ricordando-giovanni-boggini
© Ely Riva/SalvioniEdizioni)
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

United Roads of America. Il business della sofferenza

Sono usati e abusati i detenuti di alcune contee. Ma c'è chi lucra anche sulla pelle di migranti e richiedenti asilo. E i carnefici non sono i "soliti" repubblicani...
Ticino7
3 gior

Guardatevi dal tatagattamortismo

Mai dare il numero di telefono della propria fedele babysitter ad amiche e conoscenti. Piuttosto sacrificate (col suo accordo) l'uomo di casa, se necessario
Ticino7
3 gior

In quel posto. Storie e vicende di gabinetti, pubblici e privati

Secondo alcuni studi, una persona in salute dovrebbe espellere almeno 150 grammi di feci al giorno. Dove e come queste vengono fatte oggi è un segreto, una volta...
Ticino7
3 gior

Nella penna e sulle pagine di Roberto Genazzini

“Per Rialto” dice un cartello appeso in casa, e una freccia segnala di andare verso sinistra. Non potrebbe essere altrimenti: se ami Gandria, ami anche Venezia
Ticino7
3 gior

Greg, la Schiappa più famosa del mondo

Perché le avventure del personaggio creato da Jeff Kinney piacciono tanto? Lo chiediamo a Rossella Bernascone, traduttrice dei famosi ‘Diari’ di Gregory Heffley
Ticino7
3 gior

Fare per crescere, sin da bambini

Autostima e manualità si coltivano sin da piccoli. Anche se la materia parrebbe non essere la più consona
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Sulla via delle stragi

Non c'è (quasi) settimana che non ne avvenga una, piccola o grande che sia. E il metro di misura, ahinoi, è sempre drammaticamente lo stesso: la conta dei morti
Ticino7
1 sett

Gli animali sono emotivi. Elogio all'empatia fra specie

È il "migliore amico dell'uomo", perché è fedele, certo. Ma anche perché è in grado di manifestare le proprie emozioni. Ma oltre ai cani c'è dell'altro...
Ticino7
1 sett

I miti del jazz. Hank Mobley, il tenore invisibile

La storia della musica nasconde innumerevoli paradossi. Come le vicende e i mancati riconoscimenti (in vita) di questo talentuoso sassofonista dimostrano
Ticino7
1 sett

Disavventure Latine 3. Al Banco(cco)mat

Avete mai viaggiato su una piccola imbarcazione, trasportati dalle onde? La prima cosa che vorreste evitare è di non bagnarvi troppo. Ma dove è meglio sedersi?
Ticino7
1 sett

Sulla tela di Antonio Lüönd

"Chi sono, da dove vengo, perché sono qui? Attraverso la pittura ho sempre sentito una spinta interna che mi portasse delle risposte. E ancora le sto cercando”
Ticino7
1 sett

È tutto pieno, grazie

‘Meno traffico e più verde’. Parole sante, ma a questo punto servirebbe il mago Fantasios.
Ticino7
2 sett

United Roads of America. West Virginia, elegia dei bianchi poveri

La Contea di McDowell è la più povera dello Stato. Qui il reddito è un quarto della media nazionale. C’è poco da sorridere, mancano persino i denti
Ticino7
2 sett

Claudio Rivellini. 'Vi racconto il mio Covid'

È stato fra i primi ricoverati alla clinica Gavazzeni di Bergamo, nella zona in Italia più colpita dalla pandemia. Quando del virus quasi nulla si sapeva
Ticino7
2 sett

Informazione: e il giornalismo di qualità dove va?

Si stava meglio quando si stava peggio, ovvero l'altro ieri. Perché l'aria che tira adesso profuma di tempesta (soprattutto per chi si occupa di cultura)
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine 2. I nazisti dei Caraibi

Il viaggio verso la Colombia continua: da Panama e il suo Canale ci spostiamo sulla costa. Fra gente che dovrebbe esserci ma non c'è e infausti vessilli...
Ticino7
2 sett

Le notizie, i pesi e le misure

Sapere che cosa pensano i lettori è vitale per un giornale. Anche se a volte è poco edificante, diciamolo
Ticino7
3 sett

Sordità. Sentire, ma su un’altra frequenza

C'è chi lo è dalla nascita e chi lo è diventato dopo incidenti o terapie errate. Ma come vivono i sordi, come comunicano e quali problemi devo affrontare?
Ticino7
3 sett

Cammina che ti passa (e fa benissimo)

Lo confermano studi e ricerche: basta rispettare i propri limiti fisici e dotarsi di un paio di calzature adatte. Il resto vien da sé, passo dopo passo...
Ticino7
24.10.2020 - 18:000

Ricordando Giovanni Boggini

"Un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Con questo contributo apparso nel libro ‘Volti dell’alpe’ (SalvioniEdizioni, 2018), ricordiamo lo sfortunato Giovanni Boggini, agricoltore bleniese deceduto lo scorso 20 ottobre nella sua azienda di Aquila. Un’occasione per non dimenticare il ruolo del settore primario in Ticino, come pure le insidie che, come tutte attività lavorative, anche le occupazioni legate alla terra portano con sé.

Accanto ai vecchi “bregnòn” Giovanni Boggini, classe 1969, sembrerà quasi un “ragazzino”. Ma sull’alpe il gioco dei dualismi generazionali ha poco spazio: ogni figura di riferimento emerge da un affresco di tradizioni e memorie condivise, che rendono triviali gli scherzi dell’anagrafe. E questo non perché l’alpe sia un “mondo senza tempo”, come vorrebbe un abusato cliché letterario. Semmai, a incontrare Giovanni si capisce al volo d’avere di fronte un uomo ben piantato negli insegnamenti dei suoi predecessori, ma pronto ad utilizzarli per trasformare sempre la sua attività. “Non bisogna copiare, ma capire”, dice abbassando subito gli occhi, quasi avesse paura di suonare troppo sentenzioso.

Quasi per caso

E a far “capire” l’alpe e l’allevamento a Giovanni sono state tante persone diverse, in epoche diverse. Anzitutto il padre, che gli ha trasmesso l’attaccamento alla vita agricola e lo ha spinto a formarsi a Mezzana e in Svizzera interna, riportando in Valle di Blenio quanto appreso. E poi Franco Vanzetti, pietra angolare dell’alpe di Motterascio dal 1960. Persone dalle quali ha imparato la lungimiranza e il senso di responsabilità che servono per lavorare nell’alpe, “non come se ogni stagione fosse l’ultima, ma perché si possa sempre continuare”. Non a caso, da Franco, Giovanni ha preso anche l’attenzione alla formazione di casari e apprendisti, che vengono da lui per scoprire un mondo che spesso non vorranno più abbandonare. Una porta aperta per tutti: dai pastori italiani alla donna argoviese laureata in letteratura, autrice di racconti e reportage, che da qualche anno lo segue in qualità di aiuto-casara (divenuta poi sua moglie e la madre di suo figlio, ndr). E la stessa ospitalità è riservata ai passanti, accolti sempre con calore e invitati ad annotare un loro piccolo ricordo sul libro degli ospiti.
Non che tutto fosse già scritto, nel destino di Giovanni. Dopo le prime avventure d’infanzia, sull’alpe c’è tornato quasi per caso: stava facendo un apprendistato in un’azienda agricola oltre Gottardo quando lo chiamarono da Garzott (il prealpe sul quale si apre e si chiude la stagione dell’alpe di Motterascio). Mancava un casaro e allora vollero lui, che a parte qualche esperienza empirica a casa propria non aveva mai casato. Prese tutte insieme le cinque settimane di ferie annuali, e due giorni in Giumello, l’alpe-scuola del Centro di Mezzana, furono la sua prima formazione teorica. 

Lezioni di montagna

Poi via, “con l’incoscienza che hai a 17 anni. Ma ben concentrato e attento, ché non volevo sbagliare nessuna casata”. Era il 1986, si mungeva ancora a mano. “Ogni giorno andavo a guardare le forme, avevo paura che si gonfiassero. Invece poi è andato tutto bene. E poi eravamo tre, tutti giovanissimi, con mio cugino e una ragazza a fare da pastore. Alla fine è stato anche un divertimento”. Ma anche un modo per imparare che per fare il formaggio “non devi mai dare niente per scontato”.
Due anni dopo Giovanni è passato all’alpe principale di Motterascio, sopra i duemila, in cima a un percorso più adatto ai camosci che agli uomini. Proprio lui, discendente di un nonno che era rientrato in valle dopo trent’anni a Londra; e forse ci sarebbe voluto anche rimanere: “Erano tanti da Aquila che lavoravano nei ristoranti lassù, facevano comunità. Ho ancora le lettere che si scrivevano, in inglese. Quando tornò negli anni Trenta ce ne volle, per riabituarsi alla vita da contadino. Non era più pratico e lo prendevano in giro…”. 
Seguendo il cammino tracciato dal “maestro” Vanzetti, a Motterascio Giovanni ha costruito legami forti, imparando a gestire il gruppo, per dirla in gergo sportivo. “Le persone devi lasciarle provare e sbagliare, non puoi sempre stargli addosso. Ci vuole anche diplomazia”. Una cerchia di collaboratori e amici che rappresenta la sua comunità d’altura, quando lascia Aquila e “dico a tutti in valle: per tre mesi non ci sono per nessuno”.
È questa libertà d’alta quota che ha conquistato Giovanni. Libertà non dal lavoro e dai suoi ritmi, che anzi vanno seguiti con energia e rigore. E di certo non libertà dallo “stratempo”, dalle nevicate sorprendenti e improvvise, dai periodi di pioggia. Quando tutto attorno è umidità, fango, animali spaventati. Semmai, la libertà data dalla natura incontrastata, la libertà come spazio fisico e personale, come completa autonomia nel gestire il proprio mestiere. Libertà che fa il paio con i ricordi più belli: “La cantina bella piena, le visite degli amici, il pomeriggio quando ti fermi un attimo all’aperto a tirare il fiato, e dopo la fatica trovi davvero una gran tranquillità”.

Difficile dirlo, a parole 

Una sensazione che gli resta dentro anche d’inverno: “A volte magari una luce, un odore, una veduta mi fanno venire in mente l’alpe. Ci penso sempre. Non vedo l’ora di risalire. E quando scendo, a fine stagione, mi trovo sempre la scusa di qualche lavoretto per poterci ritornare”. In questo, Giovanni non crede che lo spirito sia cambiato rispetto ai suoi predecessori. Ce lo conferma involontariamente, con parole che abbiamo sentito spesso anche dai “vecchi”: “Quando arriva primavera non c’è niente da fare, inizi subito a guardare in su”. 
Un istinto, lo stesso che guida il suo lavoro. Perché la ricchezza dei pascoli, la varietà della flora, l’aria d’altura non bastano a fare un formaggio eccezionale. La mano del casaro fa la sua parte. Ma come? Giovanni esita un attimo, a frenarlo dev’essere lo scrupolo di passare per uno che vuole dare lezioni. Ma insistiamo, e un po’ si sbottona: “Come vanno le cose con gli animali, col latte, con la cagliata: tutto questo impari a sentirlo con l’esperienza; un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.

 

© Ely Riva/SalvioniEdizioni)
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved