Galles
0
Svizzera
0
1. tempo
(0-0)
lugano-ritorno-a-slowlake
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
3 ore

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
8 ore

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
5 gior

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
1 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
1 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
1 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
1 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
1 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
1 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
2 sett

Teatro: vivere il palco, ma in modo diverso

La recitazione può diventare un laboratorio dove rileggere il proprio vissuto, a volte drammatico e molto doloroso. Ecco alcune esperienze e testimonianze
Ticino7
2 sett

Un giorno da nulla

Una buona azione fa bene agli altri, ma soprattutto fa bene a noi. Non avete ancora deciso cosa fare?
Ticino7
2 sett

United Roads of America. La battaglia sull'aborto

Qui gli animi si sono accesi 50 anni fa e oggi tutti attendono di capire come si pronuncerà la Corte Suprema. In gioco c'è la vita o la morte, e i diritti civili
Ticino7
2 sett

C'era una volta la Valascia (con Danilo Gobbi)

Se volevate una birra e qualcosa da mettere sotto i denti dovevate vedervela con lui, lì, davanti alla "Buvette". E poi tutti in Curva a cantare e saltare
Ticino7
2 sett

Tecnologia e sicurezza. Una faccia, una persona?

Polizie e governi in tutto il mondo li usano, ma gli studi sembrano dimostrare come i sistemi di riconoscimento del viso siano spesso imprecisi e discriminatori
Ticino7
3 sett

Tu, fratello neanderthaliano

Viveva in società, cacciava e pescava, costruiva capanne, utilizzava un linguaggio articolato e cuoceva il suo cibo. Poi un giorno, dalla lontana Africa...
Ticino7
01.08.2020 - 17:250

Lugano, ritorno a SlowLake

Dagli appunti del Covid-19 ecco una Zurigo viva a metà, l’ex Bronx alla Foce di Lugano e l’improvvisazione.

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, questa settimana allegato del venerdì (causa festività) a laRegione.

“Lugano, abbiamo un problema!”. Dalla missione Covid-19, l’asintomatico tentava di comunicare invano col Centro di controllo nasale di Cape San Martin. L’unica certezza di quei tempi incerti erano i tamponi nelle narici, le multe sensibilizzatrici da 100 franchi e, soprattutto, i bei ricordi da “lockdown”. A fine giugno, luglio pareva fosse il mese di una nuova fase dopo la “fase 3”, invece si torna a una semi “fase 2”. Oibò, si marciava all’indietro come gamberi di lago. Si era intrappolati in un circolo temporale come in quel film: luglio “mese della marmotta”.

Fuga zurighese

Per la sua missione Covid-19 l’asintomatico volle assicurarsi di quale (a)normalità ci fosse in quel di Züri City. Erano i giorni di nuove quarantene tra discotecari a causa di un maledetto infetto. Evitò qualsiasi club e trovò alloggio nella vivace Langstrasse. Subito si accorse che, rispetto alla cittadina sul Cassarate, in quella sulla Limmat giravano pochissime mascherine. Giretto al Bäckeranlage con le sue festicciole private, poi panino all’americana allo Stubä: non c’erano meno posti a sedere come a Sud, ma solo più plexiglas tra i tavoli. Dj e ambiente al Kern Bar, infine in Europaallee un vinello all’enoteca “Provins” vallesana, anche perché una merlottiana-ticinese forse manco esisteva. E poi? Beh, poi tutti a casa. A mezzanotte la città più vivace della Svizzera era morta: surreale. Si rifece il giorno dopo. Siccome sul Ceresio le rive accessibili erano rare (come gli asintomatici super contagiosi), trasse grande gioia a Wollishofen e nei parchi immacolati al Mythenquai. No, non fu un miraggio, quelle che vide erano davvero delle griglie pubbliche a gas! La cartolina turistica raccattata alla Rote Fabrik recitava un simpatico “I love Züri”. Giunse il tempo del rientro a Sud. 

Una movida diversa

L’evento “SlowLake” gli ricordava vagamente un altro festival ante-virus. Nell’era del “Covid-19”, anche Lugano era un gamberone di lago cotto sulla pietra ollare, però si dava da fare come poteva, anche se con tanta, troppa improvvisazione. E metti un food-truck ma togli l’alcol, aggiungi sabbia ma non c’è lago, togli cestini e rimetti i securini, via i bocia ma inventa un’app ecc. ecc. Imposero mascherine nei treni e lui ne comprò una da un franco, made in China, e appena se la mise l’elastico si spezzò. Avevano dato la carica virale in picchiata, dunque era più probabile tagliarsi con una scheggia di vetro alla Foce del Cassarate che non infettarsi o infettare qualcuno. O forse no? Boh! 
La Foce fu il tema del mese: da nuovo Bronx a deserto securizzato. Pare fosse come certi bassifondi metropolitani dove nemmeno la polizia osa andare. Due i rituali della cafonaggine giovanile. Il primo, far suonare più boombox possibili per avere il massimo della cacofonia. Il secondo, spaccare più vetro possibile a terra rendendoci tutti novelli fachiri. Proprio non si capiva come mai non riuscissero a centrare i grossi bidoni dell’immondizia... Il ritorno a “SlowLake” gli riservò un taglietto a un piede, mentre da Cape San Martin lanciarono nuovi razzi proibizionisti. La sera quel luogo splendido divenne mezzo vuoto, tutti erano dall’altra parte del fiume, inclusi molti giovani e benvenuti turisti elvetici. Oh, finalmente Lugano ritornò svizzera.

LITTERING

Il 9 luglio Lugano ha vietato l’accesso nei weekend dalle ore 20 alla Foce del Cassarate, possibile solo con un’app di tracciamento e al massimo 200 persone (fonte: cdt.ch). Finora con poco successo. Motivo: lo squallore giovanile riferito dal portale tio.ch già in maggio e poi ancora in luglio, constatabile ogni mattina dagli avventori che ne dibattono ogni giorno. Ora, se può capitare di “dimenticare” o di non vedere dei rifiuti quando è buio, alla Foce il littering è sistematico da mesi e in aumento da quest’anno. Pare che persino delle ragazze facciano a gara per chi sporca di più. Mal si capisce perché Lugano applichi poco la Legge anti-littering: una multa da 100 franchi farebbe ragionare certi personaggi. Mal si capisce perché mandare via la gente e punire tutti. Ma per alcuni l’importante è che qualcuno pulisca, e cioè che gli spazzini facciano il loro lavoro, così come la polizia. A Lugano quello che manca è un personaggio come “Bob”, alias Jean-Pierre Macherel, spazzino alla Gruyère arcistufo di pulire ogni volta, nonché gestore di una buvette. Come dice generations-plus.ch nel 2016 gli è bastato denunciare il littering tramite Facebook e poi YouTube (https://www.youtube.com/watch?v=Icttg-VGTac) per ottenere soluzioni immediate (almeno il giorno dopo). “Bob” criticò anche i genitori dei mocciosi maleducati, rei di non avere “il coraggio” di andare a vedere dove andassero e quanto sporcassero. Come a Lugano, a meno che dei genitori ci confermino il contrario. Il video di “Bob”, visto oltre 100mila volte in meno di 48 ore, fece ripulire completamente il sito. Da chi? Dai genitori e dai loro figli zozzoni, giunti già la sera prima muniti di sacchi dell’immondizia. Ah, se sul Ceresio ci fosse uno come “Bob”! 

 

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved