tic-scatti-smorfie-e-altre-prove-di-comunicazione
© iStockphoto
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

United Roads of America. Il business della sofferenza

Sono usati e abusati i detenuti di alcune contee. Ma c'è chi lucra anche sulla pelle di migranti e richiedenti asilo. E i carnefici non sono i "soliti" repubblicani...
Ticino7
3 gior

Guardatevi dal tatagattamortismo

Mai dare il numero di telefono della propria fedele babysitter ad amiche e conoscenti. Piuttosto sacrificate (col suo accordo) l'uomo di casa, se necessario
Ticino7
3 gior

In quel posto. Storie e vicende di gabinetti, pubblici e privati

Secondo alcuni studi, una persona in salute dovrebbe espellere almeno 150 grammi di feci al giorno. Dove e come queste vengono fatte oggi è un segreto, una volta...
Ticino7
3 gior

Nella penna e sulle pagine di Roberto Genazzini

“Per Rialto” dice un cartello appeso in casa, e una freccia segnala di andare verso sinistra. Non potrebbe essere altrimenti: se ami Gandria, ami anche Venezia
Ticino7
3 gior

Greg, la Schiappa più famosa del mondo

Perché le avventure del personaggio creato da Jeff Kinney piacciono tanto? Lo chiediamo a Rossella Bernascone, traduttrice dei famosi ‘Diari’ di Gregory Heffley
Ticino7
3 gior

Fare per crescere, sin da bambini

Autostima e manualità si coltivano sin da piccoli. Anche se la materia parrebbe non essere la più consona
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Sulla via delle stragi

Non c'è (quasi) settimana che non ne avvenga una, piccola o grande che sia. E il metro di misura, ahinoi, è sempre drammaticamente lo stesso: la conta dei morti
Ticino7
1 sett

Gli animali sono emotivi. Elogio all'empatia fra specie

È il "migliore amico dell'uomo", perché è fedele, certo. Ma anche perché è in grado di manifestare le proprie emozioni. Ma oltre ai cani c'è dell'altro...
Ticino7
1 sett

I miti del jazz. Hank Mobley, il tenore invisibile

La storia della musica nasconde innumerevoli paradossi. Come le vicende e i mancati riconoscimenti (in vita) di questo talentuoso sassofonista dimostrano
Ticino7
1 sett

Disavventure Latine 3. Al Banco(cco)mat

Avete mai viaggiato su una piccola imbarcazione, trasportati dalle onde? La prima cosa che vorreste evitare è di non bagnarvi troppo. Ma dove è meglio sedersi?
Ticino7
1 sett

Sulla tela di Antonio Lüönd

"Chi sono, da dove vengo, perché sono qui? Attraverso la pittura ho sempre sentito una spinta interna che mi portasse delle risposte. E ancora le sto cercando”
Ticino7
1 sett

È tutto pieno, grazie

‘Meno traffico e più verde’. Parole sante, ma a questo punto servirebbe il mago Fantasios.
Ticino7
2 sett

United Roads of America. West Virginia, elegia dei bianchi poveri

La Contea di McDowell è la più povera dello Stato. Qui il reddito è un quarto della media nazionale. C’è poco da sorridere, mancano persino i denti
Ticino7
2 sett

Claudio Rivellini. 'Vi racconto il mio Covid'

È stato fra i primi ricoverati alla clinica Gavazzeni di Bergamo, nella zona in Italia più colpita dalla pandemia. Quando del virus quasi nulla si sapeva
Ticino7
2 sett

Informazione: e il giornalismo di qualità dove va?

Si stava meglio quando si stava peggio, ovvero l'altro ieri. Perché l'aria che tira adesso profuma di tempesta (soprattutto per chi si occupa di cultura)
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine 2. I nazisti dei Caraibi

Il viaggio verso la Colombia continua: da Panama e il suo Canale ci spostiamo sulla costa. Fra gente che dovrebbe esserci ma non c'è e infausti vessilli...
Ticino7
2 sett

Le notizie, i pesi e le misure

Sapere che cosa pensano i lettori è vitale per un giornale. Anche se a volte è poco edificante, diciamolo
Ticino7
3 sett

Sordità. Sentire, ma su un’altra frequenza

C'è chi lo è dalla nascita e chi lo è diventato dopo incidenti o terapie errate. Ma come vivono i sordi, come comunicano e quali problemi devo affrontare?
Ticino7
3 sett

Cammina che ti passa (e fa benissimo)

Lo confermano studi e ricerche: basta rispettare i propri limiti fisici e dotarsi di un paio di calzature adatte. Il resto vien da sé, passo dopo passo...
Ticino7
3 sett

L'ansia di non saper gestire l’ansia

Non siamo fatti per stare chiusi tra 4 mura. Il rischio (fra le molte altre "controindicazioni") è di ritrovarsi con un'ospite indesiderata. Proprio in casa
Ticino7
3 sett

Pietro Vaccaro non ci sente, ma le sue pizze...

Classe 1953, nella vita si è sempre contraddistinto per caparbietà e una simpatia contagiosa. Ristoratore per passione, la sua vitalità è molto contagiosa...
Ticino7
3 sett

Gli occhi e le visioni del futuro

Sarebbero fatti per vedere lontano. Invece li abbiamo ridotti a microscopi buoni per digitare numerini e letterine
Ticino7
1 mese

L'empatia secondo Assunta Ranieri Bernasconi

Ha aperto nel Luganese uno spazio dove mamme e papà possono condividere professione e cura dei figli. Un'idea che racconta molto di lei e del suo vissuto
Ticino7
1 mese

Moda e riuso. I giovani negli armadi di famiglia

Davide e Gaia si raccontano: come e perché alle solite vetrine in centro e ai centri commerciali preferiscono le soffitte e gli abiti di mamma e papà?
Ticino7
1 mese

Elastici, trampolini e regali boomerang

Ieri erano gli esercizi in VHS, oggi sono i tutorial su YouTube. Ma poco è cambiato... sempre che a casa non vi manchi una scatola di cereali pronta all'uso
Ticino7
1 mese

$Amazon. Consumi, lavoratori, concorrenza (e grandi affari)

Il più grande mercato sulla faccia della Terra fa parlare di sé. Questa volta è un problema di diritti, ma la materia sulla quale riflettere è molto più ampia
Ticino7
31.10.2020 - 18:000

Tic. Scatti, smorfie e altre prove di comunicazione

Un periodo di stanchezza, uno stato di prolungata tensione, ed ecco che una palpebra inizia a muoversi per conto suo. Perché?

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Per convenzione, i tic vengono distinti in “motori” (arricciare il naso, tendere il collo, scrollare le spalle eccetera) e “sonori” (schiarirsi la gola, soffiare, sbuffare ecc.); un’ulteriore specificazione li classifica in “semplici” (fare schioccare i polsi; emettere suoni tipo “tsk tsk”, cioè quel verso che si fa per chiamare i gatti o per esprimere disapprovazione senza aprire bocca) e “complessi” (mettere in atto sequenze gestuali articolate, pronunciare singole parole o frasi). Essendo così eclatanti, i tic sono spesso usati da attori e caratteristi per dare colore ai propri personaggi, specie se si tratta di ritrarre figure buffe o tormentate (uno per tutti il dottor Stranamore che, nell’omonimo film di Kubrik, non può impedirsi di fare il saluto nazista, soprattutto nei momenti di maggiore eccitazione). Questa tipizzazione dei tic come rivelatori di uno stato di disagio deriva dalla descrizione che inizialmente ne venne fornita in ambito medico: fino alla metà degli anni Sessanta, si pensava infatti fossero riconducibili a un disturbo di tipo puramente psicologico.


Da "Il Dottor Stranamore", 1964

Questione di dopamina (ma non solo)

Invero i tic hanno un’eziologia composita, nella quale la componente neurologica sembra giocare un ruolo di primo piano. In particolare, è la regolazione della dopamina - un neurotrasmettitore implicato anche in altre sindromi motorie, come per esempio il Morbo di Parkinson - a essere chiamata in causa in quanto agente di collegamento di un circuito cerebrale che include i gangli della base, la corteccia prefrontale e il talamo. Una delle funzioni di questo circuito è quella di processare e filtrare le informazioni che controllano i movimenti fini (o di precisione): poiché l’erogazione di dopamina in alcuni snodi del circuito risulta alterata, le informazioni motorie non verrebbero adeguatamente filtrate con il risultato di “scivolare” attraverso il sistema producendo movimenti ridondanti o ripetitivi. 
Senza cadere in un facile riduzionismo - la genesi di un disturbo così complesso non può che essere, a sua volta, complessa - la rilevanza della componente neurologica sembra essere confermata dalla buona rispondenza del sintomo ai farmaci neurolettici (che regolano proprio la produzione di dopamina), sebbene il ricorso alla terapia farmacologica rappresenti un’extrema ratio per un disturbo di solito transitorio (meno di un anno) che si stima interessi circa il 20% dei bambini. I tic compaiono infatti tipicamente fra i quattro e i sei anni di età, inizialmente sotto forma di tic motori semplici (rapidi ammiccamenti, torsioni del collo) che tendono poi a evolvere in forme più complesse, coinvolgendo diversi distretti muscolari e creando sequenze combinate tipo toccare e tamburellare con le dita, oppure saltellare e mantenere posture inusuali. Analogamente, i tic sonori tendono a essere semplici all’esordio (tossire, grugnire) per poi eventualmente evolvere in palilalia (ripetizione delle proprie parole: “Come stai? Stai? Stai? Stai?”), ecolalia (ripetizione delle parole dell’altro: [“Sto bene”]; “Bene, bene, bene”) e, tipicamente nel caso della sindrome di Tourette, in coprolalia, ovvero nell’enunciazione non intenzionale di parole volgari, oscenità o frasi politicamente scorrette (“Maledetto ebreo!”). 

Coprolalia canaglia

In realtà, la coprolalia non è poi così frequente, neppure nell’ambito della sindrome di Tourette, ma l’impatto emotivo che tende a suscitare ha fatto sì che per lungo tempo fosse considerata la sua caratteristica precipua, insieme a prognosi tendenzialmente catastrofiche che spaziavano dall’autismo alla sociopatia. Si tratta invece di un disturbo neuropsicologico che spesso non viene neppure rilevato, cosa che fino a poco tempo fa lo faceva ritenere raro (oltre che grave). Questo perché, sebbene si tratti della forma più severa dei disturbi da tic – perché cronica e caratterizzata dalla concomitanza di tic motori e sonori, sia in forma semplice che complessa – i bambini con sindrome di Tourette possono imparare anche precocemente a camuffarne le manifestazioni attraverso la soppressione intenzionale dei tic quando sono in luoghi pubblici o la loro trasformazione (nel caso dei tic sonori) in suoni onomatopeici considerati simpatici o buffi. Di fatto le sue manifestazioni variano dalle forme più lievi a quelle più gravi, interessando nel complesso circa l’1% dei bambini in età scolare.

Va e viene

I tic tendono ad avere una qualità frattale nel senso che si manifestano con attacchi ripetuti della durata di secondi o minuti, intervallati da periodi liberi dello stesso ordine di tempo, ma la medesima configurazione intermittente può essere replicata in termini di ore, giorni, settimane o mesi. Come già accennato, i tic possono essere volontariamente soppressi, una capacità che tende a perfezionarsi con l’età. Molte persone con la sindrome di Tourette descrivono una sensazione di “urgenza premonitrice” nel distretto muscolare interessato dal tic prima che questo si manifesti: può essere un senso di tensione, o di pressione, un solletico o un prurito. A volte l’urgenza è di tipo psicologico piuttosto che fisico, per esempio una sensazione di ansia o di rabbia insorte senza apparente motivo oppure ingenerate da un rumore, una frase o un’immagine. 
Il riconoscimento di queste sensazioni “premonitrici” e la conseguente soppressione dell’automatismo collegato inizia, nel caso dei disturbi cronici, intorno ai dieci anni di età così che a partire dall’adolescenza i tic possono essere considerati volontari, o semi-volontari, nella maggior parte delle persone. Ma la soppressione intenzionale del tic comporta una crescente sensazione di disagio e rappresenta una fonte di distrazione forse più debilitante del tic stesso. Non a caso, i disturbi da tic tendono a presentarsi in comorbilità con il Disturbo da deficit di attenzione/iperattività e, in età più avanzata, con il Disturbo ossessivo-compulsivo, nel quale pensieri e azioni devono essere “controbilanciati” o meglio “imbrigliati” in complesse sequenze rituali al fine di neutralizzarne la pericolosità percepita. 


© iStockphoto

Carico e scarico

Secondo l’ipotesi neurologica precedentemente menzionata, ciò che accomuna questi disturbi è il cosiddetto ciclo dell’urgenza-sollievo: la ridondanza delle informazioni nel circuito dopaminergico determinerebbe infatti una sensazione di sovraccarico a livello sensoriale, che troverebbe scarico e quindi sollievo nei tic, così come un sovraccarico percepito a livello cognitivo comporterebbe lo sviluppo di pensieri ossessivi, che troverebbero sollievo nel comportamento compulsivo (per esempio, controllare sempre cinque volte che i rubinetti del gas siano chiusi prima di uscire di casa) o in un’azione impulsiva (“acting-out”) che “sblocchi” la situazione (per esempio, interrompere qualcuno che sta parlando o fare un commento offensivo/inappropriato). In quest’ottica, i tic – organizzati o meno in sindrome di Tourette – sarebbero quindi sintomo di un sottostante processo di “rifinitura” di modelli motori e cognitivi non ancora perfettamente calibrati, cosa che darebbe conto della loro prevalenza in età evolutiva, quando il sistema nervoso è ancora in fase di “rodaggio”.

Poi passano (di solito) 

Nella maggior parte dei casi, i tic scompaiono infatti con la crescita, mano a mano che il sistema giunge a maturazione consolidando i sofisticati circuiti neuronali sottesi al nostro comportamento, fisico e psicologico. E se alcune volte ciò non avviene, e i tic divengono parte integrante dell’habitus psicofisico di una persona, è importante non drammatizzare e non sentirsene eccessivamente penalizzati. In fondo, stando alle cronache storiografiche, anche l’imperatore romano Tiberio Claudio (10 a.C. - 54 d.C.) aveva diversi tic, cosa che non gli ha impedito di governare con successo quello che all’epoca era il mondo conosciuto. E si dice che anche Wolfgang Amadeus Mozart ne avesse qualcuno, con particolare riferimento alla coprolalia. Le “parolacce” in fondo sono semplicemente parole ad alto coefficiente emotivo che ben si prestano a “scaricare” sovraccarichi di natura sensoriale o affettiva, indice di una sensibilità particolarmente ricettiva...

CLASSIFICAZIONE FENOMENOLOGICA DEI DISTURBI DEL MOVIMENTO


Da “Movement Disorders: Tics and Stereotypies”, S.H. Zimmer e J. W. Mink, 2010

 

Da “Movement Disorders: Tics and Stereotypies”, S.H. Zimmer e J. W. Mink, 2010
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved