quella-fortuna-di-victoria
© Ti-Press / Elia Bianchi
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

United Roads of America. Il business della sofferenza

Sono usati e abusati i detenuti di alcune contee. Ma c'è chi lucra anche sulla pelle di migranti e richiedenti asilo. E i carnefici non sono i "soliti" repubblicani...
Ticino7
3 gior

Guardatevi dal tatagattamortismo

Mai dare il numero di telefono della propria fedele babysitter ad amiche e conoscenti. Piuttosto sacrificate (col suo accordo) l'uomo di casa, se necessario
Ticino7
3 gior

In quel posto. Storie e vicende di gabinetti, pubblici e privati

Secondo alcuni studi, una persona in salute dovrebbe espellere almeno 150 grammi di feci al giorno. Dove e come queste vengono fatte oggi è un segreto, una volta...
Ticino7
3 gior

Nella penna e sulle pagine di Roberto Genazzini

“Per Rialto” dice un cartello appeso in casa, e una freccia segnala di andare verso sinistra. Non potrebbe essere altrimenti: se ami Gandria, ami anche Venezia
Ticino7
3 gior

Greg, la Schiappa più famosa del mondo

Perché le avventure del personaggio creato da Jeff Kinney piacciono tanto? Lo chiediamo a Rossella Bernascone, traduttrice dei famosi ‘Diari’ di Gregory Heffley
Ticino7
3 gior

Fare per crescere, sin da bambini

Autostima e manualità si coltivano sin da piccoli. Anche se la materia parrebbe non essere la più consona
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Sulla via delle stragi

Non c'è (quasi) settimana che non ne avvenga una, piccola o grande che sia. E il metro di misura, ahinoi, è sempre drammaticamente lo stesso: la conta dei morti
Ticino7
1 sett

Gli animali sono emotivi. Elogio all'empatia fra specie

È il "migliore amico dell'uomo", perché è fedele, certo. Ma anche perché è in grado di manifestare le proprie emozioni. Ma oltre ai cani c'è dell'altro...
Ticino7
1 sett

I miti del jazz. Hank Mobley, il tenore invisibile

La storia della musica nasconde innumerevoli paradossi. Come le vicende e i mancati riconoscimenti (in vita) di questo talentuoso sassofonista dimostrano
Ticino7
1 sett

Disavventure Latine 3. Al Banco(cco)mat

Avete mai viaggiato su una piccola imbarcazione, trasportati dalle onde? La prima cosa che vorreste evitare è di non bagnarvi troppo. Ma dove è meglio sedersi?
Ticino7
1 sett

Sulla tela di Antonio Lüönd

"Chi sono, da dove vengo, perché sono qui? Attraverso la pittura ho sempre sentito una spinta interna che mi portasse delle risposte. E ancora le sto cercando”
Ticino7
1 sett

È tutto pieno, grazie

‘Meno traffico e più verde’. Parole sante, ma a questo punto servirebbe il mago Fantasios.
Ticino7
2 sett

United Roads of America. West Virginia, elegia dei bianchi poveri

La Contea di McDowell è la più povera dello Stato. Qui il reddito è un quarto della media nazionale. C’è poco da sorridere, mancano persino i denti
Ticino7
2 sett

Claudio Rivellini. 'Vi racconto il mio Covid'

È stato fra i primi ricoverati alla clinica Gavazzeni di Bergamo, nella zona in Italia più colpita dalla pandemia. Quando del virus quasi nulla si sapeva
Ticino7
2 sett

Informazione: e il giornalismo di qualità dove va?

Si stava meglio quando si stava peggio, ovvero l'altro ieri. Perché l'aria che tira adesso profuma di tempesta (soprattutto per chi si occupa di cultura)
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine 2. I nazisti dei Caraibi

Il viaggio verso la Colombia continua: da Panama e il suo Canale ci spostiamo sulla costa. Fra gente che dovrebbe esserci ma non c'è e infausti vessilli...
Ticino7
2 sett

Le notizie, i pesi e le misure

Sapere che cosa pensano i lettori è vitale per un giornale. Anche se a volte è poco edificante, diciamolo
Ticino7
07.11.2020 - 17:350
Aggiornamento : 21:13

Quella "fortuna" di Victoria

Una famiglia siriana, una guerra assurda e senza fine, una casa che non c'è più. Poi la dea bendata volge lo sguardo, questa volta dalla parte giusta

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Il romanzo autobiografico è a buon punto, ci vorrà un po’ di tempo ancora, qualche ritocco, le inevitabili correzioni, ma il titolo è già lì. Ed è certamente azzeccato: ‘Fortuna’. Victoria è credente cristiana-ortodossa di rito siriaco; e in fondo questo riferimento alla dea bendata, ci racconta, ha i contorni di un atto di fede. Fortuna era infatti considerata la Dea del caso e, soprattutto, del destino. Quello che le ha fatto incontrare due giornalisti e un cameramandella RSI. ʻNon lo dimenticherò mai, era il 19 maggio del 2017’.

Nel quartiere Al-Hamydiah nel centro di Homs (Siria) ridotto a un cumulo di macerie, una sola casa abitata, diroccata e traballante, perforata da centinaia di proiettili di obice. Lei, il fratello Firass, i genitori Essam e Norma costretti a vivere lì in un paesaggio di devastazione, in un deserto umano: i vicini fuggiti o uccisi. A Homs la guerra siriana è scoppiata con la sua furia distruttrice a inizio 2012 azzerando interi quartieri. Immagini spettrali, il panorama creato dall’odio non lascia dubbi: mors tua vita mea. Nella guerra tra esercito regolare e miliziani del movimento jihadista Al Nousra contava solo l’annientamento del nemico. La casa nella quale è cresciuta Victoria si trova proprio nella faglia sismica dello scontro fratricida dove non si sono fatti prigionieri. Sei vivo o morto: nessun compromesso, nessuna tregua. Nessuna pietà. Victoria conserva, ficcato nella mente, il ricordo di quel momento devastante in cui l’unica possibilità di sopravvivenza era la fuga precipitosa, il rifugio disperato nel villaggio di Kufrram. “Il 12 gennaio un missile Cobra esploso dalla moschea Khalid Ebn Al-Walleed ha colpito un carrarmato che transitava sotto casa”, racconta con un groppo in gola che sospende il racconto per qualche lungo attimo. 

La guerra che toglie

Victoria riprende fiato e ricorda che i 12 soldati feriti che il tank stava trasportando all’ospedale sono stati dilaniati dallo scoppio. In casa sparsi ovunque, fin su nella terrazza del terzo piano, brandelli di cadaveri. Quattro anni dopo, nel 2016, quando Victoria ormai quindicenne e la famiglia fanno ritorno a casa, il carrarmato è ancora lì; lo scheletro arrugginito di un mastodonte di ferro a ricordare la violenza della guerra. “Per un anno e mezzo non ho potuto andare a scuola” – ci racconta – e negli anni successivi i corsi erano più che saltuari in un edificio scolastico dalle pareti sbrecciate e ormai privo di finestre. Pochi allievi e qualche docente che ha avuto il coraggio di non fuggire o che l’angelo della morte ha risparmiato. “La guerra mi ha tolto otto anni di vita – Victoria trattiene il dolore, lo sguardo si fa duro – ma per mio padre Essam è stata più difficile, lui non si è rimesso dall’incubo. Mia mamma Norma è più forte, ci siamo dati forza, la forza della disperazione”. Il futuro incollato a quel panorama di devastazione che ha travolto la bella Homs, e che ancora oggi è immutato. E poi quel 19 maggio del 2017. “Oggi nessuno a Homs ci crede a quella storia, tutti pensano che abbiamo trovato un tesoro nascosto, magari dagli jihadisti”. 

Solidarietà mediatica

La storia, l’incontro con la dea bendata, è invece reale ed è presto raccontata. La troupe radio-televisiva tenta una raccolta fondi per ricostruire la casa della famiglia En Jabbour. Qualche e-mail, un po’ di telefonate, un appello sui social. Successo insperato: in poche settimane si supera la somma preventivata. Con l’equivalente del prezzo di una piccola utilitaria, a Homs la casa viene ricostruita. La generosità è un regalo abbagliante: la casa non basta per dare un futuro a quella famiglia così toccante nella sua umanità. La seconda raccolta fondi ha un obiettivo altrettanto ambizioso: portare Victoria in Ticino per farla studiare. Victoria, allora sedicenne, non ha dubbi: il suo sogno è l’architettura. Così potrà un giorno aiutare a ricostruire la sua martoriata città. La generosità di amici, colleghi, conoscenti in Ticino sembra non conoscere limiti. L’idea convince e in poco tempo ecco che sono raccolti i fondi necessari per darle un futuro all’USI. Subito si inserisce il sostegno dell’Associazione degli Amici dell’Accademia di Mendrisio e il “miracolo” si avvera. La fortuna o il destino, per Victoria è la manifestazione della volontà di Dio. Allah, il Dio dei cristiani, sì proprio lo stesso di quello dei musulmani. Trascorso un anno a Mendrisio, lo scorso 10 settembre, chi scrive queste righe riceve un sms imbottito di gioia: “I did it”. 


© Ti-Press / Elia Bianchi

Segnali di luce

Victoria ce l’ha fatta, ha passato gli esami. Nulla era scontato per una ragazza vittima della guerra, orfana del suo paese. Potrà così rimanere qui da noi. “I fell in love with the accademia” ci racconta felice. Il suo italiano è ancora approssimativo, ha avuto difficoltà nelle materie umanistiche, ma caparbietà e volontà d’animo hanno supplito alle lacune. “Ero terrorizzata all’idea di fallire”, ma anche grazie al personale dell’Accademia – Victoria snocciola i nomi di chi l’ha aiutata a cominciare dalla professoressa Mia Hägg “più che una docente” - ora può continuare a sognare: “Mi trovo benissimo a Mendrisio” anche se le rimane incollata addosso la nostalgia di casa, della famiglia, degli amici a cominciare dalla migliore, Nour Haddad. “Nour” precisa Victoria, che in arabo significa luce. Un nome che sembra segnare un destino. La Fortuna, appunto. La fortuna con tutti i suoi insondabili misteri.  

 

© Ti-Press / Elia Bianchi
Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved