laRegione
Nuovo abbonamento
traslocare-una-cosa-terribile-che-per-fortuna-rifaro
Stanlio & Ollio alle prese con le scatole
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Le scuse dei maschi

Di solito non si sbaglia: la verità, è che non gli piaci abbastanza. Tutto il resto sono parole, parole, parole... (come cantava Mina).
Ticino7
3 gior

Laura Pedevilla non balla da sola

Criminologia, passione per la danza e genitorialità. Una convivenza tutta da scoprire...
Ticino7
3 gior

Io, vado in bicicletta

Oggetto di culto, mezzo utilitaristico, leggerezza in movimento. Da tempo la sua presenza è tornata costante in molte città svizzere. E nella Grande Lugano?
Ticino7
3 gior

A proposito di belve & animali

Dagli AC/DC a Fantozzi? Come no, passando da un album memorabile e un venditore di merendine molto "bestiale* (a modo suo).
Ticino7
4 gior

Lʼultima chiamata

‘Sai che ti dico, il primo che mi rompe gliela faccio in faccia’. Ma alla fine quello che ci ha rimesso è stato lui.
Ticino7
1 sett

Mare appestum: in giro a zonzo

Dagli appunti del ‘Covid-19’. Minorca fuori listino e poi dentro; Croazia non ancora, finché sì... Ma cambia senza tregua, altro che quarantena.
Ticino7
1 sett

Un cane o un amico

Che cosa sarà meglio, non si sa: ma nel dubbio cercate qualcuno che sia un fedele confidente... e che abbia anche un quattro zampe all'altezza.
Ticino7
1 sett

Babel 2020 - Brenda Navarro: due voci, molte donne

Potrete ascoltare l'autrice messicana a Bellizona, ospite del Festival di letteratura e traduzione, il prossimo 19 settembre al Teatro Sociale (ore 18.30).
Ticino7
1 sett

Babel 2020 - Un Reverendo e il sacro fuoco della musica

Potrete ascoltare il genio creativo del musicista bernese Beat-Man, ospite di Babel Open Air, il prossimo 18 settembre al Convento di Monte Carasso.
Ticino7
1 sett

L'antica arte di Sarayu Mix

Muay thai, thai boxe, boxe o pugilato thailandese. Chiamatela come volete, ma sappiate che non è una pratica per gente che si mena tanto per fare...
Ticino7
1 sett

Avanti un altro

Fare movimento è importante. Ma se ‘la spinta’ viene dagli altri, gli effetti non sono sempre quelli sperati.
Ticino7
2 sett

Petra Taddei, un'infermiera e il suo mondo

Vive in montagna e va in vacanza in montagna. Cura la gente all’ospedale di Bellinzona. Non è lunatica e dorme abbastanza...
Ticino7
2 sett

Quelle esploratrici coraggiose

A bordo di navigli vichinghi, velieri o navi a vapore, sette donne attraversano gli oceani per scoprire nuove terre, conoscere genti, culture e religioni diverse.
Ticino7
2 sett

Amami come si amano i tovaglioli dell'Ikea

Tornate sempre a casa con una montagna di roba che forse serve-forse non serve proprio? Beh dai, di sicuro ci sarà qualcosa di cui discutere...
Ticino7
2 sett

In bettola. ‘Capo, me ne porti un'altra?’

Passeggiate in montagna, gite al lago, ristoranti stellati. Ci sono mille modi per riscoprire il Ticino, e le bettole sono un buon punto di partenza.
Ticino7
2 sett

Giù le mani dai tavoli

Lo capivi subito che era arrivato, il Mario: era l’unico che non si ricordava mai del gradino all’entrata. E così te lo ritrovavi steso sul bancone.
Ticino7
3 sett

Sam Millar o la minaccia all'Impero

Chi è costui? Il figlio di una famiglia mista di Belfast di fine anni Cinquanta. Che non spiega tutto, ma molto sì. Però non fermatevi alle apparenze...
Ticino7
3 sett

Correre e non mollare mai

La lunga strada per la ricerca della speranza passa da ognuno di noi, soprattutto oggi che lì fuori c'è 'sto maledetto virus.
Ticino7
3 sett

Mi chiamo Camilla, sono una trans

È brasiliana e risiede da molti anni in Ticino. Ha studiato psicologia. È transessuale ed esercita regolarmente il mestiere di prostituta.
Ticino7
3 sett

Uomini, se li conosci non li eviti

Dedicato a chi crede che l'uomo "non deve chiedere mai" (nella speranza che non ne abbiare uno tra le quattro mura di casa).
Ticino7
3 sett

Corsa della Speranza 2020: "Distanti ma vicini"

Difficile poter riunire centinaia di persone di questi tempi. Ma esserci è possibile, correndo in tutta sicurezza la ‘vostra’ Corsa a favore della ricerca contro il cancro.
Ticino7
1 mese

Tecnologie: una rivoluzione per niente stupida

L’intelligenza artificiale ha il potenziale per stravolgere la nostra società. Ma quali segreti nasconde?
Ticino7
1 mese

David Induni e altre persone molto speciali

Non può stare fermo troppo tempo: è un viaggiatore seriale. Appassionato di cinema, è cofondatore di un'associazione che sostiene lo sviluppo e l’inclusione delle persone con la Sindrome di Down.
Ticino7
08.08.2020 - 17:150
Aggiornamento : 14.08.2020 - 09:16

Traslocare: una cosa terribile che per fortuna rifarò

Dal montaggio degli scatoloni alla luce in fondo al tunnel, diario psicotico e musicale di un'esperienza dalla quale siamo passati quasi tutti

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Venerdì

Il trasloco è un incubo. Diffidate di quelli cui piace, di quelli che trovano divertente impacchettare e spacchettare, di quelli che affrontano con entusiasmo lo Stige. Sono le classiche persone che possono uccidervi nel sonno o mettere la panna nella carbonara. Da una parte le scatole smontate – perché pure quelle devi montare –, dall’altra casa mia. La casa che ho scientemente deciso di tradire per un’altra più bella, più affascinante. Quelle scatole diventano Caronte, mi chiedo se ne uscirò vivo. Le guardo, tronfie e arroganti nel loro essere così rigide e schiacciate prima di diventare massi di Sisifo. No, non ne uscirò vivo.

On air: Joy Division, «Dead Souls»

 

Sabato

Quanto può pesare un Adelphi, o un tascabile Einaudi? Un etto? Due? Che sarà mai un libro. Sta bene nello zaino, leggero e pratico nel salvarti dalla noia o dalle persone. Che è un po’ la stessa cosa, a volte. Quanto si cambia idea nel vederne ancora in giro dopo aver sigillato il nono scatolone. Il muro lì nell’angolo aumenta e il disagio, misto al caldo, misto al male di vivere, ti para davanti Günter Schabowski che ti bofonchia un “Das tritt nach meiner Kenntnis… ist das sofort, unverzüglich” gradevole come un ascesso. Nessun vento di libertà abbatterà quel muro di cartoni. Che anzi, irriverenti, sembra quasi si autogenerino. Perché di là c’è l’avanzata di altre scatole con oggetti, vestiti, cose che quando si vedono raggruppate ci si chiede come cavolo siano finite in casa. Mentre riempio cartoni di roba che neanche ricordo di aver comprato - bella storia la prepagata inserita in automatico nella app di Amazon - guardo la mia ragazza fare e spostare il doppio di quanto sto facendo io. Senza lamentarsi, stanca, ma bella e sorridente. Dovrei imparare. Non oggi.

On air: Pink Floyd, «Is There Anybody Out There?»

 

 

Domenica

Più roba si mette in ’ste scatole più caos si genera. Come è possibile? Non lo so, succede. Come tante altre cose, a ben pensarci. In teoria se si mette qualcosa in un contenitore non è più in giro. Eppure no. Sembra sia esploso tutto. Cominciamo a portar noi roba, allora. In casa nuova. Che così poi il trasloco vero e proprio durerà meno. Giù i sedili posteriori e dentro scatoloni su scatoloni, borse con qualsiasi cosa dentro, oggetti-che-boh e tanto, tanto sudore. La bellezza di un trasloco nei primi giorni caldi di una finora mite estate. Uno, due, tre, quattro viaggi poi smetto di contarli. Meno male casa nuova è lì dietro l’angolo, dieci minuti di macchina. Alza, sposta, abbassa. Organizzatissimi, abbiamo pure un carrello di quelli ganzi, che usano quelli che fanno fatica davvero. Tre a tre gli scatoloni entrano in casa, e quei cinque gradini che separano il giardino dall’atrio diventano un Everest invalicabile. Lo scanalare come unica attività sportiva e le dita che battono frenetiche su una tastiera come sforzo massimo non sono chissà quale premessa per un fruttuoso e intenso trasloco. Tant’è. La schiena si domanda che stia succedendo, i bicipiti dicono “Ehi ma ci siamo anche noi allora”. E figurarsi se so risponder loro qualcosa, se non sommessamente scusarmi. Al decimo, undicesimo viaggio, ridendo da soli per la nostra misera condizione, aggrappati alla meraviglia che tutto sarà, ci rendiamo effettivamente conto che di cose ne abbiamo fatte. I mobili sono vuoti. Inizia il conto alla rovescia delle stanze che mancano. Sta per finire. Sta per finire?

On air: David Bowie, «Sense Of Doubt»

 

Lunedì

No, non sta per finire. Perché la cucina è tutta inscatolata, tranne il fondamentale apribottiglie - che vuoi fare senza? La camera ha solo i letti, gli armadi son vuoti. Alle altre stanze mancano solo le lenzuola bianche sui mobili e chili di polvere per farle sembrare parti di quelle case del mistero tipo la Hill House di Shirley Jackson. La gatta si aggira per casa chiedendosi se all’improvviso siamo tutti impazziti. Circa. Esattamente come dovrebbe essere alla vigilia del Gran Giorno. Tutto fatto. E invece no. Perché fuori dalla sala, subdolo e meravigliosamente sprezzante, c’è il terrazzo. Protagonista, nei giorni del confinamento, di un simpatico tentativo di diventare orticoltori. Andò pure bene. Foglie su foglie di basilico, pomodori cherry buonissimi, un rosmarino che crede molto in se stesso e una melissa - in teoria avrebbe dovuto essere menta, ma che ci vuoi fare, si sbaglia - fioritissima. L’ottimo traslocatore il giorno del sopralluogo ha guardato il tutto e, con gentilezza va detto, ha formulato la preghiera laica di travasare il tutto perché nella sua interezza il gustoso orto non sarebbe uscito neanche di casa, ma proprio dal terrazzo. Così, armato di paletta, vasi e tanto ottimismo sotto la stinca del sole il pomeriggio è passato a travasare il tutto. Salvando le radici più grosse, difendendo a spada tratta il futuro pesto alla genovese che diventerà la verde pianta. Quando si finisce il tutto, si aspetta il domani di cui non v’è certezza.


On air: Beatles, «Tomorrow Never Knows»


Martedì

Se i traslocatori dicono 7.30 svegliati almeno un’ora e mezza prima, potrebbe recitare un vecchio mantra. Senza sbagliare più di quel tanto. Perché bevuto il caffè ecco spuntare quella prolunga non inscatolata, quel cavo del computer del lavoro, quel libro – sì, un altro – sfuggito alla retata. E il flash. Inquietante. La cassettiera in cantina. Piena. Quindi giù dalle scale a svuotarla in extremis, giusto per dare quel brivido in più a un momento che non dovrebbe chiederne troppi. E poi? E poi la catarsi. In circa due ore di quella casa restano solo il parquet, i muri, il camino e la voce che rimbomba mentre chiacchieri con uno dei traslocatori: lo juventino che no, Maurizio Sarri non lo tollera. Gli stessi mobili vengono rimontati in un batter d’occhio nella casa nuova, alle 14.30 si salda il conto e tanti saluti. Se l’altro giorno sembrava esploso tutto, adesso sembra che l’uragano Katrina sia tornato per un bis. Eppure c’è gioia, c’è entusiasmo, c’è elettricità: pure troppa, il mobiletto del bagno scollegato dall’interruttore farà luce h24 per i prossimi due giorni. C’è lo svuotare le scatole in una sorta di pesca meravigliosa e il rimettere i libri nelle librerie, c’è la ricerca dell’apribottiglie che si è perso, arrancando sull’ultima salita, per aprire le birre della cena thai ordinata. C’è l’andare a letto prima delle 23 dopo circa una ventina d’anni, che domani si va in redazione. Troppo facile dire che un trasloco è “Una cosa divertente che non farò mai più”. Semplicemente è una cosa terribile che per fortuna rifarò.

On air: Madness, «Our House»: a palla, ma davvero a palla.

 

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved