laRegione
tic-scatti-smorfie-e-altre-prove-di-comunicazione
© iStockphoto
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
12 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
15 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
19 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
1 sett

Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre

Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
1 sett

Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto

Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...
Ticino7
2 sett

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
2 sett

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
Ticino7
2 sett

Alberto Pellanda ti prende per la gola

È panettiere, pasticciere e anche confettiere. Gestisce l’attività di famiglia a Intragna, dove è nato 44 anni fa.
Ticino7
2 sett

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?
Ticino7
2 sett

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare
Ticino7
3 sett

Quella "fortuna" di Victoria

Una famiglia siriana, una guerra assurda e senza fine, una casa che non c'è più. Poi la dea bendata volge lo sguardo, questa volta dalla parte giusta
Ticino7
3 sett

Il Metodo Mathieu: essere ragazzi al "Tempo delle mele"

Ovvero, quando i sogni diventavano la vera quotidianità. Perché essere giovani (mica fingere di esserlo) è la cosa più bella del mondo, si sa...
Ticino7
3 sett

E il futuro del lavoro? Sarà donna

Secondo molti esperti, tipicamente ‘femminili’ sono le competenze che saranno sempre più richieste in ambito professionale. Anche agli uomini.
Ticino7
3 sett

Emily e la meraviglia del corpo (che cambia)

Anche John Fante non se lo spiegava: "Quella cosa era dentro di lei e lei era remota, sdegnosa e beata". Che poi, più che un mistero e solo la vita.
Ticino7
3 sett

La sindrome del faggio (perché odiamo le foglie che cadono?)

Inizia a perdere il fogliame da metà ottobre. Improvvisamente. Che scende pacatamente, come lievi pensieri e ricordi, per lunghe settimane
Ticino7
3 sett

United Roads of America: il voto visto dall'ombelico

Il giornalista della RSI Emiliano Bos ci porta nel cuore del paese, a poche ore dall'elezione del nuovo inquilino della Casa Bianca
Ticino7
4 sett

Confinamento. Per te, ma non per tutti

Chiudere tutto, aprire tutto. Fate un po' come vi pare, ma vedete di non complicarmi troppo la vita (di quella degli altri mi frega meno...)
Ticino7
4 sett

La montagna capovolta (una storia di sopravvivenza)

"La notte non dà tregua e quando sbuca il mattino tutto sembra tremolare e i larici svengono..."
Ticino7
4 sett

Manuela Bieri: io, loro e ciò che sarà

Un'esistenza piena come gli scaffali di una libreria. E poi, quando meno te lo aspetti, ecco il battito di una nuova vita. E il viaggio continua.
Ticino7
4 sett

Ridere con gli occhi

Prima, quando erano arrabbiati, c'era sempre la vecchia cuffia da bagno rossa della nonna da indossare (e si capiva l'aria che tirava). Ma i tempi sono cambiati...
Ticino7
1 mese

Ricordando Giovanni Boggini

"Un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.
Ticino7
31.10.2020 - 18:000

Tic. Scatti, smorfie e altre prove di comunicazione

Un periodo di stanchezza, uno stato di prolungata tensione, ed ecco che una palpebra inizia a muoversi per conto suo. Perché?

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Per convenzione, i tic vengono distinti in “motori” (arricciare il naso, tendere il collo, scrollare le spalle eccetera) e “sonori” (schiarirsi la gola, soffiare, sbuffare ecc.); un’ulteriore specificazione li classifica in “semplici” (fare schioccare i polsi; emettere suoni tipo “tsk tsk”, cioè quel verso che si fa per chiamare i gatti o per esprimere disapprovazione senza aprire bocca) e “complessi” (mettere in atto sequenze gestuali articolate, pronunciare singole parole o frasi). Essendo così eclatanti, i tic sono spesso usati da attori e caratteristi per dare colore ai propri personaggi, specie se si tratta di ritrarre figure buffe o tormentate (uno per tutti il dottor Stranamore che, nell’omonimo film di Kubrik, non può impedirsi di fare il saluto nazista, soprattutto nei momenti di maggiore eccitazione). Questa tipizzazione dei tic come rivelatori di uno stato di disagio deriva dalla descrizione che inizialmente ne venne fornita in ambito medico: fino alla metà degli anni Sessanta, si pensava infatti fossero riconducibili a un disturbo di tipo puramente psicologico.


Da "Il Dottor Stranamore", 1964

Questione di dopamina (ma non solo)

Invero i tic hanno un’eziologia composita, nella quale la componente neurologica sembra giocare un ruolo di primo piano. In particolare, è la regolazione della dopamina - un neurotrasmettitore implicato anche in altre sindromi motorie, come per esempio il Morbo di Parkinson - a essere chiamata in causa in quanto agente di collegamento di un circuito cerebrale che include i gangli della base, la corteccia prefrontale e il talamo. Una delle funzioni di questo circuito è quella di processare e filtrare le informazioni che controllano i movimenti fini (o di precisione): poiché l’erogazione di dopamina in alcuni snodi del circuito risulta alterata, le informazioni motorie non verrebbero adeguatamente filtrate con il risultato di “scivolare” attraverso il sistema producendo movimenti ridondanti o ripetitivi. 
Senza cadere in un facile riduzionismo - la genesi di un disturbo così complesso non può che essere, a sua volta, complessa - la rilevanza della componente neurologica sembra essere confermata dalla buona rispondenza del sintomo ai farmaci neurolettici (che regolano proprio la produzione di dopamina), sebbene il ricorso alla terapia farmacologica rappresenti un’extrema ratio per un disturbo di solito transitorio (meno di un anno) che si stima interessi circa il 20% dei bambini. I tic compaiono infatti tipicamente fra i quattro e i sei anni di età, inizialmente sotto forma di tic motori semplici (rapidi ammiccamenti, torsioni del collo) che tendono poi a evolvere in forme più complesse, coinvolgendo diversi distretti muscolari e creando sequenze combinate tipo toccare e tamburellare con le dita, oppure saltellare e mantenere posture inusuali. Analogamente, i tic sonori tendono a essere semplici all’esordio (tossire, grugnire) per poi eventualmente evolvere in palilalia (ripetizione delle proprie parole: “Come stai? Stai? Stai? Stai?”), ecolalia (ripetizione delle parole dell’altro: [“Sto bene”]; “Bene, bene, bene”) e, tipicamente nel caso della sindrome di Tourette, in coprolalia, ovvero nell’enunciazione non intenzionale di parole volgari, oscenità o frasi politicamente scorrette (“Maledetto ebreo!”). 

Coprolalia canaglia

In realtà, la coprolalia non è poi così frequente, neppure nell’ambito della sindrome di Tourette, ma l’impatto emotivo che tende a suscitare ha fatto sì che per lungo tempo fosse considerata la sua caratteristica precipua, insieme a prognosi tendenzialmente catastrofiche che spaziavano dall’autismo alla sociopatia. Si tratta invece di un disturbo neuropsicologico che spesso non viene neppure rilevato, cosa che fino a poco tempo fa lo faceva ritenere raro (oltre che grave). Questo perché, sebbene si tratti della forma più severa dei disturbi da tic – perché cronica e caratterizzata dalla concomitanza di tic motori e sonori, sia in forma semplice che complessa – i bambini con sindrome di Tourette possono imparare anche precocemente a camuffarne le manifestazioni attraverso la soppressione intenzionale dei tic quando sono in luoghi pubblici o la loro trasformazione (nel caso dei tic sonori) in suoni onomatopeici considerati simpatici o buffi. Di fatto le sue manifestazioni variano dalle forme più lievi a quelle più gravi, interessando nel complesso circa l’1% dei bambini in età scolare.

Va e viene

I tic tendono ad avere una qualità frattale nel senso che si manifestano con attacchi ripetuti della durata di secondi o minuti, intervallati da periodi liberi dello stesso ordine di tempo, ma la medesima configurazione intermittente può essere replicata in termini di ore, giorni, settimane o mesi. Come già accennato, i tic possono essere volontariamente soppressi, una capacità che tende a perfezionarsi con l’età. Molte persone con la sindrome di Tourette descrivono una sensazione di “urgenza premonitrice” nel distretto muscolare interessato dal tic prima che questo si manifesti: può essere un senso di tensione, o di pressione, un solletico o un prurito. A volte l’urgenza è di tipo psicologico piuttosto che fisico, per esempio una sensazione di ansia o di rabbia insorte senza apparente motivo oppure ingenerate da un rumore, una frase o un’immagine. 
Il riconoscimento di queste sensazioni “premonitrici” e la conseguente soppressione dell’automatismo collegato inizia, nel caso dei disturbi cronici, intorno ai dieci anni di età così che a partire dall’adolescenza i tic possono essere considerati volontari, o semi-volontari, nella maggior parte delle persone. Ma la soppressione intenzionale del tic comporta una crescente sensazione di disagio e rappresenta una fonte di distrazione forse più debilitante del tic stesso. Non a caso, i disturbi da tic tendono a presentarsi in comorbilità con il Disturbo da deficit di attenzione/iperattività e, in età più avanzata, con il Disturbo ossessivo-compulsivo, nel quale pensieri e azioni devono essere “controbilanciati” o meglio “imbrigliati” in complesse sequenze rituali al fine di neutralizzarne la pericolosità percepita. 


© iStockphoto

Carico e scarico

Secondo l’ipotesi neurologica precedentemente menzionata, ciò che accomuna questi disturbi è il cosiddetto ciclo dell’urgenza-sollievo: la ridondanza delle informazioni nel circuito dopaminergico determinerebbe infatti una sensazione di sovraccarico a livello sensoriale, che troverebbe scarico e quindi sollievo nei tic, così come un sovraccarico percepito a livello cognitivo comporterebbe lo sviluppo di pensieri ossessivi, che troverebbero sollievo nel comportamento compulsivo (per esempio, controllare sempre cinque volte che i rubinetti del gas siano chiusi prima di uscire di casa) o in un’azione impulsiva (“acting-out”) che “sblocchi” la situazione (per esempio, interrompere qualcuno che sta parlando o fare un commento offensivo/inappropriato). In quest’ottica, i tic – organizzati o meno in sindrome di Tourette – sarebbero quindi sintomo di un sottostante processo di “rifinitura” di modelli motori e cognitivi non ancora perfettamente calibrati, cosa che darebbe conto della loro prevalenza in età evolutiva, quando il sistema nervoso è ancora in fase di “rodaggio”.

Poi passano (di solito) 

Nella maggior parte dei casi, i tic scompaiono infatti con la crescita, mano a mano che il sistema giunge a maturazione consolidando i sofisticati circuiti neuronali sottesi al nostro comportamento, fisico e psicologico. E se alcune volte ciò non avviene, e i tic divengono parte integrante dell’habitus psicofisico di una persona, è importante non drammatizzare e non sentirsene eccessivamente penalizzati. In fondo, stando alle cronache storiografiche, anche l’imperatore romano Tiberio Claudio (10 a.C. - 54 d.C.) aveva diversi tic, cosa che non gli ha impedito di governare con successo quello che all’epoca era il mondo conosciuto. E si dice che anche Wolfgang Amadeus Mozart ne avesse qualcuno, con particolare riferimento alla coprolalia. Le “parolacce” in fondo sono semplicemente parole ad alto coefficiente emotivo che ben si prestano a “scaricare” sovraccarichi di natura sensoriale o affettiva, indice di una sensibilità particolarmente ricettiva...

CLASSIFICAZIONE FENOMENOLOGICA DEI DISTURBI DEL MOVIMENTO


Da “Movement Disorders: Tics and Stereotypies”, S.H. Zimmer e J. W. Mink, 2010

 

Da “Movement Disorders: Tics and Stereotypies”, S.H. Zimmer e J. W. Mink, 2010
Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved