DJOKOVIC N. (SRB)
1
CARRENO BUSTA P. (ESP)
2
fine
(4-6 : 7-6 : 3-6)
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
BARTY A./PEERS J.
12:00
 
710-ashbury-street-il-gruppo-locale-dei-grateful-dead
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
10 min

La cultura (vista da Martina Gamboni)

Gira, visita e racconta il territorio a modo suo. Animo contagioso e aperto, la potete incontrare a 'Cultura a spasso Ticino', una comunità che vive di passioni
Ticino7
4 ore

Nei social il silenzio paga

Non volete alimentare il fuoco dell’odio? Evitate di gettare nuova benzina, semplice
Ticino7
3 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
3 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
6 gior

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
6 gior

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
6 gior

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
6 gior

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
1 sett

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
1 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
1 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
2 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
2 sett

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti
GALLERY
Ticino7
2 sett

United Roads of America. In Alaska, dove finisce il viaggio

L’ultimo contributo di Emiliano Bos dalle vene dell’America, prima del suo rientro in Europa. Cronache dai confini del mondo.
Ticino7
2 sett

Gioventù bruciata. Al mercato della nostalgia

“La giovinezza finisce quando il tuo calciatore preferito ha meno anni di te”. Lo scriveva David Trueba in Quattro amici.
Ticino7
17.10.2020 - 14:500
Aggiornamento : 20.10.2020 - 13:24

710 Ashbury Street: il ‘gruppo locale’ dei Grateful Dead

Considerati la band psichedelica per definizione, i Grateful Dead sono stati un fenomeno artistico centrale nella storia della controcultura americana.

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Alla metà degli anni Sessanta la città di San Francisco stava subendo una trasformazione radicale. Nuove generazioni, attratte da un energico ecosistema di pace e libertà fecero del quartiere di Haight Ashbury l’epicentro di una rivoluzione socioculturale. Le orme lasciate dai grandi scrittori e poeti beatnik conducono alla genesi del movimento hippie: sono gli anni dal 1965 al 1968 in cui si compie il passaggio di testimone tra due generazioni, un passaggio a cui contribuisce in modo determinante Ken Kesey (1935-2001), autore del celebre romanzo Qualcuno volò sul nido del cuculo (1962), e uno degli uomini che, attraverso i noti acid test, definiranno la nozione di psichedelia.
I Grateful Dead, nati nel 1965 come quintetto, cavalcano subito l’onda del cambiamento. Stabilita la loro sede al 710 di Ashbury Street, vengono considerati sin dagli inizi come il gruppo simbolo di questa nuova cultura. Infatti, se i Jefferson Airplane, con la pubblicazione di Surrealistic Pillow nel 1967, hanno raggiunto un pubblico internazionale anche grazie ad alcune tournée in Europa, i Grateful Dead sbarcheranno oltreoceano solo nel 1972, dopo aver consolidato la loro presenza sul suolo nazionale con centinaia di concerti, in un continuo girovagare che aveva toccato ogni stato dell’Unione.

Una band “nazionale”

Il 1969 è uno degli anni musicalmente più proficui per il gruppo, che si esibì in ben 141 concerti. Il 10 novembre la band pubblica Live Dead, diretta testimonianza del fascino sottilmente esoterico della loro musica. Le incisioni appartengono a due concerti dell’inverno precedente, registrati a San Francisco: leader del gruppo è Jerry Garcia, chitarrista dotato di una tecnica personale e strabiliante derivata dall’uso del finger picking, a cui si affiancano Bob Weir come seconda chitarra e voce, Phil Lesh al basso oltre a due tastieristi e due batteristi. Seguono nel 1970 Workingman’s Dead e American Beauty, due album in studio in cui alla sperimentazione sonora si affianca la riscoperta dei fondamenti della musica folk americana. Dal ’71 la struttura del gruppo subisce una serie di cambiamenti: nuovi musicisti introducono nelle jam del gruppo sfumature più raffinate, senza snaturare la coesa massa sonora costruita negli anni Sessanta. Il 7 aprile del 1972 la band sbarca finalmente a Wembley, inaugurando il primo tour europeo e regalando al pubblico una raccolta di concerti strabilianti.
Nonostante le notevoli performance eseguite sul Vecchio continente, il gruppo non riuscirà a ottenere lo stesso successo di cui godeva negli Stati Uniti, forse perché considerato una delle tante band psichedeliche della Bay Area o forse perché la sua musica, intimamente legata alla tradizione americana e alla pratica dell’improvvisazione, era animata da uno spirito anarchico e libertario che gli europei non seppero cogliere.

L’identità del Deadhead

Con l’avanzare degli anni Settanta, i Grateful Dead incidono capolavori quali Blues for Allah e Terrapin Station, organizzando concerti suggestivi come Live in Giza (eseguito sotto le grandi piramidi), One from the Vault e Cornell ’77. Concluderanno la loro carriera nel 1995, dopo la prematura scomparsa di Jerry Garcia. I Dead sono stati il primo vero gruppo open source: meno interessati al lavoro in studio, preferiranno sempre pubblicare i concerti dal vivo in cui lasciavano al pubblico la totale possibilità di registrare (davanti al palco, nelle fotografie, si osserva una vera e propria selva di microfoni).
Il loro atteggiamento libertario, il largo spazio dato all’improvvisazione, la spontaneità delle performance hanno incantato svariate generazioni, riunite sotto l’appellativo di Deadhead. Le “teste morte” sono ancora oggi una bizzarra comunità, elemento intrinseco alla musica del gruppo: mai vi è stato pubblico più affezionato a una band e a ciò che essa ha rappresentato. In tre decenni di carriera i Grateful Dead hanno diffuso un messaggio di amore, fratellanza e libertà, facendosi alfieri della più genuina controcultura hippie. Un faro luminoso in un mare in tempesta.

"Long Strange Trip": il film

L’universo dei Grateful Dead non è uno spazio facile in cui orientarsi. Vi sono migliaia di elementi, disciolti in un anarchismo radicale la cui unica cornice è lo scorrere del tempo. Per chi volesse approfondire, non si può non citare Long Strange Trip, lucida testimonianza documentaristica sulla loro vicenda umana e artistica. Presentata nel gennaio 2017 al Sundance Film Festival, la pellicola, prodotta fra gli altri da Martin Scorsese, raccoglie interviste e inedite testimonianze audiovisive di concerti e momenti intimi di confronto tra i membri della band. Vi si narra la formazione e le origini, dal movimento beatnik sino agli ultimi monumentali concerti negli anni Novanta. Disponibile sulla piattaforma streaming Amazon Prime Video, il documentario è diviso in sei episodi di circa 45 minuti l’uno. Altro lungometraggio degno di notorietà è Anthem of Beauty, centrato sulla realizzazione di American Beauty, storicamente considerato come uno dei dischi in studio che maggiormente hanno contribuito a definire il profilo artistico e pubblico del gruppo.

 

© Regiopress, All rights reserved