manuela-bieri-io-loro-e-cio-che-sara
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

United Roads of America. Il business della sofferenza

Sono usati e abusati i detenuti di alcune contee. Ma c'è chi lucra anche sulla pelle di migranti e richiedenti asilo. E i carnefici non sono i "soliti" repubblicani...
Ticino7
3 gior

Guardatevi dal tatagattamortismo

Mai dare il numero di telefono della propria fedele babysitter ad amiche e conoscenti. Piuttosto sacrificate (col suo accordo) l'uomo di casa, se necessario
Ticino7
3 gior

In quel posto. Storie e vicende di gabinetti, pubblici e privati

Secondo alcuni studi, una persona in salute dovrebbe espellere almeno 150 grammi di feci al giorno. Dove e come queste vengono fatte oggi è un segreto, una volta...
Ticino7
3 gior

Nella penna e sulle pagine di Roberto Genazzini

“Per Rialto” dice un cartello appeso in casa, e una freccia segnala di andare verso sinistra. Non potrebbe essere altrimenti: se ami Gandria, ami anche Venezia
Ticino7
3 gior

Greg, la Schiappa più famosa del mondo

Perché le avventure del personaggio creato da Jeff Kinney piacciono tanto? Lo chiediamo a Rossella Bernascone, traduttrice dei famosi ‘Diari’ di Gregory Heffley
Ticino7
3 gior

Fare per crescere, sin da bambini

Autostima e manualità si coltivano sin da piccoli. Anche se la materia parrebbe non essere la più consona
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Sulla via delle stragi

Non c'è (quasi) settimana che non ne avvenga una, piccola o grande che sia. E il metro di misura, ahinoi, è sempre drammaticamente lo stesso: la conta dei morti
Ticino7
1 sett

Gli animali sono emotivi. Elogio all'empatia fra specie

È il "migliore amico dell'uomo", perché è fedele, certo. Ma anche perché è in grado di manifestare le proprie emozioni. Ma oltre ai cani c'è dell'altro...
Ticino7
1 sett

I miti del jazz. Hank Mobley, il tenore invisibile

La storia della musica nasconde innumerevoli paradossi. Come le vicende e i mancati riconoscimenti (in vita) di questo talentuoso sassofonista dimostrano
Ticino7
1 sett

Disavventure Latine 3. Al Banco(cco)mat

Avete mai viaggiato su una piccola imbarcazione, trasportati dalle onde? La prima cosa che vorreste evitare è di non bagnarvi troppo. Ma dove è meglio sedersi?
Ticino7
1 sett

Sulla tela di Antonio Lüönd

"Chi sono, da dove vengo, perché sono qui? Attraverso la pittura ho sempre sentito una spinta interna che mi portasse delle risposte. E ancora le sto cercando”
Ticino7
1 sett

È tutto pieno, grazie

‘Meno traffico e più verde’. Parole sante, ma a questo punto servirebbe il mago Fantasios.
Ticino7
2 sett

United Roads of America. West Virginia, elegia dei bianchi poveri

La Contea di McDowell è la più povera dello Stato. Qui il reddito è un quarto della media nazionale. C’è poco da sorridere, mancano persino i denti
Ticino7
2 sett

Claudio Rivellini. 'Vi racconto il mio Covid'

È stato fra i primi ricoverati alla clinica Gavazzeni di Bergamo, nella zona in Italia più colpita dalla pandemia. Quando del virus quasi nulla si sapeva
Ticino7
2 sett

Informazione: e il giornalismo di qualità dove va?

Si stava meglio quando si stava peggio, ovvero l'altro ieri. Perché l'aria che tira adesso profuma di tempesta (soprattutto per chi si occupa di cultura)
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine 2. I nazisti dei Caraibi

Il viaggio verso la Colombia continua: da Panama e il suo Canale ci spostiamo sulla costa. Fra gente che dovrebbe esserci ma non c'è e infausti vessilli...
Ticino7
2 sett

Le notizie, i pesi e le misure

Sapere che cosa pensano i lettori è vitale per un giornale. Anche se a volte è poco edificante, diciamolo
Ticino7
3 sett

Sordità. Sentire, ma su un’altra frequenza

C'è chi lo è dalla nascita e chi lo è diventato dopo incidenti o terapie errate. Ma come vivono i sordi, come comunicano e quali problemi devo affrontare?
Ticino7
31.10.2020 - 14:000

Manuela Bieri: io, loro e ciò che sarà

Un'esistenza piena come gli scaffali di una libreria. E poi, quando meno te lo aspetti, ecco il battito di una nuova vita. E il viaggio continua.

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

È nata il 15 giugno 1977. Diplomata in Comunicazione visiva alla SUPSI, giornalista per la RSI e artista tessile, oggi pesa molti più chili di pochi mesi fa – ʻsono tantissimi di piùʼ aggiunge –, ma lo dice sorridendo. Il suo essere nata sotto il segno dei gemelli le ha fatto comprendere col tempo che ʻtutto è l’opposto di tuttoʼ. È ordinata, ma se metti il naso nel suo atelier vorresti chiamare Marie Kondo per dargli una sistemata. La musica è la colonna sonora della sua vita – né metal, né classica – però un sacco di sfumature nel mezzo. Le piace l’incognita: il viaggio, poco organizzato e poco strutturato, è uno strumento prezioso per contattare parti di lei inesplorate. Oggi vive a Gravesano col compagno di vita, la loro micia Wanda e presto un piccolo ʻluiʼ che animerà le loro vite. Nella vita ha poche certezze: l’amore, le relazioni interpersonali e sa bene chi è.

Scaffali stracolmi di libri, vinili che tappezzano una parete del salotto, colori, forme e tante impronte di cultura e arte che animano casa di Manuela. Wanda – la micia apparentemente innocua, anche se dalle zampate lasciate sulle mani di Manuela non si direbbe – ci fa compagnia per tutta la chiacchierata (seduta tra l’altro sulle mie gambe: ne sono uscita illesa, per la cronaca).
Manuela aspetta il primo figlio e i ricordi vanno a quando era piccola: “Ero vivace, leggera, intrattenitrice e autonoma. Crescendo in una famiglia numerosa e unita c’è stato un momento in cui però ho sentito il bisogno di contattare le mie parti buie. Ho frequentato amicizie pessime per mettermi nei panni dell’osservatrice e rendermi conto che non era quello che volevo”. Sono stati anni complicati. La sua famiglia non capiva il cambiamento di Manuela. “Mi sono persa in quegli anni, scrivevo nei miei diari che avevo la sensazione di essere sul treno sbagliato, e a tratti questa cosa la sento ancora oggi”. 

Viaggio

Dall’Antartide alle Azzorre, dalla sua amata Asia – vista in lungo e in largo – al Medio Oriente: Manuela è stata una viaggiatrice seriale per quasi 20 anni. “La prima volta – non avevo nemmeno 18 anni – ho inconsciamente scelto di andare nel posto più lontano da qui: l’Australia. La scusa era: per imparare l’inglese”. Manuela si accorge ben presto che la scuola a Perth non fa per lei. The bag is on the table (classica frase per chi impara l’inglese) le sta stretta, ritira la retta scolastica e forte della visita del fratello maggiore parte per diversi mesi alla scoperta del resto del Paese, per poi raggiungere in solitaria Singapore, Malesia e Thailandia. “Quei mesi mi hanno cambiata per sempre. Mandavo un fax ai miei una volta al mese giusto per avvisarli che stavo bene – poverini, quante ansie. Ho imparato a cavarmela da sola. Mi sono sentita per la prima volta responsabile della mia felicità. È stata una lezione immensa durata 9 mesi”.

Punti di domanda

Manuela fino a qualche anno fa è sempre stata free-lance: creazioni tessili, servizi giornalistici per Rete 3, grafica e via discorrendo. “Per tantissimi anni l’unico obiettivo era avere dei lavori che mi permettessero di partire”. Arriva poi, inevitabilmente, un momento della vita in cui ci si mette in discussione: “Dopo aver girato in lungo e in largo per il mondo ho iniziato a farmi delle domande. Intorno a me le persone si costruivano famiglie, carriere professionali; ambiti in cui non avevo mai veramente investito. Mi sono data da fare e oggi sono felice di avere un contratto a metà tempo come giornalista, essere un’artista tessile attiva e piena di idee. Si è appena conclusa una mostra personale al Museo della Verzasca di Sonogno e un mio lavoro è stato selezionato per l’edizione 2020 della Miniartextil di Como”. 


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi

Io, io, io…

Dalla Manuela con lo zaino in spalla alla Manuela con il pancione di oggi di “cose” ne sono cambiate parecchie. “Per anni i mesi in viaggio si alternavano a mesi di crisi su chi fossi e cosa volessi fare della mia vita. A un certo punto senza nemmeno accorgermene sono diventata una persona solida e piena di fiducia, anche se continuo a farmi un sacco di domande sul senso della vita e mi ritengo una persona piuttosto irrequieta. Ho incontrato Enrico – il mio compagno – che si è innamorato di tutti i miei strati e che è riuscito a farmi amare il nido”. Manuela ha sempre pensato di avere figli ma c’era sempre qualcosa di più importante: i viaggi, il lavoro, l’arte, i sogni. “Non sono certa si sia trattato del ticchettio dell’orologio biologico, ma a 40 anni ho capito che ero pronta a mettermi un po’ da parte. Per una vita ho pensato solo a me e a quello che volevo fare: non ero certa di voler passare i successivi anni a rispondere solo ai miei bisogni”. Finalmente si decide. “Ok sono pronta, siamo pronti”. Ma il figlio non arriva subito, ci vogliono 2 anni e tanta pazienza. “Ho dovuto fare i conti con la vita che avevo scelto, non potevo colpevolizzare nessuno se un bambino non arrivava. Mi ero quasi arresa, ma a inizio del lockdown è arrivata la sorpresa: aspettavamo un bambino”.

Ignoto

Nei primi mesi di gravidanza, per la prima volta nella mia vita ho pensato ad altro, non a quello che avrei dovuto e voluto fare: il mio futuro, progetti, idee. “Posare le mani sul grembo e sentire che la vita ti è cambiata radicalmente è stato, e continua ad essere, incredibile”. Come nel viaggio, in cui spesso si va incontro all’ignoto, anche nella gravidanza si entra in un certo senso nella stessa dimensione del non sapere. “Penso che avere il primo figlio a 43 anni sia un’esperienza pazzesca. Mentirei se dicessi di non avere timori: lo vedrò crescere e diventare adulto, mentre io invecchierò, ma questa è la meraviglia dell’esplorazione dello sconosciuto, godersi il viaggio senza conoscere la meta finale”.

 

 

© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved