laRegione
il-metodo-mathieu-essere-ragazzi-al-tempo-delle-mele
Una giovanissima Sophie Marceau interpreterà Victoire ʻVicʼ Berreton ne "Il tempo delle mele" (Francia, 1980)
+4
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
8 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
11 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
14 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
18 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
1 sett

Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre

Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
1 sett

Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto

Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...
Ticino7
2 sett

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
2 sett

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
Ticino7
2 sett

Alberto Pellanda ti prende per la gola

È panettiere, pasticciere e anche confettiere. Gestisce l’attività di famiglia a Intragna, dove è nato 44 anni fa.
Ticino7
2 sett

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?
Ticino7
2 sett

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare
Ticino7
3 sett

Quella "fortuna" di Victoria

Una famiglia siriana, una guerra assurda e senza fine, una casa che non c'è più. Poi la dea bendata volge lo sguardo, questa volta dalla parte giusta
Ticino7
3 sett

E il futuro del lavoro? Sarà donna

Secondo molti esperti, tipicamente ‘femminili’ sono le competenze che saranno sempre più richieste in ambito professionale. Anche agli uomini.
Ticino7
3 sett

Emily e la meraviglia del corpo (che cambia)

Anche John Fante non se lo spiegava: "Quella cosa era dentro di lei e lei era remota, sdegnosa e beata". Che poi, più che un mistero e solo la vita.
Ticino7
3 sett

La sindrome del faggio (perché odiamo le foglie che cadono?)

Inizia a perdere il fogliame da metà ottobre. Improvvisamente. Che scende pacatamente, come lievi pensieri e ricordi, per lunghe settimane
Ticino7
3 sett

United Roads of America: il voto visto dall'ombelico

Il giornalista della RSI Emiliano Bos ci porta nel cuore del paese, a poche ore dall'elezione del nuovo inquilino della Casa Bianca
Ticino7
4 sett

Tic. Scatti, smorfie e altre prove di comunicazione

Un periodo di stanchezza, uno stato di prolungata tensione, ed ecco che una palpebra inizia a muoversi per conto suo. Perché?
Ticino7
4 sett

Confinamento. Per te, ma non per tutti

Chiudere tutto, aprire tutto. Fate un po' come vi pare, ma vedete di non complicarmi troppo la vita (di quella degli altri mi frega meno...)
Ticino7
4 sett

La montagna capovolta (una storia di sopravvivenza)

"La notte non dà tregua e quando sbuca il mattino tutto sembra tremolare e i larici svengono..."
Ticino7
4 sett

Manuela Bieri: io, loro e ciò che sarà

Un'esistenza piena come gli scaffali di una libreria. E poi, quando meno te lo aspetti, ecco il battito di una nuova vita. E il viaggio continua.
Ticino7
4 sett

Ridere con gli occhi

Prima, quando erano arrabbiati, c'era sempre la vecchia cuffia da bagno rossa della nonna da indossare (e si capiva l'aria che tirava). Ma i tempi sono cambiati...
Ticino7
1 mese

Ricordando Giovanni Boggini

"Un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.
Ticino7
1 mese

QAnon: i complottisti e Donald Trump

Immaginate i Clinton e Obama a capo di una setta satanista, con divi del cinema, il Papa e il Dalai Lama. No, non è la trama di un film...
Ticino7
1 mese

Di bronchi e shampoo

Se non ti cambi le mutande ogni giorno, ripeteva sempre mia nonna, come farai il giorno in cui ti porteranno in ospedale?
Ticino7
1 mese

Per capire il Kosovo

Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
07.11.2020 - 17:200

Il Metodo Mathieu: essere ragazzi al "Tempo delle mele"

Ovvero, quando i sogni diventavano la vera quotidianità. Perché essere giovani (mica fingere di esserlo) è la cosa più bella del mondo, si sa...

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Artisticamente parlando, non saranno gli adolescenti-poeti degli anni Sessanta ne ‘L’attimo fuggente’ e nemmeno i teenager-stragisti dei Duemila in ‘Elephant’. Ma il file che lancio Sophie Marceau – nelle sale dei cinema francesi 40 anni fa,e l'anno seguente anche i quelle di lingua italiana – è un film onesto sui giovanissimi dei favolosi anni Ottanta (che poi gli anni sono favolosi tutti. Dipende solo da che età hai).

Ricordo Viviana per via del rapporto inversamente proporzionale tra la taglia di reggiseno e l’anno di studi, una terza in prima superiore. La ricordo anche perché, senza che io ne comprendessi il motivo, sosteneva via terzi di essersi innamorata di me in modo totale e incondizionato. Aveva anche dichiarato – sempre via terzi, della sua terza – che era impossibile che io fossi l’unico a non esserne attratto, anticipando così la tendenza di alcune donne non ricambiate a trarre conclusioni affrettate (non mi vuole quindi è gay). Mentre nel corridoio Viviana imprecava contro l’indifferenza ai seni gonfi, io gravitavo tra l’anticamera e la sala da pranzo di una festa di compleanno con tanta italodance e poco ballo lento. Per chi non l’avesse mai sperimentato, dicevasi ballo lento lo stringersi l’un l’altra, le mani di lei intorno al collo di lui, quelle di lui intorno alla vita di lei – e nelle peggiori discoteche francesi sull’Atlantico, le mani di lui nelle tasche di lei – sulle note di Hard to say I’m sorry dei Chicago. 

Alle feste di compleanno

Mentre Viviana simulava casuali occasioni di struscio frontale, io seguivo con lo sguardo Amelia, misteriosa come Edgar Allan Poe, piatta come Miguel Bosé. Complice l’oscurità, alle feste di compleanno si correva sempre il rischio di idealizzare, per poi scoprire con la luce del giorno dopo che di Vic Berreton, la protagonista de Il tempo delle mele, ce n’era una soltanto. E cioè Sophie Marceau, una specie di Chiara Ferragni di metà anni Ottanta [Digressione n.1: se un ragazzino del 1980 ha visto Il tempo delle mele da solo, cova poi un diritto di riscatto da esigere al primo presentarsi di qualcuno che somigli anche vagamente a Vic Berreton]. Per motivi che attingono alla sfera della psicologia amorosa, una forza impercettibile – forse l’alone di mistero, forse l’incedere regale, forse l’aria da stronza (la terza che ho detto) – decise che Amelia sarebbe stata la mia Vic Berreton. Perché – a completamento della digressione n.1 – uno che nel 1980 ha visto Il tempo delle mele da solo, a quel diritto di risarcimento per danni morali, a quel destino travestito da brunetta, davvero non può resistere [Fine della digressione n.1].


Per averne avuto uno così, dovete aver superato di ce sto i 40, minimo minimo...

Musica per sognare

Se negli odierni licei può capitare d’imbattersi in ragazzini armati fino ai denti, quel tardo pomeriggio del 1984 il mio Walkman Sony stretto in vita era un’arma caricata a sentimento. Cuffia stereofonica al collo, seconda cuffia molto più costosamente stereofonica poggiata a cavallo dell’apparecchio come una Colt, scorta di pilette 1,5 V nella tasca posteriore dei jeans, tra luci psichedeliche e ascelle purificate (vedi a destra) la festa latitava; sull’unico divano disponibile, due perfetti sconosciuti tenuti insieme per la lingua si scambiavano microbi buoni sulle note di una hit di un qualche eroe della dance italiana dal nome inglese [Digressione n.2: negli anni Ottanta, gran parte degli eroi della dance italiana erano anglofoni nelle generalità, ma di norma nativi della Bassa Padana. A parte il romano Ryan Paris (Fabio Roscioli), quello di Dolce vita, canzone che tanto piaceva ad Annie Lennox]. Fu intorno all’ora di cena che presi in ostaggio la mia Vic, forte del fatto che nel ballo lento non serve sfoggiare particolari abilità: basta ondeggiare a destra e a sinistra, possibilmente a tempo, e tenere le mani a posto. Fu a quell’ora, complice il buio, che le difese di Amelia s’abbassarono e così forse anche la mia vista, motivo per il quale solo 24 ore dopo ebbi una diversa percezione del mio coinvolgimento per lei. L’unica sfortuna di Amelia, in verità, stava nel dover combattere in partenza contro il fantasma di un personaggio che, più di lei, aveva l’unico vantaggio di stare nello schermo o sulle copertine dei giornali; anche in cima a un cumulo di mele verdi, se si considera il n.6 di Sorrisi e Canzoni TV del febbraio 1982 contenente l’approfondimento “Parlano gli adolescenti italiani: com’è il nostro tempo delle mele” (com’è il nostro tempo delle mele? Cazzo, io l’ho visto da solo, ecco com’è).

Senti questa…

Innamorato più dell’amore che di Amelia, in quel premeditato pomeriggio del 1984 stavo per mettere in pratica gli insegnamenti di Mathieu, il ragazzetto che alla fine de Il tempo delle mele – film che visto da solo ti fa sentire un reietto, ma questo l’abbiamo già detto poneva con invidiabile tempismo una seconda cuffietta sulle orecchie di Vic isolandola dal mondo esterno e regalandole le note innamoratrici di Reality, tema originale cantato da Richard Sanderson che oggi vive “vicino a Parigi con la moglie e le tre figlie Mélody, Ophélia e Angelina” (grazie Enciclopedia digitale). Essendo però Reality, vecchia di quattro anni, il mio Walkman avrebbe fatto innamorare Amelia tramite contenuti intellettualmente più elevati che andavano sotto il titolo di La Donna Cannone, una cosa così ben cantata, suonata e ispirata da sollevare da terra per voli pindarici lunghi fino a 4 minuti e 43 secondi dopo i quali sarebbe seguita Victims di Boy George, il colpo definitivo. Insomma, poggiai la mia seconda cuffietta sulle orecchie della mia Vic: ‘Play’ [intro di piano; vai Francesco…] “Butterò questo mio enorme cuore tra le stelle un giorno. Giuro che lo farò…”.


"... Dreams are my Reality...". ve la ricordate, no?

L’effetto De Gregori

Esiste un problema di fondo nel Metodo Mathieu dal quale il film Il tempo delle mele si guarda bene dal mettere in guardia: se in sala qualcuno ha messo i Van Halen a palla, le cuffiette che mandano F. De Gregori possono fare davvero poco. Quello che si può fare è dare un mezzo giro in avanti alla manopola del volume del Walkman sino alla tacca 8, sperando che il primo “E con le mani amore, con le mani ti prenderò…” riesca a isolare voi e la vostra Vic da tutto e da tutti. Zio Eddie compreso, pace all’anima sua. Volume 8. Alle mie orecchie, nessuna distorsione, suono cristallino, una spanna sopra gli altri giocattoli musicali spacciati per hi-fi. Fu in questo stato iniziale d’idillio da Walkman col doppio ingresso che a ridosso del secondo ritornello de La Donna Cannone di F. De Gregori la mia Vic iniziò a tremare. Era amore? Doveva esserlo: il mio alito era respirabile, le mie mani erano nel posto giusto, incedevamo all’incedere di F. De Gregori cercando di non fare caso al dannato controtempo dell’assolo di Jump, quella sensazione di bolero che Samuele Bersani un giorno avrebbe riassunto in “slega il movimento”. Tutto andava come Mathieu aveva insegnato, io credevo. E invece. Alla fine del secondo ritornello la mia Vic mi guardò negli occhi con un’espressione di sgomento misto a pietà che io interpretai come “baciami, F. De Gregori mi fa impazzire” e invece era “Cristo! Sto diventando sorda!”.


I protagonisti della pellicola diretta da Claude Pinoteau, uscita nei cinema francesi il 17 dicembre 1980: Sophie Marceau è Vicʼ, Alexandre Sterling è Mathieu (il suo grande primo amore).

Questione di volumi

Per capirci. Chi avesse intorno ai sedici anni e invece dei cannabinoidi volesse sperimentare il ballo lento, e gli venisse in mente di applicare il Metodo Mathieu, sappia che le cuffie per ascoltare la musica non sono tutte uguali. Si chiama ‘impedenza’ quella cosa per la quale se il volume del tuo apparecchio è 8 non è detto che lo sia per entrambe le cuffie. Per una delle due potrebbe anche essere 16, o 24. Per amore, soltanto per amore, avevo lasciato alla mia Vic la mia cuffia migliore, esponendola al rischio di danni permanenti al timpano. ‘Impedenza’, quella che spiegata con le cognizioni di fisica in possesso di un sedicenne dell’epoca poteva definirsi al massimo la peculiarità di un impedito (impedito sì, ma senza colpa). Forse oggi la tecnologia ha risolto il problema; forse, amarsi wireless è un attimo. Tornando al tardo pomeriggio del 1984. Col ripopolarsi del centro-salotto sulle prime note di Mad Desire di Den Harrow (Stefano Zandri, originario di Nova Milanese), io e Amelia riparammo in cucina, dove sopra un frigorifero di marca troneggiava un radioregistratore giapponese a cassette altamente fedele. Una volta soli, una volta per tutte, chiusi la porta e misi F. De Gregori al suo posto, facendo scorrere indietro il nastro sino a trovare un ritornello, non importava se fosse il primo, il secondo, oppure l’ultimo. Finalmente – senza cuffie e a un volume umanamente sopportabile – La Donna Cannone, quell’enorme mistero, volò.

NdR: per molte altre chicche, note e curiosità sul Tempo delle mele (1, 2, 3 ecc.) procuratevi la versione cartacea di Ticino7 apparso sabato 7 novembre (e conservatela a futura memoria, non si sa mai come andrà a finire, sapete...)

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved