laRegione
the-murder-capital-delitto-bernese
+8
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

La volpe, l’uva e il racconto di noi

Nella vita i tranelli sono sempre dietro l'angolo (che ve lo dico a fare). Alcuni sono comuni a tutte noi, altri invece capitano solo a poche elette
Ticino7
3 gior

Cristina Di Pietro e la materia

È nata a Locarno e vive a Nivo (Leventina) coi suoi quattro gatti. Ha una folta chioma e una manciata di rasta. Ama lavorare la pietra, ma non è tutto...
Ticino7
3 gior

United Roads of America. Patria, grilletto e milizie

‘We the People’ (noi il popolo) è lʼincipit della Costituzione americana, a cui si rifanno gruppi armati di nazionalisti. Il risultato lo abbiamo visto
Ticino7
3 gior

La mente e i mali invisibili

I disturbi della sfera psichica sono poco conosciuti e quindi fanno paura. Chi ne soffre cerca di non dirlo in giro e si mette ancora più in disparte
Ticino7
3 gior

La telenovela di Franca & Luigi

Mi chiedeva di recente un collega: ma che fine ha fatto la moglie di quel tuo amico? Tutto bene a casa? Eh, magari...
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, Agassi, un jeans e una canotta

Da bambina, imprigionata in salopette da sci inespugnabili e cappelli di lana con pompon, guardavo con la bocca aperta gli adolescenti sulle piste da sci
Ticino7
1 sett

Arianna Tulipani e la sacrosanta difesa del ‘body positive’

“L’uomo è dove è il suo cuore, non dove è il suo corpo”. Così diceva Gandhi e personalmente lo declinerei pure al femminile. Lo sa bene Arianna
Ticino7
1 sett

Povertà. La pandemia in Ticino vista dai margini

Con SOS Ticino scopriamo come vive il confinamento e le difficoltà chi si trova escluso dai contesti sociali più favorevoli. Tanti sono donne, uomini e bambini con storie di migrazione.
Ticino7
1 sett

Trump, il boia federale e le carceri strapiene

L’ultima volta accadde in America quando in Europa non era ancora stata inaugurata la torre Eiffel e stava per nascere Adolf Hitler. Gennaio 1889.
Ticino7
1 sett

Il Natale, il virus e la prostituta di Tom Waits

Un bilancio delle feste, tra dubbi esistenziali e una 'cartolina da una battona di Minneapolis'
Ticino7
2 sett

Sandro Matasci. Tra cemento, vigna e pennelli

Dalla diga del Luzzone alla Stazione Fart di Muralto: i ricordi di un ingegnere civile con una grande passione per la pittura e la viticoltura
Ticino7
2 sett

Metti un po' di Fontaines nel tuo smartphone

Passare dall'indimenticato John Peel ai giovani irlandesi Fontaines D.C. il passo è breve, se provi a riscoprire la genialità dei The Fall
Ticino7
2 sett

Le parole (dell’anno) sono importanti

"Resilienza: capacità di fare fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita...". Ok, e la famosa crisi?
Ticino7
2 sett

Noi, nell'epoca del capitalismo della sorveglianza

Li chiamano Big Data, in pratica sono una sterminata raccolta di informazioni, spesso molto personali, dal valore commerciale enorme. Tanta roba insomma...
Ticino7
2 sett

Sulla pandemia ‘è l'ora della verità’ (cin cin)

Il cenone del 31 dicembre loro lo hanno fatto. Un momento di normalità, per ribadire che "non ce la raccontano mica giusta quelli lì".
Ticino7
3 sett

I panchinari del Metal. 10 dischi da riscoprire

20 gennaio 1982. Des Moines, Iowa. In quella tundra del metal, Ozzy Osbourne stacca la testa a morsi a un pipistrello vivo. È la scintilla...
Ticino7
15.06.2020 - 09:330
Aggiornamento : 11:14

The Murder Capital: delitto bernese

Forse il rock non starà vivendo i suoi anni migliori. Ma se non vi fermate alle solite programmazioni radiofoniche, le sorprese sono dietro l'angolo (da Dublino a Berna).

Chi cercava conferme nella bontà del progetto The Murder Capital non è rimasto certo deluso dall’esibizione dal vivo dello scorso 17 novembre all’ISC Club di Berna (sì certo, quando ai concerti ancora si andava...). Il quintetto originario di Dublino è oggi uno dei gruppi emergenti della scena alternative post-punk e con il suo primo album – When I Have Fears, pubblicato in agosto per la Human Season Records e distribuito dalla storica Rough Trade –, ha raggiunto il secondo posto nelle classifiche irlandesi guadagnandosi ottime recensioni dalla critica. 

Nuove strade

Musicalmente obliqui, i Capital non temono la sperimentazione negli arrangiamenti, come dimostra il canto di balena che apre “Slowdance”, la quarta traccia, senza però lasciarsi trascinare da non previste improvvisazioni. L’affilato suono delle chitarre arricchisce le energiche pennate, dando forma ad armonie intrise di tensione che all’ultimo trovano pace, distendendosi, ma senza smarrire la vivacità martellante della sezione ritmica. Il calore del basso Fender di Blake è un elemento da non trascurare, lo stesso vale per l’originalità del batterista, Diarmuid Brennan – come pare evidente in “Green & Blue” – mentre emergono nella doppia “Slowdance” la creatività e l’intesa fra i chitarristi. Questa traccia, divisa in due parti di cui la seconda solo strumentale, è un progressivo crescendo che viene arricchito attimo dopo attimo per spegnersi sulle note di un malinconico violoncello che in solitario colora l’insieme con una nostalgica atmosfera neoromantica. 


The Murder Capital

La dimensione ‘viva’

Ma è in James McGovern che tutto ciò trova conferma: frontman e vocalist del gruppo, sembra volontariamente coinvolgere l’ascoltatore nel suo personale viaggio che dall’abbandono dell’adolescenza porta all’ingresso nel mondo adulto. Nell’evocare il timore dell’addio a quel lato infantile di sé, James segna il congedo dall’ultimo incanto della fanciullezza. In questa fragilità si fa strada l’idea di una profonda solitudine che appare come l’unica prospettiva costante nel lungo avvenire. La morte di un loro comune amico ha condotto alla scelta del nome del gruppo che, come loro stessi hanno dichiarato, stabilisce una correlazione fra i testi e l’atmosfera dei brani. 
I Murder Capital sul palco sono inesauribili. Per quanto abbiano suonato poco meno di un’ora e ad assistervi non vi fossero più di un centinaio di persone, la band ha incantato il pubblico. Con un’energia travolgente hanno eseguito tutti i pezzi del disco in un diverso ordine e terminato il concerto hanno invitato i fan a cercare un locale abbordabile dove concludere assieme la serata. Ragazzi da tenere d’occhio, insomma, e per chi volesse apprezzarli dal vivo la loro presenza al festival italiano Ypsigrock di Castelbuono il prossimo 7 agosto (si veda themurdercapital.com/tour/) pare a oggi confermata. In molti giurano che di loro sentiremo ancora parlare, staremo a vedere.

Penkowski: rumori locali

A Berna il gruppo irlandese si è esibito dopo l’apertura dei Penkowski, quartetto autoctono con sonorità più rumoriste che il 7 dicembre ha pubblicato il secondo album Please Don’t Call Me Human (Fiasko Ltd.). Dal vivo hanno coinvolto il pubblico in una visionaria atmosfera alternativa, introducendo un punk-rock vivace con rimandi ai The Fall di Mark Smith, a tratti pure schizoide sulla scia di band seminali come i Devo e The Cramps. Per saperne di più: penkowski.bandcamp.com.

CHE SIA IL NUOVO (ENNESIMO POST-PUNK?

Da un paio di anni è cresciuto l’interesse per una nuova generazione di musicisti approdati nell’universo del post-punk. Sulla scia degli Idles, sono emersi gruppi come i già citati Murder Capital o ancora gli Shame e i Girl Band, i Fontaines D.C. fino ai più sperimentali Drahla, Goat Girl e Black Midi. Distribuite dalla Rough Trade – anche grazie agli eventi promossi da questa storica etichetta sempre attenta ai suoni “alternativi” –, le band hanno avuto modo di confrontarsi in piu occasioni. Altre formazioni, come i Murder Capital e i Fontaines D.C. si conoscono da tempo e si frequentano nonostante tra il pubblico sia cresciuto un certo campanilismo che ha condotto a una sorta di “derby di Dublino”. E i festival musicali (molto diffusi ormai in tutta Europa) contribuiscono a dar voce a questo circuito. Gli Shame, energici londinesi che lo scorso  gennaio hanno finito di registrare il secondo disco, sono tra questi: formatisi nel 2016, hanno registrato un disco live con Damo Suzuki dei Can (un bel colpo, direi) nel maggio del 2018, rappresentano un vertice in termini di tecnica e inventiva. Con il loro primo disco in studio (Schlagenheim), si sono imposti come una delle band sperimentali certamente più interessanti degli ultimi anni.

The Murder Capital
Guarda tutte le 7 immagini
© Regiopress, All rights reserved