laRegione
correre-e-non-mollare-mai
© Ti-Press
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
40 min

Per capire il Kosovo

Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
7 ore

La pandemia e le strategie asettiche

La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
6 gior

This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola

I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
6 gior

Erminio Ferrari e il valzer per un amico

Pubblichiamo un racconto dall'ultimo libro del giornalista e scrittore morto in montagna mercoledì scorso: una storia di amicizia, cime, musica e tutto il resto
Ticino7
6 gior

710 Ashbury Street: il ‘gruppo locale’ dei Grateful Dead

Considerati la band psichedelica per definizione, i Grateful Dead sono stati un fenomeno artistico centrale nella storia della controcultura americana.
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, la Ferragni e la seconda gravidanza

La già lunga lista di “cose che dobbiamo imparare da Chiara Ferragni”, si è arricchita, qualche giorno fa, di un nuovo importantissimo capitolo
Ticino7
1 sett

Depilazione: cosa ci dice un pelo

Farlo o non farlo. Per alcune è diventato un dilemma. Per altre una questione di moda, di rivendicazioni e a volte di semplice pigrizia.
Ticino7
1 sett

Sport e disturbi psichici. Ombre accanto al ghiaccio

Negli sport di squadra il tasso di burnout e abuso di alcol tocca il 5% dei giocatori, per ansia e depressione si arriva al 45. E in Ticino?
Ticino7
1 sett

Una tazzina con Jean-Claude Luvini

Importa caffè certificati provenienti principalmente dall’Uganda. Prodotti molto richiesti, soprattutto da chi crede nell'economia equo-solidale.
Ticino7
2 sett

Ciccia, bellezza e differenze

Vanessa Incontrada si mette nuda e ricorda a tutte (e tutti) di essere sé stessi. Lei può, perché è il suo mestiere: noi no, perché facciamo altro.
Ticino7
2 sett

Tu cercali, se vuoi, nellʼuovo

Oggi non esiste uomo (probabilmente) che non si sia mai tolto qualche pelino di troppo. Sarà un problema di bellezza.
Ticino7
2 sett

Il destino e il lusso della verità

La domanda è: si può imparare a fingere? Sì, ma solo esercitandosi molto, con metodo e rigore. Solo, soprattutto, iniziando con sé stessi.
Ticino7
2 sett

Segreti. Che rimanga tra noi

Ci sono cose che non vogliamo o non possiamo dire (a tutti). Ma quali ricadute hanno queste verità nascoste sulla nostra salute?
Ticino7
2 sett

Cinema porno: una vita per lo schermo

Breve ma esaustiva storia irragionata della cinematografia a luci rosse. Dedicato a chi preferisce superare i soliti (e scontati) luoghi comuni.
Ticino7
2 sett

Naomi Dominò crea meraviglie

Ha 32 anni, è originaria di Osogna e di mestiere fa l’orafa. E pensare che era partita studiando i cervelloni elettronici...
Ticino7
3 sett

Sono intime verità

Per mantenere un segreto, a volte è necessario raccontare delle bugie. Agli altri, e anche a sé stessi.
Ticino7
3 sett

Rogita o non rogita?

Ah, casa dolce casa. La vedi, la vorresti, è tua e pensi a "due cuori e una capanna*. Ma i sogni sono (anche) illusioni e non sempre tutto fila come volevi.
Ticino7
3 sett

Sabrina parla ai cavalli

Ama le sfide. E infatti ha seguito la sua passione mollando un mestiere sicuro in ufficio per montare in sella ai suoi cavalli e lavorare – soprattutto – con i bambini.
Ticino7
3 sett

Paesi Baschi. O ruvida ʻpatria’...

Il posto che stavo cercando si chiama Larrabetzu. Ma non stavo cercando Larrabetzu. Anzi, appena tre giorni prima non sapevo nemmeno che esistesse...
Ticino7
29.08.2020 - 14:400

Correre e non mollare mai

La lunga strada per la ricerca della speranza passa da ognuno di noi, soprattutto oggi che lì fuori c'è 'sto maledetto virus.

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

È in certe zone accidentate del lessico che si trovano le parole per indicare la condizione di chi viene privato di una parte del proprio corpo; hanno un suono cupo e la loro radice affonda nella mancanza. Non esiste invece in italiano un termine per definire lo stato di un genitore che perde un figlio; di fronte a tale sottrazione perfino nel linguaggio si apre una voragine. A Chiara Devittori e Malù Cortesi il cancro ha portato via un pezzo di mondo – una gamba a lei, una giovane figlia a lui – eppure si rimane affascinati dall’energia vitale che sprigionano. Ad accomunarli è una forma di gentile tenacia che li ha rimessi in piedi e portati lontano, lungo sentieri fertili di parole e incontri rinsaldanti.

Fin dagli esordi, nel 2006, Chiara e Malù assieme ad altri volontari si occupano dell’organizzazione della Corsa della speranza, manifestazione non competitiva pensata per raccogliere fondi a sostegno della ricerca contro il cancro. “Nel 1994 – racconta Chiara – a seguito della diagnosi di sarcoma, un tipo di tumore molto aggressivo, ho subito l’amputazione di una gamba. Il periodo immediatamente successivo è stato il più difficile, perché ho dovuto rimettermi in gioco e i dolori erano forti. Ma lo sport è stata la mia cura: ho partecipato quattro volte alle Paralimpiadi nello sci di fondo e ricordo quelle esperienze con grande piacere. Quando mi hanno parlato del progetto della Corsa della speranza in Ticino ho subito aderito alla causa”. 
L’idea delle Corse è nata alla fine degli anni Ottanta in Canada dove il 23enne Terry Fox, con una protesi al posto di una gamba persa a causa di un tumore osseo, ha deciso di attraversare tutto il Paese per sensibilizzare sulla malattia e raccogliere fondi. È morto prima di riuscire a concludere l’impresa ma è stato di ispirazione per molteplici iniziative in tutto il mondo. “La storia di Terry ha molto in comune con la mia – dice Chiara – e sono felice di essere diventata la madrina della Corsa reincarnando in qualche modo il suo spirito. Si tratta di una manifestazione gioiosa ed emozionante, ogni volta quasi ci commoviamo dalla felicità quando vediamo che tutto funziona e la gente è contenta. È una grande celebrazione della vita, nonostante alla base ci sia il dolore. Da un anno all’altro c’è sempre qualcuno che viene a mancare, ma la forza sta nel ritrovarsi ognuno con la propria storia, vedere che non si è soli, e ricordare chi sta lottando e chi non c’è più”.


Malù Cortesi, © Reza Khatir

2020: una corsa lunga 2 mesi

A ogni edizione il disegno e il colore delle magliette sono una sorpresa da scoprire sul posto. Quest’anno però, a causa del pericolo sanitario, l’evento che alle porte dell’autunno ridipingeva il centro di Lugano con migliaia di partecipanti ha dovuto assumere una forma diversa. Ma nulla si è fermato, anzi: sotto lo slogan “La speranza in movimento - infiniti chilometri per la ricerca sul cancro” la manifestazione è già in atto da inizio agosto e si estenderà per tutto settembre. La partecipazione prevede l’acquisto di una bandana creata per l’occasione disponibile in diversi punti vendita del cantone, e l’invito è di portarla in giro lungo i propri percorsi – città, montagna, lago, lavoro, scuola – e postare le foto sui propri canali social e la pagina corsadellasperanza.ch. La bandana è di un verde acceso e su di essa è riprodotto il simbolo della Corsa, un mandala variopinto. Ricorda Malù: “Vista la mia formazione di decoratore e artista, fin dall’inizio mi sono stati chiesti consigli per le magliette. Ho dunque pensato di mettere a disposizione i mandala realizzati con mia figlia. Sono nati un po’ per caso quando lei era ammalata e seguiva le cure di chemioterapia: per passare il tempo avevamo inventato il gioco di costruirli facendo un giro io e uno lei”.


Chiara Devittori, © Ti-Press

Incontro alla vita

Malù, anticipando lo spirito di questa 15esima edizione, dopo quel “maledetto 9 luglio” di 18 anni fa ha intrapreso diversi viaggi portando con sé, come un talismano, quel diagramma carico di ricordi e tradizionalmente simbolo della vita. Le ultime rotte lo hanno condotto in bicicletta attraverso la Via della seta, e dall’esperienza più recente è nato il libro-diario Un filo d’Iran pieno dei suoi mille e un incontri (si veda anche Ticino7 n. 47/2019, ndr.). “Avevo già programmato la terza tappa – dice Malù –, da Teheran a Samarcanda, però la pandemia non mi ha permesso di partire. Mi è dispiaciuto, ma il fatto di non poter varcare i confini non è stato solo negativo, ho riscoperto il Ticino in maniera differente, viaggiando in bici e fotografando. Ho percorso gli stessi chilometri, però qui. E grazie alla forma alternativa che ha preso la Corsa sto comunque facendo molti incontri, da persone famose e non, a cari amici, ed è sempre un piacere”. E poi nota: “Come ci stiamo tutti impegnando per contrastare il Covid, lo stesso possiamo fare per il cancro. Nonostante sembri così fuori dalla portata comune, ognuno può contribuire alla lotta anche solo con un piccolo gesto, una donazione, l’acquisto di una bandana. Serve ad alimentare la speranza di chi si trova in difficoltà, per non abbassare le braccia e andare avanti con coraggio. Perché la vita può prendere ma anche continuare a dare tanto”. Lo dimostrano i sorrisi incorniciati di verde che quotidianamente riempiono nuove foto e gli animi di chi le riceve.

 

 

 

 

Malù Cortesi, © Reza Khatir
Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved