laRegione
confinamento-per-te-ma-non-per-tutti
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
12 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
15 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
19 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
1 sett

Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre

Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
1 sett

Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto

Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...
Ticino7
2 sett

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
2 sett

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
Ticino7
2 sett

Alberto Pellanda ti prende per la gola

È panettiere, pasticciere e anche confettiere. Gestisce l’attività di famiglia a Intragna, dove è nato 44 anni fa.
Ticino7
2 sett

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?
Ticino7
2 sett

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare
Ticino7
3 sett

Quella "fortuna" di Victoria

Una famiglia siriana, una guerra assurda e senza fine, una casa che non c'è più. Poi la dea bendata volge lo sguardo, questa volta dalla parte giusta
Ticino7
3 sett

Il Metodo Mathieu: essere ragazzi al "Tempo delle mele"

Ovvero, quando i sogni diventavano la vera quotidianità. Perché essere giovani (mica fingere di esserlo) è la cosa più bella del mondo, si sa...
Ticino7
3 sett

E il futuro del lavoro? Sarà donna

Secondo molti esperti, tipicamente ‘femminili’ sono le competenze che saranno sempre più richieste in ambito professionale. Anche agli uomini.
Ticino7
3 sett

Emily e la meraviglia del corpo (che cambia)

Anche John Fante non se lo spiegava: "Quella cosa era dentro di lei e lei era remota, sdegnosa e beata". Che poi, più che un mistero e solo la vita.
Ticino7
3 sett

La sindrome del faggio (perché odiamo le foglie che cadono?)

Inizia a perdere il fogliame da metà ottobre. Improvvisamente. Che scende pacatamente, come lievi pensieri e ricordi, per lunghe settimane
Ticino7
3 sett

United Roads of America: il voto visto dall'ombelico

Il giornalista della RSI Emiliano Bos ci porta nel cuore del paese, a poche ore dall'elezione del nuovo inquilino della Casa Bianca
Ticino7
4 sett

Tic. Scatti, smorfie e altre prove di comunicazione

Un periodo di stanchezza, uno stato di prolungata tensione, ed ecco che una palpebra inizia a muoversi per conto suo. Perché?
Ticino7
4 sett

La montagna capovolta (una storia di sopravvivenza)

"La notte non dà tregua e quando sbuca il mattino tutto sembra tremolare e i larici svengono..."
Ticino7
31.10.2020 - 17:550

Confinamento. Per te, ma non per tutti

Chiudere tutto, aprire tutto. Fate un po' come vi pare, ma vedete di non complicarmi troppo la vita (di quella degli altri mi frega meno...)

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Volevo dire la mia sul lockdown, perché ho visto che voi avete detto tutti la vostra. Ma proprio tutti. Che carini che siete. Nemmeno fosse la recensione di Joker (che se non la facevi ti espellevano da Facebook). Io che non l’ho visto, per esempio, avevo copiato una recensione di Forrest Gump e avevo solo cambiato il nome. E non mi hanno beccato.

Comunque, volevo dire che io sono per chiudere tutto. Ma proprio tutto. Cioè vabbè, magari non proprio tutto, tutto. C’è quella pizzeria dove vado a volte dopo il lavoro, ecco quella magari potrebbe restare aperta. Ma nemmeno tutto il giorno. Per dire: chiudetela anche fino alle 18, anche fino alle 21. Tanto io non esco mai prima. Apritela dalle 21 alle 24, così io sto tranquillo. Però il resto bisogna chiuderlo. Tranne magari la birreria dei miei amici di Brescia, perché loro rispettano le regole, li ho visti. Sono talebani in quello (sono trotzkisti in realtà, insomma sono talebani-trotzkisti un po’ come il pasticciere di Nanni Moretti, ma con la birra). Loro se non stai distanziato s’incazzano. Ti cacciano. Soprattutto se hai già pagato la birra. Ecco loro, che sono amici miei, dovrebbero restare aperti. Sempre. Anche al mattino, metti che a uno gli va alle 8 di farsi una stout di dodici gradi. E magari può tenere aperta quella vineria dove vado ogni tanto. Che poi va bene anche se stanno chiusi e aprono se gli faccio uno squillo io.

Poi per il resto sinceramente può chiudere tutto. Non so, per dire: le stazioni, gli aeroporti. Chiudeteli. Sono pericolosi, c’è un sacco di gente. Ma dove vanno? Non lo sanno che c’è la pandemia? Lasciate magari aperto l’aeroporto di Genova con le sue destinazioni, magari aumentatele, tanto gli altri aeroporti sono chiusi. Che poi, guarda, è troppo. Lasciate solo il Genova-Cagliari. Tanto a me serve solo quello ora. Non per egoismo eh, però meglio gli aeroporti chiusi.

Anche i bus pensavo, ma brutti straccioni che non siete altro, che li vedo sempre strapieni, ma andate a lavorare in macchina. Ognuno la sua, poi casomai inquini un po’. Non hai la macchina? Vabbè, ma dove vivi? Nel Medioevo? Prendete la macchina, su, non fate gli spilorci, tanto io ho orari un po’ diversi, mi muovo all’ora di pranzo e poi rincaso tardi. E se beccate traffico al mattino e al pomeriggio amen, cazzi vostri. Scegliete un altro lavoro. Anzi, dovrebbero chiuderlo il vostro posto di lavoro, perché c’è il Covid, e poi non è mica il mio. Il mio posto di lavoro deve restare aperto.

E la gente anche se è tutto chiuso deve girare un po’ comunque, prendere dei taxi, perché mio fratello ha il taxi, quindi, anche se non avete una meta, mollate l’auto e fatevi portare da lui in taxi. Dove? Non lo so: è tutto chiuso. Però così gira l’economia. Però pensavo che troppi taxi in strada, boh, magari non so intanto quello di mio fratello resta in servizio, gli altri a casa, che c’è il virus.

Poi, ecco, dimenticavo, che è importante: la scuola è una potenziale bomba atomica del contagio. Mio nipote che fa la prima elementare, poverino, lui deve andare, perché la prima elementare è importante. Più importante della seconda, della quinta, del ginnasio. Ma vuoi mettere? A me sembra ragionevole.

Ci vuole un lockdown, però ragionato. Tipo, i teatri: vanno chiusi. Anche i cinema. Tanto io ho Netflix. Magari ecco, quel teatro, quello dove vado ogni tanto, perché fanno delle cose un po’ diverse. I teatri con le cose un po’ diverse io li terrei aperti. Magari non tutti, quello dove vado io. E poi, non so. Solo quello dove vado io. Gli altri, dai, ma ’sti attori che si sputazzano da un metro, non va bene. Cioè se sputazzano in uno spettacolo che piace a me, ancora ancora, ne vale la pena. Sennò no, sennò chiudete.

Ecco, se siete arrivati fin qua, vi ho letti, vi ho sentiti parlare.
- C’è quello senza figli che ha il bar che vuole che i bar stiano aperti, ma le scuole chiuse: “Chissenefrega delle scuole, c’ho il bar che è pure lontano dalla scuola, non ci guadagno niente”.
- C’è quella con tre figli che chiudano tutto ma le scuole no, perché lei lavora e non sa dove metterli. Poi se a scuola ci sono dei pezzi di Covid-19 grandi quanto una Smemoranda, amen. Ma la scuola deve restare aperta. Anzi DEVE. Perché la gente incazzata urla col maiuscoletto sui social.
- Ci sono quelli che lavorano nello spettacolo, che possono chiudere i panettieri, i parrucchieri, gli ospedali, le terapie intensive. Ma la cultura, la cultura...teatri e cinema aperti. Al posto delle terapie intensive: teatro d’avanguardia. Tutto il resto: chiuso. Gli altri problemi non esistono. E io vi capisco, vivete di quello. Ma non vivete solo voi. Vivono anche quelli che a teatro non vanno e magari gli chiudono un’attività appena aperta, e magari farebbero l’abbonamento a teatro ma hanno l’attività chiusa ed è già tanto se fanno l’abbonamento a Spotify, quello tipo che paga uno sei euro e poi dividi per dodici e ascolti una canzone alla settimana a testa.
- Poi ci sono quelli che hanno la palestra o la piscina che va chiuso tutto ma le palestre no, oppure le piscine no. Oppure la palestra davanti sì, la mia no. Quelli che i campi da tennis sì, che guardacaso guadagnano col tennis, quelli che il calcetto deve stare aperto, ma gli altri sport no, perché il calcetto è il calcetto. Quelli che deve rimanere aperto tutto, anche le scuole per sicari della camorra, ma non il calcetto, perché il calcetto è il calcetto.

Potrei andare avanti per ore. Solo per dire che ce la siamo raccontata che saremmo stati tutti più buoni, invece complice il casino in cui siamo finiti, siamo tutti più spaventati, incattiviti, preoccupati, ma anche più infinitamente egoisti. Ognuno pensa per sé, il resto vada tutto al diavolo. Tutti come assatanati che giocano al gioco della sedia sapendo che il premio finale è Jennifer Lawrence o Jude Law (il premio finale deve avere le iniziali J. L., per dire Jennifer Lopez va bene, ma anche Jacopo Labate, che non so chi sia, ma ce ne sarà uno).

Vedo preoccupazione, disperazione, stanchezza e non ci si prende gioco della stanchezza altrui, ma dell’egoismo sì. Mi fate paura. Cioè mi faccio paura anch’io, perché faccio gli stessi pensieri vostri. Cioè non proprio di tutti, tutti voi. Alcuni fanno troppa paura. Altri mi facevano paura anche prima del coronavirus (di solito sono juventini o leghisti. O tutte e due le cose insieme).

E sapete cosa c’è? Non mi piace questa iperdivisione. Siamo troppi, divisi, frammentati e inutili come i partiti italiani, che prendono tutti lo “zero virgola” e poi alla fine non contano un cazzo.

Ma non era meglio prima quando eravamo tutti stronzi uguale ma inconsapevoli sostenitori del sano bipolarismo all’americana? Da una parte i runner, quelli che in piena pandemia, con i meteoriti, Sgarbi in giro senza mascherina (o anche con la mascherina) e i cecchini di Sarajevo appostati sui tetti volevano andare a correre lo stesso con il mal di testa, la pioggia, lo scafandro e la suocera, perché correre è l’unica cosa che conta. E dall’altra quelli che avevano smesso di cucinare perché avevano sul fuoco solo pentoloni di olio bollente da lanciare dalle finestre sui runner. Che guardavano in loop, alla moviola, Le vite degli altri per carpire i segreti delle spie della DDR per diventare delatori migliori.

Ecco, volevo dirvelo, che quando eravamo stronzi così ci si riconosceva meglio e prima. Una bella linea tracciata per terra. Io di qua, tu di là: Peppone e Don Camillo, cowboy e indiani, Usa e Urss, Duran Duran e Spandau Ballet, antifascisti e testedicazzo. 
Runner privi di senno vs Il ritorno della Germania Est. Io questa cosa che la piscina sì, ma solo le corsie laterali, e il tabaccaio ok, ma se è mancino e il corniciaio va bene, ma solo se mi fa lo sconto non so se ce la faccio.
Quanto fa di sconto il corniciaio?

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved