laRegione
emily-e-la-meraviglia-del-corpo-che-cambia
© CASS BIRD
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
12 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
15 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
19 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
07.11.2020 - 11:300

Emily e la meraviglia del corpo (che cambia)

Anche John Fante non se lo spiegava: "Quella cosa era dentro di lei e lei era remota, sdegnosa e beata". Che poi, più che un mistero e solo la vita.

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Ricordo distintamente diversi uomini cercare di descrivermelo con l’accuratezza di chi sta parlando di una cosa molto seria: una specie di fessura in mezzo alla pancia, in partenza da sotto il seno e lunga fino all’ombelico. A poco a poco ho capito che non erano solo maschi di fronte alle foto di qualche modella su Instagram, ma attenti osservatori di un nuovo trend. Di lì a poco, infatti, si sarebbero moltiplicati articoli che spiegavano l’esistenza del "belly slot" e persino i trucchi per ottenerlo (come se davvero qualcosa si potesse per contrastare la genetica). Massima e perfetta proprietaria di un "belly slot" da manuale è Emily Ratajkowski, supermodella statunitense e militante femminista che ha da poco annunciato la propria gravidanza con un articolo su Vogue.

Nel suo lungo articolo, Ratajkowski racconta tra le altre cose della scelta di non conoscere il sesso della creatura, dicendo “che sarà lui o lei a dircelo quando avrà 18 anni”. Al netto delle provocazioni, il testo è un racconto lucido e sincero di cosa accada a un corpo e a una mente in gravidanza. “Mio marito dice spesso che siamo incinti”, racconta la modella per poi aggiungere che non è vero: non si è per niente in due. C’è una solitudine vertiginosa in quella condizione che pure è il risultato di una unione carnale. Ed è proprio lì che si fa strada una sensazione di invincibilità ineguagliabile nella vita. “Quella cosa era dentro di lei – scrive John Fante nelle prime pagine di Full of Life descrivendo la moglie incinta – e lei era remota, sdegnosa e beata”. 

La nostra Emily, paladina femminista per la quale tiferemo sempre in quanto fiera sostenitrice del diritto a esserlo continuando a essere sexy e spogliarsi (cosa che fa spesso e volentieri con grande apprezzamento dei suoi venti e rotti milioni di follower su Instagram), lo descrive con parole perfette: “Sono completamente impotente quando si tratta di qualcosa che ha a che fare con la mia gravidanza: come cambierà il mio corpo, come sarà il mio bambino. Ma, sorprendentemente, non sono preoccupata. Anziché essere preoccupata provo un senso di pace. Sto già imparando da questa persona che ho dentro di me. Sono piena di stupore”.


© CASS BIRD

 

 

© CASS BIRD
Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved