laRegione
quando-finisce-un-libro
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

L'oggetto della settimana è l'anfibio (inteso come calzatura)

La società che oggi è proprietaria del marchio vuole sbarcare in Borsa. In pratica l'unico luogo in cui ancora non si erano visti i Dr. Martens...
Ticino7
4 gior

I taccuini di Gabriele Genini, creatore dʼimmagini e di sogni

Classe 1981, vive tra la Toscana e la Svizzera. Originario di Osogna, utilizza le immagini per raccontare il fascino dei suoi viaggi tra Europa e Asia
Ticino7
4 gior

Aimo Cerati e i segreti dei cappelli

Lo potete incontrare (a distanza) sul lungolago di Lugano: "Quando inizia a nevicare sul Brè mi preparo a vendere di tutto", non solo copricapi...
Ticino7
4 gior

Dai, parliamo di 'Grease'...

... anche se, in verità, quello che vorrei è uscire a mangiarmi una pizza in santa pace, alla faccia del delivery e del cibo da asporto
Ticino7
4 gior

Un faro nel buio (in sella senza fretta)

La strada di notte è muta e pone confini ottici, ma a chi la pedala sa parlare e aprire nuove dimensioni. Provare per credere
Ticino7
5 gior

C'era un uomo al bar

Se stai benone e hai meno di 40 anni, la tua dose di vaccino quando arriverà? Risposta non cʼè, nemmeno nel vento
Ticino7
1 sett

WhatsApp. Cosa cambia e mi devo preoccupare?

Dall'8 febbraio molti dei nostri dati potranno essere scambiati con Facebook, Instagram e altre società che fanno riferimento a Zuckerberg. E la privacy...
Ticino7
1 sett

La volpe, l’uva e il racconto di noi

Nella vita i tranelli sono sempre dietro l'angolo (che ve lo dico a fare). Alcuni sono comuni a tutte noi, altri invece capitano solo a poche elette
Ticino7
18.07.2020 - 14:500

Quando finisce un libro

Ovvero, quando amare non significa aggiustare. Perché nessuno è aggiustabile.

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Premetto che scelgo i libri per colore e mi tengo alla larga da quelli che superano un certo numero di pagine. Così come mi sono sempre tenuta alla larga dagli uomini più giovani, finendo incidentalmente per averne uno stabile sul divano tutte le sere. Sette giorni fa ho finito un libro che non avrei mai pensato di poter affrontare, di lunghezza paragonabile al Signore degli Anelli, tomo che mostro con orgoglio alla prole come prova della mia buona volontà, omettendo di essere stata indotta all’impresa dall’uscita imminente del film. La premessa è doverosa per spiegare che ho iniziato Una vita come tante (Hanya Yanagihara) con poca convinzione, per di più seccata dal fatto di leggere su Kindle e non poter dunque mostrare al prossimo lo spessore dei miei sforzi (ma per chi volesse, ecco qui sotto di cosa stiamo parlando...).

Ebbene, è passata una settimana e ancora non riesco a prendere in mano un altro libro, il cuore affaticato come se avesse corso troppo. È una storia d’amore straziante e meravigliosa, una storia di cicatrici al termine della quale ti porti a casa un senso di stordimento e di vuoto, di nostalgia, di mancanza, un affetto profondo per quei quattro amici del college diventati adulti di successo. 
Ora bisognerebbe andare avanti e trovare un bel libro per l’estate, del resto prima o poi anche noi faremo una valigia. Eppure, non c’è titolo affrontabile. Quando un libro ti stordisce e ti segna così andare avanti è impensabile. Ti domandi se si possa davvero leggere altro, se si possa davvero smettere di sentire la mancanza di quei personaggi contraddittori e dolcissimi, violenti e tenerissimi, che una pagina dopo l’altra dicevano forse, semplicemente e terribilmente, che amare non significa aggiustare. Perché nessuno è aggiustabile.
Come chi soffre il lutto di un cuore spezzato, finisci per affezionarti a quella nostalgia. A quel torpore che ti fa brillare gli occhi ma sentire vivo. Vorresti restare sempre lì, in quel momento di lucidità in cui le cicatrici mostrano il loro senso. Tutto, pur di non andare avanti e addormentarti la sera su un libro piacevole e innocuo. Tutto pur di non diventare come quelli che telefonano all’amore di una vita fa per il compleanno e finiscono per scambiarsi le foto dei figli. 

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved