laRegione
e-il-futuro-del-lavoro-sara-donna
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
10 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
12 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
16 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
19 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
1 sett

Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre

Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
1 sett

Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto

Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...
Ticino7
2 sett

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
2 sett

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
Ticino7
2 sett

Alberto Pellanda ti prende per la gola

È panettiere, pasticciere e anche confettiere. Gestisce l’attività di famiglia a Intragna, dove è nato 44 anni fa.
Ticino7
2 sett

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?
Ticino7
2 sett

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare
Ticino7
07.11.2020 - 14:500

E il futuro del lavoro? Sarà donna

Secondo molti esperti, tipicamente ‘femminili’ sono le competenze che saranno sempre più richieste in ambito professionale. Anche agli uomini.

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

L’esperienza pandemica legata al Covid-19, che ha costretto molti al lavoro da remoto e a relazioni professionali a distanza, sta dimostrando la necessità di ripensare anche il modo di lavorare. L’attività lavorativa del domani, però, viene quasi sempre raccontata in un’ottica di scontro tra uomo e macchina, con robot destinati a prendere il posto degli esseri umani, sistemi di automazione che stravolgeranno i processi produttivi, computer usati per controllare la produttività. Pare manchi, invece, una narrazione su come il lavoro di domani inciderà sulle nostre vite. Su come le persone gestiranno tempo e spazi, su come evolveranno le relazioni, le identità e i modi di cercare un impiego. Mancherebbe, come sostiene Silvia Zanella nel suo saggio Il futuro del lavoro è femmina (Bompiani, 2020), una visione meno tradizionale dell’universo occupazionale, una visione che contempli una prospettiva “al femminile” sempre più necessaria. E quanto sia necessaria questa diversa prospettiva ce lo spiega proprio Zanella: “In un mondo del lavoro sempre più dominato dall’automazione e dalla robotica, serviranno le cosiddette soft skills, attitudini difficilmente replicabili dalle macchine, come la predisposizione alla soluzione dei problemi, la capacità di lavorare in gruppo, il saper puntare sulla comunicazione interpersonale, e ancora creatività, negoziazione, gestione delle aspettative, fiducia, condivisione. Sono quelle che vengono chiamate anche human skills e vengono attribuite solitamente al lavoro al femminile, anche se non sono assolutamente appannaggio solo delle donne. Chi, però, vorrà trovare spazio nel mondo del lavoro, uomo o donna che sia, dovrà possedere queste competenze”. 

Un nuovo approccio

Anche nelle modalità di organizzazione del lavoro dovrà emergere una visione al femminile. Siamo, infatti, abituati a un tipo di organizzazione aziendale legata al command and control, cioè a compiti assegnati da svolgersi in un tempo determinato, a una situazione opposta, di autogestione del lavoro. Però il sistema del command and control non funziona più nell’epoca del lavoro intellettuale come prosegue Silvia Zanella: “Ci vuole un’attenzione diversa, più femminile, un’attenzione che metta in gioco valori come l’etica, l’inclusività, l’attenzione all’altro, il rovesciamento della piramide classica delle gerarchie all’interno delle organizzazioni, una diversa concezione del proprio essere professionisti”. Femminili saranno quindi i modi di organizzare le aziende, perché le gerarchie rigide e il comando verticale non funzioneranno più in uno scenario complesso, veloce e incerto. Infine ci vuole più attenzione agli impatti del lavoro sulla vita delle persone come conclude Silvia Zanella: “Abbiamo dato troppa attenzione ai fenomeni macroscopici legati ai cambiamenti del mondo del lavoro e ci siamo dimenticati dei singoli. Dobbiamo recuperare la consapevolezza dell’importanza dell’apporto umano, individuale delle persone. E le donne sanno essere più efficaci perché riescono a far leva sulle competenze emotive e relazionali molto più degli uomini”. Insomma, ragazzi (maschi), pare sia proprio tempo di rimboccarsi le maniche...

SETTE CONSIGLI PER ENTRARE NEL FUTURO DEL LAVORO

Ecco alcune proposte tratte dal libro di Silvia Zanella: per non farci trovare impreparati di fronte alle sfide di domani.

1. Formazione continua
Non può più bastare quello che si è appreso all’università. Avanti!

2. Non aver paura di cambiare 
Svolgere le stesse mansioni per decenni può diventare una noia mortale e fonte di frustrazione.

3. Essere adattabili 
Anche se si è svolto un determinato compito sempre in un certo modo, non significa che vada ancora bene.

4. Essere consapevoli del valore del lavoro
Non occupa solo tempo e garantisce denaro, ma definisce anche la nostra identità.

5. Essere accoglienti, gentili e morbidi
Durezza e inflessibilità lasciamole alle macchine...

6. Non avere paura di cooperare e condividere
Va bene la competizione, però lavorare in team alla fine paga. Soprattutto se la concorrenza è notevole.

7. Essere femminili
Uomini e donne devono sapersi affidare al femminile che è dentro ognuno di noi.

 

 

 

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved