amarcord-italia-90
Diego Armando Maradona, e chi altri...
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 ore

L’eresia? È una parte importante della nostra storia

Scegliere, anche dal punto di vista religioso, non è mai stato semplice e privo di conseguenze. Un recente volume ricorda alcune personalità
Ticino7
8 ore

Seminare civiltà per raccogliere rispetto

Le buone idee sono come le piante: se non le coltivi non danno frutti. Ma serve tempo e un buon terreno
Ticino7
5 gior

Diaframma. A ‘Gennaio’ fa freddo, anche a Firenze

“Nessun senso di colpa, non è importante per me / tu non stare in pensiero, è solo un finto cuore”
Ticino7
6 gior

La bacchetta magica di Elena Schwarz

Nata a Lugano nel 1985, le sue radici affondano fra l’Engadina e l’Australia. Direttrice d’orchestra, la musica è la colonna sonora della sua esistenza
Ticino7
6 gior

Vasco Rossi a Locarno. Cosa succede(va) nel 1985?

A pochi giorni dal 70esimo compleanno di Vasco Rossi, ricordiamo attraverso la lettura dei giornali dell’epoca l’incredibile controversia di Piazza Grande
Ticino7
1 sett

Ai margini: riflessioni su chi c’è, ma non si fa notare

Una società senza asociali o è morta oppure è una dittatura. Perché abbiamo molto da imparare da chi non ama i riflettori
Ticino7
1 sett

La scelta del ‘profilo basso’

ʻPiù piccola è la mente più grande è la presunzioneʼ. Esopo aveva ragione, si sa
Ticino7
1 sett

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
1 sett

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
1 sett

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
2 sett

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
2 sett

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
2 sett

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
2 sett

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
2 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
3 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
3 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
3 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
3 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
4 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
Ticino7
4 sett

Il Capodanno, la Stube e i balli di gruppo

“Dai fior‘ dai fior′ dai fiordi della Norvegia, è sce′ è sce’ è scesa la vichinga. Cerca’, cerca’, cercava un po′ di sole e invece ha trovato l’amor”
Ticino7
4 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Pesci

“Gli ultimi saranno i primi?”. Voi continuate a fare le vittime, siete bravissimi. Poi però non lamentatevi, né con l’Oroscopo e nemmeno con chi vi ama
Ticino7
4 sett

2020, 2021, 2022: ‘Avanti un altro’

Inutile girarci intorno: anche il 2021 non è stato proprio una bellezza. Andrà meglio, abbiate fede. In fondo domani è...
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Acquario

Quando le cose vanno male, potrebbero anche andare meglio. Per la serie: “Quando hai toccato il fondo, può succedere che ti tocchi pure scavare”
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Capricorno

“L’anno vecchio è finito, ormai / Ma qualcosa ancora qui non va”. Lucio Dalla era del segno dei Pesci, e forse per questo aveva già capito tutto
Ticino7
1 mese

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Sagittario

Credavate di avere già dato abbastanza. Credavate: ma non avete fatto i conti col resto del mondo e tutti quegli “amici” che tanto vi amavano...
04.07.2020 - 17:300
Aggiornamento : 26.04.2021 - 18:01

Amarcord Italia ’90

Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Più degli occhi spiritati di Totò Schillaci, dei riccioli colombiani di Higuita e Valderrama, del calcio gioioso del Camerun e di un incazzatissimo Maradona che in Mondovisione ripete “Hijos de puta” sommerso dai fischi dell'Olimpico, viaggiare indietro nel tempo fino a Italia ’90 mi fa pensare a tre cose che con il calcio giocato hanno poco a che fare: il Televideo, le merendine e Ciao, l’iconica, orribile mascotte a metà tra i resti di un cubo di Rubik mai risolto e lanciato contro un muro per esasperazione e una manciata di tasselli di Tetris colorati male. Iconico e orribile sembrano in contraddizione, ma nell’Italia dell’epoca c’era ancora una tale fiducia nelle nostre capacità da partorire progetti discutibili senza porsi troppe domande: così nacquero la Duna, nuovi stadi inutilmente enormi e già vecchi prima ancora di dare un calcio al pallone, il robot Emilio e i capelli di Aldo Biscardi.

Bello ‘Ciao’…

Ciao rientra a pieno diritto in questa categoria, anzi è il riassunto perfetto - insieme a Notti magiche - di un’Italia orgogliosamente provinciale, che davanti allo straniero che ti diceva “pizza, spaghetti e mandolino”, ancora non s’indignava citando cuochi stellati e cantautori impegnati, ma annuiva soddisfatta. Eravamo riconoscibili. Eravamo più grandi di quanto non apparisse sul mappamondo. Eravamo semplici, forse persino più felici. O forse no. Ma ci piace ricordare che fosse così. Io avevo dodici anni, e a quell’età se non hai conosciuto disgrazie sei felice per forza.
Ero felice quando mia madre mi comprò al mercato del sabato una maglietta taroccata con sopra Ciao ed ero felice quando con mio padre andavamo a giocare più schedine del Totocalcio perché così potevo illudermi di scegliere il nome di quella mascotte per cui si erano addirittura inventati un concorso. Gli altri nomi in lizza erano Amico, Bimbo, Beniamino e Dribbly. Li avevano tirati fuori dei pubblicitari famosi. Il meglio, dicevano. Chissà il peggio. Eppure correvamo contenti a votarli sulle schedine. Ne discutevamo. Gente che si prendeva la briga di entrare in una ricevitoria e mettere una X su Beniamino. Poi vai a dire che non erano tempi più semplici. E dai gusti opinabili. La patria di Dante e Bernini se ne usciva con quello sgorbio, per di più con appiccicato un nome discutibile, qualunque fosse. Vinse quello più sensato e riconoscibile. E quindi Ciao, che spuntava dappertutto, sui cartonati dei benzinai e nei quaderni di scuola, sui costumi da bagno e nelle nostre case. Non ricordo se insieme al pupazzetto vendessero già una confezione di Attak inclusa, ma avrebbero dovuto. Non c’era un Ciao che non si rompesse dopo pochi secondi che lo tenevi in mano. E giù con la colla a renderlo ancora più brutto di quanto già non fosse.

Inni musicali

Degno compagno della mascotte era un altro gadget immancabile nelle camere dei ragazzini, la Jingle Ball. Altro prodigio della tecnica al contrario. Una palla con sopra attaccate le bandiere dei 24 Paesi partecipanti al Mondiale: se ne schiacciavi una riproduceva l’inno nazionale. Naturalmente dopo poco le bandierine si staccavano e tu non sapevi più qual era il loro posto originario. Il tutto mentre gli inni, con l’andare dei giorni, si mischiavano: alcuni comparivano quando non erano richiesti, altri scomparivano per sempre. Così ti ritrovavi ad ascoltare God Save The Queen dopo aver schiacciato la bandiera dell’Egitto o - sacrilegio - l’inno sovietico con il dito sopra la bandiera americana. E viceversa.
L’inno ufficiale della manifestazione era Notti magiche, e anche quello denotava un provincialismo talmente pieno di sé da riuscire nell’impresa di diventare una hit. Era brutto, ma siamo tornati ad ascoltarlo a 30 anni distanza. Attacchi di nostalgite. Capita. A rivederli oggi com’erano conciati allora, Edoardo Bennato e Gianna Nannini, vedi sempre in controluce il sogno americano. Lei con collanine, borchie e mosse a metà tra Madonna e Cyndi Lauper, lui clone Made in Naples di Bruce Springsteen, con giacche di jeans, chitarre a tracolla e a volte perfino la fascetta sulla fronte. Fanno tenerezza. E noi con loro, immersi in questo parco giochi che era Italia ’90. Poi che il Boss cantasse “Tramps like us baby we were born to run” e Bennato “Inseguendo un gol sotto il cielo di un’estate italiana” poco importa. All’epoca l’inglese non lo sapeva quasi nessuno. E noi ci sentivamo tutti promossi dalla sagra della porchetta alla Rock and Roll Hall of Fame.

Merendine (per adulti)

L’intero Paese avrebbe poi dovuto essere denunciato all’Organizzazione mondiale della sanità per via del concorso “Vinci Campione”, una trappola perfetta stracolma di zuccheri. In pratica, noi ragazzini venivamo bombardati da una pubblicità piena di campioni che ti dicevano “mangia più merendine che puoi e quando hai speso in dolciumi i soldi di un’intera muta di maglie, te ne regaliamo una. Una sola. Dove non riuscirai a entrare perché nel frattempo sarai ingrassato dieci chili”. Ecco, non dicevano proprio così, ma il senso era quello. Io ingollavo Fiesta dalla mattina alla sera: le intingevo a colazione nel latte. Non c’era una mattina in cui non lo facessi, inutilmente tra l’altro, perché erano idrorepellenti: avessi messo un mattone nella tazza sarebbe stato uguale. Ma andavano finite, e quindi giù Fiesta a scuola, dopo pranzo, a merenda. Venivano offerte a compagni di classe, amici, parenti, vicini di casa: non era generosità, servivano nuovi pacchi per avere i punti che ti avrebbero garantito l’agognata maglietta. Tra l’altro oggi, se digiti Fiesta su Google la prima cosa che esce è un articolo il cui titolo è “Fiesta non è una merendina per bambini: ha l’8,5% di liquore. I genitori lo sanno?”. No, non lo sapevano. O se ne infischiavano, che poi era il motivo per cui ci trovavamo con la Duna, Ciao e tutto il resto. 

Maglie, tifo e controtifo

Forse noi bambini di Italia ’90 non eravamo felici, eravamo solo ubriachi. Chi può dirlo. Tant’è, dopo aver ingurgitato merendine su merendine arrivò il momento di scegliere la maglia. Volevo quella dell’Uruguay, ma mia madre si oppose. Mai capito cosa le avesse fatto di male l’Uruguay. Anche quella dell’Unione Sovietica era vietata. Secondo me le faceva paura l’enorme scritta sul petto CCCP: temeva mi rapisse l’Fbi o qualcosa del genere. Alla fine presi controvoglia quella del Brasile, squadra che non ho mai amato. E così la maglia per cui avevo devastato il mio giovane stomaco non la indossai quasi mai.
Tifavo contro il Brasile, l’Argentina e la Germania Ovest, che si chiamava ancora così nonostante il Muro lo avessero già tirato giù. Mi piacevano il Camerun (piaceva a tutti) e l’Irlanda perché sembravano in gita, non a un Mondiale. Arrivarono, contro ogni pronostico, entrambe ai quarti di finale: l’Eire uscì contro l’Italia, e fui contento, gli africani contro l’Inghilterra. E fui meno contento. Non mi perdevo un incontro, anche perché il giorno prima della gara inaugurale, Argentina-Camerun, ero andato con mio padre a ritirare il televisore nuovo. Lo schermo mi sembrava enorme. Aveva colori brillanti e, soprattutto, il Televideo, che in un’epoca pre-internet mi sembrava un prodigio degno della Nasa. Era già attivo da qualche anno, ma a casa mia arrivò solo alla vigilia dei Mondiali: rimanevo incantato davanti a quello schermo nero con le scritte colorate, aspettavo le pagine che giravano leggendo notizie di cui non mi fregava nulla per il solo piacere di vederle scorrere davanti agli occhi.

Quella finale

Quando arrivò il giorno di Italia-Argentina eravamo tutti convinti che la favola si sarebbe compiuta: l’Italia avrebbe battuto gli argentini brutti, sporchi e cattivi e sarebbe volata in finale. E invece no. E invece Zenga sbagliò quell’uscita, Caniggia fece quel gol, Donadoni e Serena sbagliarono quei due rigori. Piansi davanti alla tv, più per riflesso che altro: vedevo che lo facevano tutti, in campo e sugli spalti. Andai a dormire con quella speranza bambinesca che non fosse successo davvero. Quando il mattino dopo mi alzai, tardi, come in molte mattine d’estate, mio padre era andato a pescare, mia mamma era a fare la spesa e mio fratello dormiva. Non avevo nessuno a cui chiedere se fosse andata davvero così come ricordavo, se non fosse stato un brutto sogno. Se l’Italia era stata eliminata davvero. E allora accesi la tv e aprii il Televideo, che lui sapeva e non mentiva. L’Italia aveva perso ai rigori con l’Argentina. Mi voltai, guardai il mio Ciao portafortuna intrappolato nell’Attak e capii che le Notti Magiche erano davvero finite.

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved