far West. Lontani da un governo-padrone che “si è spinto troppo oltre: ci ruba l’acqua destinata all’irrigazione". Perché qui o vivi o muori
Ticino7
4 sett

Le dolci note di Isabel Longato

Ama circondarsi di persone con cui coltivare relazioni sane e comunicare con gli occhi. E poi c'è la musica, e tutto quello che è in grado di donare
Ticino7
10.11.2020 - 12:190
Aggiornamento : 13:37

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare

Pubblichiamo un articolo apparso lo scorso 7 novembre su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Mio padre aprì un jazz club a Milano nel 1960. Di fatto era una scusa – per lui e per cinque suoi amici della Bocconi – per affittare una ‘man cave’, un rifugio per soli uomini dove fumare sigarette, bere oltremisura, sparare cazzate e ascoltare musica. Quella musica era il jazz. Nel febbraio 1963 però nacque il mio fratello maggiore e, quando a novembre dell’anno successivo nacqui anch’io, il club dovette chiudere. Così, volente o nolente, mio padre portò a casa la sua collezione di dischi Satanic Vinyl e cominciò a impestare le nostre orecchie. Piangevamo ogni volta, ma non c’era verso: a casa nostra il jazz suonava a ogni ora del giorno, incessantemente, senza tregua, e mio padre non mollava. 
Nel 1976 avevo dodici anni, e a quel punto ero ormai certo di odiare il jazz. Il solo fatto di sentirlo menzionare mi bastava per buttarmi sui Grateful Dead, i Black Sabbath, i Led Zeppelin, e più in generale qualsiasi cosa ‘heavy’, ‘hard’, purché insomma non fosse jazz. Poi arrivò il 1977, o meglio: arrivarono due minuti di basso elettrico capaci di fare qualcosa che non avevo mai sentito prima. E poi arrivava la melodia che esplodeva, ti catturava e non ti mollava più. In 5 minuti e 59 secondi, Birdland dei Weather Report cambiò per sempre il mio modo di intendere il jazz. Da quel momento imparai a tenere la testa e le orecchie più aperte, a capire che per apprezzare il jazz può servire tempo.
L’ho fatta lunga, sorry, ma era per spiegarvi l’approccio dietro alla mia scelta: non i dieci dischi più famosi o più celebrati o più ‘belli’ in assoluto, ammesso e non concesso che il bello si lasci misurare. Semplicemente dieci dischi comunque iconici, ciascuno a modo suo, che potrebbero farvi avvicinare al genere se per voi ancora rimane un tabù.

10. Weather Report
ʻHeavy Weatherʼ (Columbia, 1977)
Devo rispiegarvelo? Rileggete l’introduzione qui a lato.

9. Jimmy Smith
ʻThe Catʼ (Verve, 1964)
Il Lalo Schifrin di Mission impossible e l’organo Hammond di ‘The Incredible’ Jimmy Smith si incontrano. Il risultato è un tipo di jazz che molti hanno criticato ma guarda un po’ continua a piacere: quelli che hanno il disco continuano a ‘metterlo su’ a oltranza...

8. Getz/Gilberto
ʻGetz/Gilbertoʼ (Verve, 1964)
Morbida come il miglior bourbon, una registrazione fuori dal tempo che darà sollievo alla vostra anima e vi aprirà le porte del Latin jazz e della bossa nova. La ragazza di Ipanema è un brano ritenuto responsabile d’innumerevoli gravidanze.

7. Chick Corea
ʻReturn to Foreverʼ (ECM, 1972)
Entrate nella fusion un passettino alla volta, o rischierete di annegare. Qui potrete avventurarvi in quelle acque turbolente, ma indossando giubbotto di salvataggio e braccioli. E con un paio d’infradito che vi attendono sul bagnasciuga. Un’introduzione imprescindibile alla fusion, ma anche al genio d’ECM: d’ora in poi fidatevi di questa etichetta e comprate pure senza remore tutta la sua discografia.

6. Horace Silver Quintet
ʻSongs For My Fatherʼ (Blue Note, 1965)
Le stesse cautele valgono quando si entra nel bop e nell’hard bop: se si comincia col disco sbagliato, è finita per sempre. Songs For My Father è diverso: mescolando bop, bossa nova, temi tropicali e dell’est vi farà compagnia per lungo tempo. La classe.

5. Oscar Peterson Trio
ʻWe Get Requestsʼ (Verve, 1964)
Su, avanti, criticatemi pure per questa scelta: ho le spalle larghe. Quello che non state considerando è che si tratta della musica ideale per fare da sottofondo a un cocktail party – ce ne fossero... – o da gustare con chi amate. Voi ridete, lei (o lui) sorriderà. 

4. Count Basie
ʻBasieʼ (Roulette, 1958)
Scegliendo qualcosa di puro Dixieland avrei paura di perdervi per sempre – il direttore di questo settimanale dissente e scuote la testa severamente, ndr –, ma non posso saltare lo ‘swing’ di Basie. Nato William James, il ‘Conte’ è tra i reali del jazz e come tale dev’essere esplorato. Ho scelto Basie – poi rinonimato The Atomic Mr. Basie – per via degli arrangiamenti di Neil Hefti. Quando senti l’impronta di Hefti sui fiati, poi la riconosci subito. Questo disco è un morso che vi lascerà un segno sulla pelle.

3. Cannonball Adderley
ʻSomethin’ Elseʼ (Blue Note, 1958)
Se c’è un pezzo jazz migliore di Autumn Leaves, beh, io non lo conosco. Miles Davis, ‘Palla di cannone’, Art Blakey, Sam Jones, il tutto registrato da Rudy Van Gelder. Monumentale.

2. Joe Pass
ʻVirtuosoʼ (Pablo, 1974)
Anthony Passalacqua l’ho visto al Birdland Theater di New York sul finire degli anni Ottanta. Mi son trovato sul palco quest’uomo minuto, fragile, col tipo di amplificatore che ti aspetteresti da un ragazzino. Pensai subito che avevo buttato nel cesso i miei soldi, di aver fatto una sciocchezza a venire fino a New York apposta per vedere lui. Errore. Per la successiva ora e mezza mi son trovato legato al sedile di un ottovolante jazz. Lo metto nella lista per omaggiare un uomo tormentato che mi ha fatto apprezzare il virtuosismo jazz. Scusa Stephan Grappelli, se avessi lo spazio metterei anche te.

1. Mahavishnu Orchestra
ʻThe Inner Mounting Flameʼ (Columbia, 1971)
Non partite da qui, ma passateci assolutamente. Se state arrivando dal rock, questa è Fusion al suo meglio. Una volta si sarebbe detto: è un ‘trip’. Non si può ascoltare questo album distrattamente, occorre avvicinarlo come una buona cena: vino giusto, luci soffuse, marijuana a portata di mano (light, certo). Liberatevi, e iniziate il viaggio.

PS: Come da ogni lista che si rispetti, sono rimasti fuori dei giganti: Armstrong, Ella, Bill Evans, Chet Baker, Dave Brubeck, Mingus e chissà quanti altri. Ma bisognava fare delle scelte; e se le nostre spingeranno anche un solo appassionato di metal o di new wave a provare il jazz, allora la missione è compiuta. Nel frattempo continuerò la mia crociata per eliminare il Reggaeton dalla faccia della Terra. O almeno da bar, ristoranti e grotti.

 

Guarda 11 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved