laRegione
ricordando-giovanni-boggini
© Ely Riva/SalvioniEdizioni)
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
12 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
15 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
18 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
1 sett

Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre

Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
1 sett

Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto

Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...
Ticino7
2 sett

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
2 sett

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
Ticino7
2 sett

Alberto Pellanda ti prende per la gola

È panettiere, pasticciere e anche confettiere. Gestisce l’attività di famiglia a Intragna, dove è nato 44 anni fa.
Ticino7
2 sett

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?
Ticino7
2 sett

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare
Ticino7
3 sett

Quella "fortuna" di Victoria

Una famiglia siriana, una guerra assurda e senza fine, una casa che non c'è più. Poi la dea bendata volge lo sguardo, questa volta dalla parte giusta
Ticino7
3 sett

Il Metodo Mathieu: essere ragazzi al "Tempo delle mele"

Ovvero, quando i sogni diventavano la vera quotidianità. Perché essere giovani (mica fingere di esserlo) è la cosa più bella del mondo, si sa...
Ticino7
3 sett

E il futuro del lavoro? Sarà donna

Secondo molti esperti, tipicamente ‘femminili’ sono le competenze che saranno sempre più richieste in ambito professionale. Anche agli uomini.
Ticino7
3 sett

Emily e la meraviglia del corpo (che cambia)

Anche John Fante non se lo spiegava: "Quella cosa era dentro di lei e lei era remota, sdegnosa e beata". Che poi, più che un mistero e solo la vita.
Ticino7
24.10.2020 - 18:000

Ricordando Giovanni Boggini

"Un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Con questo contributo apparso nel libro ‘Volti dell’alpe’ (SalvioniEdizioni, 2018), ricordiamo lo sfortunato Giovanni Boggini, agricoltore bleniese deceduto lo scorso 20 ottobre nella sua azienda di Aquila. Un’occasione per non dimenticare il ruolo del settore primario in Ticino, come pure le insidie che, come tutte attività lavorative, anche le occupazioni legate alla terra portano con sé.

Accanto ai vecchi “bregnòn” Giovanni Boggini, classe 1969, sembrerà quasi un “ragazzino”. Ma sull’alpe il gioco dei dualismi generazionali ha poco spazio: ogni figura di riferimento emerge da un affresco di tradizioni e memorie condivise, che rendono triviali gli scherzi dell’anagrafe. E questo non perché l’alpe sia un “mondo senza tempo”, come vorrebbe un abusato cliché letterario. Semmai, a incontrare Giovanni si capisce al volo d’avere di fronte un uomo ben piantato negli insegnamenti dei suoi predecessori, ma pronto ad utilizzarli per trasformare sempre la sua attività. “Non bisogna copiare, ma capire”, dice abbassando subito gli occhi, quasi avesse paura di suonare troppo sentenzioso.

Quasi per caso

E a far “capire” l’alpe e l’allevamento a Giovanni sono state tante persone diverse, in epoche diverse. Anzitutto il padre, che gli ha trasmesso l’attaccamento alla vita agricola e lo ha spinto a formarsi a Mezzana e in Svizzera interna, riportando in Valle di Blenio quanto appreso. E poi Franco Vanzetti, pietra angolare dell’alpe di Motterascio dal 1960. Persone dalle quali ha imparato la lungimiranza e il senso di responsabilità che servono per lavorare nell’alpe, “non come se ogni stagione fosse l’ultima, ma perché si possa sempre continuare”. Non a caso, da Franco, Giovanni ha preso anche l’attenzione alla formazione di casari e apprendisti, che vengono da lui per scoprire un mondo che spesso non vorranno più abbandonare. Una porta aperta per tutti: dai pastori italiani alla donna argoviese laureata in letteratura, autrice di racconti e reportage, che da qualche anno lo segue in qualità di aiuto-casara (divenuta poi sua moglie e la madre di suo figlio, ndr). E la stessa ospitalità è riservata ai passanti, accolti sempre con calore e invitati ad annotare un loro piccolo ricordo sul libro degli ospiti.
Non che tutto fosse già scritto, nel destino di Giovanni. Dopo le prime avventure d’infanzia, sull’alpe c’è tornato quasi per caso: stava facendo un apprendistato in un’azienda agricola oltre Gottardo quando lo chiamarono da Garzott (il prealpe sul quale si apre e si chiude la stagione dell’alpe di Motterascio). Mancava un casaro e allora vollero lui, che a parte qualche esperienza empirica a casa propria non aveva mai casato. Prese tutte insieme le cinque settimane di ferie annuali, e due giorni in Giumello, l’alpe-scuola del Centro di Mezzana, furono la sua prima formazione teorica. 

Lezioni di montagna

Poi via, “con l’incoscienza che hai a 17 anni. Ma ben concentrato e attento, ché non volevo sbagliare nessuna casata”. Era il 1986, si mungeva ancora a mano. “Ogni giorno andavo a guardare le forme, avevo paura che si gonfiassero. Invece poi è andato tutto bene. E poi eravamo tre, tutti giovanissimi, con mio cugino e una ragazza a fare da pastore. Alla fine è stato anche un divertimento”. Ma anche un modo per imparare che per fare il formaggio “non devi mai dare niente per scontato”.
Due anni dopo Giovanni è passato all’alpe principale di Motterascio, sopra i duemila, in cima a un percorso più adatto ai camosci che agli uomini. Proprio lui, discendente di un nonno che era rientrato in valle dopo trent’anni a Londra; e forse ci sarebbe voluto anche rimanere: “Erano tanti da Aquila che lavoravano nei ristoranti lassù, facevano comunità. Ho ancora le lettere che si scrivevano, in inglese. Quando tornò negli anni Trenta ce ne volle, per riabituarsi alla vita da contadino. Non era più pratico e lo prendevano in giro…”. 
Seguendo il cammino tracciato dal “maestro” Vanzetti, a Motterascio Giovanni ha costruito legami forti, imparando a gestire il gruppo, per dirla in gergo sportivo. “Le persone devi lasciarle provare e sbagliare, non puoi sempre stargli addosso. Ci vuole anche diplomazia”. Una cerchia di collaboratori e amici che rappresenta la sua comunità d’altura, quando lascia Aquila e “dico a tutti in valle: per tre mesi non ci sono per nessuno”.
È questa libertà d’alta quota che ha conquistato Giovanni. Libertà non dal lavoro e dai suoi ritmi, che anzi vanno seguiti con energia e rigore. E di certo non libertà dallo “stratempo”, dalle nevicate sorprendenti e improvvise, dai periodi di pioggia. Quando tutto attorno è umidità, fango, animali spaventati. Semmai, la libertà data dalla natura incontrastata, la libertà come spazio fisico e personale, come completa autonomia nel gestire il proprio mestiere. Libertà che fa il paio con i ricordi più belli: “La cantina bella piena, le visite degli amici, il pomeriggio quando ti fermi un attimo all’aperto a tirare il fiato, e dopo la fatica trovi davvero una gran tranquillità”.

Difficile dirlo, a parole 

Una sensazione che gli resta dentro anche d’inverno: “A volte magari una luce, un odore, una veduta mi fanno venire in mente l’alpe. Ci penso sempre. Non vedo l’ora di risalire. E quando scendo, a fine stagione, mi trovo sempre la scusa di qualche lavoretto per poterci ritornare”. In questo, Giovanni non crede che lo spirito sia cambiato rispetto ai suoi predecessori. Ce lo conferma involontariamente, con parole che abbiamo sentito spesso anche dai “vecchi”: “Quando arriva primavera non c’è niente da fare, inizi subito a guardare in su”. 
Un istinto, lo stesso che guida il suo lavoro. Perché la ricchezza dei pascoli, la varietà della flora, l’aria d’altura non bastano a fare un formaggio eccezionale. La mano del casaro fa la sua parte. Ma come? Giovanni esita un attimo, a frenarlo dev’essere lo scrupolo di passare per uno che vuole dare lezioni. Ma insistiamo, e un po’ si sbottona: “Come vanno le cose con gli animali, col latte, con la cagliata: tutto questo impari a sentirlo con l’esperienza; un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.

 

© Ely Riva/SalvioniEdizioni)
Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved