laRegione
non-lancette-ma-fiori-molti-fiori
Orologio floreale a Ginevra.
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Per capire il Kosovo

Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
7 ore

La pandemia e le strategie asettiche

La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
6 gior

This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola

I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
6 gior

Erminio Ferrari e il valzer per un amico

Pubblichiamo un racconto dall'ultimo libro del giornalista e scrittore morto in montagna mercoledì scorso: una storia di amicizia, cime, musica e tutto il resto
Ticino7
1 sett

710 Ashbury Street: il ‘gruppo locale’ dei Grateful Dead

Considerati la band psichedelica per definizione, i Grateful Dead sono stati un fenomeno artistico centrale nella storia della controcultura americana.
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, la Ferragni e la seconda gravidanza

La già lunga lista di “cose che dobbiamo imparare da Chiara Ferragni”, si è arricchita, qualche giorno fa, di un nuovo importantissimo capitolo
Ticino7
1 sett

Depilazione: cosa ci dice un pelo

Farlo o non farlo. Per alcune è diventato un dilemma. Per altre una questione di moda, di rivendicazioni e a volte di semplice pigrizia.
Ticino7
1 sett

Sport e disturbi psichici. Ombre accanto al ghiaccio

Negli sport di squadra il tasso di burnout e abuso di alcol tocca il 5% dei giocatori, per ansia e depressione si arriva al 45. E in Ticino?
Ticino7
2 sett

Una tazzina con Jean-Claude Luvini

Importa caffè certificati provenienti principalmente dall’Uganda. Prodotti molto richiesti, soprattutto da chi crede nell'economia equo-solidale.
Ticino7
2 sett

Ciccia, bellezza e differenze

Vanessa Incontrada si mette nuda e ricorda a tutte (e tutti) di essere sé stessi. Lei può, perché è il suo mestiere: noi no, perché facciamo altro.
Ticino7
2 sett

Tu cercali, se vuoi, nellʼuovo

Oggi non esiste uomo (probabilmente) che non si sia mai tolto qualche pelino di troppo. Sarà un problema di bellezza.
Ticino7
15.08.2020 - 15:000

Non lancette ma fiori, molti fiori

Nel Paese degli orologi non poteva mancare il "modello" che scandisce il passare delle ore con petali colorati. Ecco la storia di questo segnatempo naturale.

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, questa settimana allegato del venerdì (vista la festività) a laRegione.

Nel 1678 Andrew Marvell descrisse un orologio floreale nella sua poesia “Il giardino”. Settant’anni dopo, Il famoso botanico Carlo Linneo ebbe l’idea dell’Horologium Florae, un orologio che sfruttava le differenti aperture e chiusure dei fiori durante la giornata. Nel 1751, lo descrisse nella sua Philosophia Botanica. Egli individuò tre categorie di fiori: meteorici, che si aprono e chiudono in base al tempo atmosferico, tropici, che seguono le mutevoli ore di luce del giorno, ed equinoziali che, scrisse Linneo, “si aprono precisamente a una certa ora del giorno e generalmente si chiudono ogni giorno a un’ora determinata”. All’inizio del XIX secolo, molti giardinieri provarono a progettare un orologio di Flora sulla base delle osservazioni del naturalista svedese, ma l’esperimento non funzionò poiché Linneo fece il suo studio alla latitudine di Uppsala, dunque l’orologio non corrispondeva alle condizioni di luce, intensità, umidità e temperatura specifiche dei vari luoghi. Nel XX secolo, l’orologio floreale si trasformò in una grande opera d’arte meccanica, e oggi possiamo ammirarne molti modelli nelle aiuole dei parchi pubblici di tutto il mondo. Le piante e i fiori che compongono il quadrante cambiano con le stagioni. Un grande meccanismo nascosto fa girare le lancette, sfiorando i profumati tappeti floreali. 


L’orologio di Linneo

I movimenti dei fiori

Il primo a notare che le foglie del tamarindo tropicale si sollevavano durante il giorno e scendevano durante la notte fu Androstene di Taso, un ufficiale di Alessandro Magno. Nel 1729, l’astronomo Jean-Jacques d’Ortous de Mairan fece il primo esperimento cronobiologico, osservando il nascere e il cadere delle foglie di mimosa pudica in un armadio nel buio, pensando che la pianta avesse la capacità di percepire il sole senza esserne esposta, mentre in realtà il fenomeno è regolato da una sorta di orologio interno. Nel 1759, Duhamel du Monceau e Zinn lo ripeterono. Linneo spostò invece l’attenzione dalle foglie ai fiori, chiamando il fenomeno “sonno delle piante”. Il botanico tedesco Pfeffer ipotizzò l’influenza esterna sui movimenti delle piante, ma gli esperimenti di Darwin confermarono l’ipotesi di generazione interna dell’andamento ritmico quotidiano. All’inizio del XXI secolo, Erwin Bunning studiò i ritmi circadiani delle piante, molto importanti per creare un orologio floreale: occorre osservare con attenzione e a lungo la fioritura delle varie specie. Nei giorni freschi e piovosi, molti fiori rimangono chiusi. Gli insetti influenzano il tempo di apertura dei fiori e se un fiore è già stato impollinato si chiude prima del solito, in caso contrario, rimane aperto più a lungo. Per saperne di più, vi consigliamo L’orologio di Flora, di Daniela Ladiè ed Enrico Donati (Asclepio). Il vero difetto di questo orologio è che d’inverno non funziona.


Orologio floreale a Ginevra.

 

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved