laRegione
segreti-che-rimanga-tra-noi
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
9 ore

Tic. Scatti, smorfie e altre prove di comunicazione

Un periodo di stanchezza, uno stato di prolungata tensione, ed ecco che una palpebra inizia a muoversi per conto suo. Perché?
Ticino7
9 ore

Confinamento. Per te, ma non per tutti

Chiudere tutto, aprire tutto. Fate un po' come vi pare, ma vedete di non complicarmi troppo la vita (di quella degli altri mi frega meno...)
Ticino7
12 ore

La montagna capovolta (una storia di sopravvivenza)

"La notte non dà tregua e quando sbuca il mattino tutto sembra tremolare e i larici svengono..."
Ticino7
13 ore

Manuela Bieri: io, loro e ciò che sarà

Un'esistenza piena come gli scaffali di una libreria. E poi, quando meno te lo aspetti, ecco il battito di una nuova vita. E il viaggio continua.
Ticino7
20 ore

Ridere con gli occhi

Prima, quando erano arrabbiati, c'era sempre la vecchia cuffia da bagno rossa della nonna da indossare (e si capiva l'aria che tirava). Ma i tempi sono cambiati...
Ticino7
1 sett

Ricordando Giovanni Boggini

"Un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.
Ticino7
1 sett

QAnon: i complottisti e Donald Trump

Immaginate i Clinton e Obama a capo di una setta satanista, con divi del cinema, il Papa e il Dalai Lama. No, non è la trama di un film...
Ticino7
1 sett

Di bronchi e shampoo

Se non ti cambi le mutande ogni giorno, ripeteva sempre mia nonna, come farai il giorno in cui ti porteranno in ospedale?
Ticino7
1 sett

Per capire il Kosovo

Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
1 sett

La pandemia e le strategie asettiche

La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
2 sett

This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola

I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
2 sett

Erminio Ferrari e il valzer per un amico

Pubblichiamo un racconto dall'ultimo libro del giornalista e scrittore morto in montagna mercoledì scorso: una storia di amicizia, cime, musica e tutto il resto
Ticino7
2 sett

710 Ashbury Street: il ‘gruppo locale’ dei Grateful Dead

Considerati la band psichedelica per definizione, i Grateful Dead sono stati un fenomeno artistico centrale nella storia della controcultura americana.
Ticino7
2 sett

La Ficcanaso, la Ferragni e la seconda gravidanza

La già lunga lista di “cose che dobbiamo imparare da Chiara Ferragni”, si è arricchita, qualche giorno fa, di un nuovo importantissimo capitolo
Ticino7
3 sett

Depilazione: cosa ci dice un pelo

Farlo o non farlo. Per alcune è diventato un dilemma. Per altre una questione di moda, di rivendicazioni e a volte di semplice pigrizia.
Ticino7
3 sett

Sport e disturbi psichici. Ombre accanto al ghiaccio

Negli sport di squadra il tasso di burnout e abuso di alcol tocca il 5% dei giocatori, per ansia e depressione si arriva al 45. E in Ticino?
Ticino7
3 sett

Una tazzina con Jean-Claude Luvini

Importa caffè certificati provenienti principalmente dall’Uganda. Prodotti molto richiesti, soprattutto da chi crede nell'economia equo-solidale.
Ticino7
3 sett

Ciccia, bellezza e differenze

Vanessa Incontrada si mette nuda e ricorda a tutte (e tutti) di essere sé stessi. Lei può, perché è il suo mestiere: noi no, perché facciamo altro.
Ticino7
3 sett

Tu cercali, se vuoi, nellʼuovo

Oggi non esiste uomo (probabilmente) che non si sia mai tolto qualche pelino di troppo. Sarà un problema di bellezza.
Ticino7
4 sett

Il destino e il lusso della verità

La domanda è: si può imparare a fingere? Sì, ma solo esercitandosi molto, con metodo e rigore. Solo, soprattutto, iniziando con sé stessi.
Ticino7
4 sett

Cinema porno: una vita per lo schermo

Breve ma esaustiva storia irragionata della cinematografia a luci rosse. Dedicato a chi preferisce superare i soliti (e scontati) luoghi comuni.
Ticino7
4 sett

Naomi Dominò crea meraviglie

Ha 32 anni, è originaria di Osogna e di mestiere fa l’orafa. E pensare che era partita studiando i cervelloni elettronici...
Ticino7
4 sett

Sono intime verità

Per mantenere un segreto, a volte è necessario raccontare delle bugie. Agli altri, e anche a sé stessi.
Ticino7
1 mese

Rogita o non rogita?

Ah, casa dolce casa. La vedi, la vorresti, è tua e pensi a "due cuori e una capanna*. Ma i sogni sono (anche) illusioni e non sempre tutto fila come volevi.
Ticino7
1 mese

Sabrina parla ai cavalli

Ama le sfide. E infatti ha seguito la sua passione mollando un mestiere sicuro in ufficio per montare in sella ai suoi cavalli e lavorare – soprattutto – con i bambini.
Ticino7
1 mese

Paesi Baschi. O ruvida ʻpatria’...

Il posto che stavo cercando si chiama Larrabetzu. Ma non stavo cercando Larrabetzu. Anzi, appena tre giorni prima non sapevo nemmeno che esistesse...
Ticino7
1 mese

Tecnologia, spazzatura e sostenibilità

Nel mondo la quantità di rifiuti elettronici continua a crescere e oggi solo un quinto viene riciclato correttamente. E in Svizzera, come siamo messi?
Ticino7
1 mese

Modernità e cimiteri digitali

A casa cʼè un cassetto dove i vecchi cellulari vengono messi a riposo. Forse per evitare che tutto vada ‘perduto per sempre’? (roba da ‘Blade Runner’)
Ticino7
1 mese

Le scuse dei maschi

Di solito non si sbaglia: la verità, è che non gli piaci abbastanza. Tutto il resto sono parole, parole, parole... (come cantava Mina).
Ticino7
1 mese

Laura Pedevilla non balla da sola

Criminologia, passione per la danza e genitorialità. Una convivenza tutta da scoprire...
Ticino7
1 mese

Io, vado in bicicletta

Oggetto di culto, mezzo utilitaristico, leggerezza in movimento. Da tempo la sua presenza è tornata costante in molte città svizzere. E nella Grande Lugano?
Ticino7
03.10.2020 - 17:000

Segreti. Che rimanga tra noi

Ci sono cose che non vogliamo o non possiamo dire (a tutti). Ma quali ricadute hanno queste verità nascoste sulla nostra salute?

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Lo scorso 11 maggio Ann Katherine Mitchell, una signora inglese di 97 anni, è morta per le complicazioni comportate dal SARS-CoV-2. La sua parabola terrena è stata lunga ed edificante. Immatricolata nel 1940 a Oxford, fu una delle cinque ragazze ammesse quell’anno a un corso di matematica, materia che per definizione era ritenuta “inadatta a una donna”. Successivamente, trasferitasi con il marito a Edimburgo, Mitchell scrisse diversi saggi sugli effetti psicologici del divorzio sui bambini – un argomento che all’epoca era praticamente inedito –, contribuendo con la sua ricerca alla modifica della normativa scozzese sulla separazione. Consulente matrimoniale di professione, Ann ebbe presumibilmente una vita coniugale felice, coronata dalla nascita di quattro figli, e questo nonostante ci fossero alcune cose di cui non aveva mai parlato con il marito. Per esempio, non aveva fatto menzione di essere stata membro del gruppo di élite che contribuì a determinare gli esiti del secondo conflitto mondiale.

Non avrei mai pensato…

Subito dopo la laurea, nel settembre del 1943, Ann Katherine Mitchell era stata reclutata dal servizio segreto britannico e assegnata alla squadra di matematici il cui compito era decrittare il codice cifrato usato dai nazisti. Il suo compito consisteva nell’escogitare i menù d’istruzioni per le macchine ideate da Alan Turing allo scopo di “espugnare” i messaggi criptati che venivano generati dalle famose macchine “Enigma”, in dotazione alla Germania. Poiché i codici di criptatura venivano cambiati ogni ventiquattr’ore, la squadra era all’opera tutti i giorni. “La consapevolezza che il nostro lavoro era urgente rappresentava una sfida costante: nella Capanna 6 – il dipartimento deputato alla decrittazione dei codici Enigma, nda – lavoravamo contro il tempo. Era un compito implacabile e faticoso. Ciononostante, amavo quel lavoro” (“Ann Mitchell obituary” , Michael Smith, The Guardian, 27/5/2020).
Nel 1945, quando la guerra finì, Mitchell fu informata del fatto che il suo contributo non era più necessario e le venne chiesto di “dimenticare” le macchine Enigma e tutto ciò che aveva fatto a Bletchey Park. Lei tenne fede al patto di riservatezza e, per più di cinquant’anni, non disse a nessuno dei suoi trascorsi, fino a quando un ex commilitone non pubblicò un libro sull’argomento: solo allora raccontò al marito della sua collaborazione con il Foreign Office. Il signor Mitchell affermò di essere rimasto “piuttosto sorpreso nell’apprendere che mia moglie aveva lavorato sui codici Enigma, ma ho sempre saputo che era una donna intelligente, quindi non rimasi shockato” (“Code-breaker who kept war secrets until world knew”, The Scotsman, 25/9/2001). 

Prezioso perché misterioso

È dunque possibile che la compartimentazione mentale eretta da un segreto, per quanto “nobile” come in questo caso, non pregiudichi la qualità di una relazione, d’amicizia o magari d’amore? In fondo, quando decidiamo di tenere riservato qualcosa che sappiamo o che ci riguarda, stiamo intenzionalmente circoscrivendo una parte di noi stessi che non vogliamo l’altro veda. E se il solco è abbastanza profondo, può darsi che dopo un po’ non la “vediamo” più neanche noi, perché sul piano psicologico tenere un segreto è sempre un’operazione – per quanto circoscritta
o innocua – di tipo dissociativo. 
Secondo Alfred Gross, psicoanalista di prima generazione e autore di un articolo sull’argomento, “il segreto ci appare come asociale, perché perde le sue proprietà non appena il suo contenuto diviene di dominio pubblico. La sua essenza consiste nel fatto che una singola persona è a conoscenza di qualcosa che tutti gli altri ignorano. Questa esclusione contiene le dinamiche del concetto di segreto ed è quindi lì che risiede il suo potere” (Alfred Gross, “The secret”, Bulletin of the Menninger Clinic, 1951). Il suo potere e, aggiungeremmo, il suo valore: lo sappiamo fin da piccoli, che i segreti sono merce preziosa; per questo li scambiamo soltanto con i migliori amici, e per questo i migliori amici talvolta diventano tali proprio perché si condivide con loro un segreto. La natura intrinsecamente “divisiva” del segreto traccia una linea di confine fra chi sa e chi non sa, e poiché l’informazione comporta spesso un vantaggio per chi la possiede, l’inclusione tende a rappresentare un privilegio. Il segreto conferisce potere e il gruppo di potere molto spesso è tale in virtù dell’accesso a un sapere riservato. 

Ricadute psicologiche

Quindi oltre che “asociale” il segreto è anche antidemocratico? Il pensiero corre immediatamente alle lobby politiche ed economiche, ai “segreti di Stato” che tanta influenza possono avere sulla vita quotidiana delle persone. Ma anche alle società segrete che, nel corso dei secoli, hanno impresso un’accelerazione in ambito civile (per esempio la Giovine Europa, fondata a Berna il 15 aprile 1834) o filosofico-religioso (le prime comunità cristiane, perseguitate per il loro carattere dissidente e per le presunte attività cospirative). 
Tornando all’aspetto psicologico, di solito il segreto non è visto di buon occhio nelle stanze di psicoterapia, dove tende ad accompagnarsi all’aggettivo “patogeno”. Questo perché i segreti che assumono rilevanza clinica sono tipicamente quelli che suscitano senso di colpa e/o vergogna, sentimenti amplificati fino all’intollerabile proprio perché il divieto di parlare preclude la possibilità di condividere ed elaborare il senso di quanto è successo. 
I preconcetti degli psicologi sul segreto risalgono quantomeno a Freud, che già un secolo fa scriveva sulle conseguenze fisiche e psicologiche manifestate da quei pazienti che nascondevano informazioni all’analista e/o a sé stessi. L’auto-dissimulazione, una caratteristica di personalità che si riferisce alla tendenza a nascondere attivamente informazioni personali che si reputano essere negative, è di fatto correlata all’aumento di sintomi medici e psicologici (Larson & Chastain, 1990. “Self-concealment: Conceptualization, measurement, and health implications”, Journal of Social and Clinical psychology). 
Ma tenere un segreto non significa essere dei dissimulatori di professione e, inoltre, esporsi con qualcuno che non sia sufficientemente empatico, o che magari si percepisce come giudicante, non comporta alcun beneficio: al contrario, può farci sentire vulnerabili o “sbagliati”. 

Tutto bene? Dipende…

Dei vantaggi e degli svantaggi comportati dal segreto si è occupata fra gli altri Anita E. Kelly, psicologa ricercatrice secondo la quale è il mantenere un’attitudine riservata a oltranza (alta tendenza all’auto-dissimulazione) a coincidere con una maggiore frequenza di sintomi, fisici o psicologici; non tanto l’avere un segreto di per sé. “A causa del potenziale fardello comportato dalla segretezza, molte persone credono che la confessione sia ‘un buon viatico per l’anima’: un tema che viene spesso rappresentato nei talk-show e nei film mainstream”. Ed è vero che “parlare o scrivere di esperienze traumatiche comporta benefici per la salute, per esempio meno visite mediche (Pennebaker & Beall, 1986; Pennebaker, Colder, & Sharp, 1990) e un migliore funzionamento del sistema immunitario (Pennebaker, Kiecolt-Glaser, & Glaser, 1988; Petrie, Booth, Pennebaker, Davison & Thomas, 1995). […] Vi è inoltre evidenza del fatto che le persone che tendono a nascondere informazioni di carattere negativo o stressante siano proporzionalmente più depresse (Kelly & Achter, 1995), ansiose (Larson & Chastain, 1990), timide (Ichiyama et al., 1993) e con un’autostima più bassa (Ichiyama et al. 1993)” (Kelly et al., “What is it about revealing secrets that is beneficial?”, Personality and Social Psychology Bulletin, 2001).
Contemporaneamente, però, rivelare informazioni personali che sono suscettibili di porci in cattiva luce può avere ricadute sia in termini intrapsichici (auto-percezione negativa) che interpersonali (compromissione dei rapporti di amicizia o lavoro). Basandosi su una serie di esperimenti da lei condotti, Kelly giunge alla conclusione che rivelare i propri segreti comporti un aumento del benessere psicofisico solo nel caso in cui il confidente prescelto sia fidato, non giudicante e capace di fornire nuove prospettive su quanto gli viene raccontato. Ciò vale soprattutto nei casi in cui il segreto riguardi un evento traumatico o penoso perché in questi casi la prospettiva fornita dall’interlocutore può facilitare una comprensione diversa di quanto è accaduto, fornendo così una “chiusura” a quella sensazione di “compito interrotto” che l’impossibilità di comunicare spesso comporta.

IL SEGRETO NELLA STANZA DI PSICOTERAPIA

Un dato abbastanza controintuitivo emerso dalle ricerche di Anita Kelly è che il segreto viene praticato anche nell’ambito della psicoterapia, e non solo nella forma del segreto professionale, che rappresenta uno dei requisiti di base per lo svolgimento del lavoro, ma anche da parte dei pazienti, che spesso tengono riservate alcune delle informazioni che li/le riguardano. In una ricerca condotta nel 1998, Kelly ha trovato che più del 40% delle persone tiene segrete informazioni ritenute rilevanti ai propri psicoterapeuti, ma il dato ancora più sorprendete è che questa tendenza non era affatto correlata a un aumento dei sintomi psicologici bensì a una loro riduzione (Kelly, A. E. “Clients’ secret keeping in outpatient therapy”, Journal of Counseling Psychology, 1998). 
Secondo la ricercatrice, questo dato depone a favore dell’ipotesi secondo la quale uno dei fattori di efficacia della psicoterapia sarebbe l’elaborazione di narrative biografiche significative, attraverso le quali i dati esperienziali trovano coerenza e direzione. La selezione degli elementi considerati a questo scopo comporta automaticamente delle omissioni, ma questo potrebbe essere funzionale alla descrizione della nostra traiettoria esistenziale. Inoltre, la capacità di scegliere che cosa rivelare di noi e cosa invece mantenere riservato è indicativa della nostra capacità di auto-tutela, e forse anche per questo tende a coincidere, a parità di altre condizioni, con un migliore esito psicoterapeutico.

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved