laRegione
petra-taddei-un-infermiera-e-il-suo-mondo
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
48 min

Per capire il Kosovo

Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
7 ore

La pandemia e le strategie asettiche

La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
6 gior

This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola

I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
6 gior

Erminio Ferrari e il valzer per un amico

Pubblichiamo un racconto dall'ultimo libro del giornalista e scrittore morto in montagna mercoledì scorso: una storia di amicizia, cime, musica e tutto il resto
Ticino7
6 gior

710 Ashbury Street: il ‘gruppo locale’ dei Grateful Dead

Considerati la band psichedelica per definizione, i Grateful Dead sono stati un fenomeno artistico centrale nella storia della controcultura americana.
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, la Ferragni e la seconda gravidanza

La già lunga lista di “cose che dobbiamo imparare da Chiara Ferragni”, si è arricchita, qualche giorno fa, di un nuovo importantissimo capitolo
Ticino7
1 sett

Depilazione: cosa ci dice un pelo

Farlo o non farlo. Per alcune è diventato un dilemma. Per altre una questione di moda, di rivendicazioni e a volte di semplice pigrizia.
Ticino7
1 sett

Sport e disturbi psichici. Ombre accanto al ghiaccio

Negli sport di squadra il tasso di burnout e abuso di alcol tocca il 5% dei giocatori, per ansia e depressione si arriva al 45. E in Ticino?
Ticino7
1 sett

Una tazzina con Jean-Claude Luvini

Importa caffè certificati provenienti principalmente dall’Uganda. Prodotti molto richiesti, soprattutto da chi crede nell'economia equo-solidale.
Ticino7
2 sett

Ciccia, bellezza e differenze

Vanessa Incontrada si mette nuda e ricorda a tutte (e tutti) di essere sé stessi. Lei può, perché è il suo mestiere: noi no, perché facciamo altro.
Ticino7
2 sett

Tu cercali, se vuoi, nellʼuovo

Oggi non esiste uomo (probabilmente) che non si sia mai tolto qualche pelino di troppo. Sarà un problema di bellezza.
Ticino7
2 sett

Il destino e il lusso della verità

La domanda è: si può imparare a fingere? Sì, ma solo esercitandosi molto, con metodo e rigore. Solo, soprattutto, iniziando con sé stessi.
Ticino7
2 sett

Segreti. Che rimanga tra noi

Ci sono cose che non vogliamo o non possiamo dire (a tutti). Ma quali ricadute hanno queste verità nascoste sulla nostra salute?
Ticino7
2 sett

Cinema porno: una vita per lo schermo

Breve ma esaustiva storia irragionata della cinematografia a luci rosse. Dedicato a chi preferisce superare i soliti (e scontati) luoghi comuni.
Ticino7
05.09.2020 - 17:000

Petra Taddei, un'infermiera e il suo mondo

Vive in montagna e va in vacanza in montagna. Cura la gente all’ospedale di Bellinzona. Non è lunatica e dorme abbastanza...

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

“Io sono diversa dai cittadini. Sono cresciuta in Valle. Sono allergica ai negozi, non li frequento, non so i nomi delle marche, i miei amici mi prendono in giro. Quasi quasi per andare a Locarno prendo la carta d’identità”. Petra Taddei, infermiera specializzata in cure intense, è nata e cresciuta a Ponto Valentino, in Valle di Blenio. Lì vive con i suoi figli e il suo compagno Luigi. 
“A me piacciono le feste campestri, quelle dove ci vai in tuta e ciabatte; mi piace stare con la gente rustica e ho un debole per i burberi. Ho vissuto a Lugano e Bellinzona; so cosa vuol dire avere la città intorno, le sue comodità, il lavoro e i divertimenti a due passi. Ma sto meglio qui. Torno dal lavoro e ognuno ha la sua casa, se ne sta tranquillo. Però ci conosciamo tutti”. Petra è generosa, aperta a ciò che arriva, vuole un mondo migliore. Se le chiedi aiuto dice sempre sì. Dà una mano agli amici che traslocano, fa la volontaria per le società della zona, ti lascia un po’ di ragù davanti alla porta se sa che non stai bene; a lei si portano i vestiti e i giochi che i bambini non usano più: lei raccoglie, smista, ridistribuisce. 

Ridere, anche in Cure intense

“Lavoro all’ospedale di Bellinzona in Cure intense e faccio i turni, soprattutto serali e notturni, per stare con i bambini durante il giorno. Vicino a casa mia non ci sono molti aiuti come asili nido, doposcuola e così via. I nonni sono fondamentali”. Ama moltissimo la sua professione, Petra. Ci mette passione, dedizione e senso del dovere. “Dopo 18 anni adoro ancora il mio gruppo di lavoro: i miei colleghi sono la mia seconda famiglia. Condivido con loro quello che mi succede a casa, ci raccontiamo i nostri problemi e ridiamo, anche. Ne abbiamo bisogno. Perché il lavoro è duro. Arrivano da noi i casi critici, siamo molto sollecitati. I miei pazienti li ho nel cuore, tutti. Voglio il loro bene, davvero. So che sono capace di dare tanto perché sto bene. E so anche che ricevo tutto indietro”. Le chiedo come si può scegliere di lavorare in Cure intense. A lei piace curare, occuparsi dei pazienti. Non sa spiegare. Ogni paziente per lei è come un parente. Bisogna seguire la sua onda, andargli dietro, non contro. Ascoltare il suo ritmo, il suo bisogno. È come un ballo a due. Tu guidi, lui si appoggia, senti sempre cosa puoi e cosa non puoi fare. “Gli abbracci, gli sguardi, i grazie, quelle parole che ti fanno capire che il paziente sta bene: ecco la mia gratificazione”, sorride questa donna minuta, forte come un fiore di montagna.

Il coronavirus

“Ci hanno venerati durante la pandemia. Ma secondo me bisogna venerare anche chi lavora in ufficio a dare i sussidi alle piccole imprese; quelli che hanno chiuso il ristorante e si sono messi a fare cibo da asporto; tutte quelle persone che si sono riorganizzate o che hanno perso il lavoro o che non hanno avuto il loro stipendio. Noi abbiamo intensificato i turni ma abbiamo continuato a fare quello che facciamo sempre: curare le persone che ci arrivano”.
Petra del mondo non capisce gli sprechi, il consumismo, la prepotenza. Quando vede i documentari su come sta il pianeta riflette molto. Conduce una vita sobria. “Chissà se adesso la gente ha capito cosa conta. Io temo che il mondo potrebbe cambiare, potrebbe iniziare una vita a distanza. Scuola, giochi, lavori solo a distanza, con la mascherina. Non lo vorrei per i miei figli. Qui a Ponto Valentino forse è più facile immaginarsi l’isolamento, perché in un certo senso lo viviamo già: non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose per stare bene, abbiamo già una vita più semplice. Ma vorrei che i miei figli conoscessero le feste e che continuassero a sapere che per lavorare e per conoscere ci vuole una mano che tocca”.

Come i nostri vecchi

Petra in paese è conosciuta perché se uno dei suoi figli si fa male e urla e sanguina lei lo guarda, gli dà un bacio e dice: Su, non sei mica morto. “Sono frasi che ci dicevano già i noss vecc. Io ne vedo di gente che sta male, che ha lesioni gravi, sofferenze mentali. Quando i miei figli giocando si sbucciano o si feriscono, so che si tratta di un ‘male sano’. Non sminuisco il loro dolore, gli do importanza e li consolo; però gli faccio capire che sono vivi, che respirano, che possono ancora camminare”.
Segue le priorità, dice. “Significa che se sto stirando e mi arriva una visita, smetto e accolgo. Se i bambini vogliono andare a fare un giro in bici, andiamo. Adesso è quasi l’una ma stiamo parlando: mangeranno dopo. Prima che la casa faccia schifo la sistemo, ma non mi formalizzo. C’è bisogno di flessibilità. Bisogna seguire l’onda, non complicarsi la vita. Ho bisogno di vivere bene”. 

© Ti-Press
Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved