laRegione
Nuovo abbonamento
un-cane-o-un-amico
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior

Rogita o non rogita?

Ah, casa dolce casa. La vedi, la vorresti, è tua e pensi a "due cuori e una capanna*. Ma i sogni sono (anche) illusioni e non sempre tutto fila come volevi.
Ticino7
5 gior

Sabrina parla ai cavalli

Ama le sfide. E infatti ha seguito la sua passione mollando un mestiere sicuro in ufficio per montare in sella ai suoi cavalli e lavorare – soprattutto – con i bambini.
Ticino7
5 gior

Paesi Baschi. O ruvida ʻpatria’...

Il posto che stavo cercando si chiama Larrabetzu. Ma non stavo cercando Larrabetzu. Anzi, appena tre giorni prima non sapevo nemmeno che esistesse...
Ticino7
5 gior

Tecnologia, spazzatura e sostenibilità

Nel mondo la quantità di rifiuti elettronici continua a crescere e oggi solo un quinto viene riciclato correttamente. E in Svizzera, come siamo messi?
Ticino7
5 gior

Modernità e cimiteri digitali

A casa cʼè un cassetto dove i vecchi cellulari vengono messi a riposo. Forse per evitare che tutto vada ‘perduto per sempre’? (roba da ‘Blade Runner’)
Ticino7
1 sett

Le scuse dei maschi

Di solito non si sbaglia: la verità, è che non gli piaci abbastanza. Tutto il resto sono parole, parole, parole... (come cantava Mina).
Ticino7
1 sett

Laura Pedevilla non balla da sola

Criminologia, passione per la danza e genitorialità. Una convivenza tutta da scoprire...
Ticino7
1 sett

Io, vado in bicicletta

Oggetto di culto, mezzo utilitaristico, leggerezza in movimento. Da tempo la sua presenza è tornata costante in molte città svizzere. E nella Grande Lugano?
Ticino7
12.09.2020 - 17:300

Un cane o un amico

Che cosa sarà meglio, non si sa: ma nel dubbio cercate qualcuno che sia un fedele confidente... e che abbia anche un quattro zampe all'altezza.

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Questa settimana avremmo dovuto occuparci dell’ossessione per il bodyshaming, con una bella invettiva contro un mondo suscettibile e ottuso in cui ogni cosa viene fraintesa. Un mondo in cui si discute di una modella di Gucci che non si può definire bruttina ma diversamente bella e che soprattutto non si può ignorare. Chi non dimentica che da anni Gucci porta in passerella variazioni sul tema della fluidità di genere e dell’implosione dei canoni estetici è complice, dicono. 
Doveva andare così ma poi ci si è messo di mezzo il cane. O meglio la frase “il cane che non avremo mai” , che mi ha fatto passare come la persona più crudele di questa casa. L’altra persona crudele, ovvero l’altro adulto, ha detto no una volta sola e non sente alcuna esigenza di tornare sull’argomento. Del resto, ha la fortuna di poter sfuggire agli agguati. “Ecco! Non mi fai mangiare il gelato e non ho neanche il cane”. “La settimana prossima c’è l’interrogazione sulle tabelline e io non ho neanche il cane”. 
La litania è iniziata quando l’amica del cuore ha avuto il cane e siamo andati a trovarla, portandolo a spasso. Le creature hanno visto la luce, io un mondo sconosciuto. Neppure con il portamento dei vent’anni e con il passeggino dotato di bebè minuscolo venivo tanto salutata dai passanti. Sorrisi, ammiccamenti, i cani si annusano e i padroni chiacchierano. Gli stessi che in altre circostanze alzano la testa dal telefono solo per guardarti in cagnesco e farti capire che devi spostarti, che non puoi fermarti in mezzo alla strada con il naso in su ad ammirare i terrazzi degli altri, se ti accompagni a un’amica dotata di cane si sentono in dovere di fare amicizia. Discussioni sull’età, richieste sul sesso, sorrisi e ammiccamenti. Sembra di avere un neonato. Vi assicuro che le analogie non finiscono qui. Esattamente come nei parchi giochi dei bambini, nelle aree cani ci si sente in dovere di chiacchierare, ma molto più che nei parchi giochi si può flirtare. Non c’è bisogno di raccattare il bambino che si butta dallo scivolo, al massimo il cane scaverà un tunnel che lo porterà fino alla strada mentre la signora con la piega fresca e i pantaloni bianchi si perde negli occhi del giovanotto con il labrador e i capelli spettinati. Non è chiaro se la bambina più piccola senta il dovere di salvare la famiglia o distruggerla quando parla con la sorella: “Non è meglio avere un amico con il cane anziché il cane?”.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved