laRegione
this-war-of-mine-quando-i-videogiochi-entrano-a-scuola
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

La linea del tempo e il ‘sé narrativo’

La nostra vita raccontata a noi stessi. Ecco perché è utile mettere nero su bianco i fatti della propria esistenza (o quelli che ricordiamo)
Ticino7
12 ore

Scivolando (e non solo) con Mattia Fogliani

Se amate la libertà e gli sport invernali, ma non avete la più pallide idea di cosa sia lo splitboard, questo contributo potrebbe interessarvi...
Ticino7
15 ore

E la televendita continua

Il "venerdì nero" è quasi un ricordo, va bene. Ma se avete bisogno di compensare lacune di qualsivoglia natura (anche sentimentali) non disperate
Ticino7
19 ore

Memorie di edifici fantasma (e altre visioni)

Che esista un legame fra territorio e memoria (umana) non ci sono dubbi. Peccato ci si ricordi della sua centralità sempre sulle macerie fumanti
Ticino7
1 sett

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
1 sett

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
1 sett

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
1 sett

Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre

Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
1 sett

Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto

Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...
Ticino7
2 sett

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
2 sett

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
Ticino7
2 sett

Alberto Pellanda ti prende per la gola

È panettiere, pasticciere e anche confettiere. Gestisce l’attività di famiglia a Intragna, dove è nato 44 anni fa.
Ticino7
2 sett

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?
Ticino7
2 sett

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare
Ticino7
3 sett

Quella "fortuna" di Victoria

Una famiglia siriana, una guerra assurda e senza fine, una casa che non c'è più. Poi la dea bendata volge lo sguardo, questa volta dalla parte giusta
Ticino7
3 sett

Il Metodo Mathieu: essere ragazzi al "Tempo delle mele"

Ovvero, quando i sogni diventavano la vera quotidianità. Perché essere giovani (mica fingere di esserlo) è la cosa più bella del mondo, si sa...
Ticino7
17.10.2020 - 17:350
Aggiornamento : 20.10.2020 - 13:23

This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola

I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Non è facile immaginare come un videogioco possa essere utilizzato nelle scuole per insegnare storia, come fosse un libro di testo. Eppure è ciò che accadrà in Polonia con This War of Mine, come annunciato a fine giugno dal premier Mateusz Morawiecki in visita alla casa di produzione che l’ha realizzato, la 11 bit Studios. Il videogioco entrerà ufficialmente nel programma scolastico a partire dal prossimo ciclo.
Il gioco rientra sia nella categoria simulazione che in quella di gestione delle risorse, come quelli dove degli omini sbarcano su isole deserte e devono raccogliere legna e pietre per costruire una città, ma comprende anche una piccola parte di avventura. Si vestono i panni di un gruppo di civili in una città in guerra, l’obiettivo è sopravvivere nel proprio rifugio fino al cessate il fuoco. Innanzitutto bisogna soddisfare i bisogni dei personaggi: mangiare, dormire, svagarsi (fumare, leggere o bere caffè); ma altrettanto importante è la parte strategica di gestione, migliorare la casa distrutta affinché non entrino i ladri o riuscire ad autoprodurre beni di prima necessità.
Il gioco si divide su due scenari: di giorno la parte gestionale e di simulazione; mentre di notte quella più avventurosa dove si può mandare un personaggio a caccia di risorse. Cioè derubare le case. Il punto di partenza (personaggi e case) è casuale e corrisponde a difficoltà differenti. Oltre alla musica - triste - che accompagna il gioco, o le esplosioni sullo sfondo, a rendere l’atmosfera più cupa vi sono i personaggi che esprimono il loro disagio: ad esempio affermando quanto sia ingiusto che un bambino debba vivere in quelle condizioni, o quanto difficile sia sopportare la situazione.
Un lato interessante di This War of Mine è l’impossibilità di giocare esclusivamente nella modalità avventura: i protagonisti hanno emozioni che non vanno trascurate. Si possono uccidere i proprietari delle case in cui si decide di rubare, ma il giorno seguente saranno depressi e bisognerà badare al loro umore per evitare che decidano di lasciarsi morire di fame e tristezza. Il gioco si salva automaticamente solo al mattino, non è dunque possibile usare lo stratagemma di salvare poco prima di una situazione pericolosa e, casomai, ricominciare da lì. Quando un personaggio muore, salvo ricominciare da zero, non lo si può recuperare.

L’apprendimento tramite videogiochi e i giochi seri (serious games)

I videogiochi didattici sono oggi molto comuni: basta pensare a tutte le applicazioni esistenti per bambini in età prescolare che permettono d’imparare l’alfabeto o a far di conto, ma anche ai simulatori d’esame (come quello con cui oggi si studia la teoria stradale).
I giochi come This War of Mine, che riescono a combinare l’aspetto ludico con quello della simulazione e dell’apprendimento, fanno parte di un filone nuovo chiamato serious games (giochi seri). Hanno elementi tipici dei videogiochi pensati con il puro scopo d’intrattenere e aumentare il coinvolgimento del giocatore, come sfide o missioni da portare a termine e una grafica di alta qualità; la finalità è però l’apprendimento. A differenza dei giochi didattici, l’insegnamento non è nozionistico, ma improntato alla sensibilizzazione e all’empatia.
L’idea è quella di sfruttare la grande concentrazione dovuta al videogioco e di usarla per favorire il processo d’apprendimento tramite simulazione. Sono rari i momenti in cui il nostro cervello riesce a essere completamente concentrato su un solo elemento senza lasciarsi distrarre da stimoli esterni: il videogioco rientra tra questi. Motivo per cui se proviamo a parlare a una persona che sta giocando, molto probabilmente verremo ignorati e avremo l’impressione che non ci abbia nemmeno sentiti. La simulazione permette invece di fare esperienza personale, pratica e semplificata, di campi e realtà che sarebbero altrimenti preclusi o risulterebbero troppo complessi per poter essere compresi. Un esempio sono i bambini che giocano a imitare i grandi, riproducendo nel proprio piccolo azioni e comportamenti degli adulti (come giocare ai mestieri o alla famiglia). Nei serious games l’apprendimento avviene sfruttando il momento di grande concentrazione dato da un videogioco, in cui per vincere bisogna ideare la giusta strategia, per riuscirci il giocatore è costretto a mettersi nei panni del personaggio, sperimentando così una condizione nuova.
Bury me, my love (titolo mutato per la versione italiana in: Se mi ami non morire) è un gioco serio che permette di mettersi nei panni di una ragazza siriana che deve scappare dalla guerra. Più numerosi i videogiochi creati per sensibilizzare i ragazzi sul tema dell’ecologia o del bullismo. Alcuni, come Venti mesi dedicato alla resistenza italiana, prevedono una parte di storia raccontata più ampia, con porzioni di testo che vanno lette per forza al fine di compiere scelte che avranno ripercussioni sul gioco.

Alcune curiosità

- L’ambientazione di This War of Mine è generica. Gli stessi produttori però, hanno detto d’aver tratto ispirazione dai racconti dei sopravvissuti al conflitto dei Balcani negli anni Novanta.

- Nel novembre 2014 sul web vennero diffuse delle copie pirata di This War of Mine, i creatori decisero dunque di condividere i codici di serie invitando più gente possibile a giocare e diffonderlo.

- In seguito al successo del videogioco venne lanciata una campagna di raccolta fondi su internet da cui nacque, nel 2017, il gioco da tavolo.

- L’industria dei videogiochi in Polonia sta acquisendo sempre maggior rilevanza, dopo il successo di The Witcher la casa di produzione CD Project Red ha superato la principale banca polacca (PEKAO) nella quotazione in borsa.

© Regiopress, All rights reserved