laRegione
la-grande-notte-dei-single
© oltreuomo.com
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Sotto lo sguardo vigile di Selene Alcini

Oggi è una agente di custodia in carcere, ma nelle sue molteplici vite precedenti si è dedicata a molto altro. È tutto "scritto" sulla pelle...
Ticino7
4 gior

Quelle "stranezze" del mondo animale

La natura e gli esseri viventi non mancano mai di stupirci. Per esempio, quando devono garantire la sopravvivenza della propria specie...
Ticino7
4 gior

Noi, loro, i forconi e i pop corn

Perché l'elezione di un nuovo presidente americano scalda il mondo intero e la nostra politica (svizzera ed europea) no? Io ho un'idea
Ticino7
4 gior

United Roads of America. Fra Covid-19 e i sussidi

Dal Maine all'Ohio, continua il nostro viaggio nell'ombelico degli Stati Uniti. Ricordando Marguerite Yourcenar e gli indiani Sioux
Ticino7
4 gior

Ricordiamoci delle violenze sulle donne. Sempre

Soprusi, pressioni psicologiche, schiaffi, prevaricazioni, pugni. La lista è lunga e dolorosa: ma le nostre sorelle, mamme, zie e nonne meritano tutto ciò?
Ticino7
1 sett

Trattalo male (per piacere). Il masochista della porta accanto

Eros & potere: uno strano groviglio di crudeltà, dominazione e sottomissione. E non si tratta del solito film...
Ticino7
1 sett

Burger King e l'amore da Whopper

Vendersi bene è importante quasi quanto stare bene. È così che nascono le grandi storie. Anche se poi passi le giornate a fare cose bizzarre, tipo...
Ticino7
1 sett

Molino Nuovo o l'estetica delle rovine

Al Canvetto una mostra celebra i suoi primi vent'anni con gli scatti del fotografo Igor Ponti. Sguardi sul presente e sui quali riflettere
Ticino7
1 sett

Alberto Pellanda ti prende per la gola

È panettiere, pasticciere e anche confettiere. Gestisce l’attività di famiglia a Intragna, dove è nato 44 anni fa.
Ticino7
1 sett

Dilemmi sullʼartista ai tempi della pandemia

Forse non ci salverà la vita e nemmeno l’anima, ma senza un pizzico dʼarte che colori avrebbero i nostri sogni?
Ticino7
2 sett

I migliori panchinari del jazz (secondo me)

Quali sono i dischi belli, bellissimi, ma che non rientrano nel solito canone dei primi 10? Ecco una possibile classifica, tanto per cominciare
Ticino7
2 sett

Quella "fortuna" di Victoria

Una famiglia siriana, una guerra assurda e senza fine, una casa che non c'è più. Poi la dea bendata volge lo sguardo, questa volta dalla parte giusta
Ticino7
2 sett

Il Metodo Mathieu: essere ragazzi al "Tempo delle mele"

Ovvero, quando i sogni diventavano la vera quotidianità. Perché essere giovani (mica fingere di esserlo) è la cosa più bella del mondo, si sa...
Ticino7
2 sett

E il futuro del lavoro? Sarà donna

Secondo molti esperti, tipicamente ‘femminili’ sono le competenze che saranno sempre più richieste in ambito professionale. Anche agli uomini.
Ticino7
2 sett

Emily e la meraviglia del corpo (che cambia)

Anche John Fante non se lo spiegava: "Quella cosa era dentro di lei e lei era remota, sdegnosa e beata". Che poi, più che un mistero e solo la vita.
Ticino7
2 sett

La sindrome del faggio (perché odiamo le foglie che cadono?)

Inizia a perdere il fogliame da metà ottobre. Improvvisamente. Che scende pacatamente, come lievi pensieri e ricordi, per lunghe settimane
Ticino7
3 sett

United Roads of America: il voto visto dall'ombelico

Il giornalista della RSI Emiliano Bos ci porta nel cuore del paese, a poche ore dall'elezione del nuovo inquilino della Casa Bianca
Ticino7
3 sett

Tic. Scatti, smorfie e altre prove di comunicazione

Un periodo di stanchezza, uno stato di prolungata tensione, ed ecco che una palpebra inizia a muoversi per conto suo. Perché?
Ticino7
3 sett

Confinamento. Per te, ma non per tutti

Chiudere tutto, aprire tutto. Fate un po' come vi pare, ma vedete di non complicarmi troppo la vita (di quella degli altri mi frega meno...)
Ticino7
3 sett

La montagna capovolta (una storia di sopravvivenza)

"La notte non dà tregua e quando sbuca il mattino tutto sembra tremolare e i larici svengono..."
Ticino7
3 sett

Manuela Bieri: io, loro e ciò che sarà

Un'esistenza piena come gli scaffali di una libreria. E poi, quando meno te lo aspetti, ecco il battito di una nuova vita. E il viaggio continua.
Ticino7
3 sett

Ridere con gli occhi

Prima, quando erano arrabbiati, c'era sempre la vecchia cuffia da bagno rossa della nonna da indossare (e si capiva l'aria che tirava). Ma i tempi sono cambiati...
Ticino7
1 mese

Ricordando Giovanni Boggini

"Un buon formaggio lo senti prima che diventi formaggio. Lo senti con le mani e col naso. Come ci si arriva, a parole, non te lo so spiegare”.
Ticino7
1 mese

QAnon: i complottisti e Donald Trump

Immaginate i Clinton e Obama a capo di una setta satanista, con divi del cinema, il Papa e il Dalai Lama. No, non è la trama di un film...
Ticino7
1 mese

Di bronchi e shampoo

Se non ti cambi le mutande ogni giorno, ripeteva sempre mia nonna, come farai il giorno in cui ti porteranno in ospedale?
Ticino7
1 mese

Per capire il Kosovo

Il paese che esiste per alcuni, ma non per altri. Dove i ponti diventano muri e la storia non si dimentica
Ticino7
1 mese

La pandemia e le strategie asettiche

La mascherina è fondamentale per proteggersi e proteggere gli altri. In molti, invece, pare si stiano dimenticando delle loro manine
Ticino7
1 mese

This War of Mine: quando i videogiochi entrano a scuola

I 'serious games' possono essere utilizzati per studiare temi importanti come la storia e la guerra. Sta succedendo in Polonia con un gioco davvero originale
Ticino7
1 mese

Erminio Ferrari e il valzer per un amico

Pubblichiamo un racconto dall'ultimo libro del giornalista e scrittore morto in montagna mercoledì scorso: una storia di amicizia, cime, musica e tutto il resto
Ticino7
10.06.2020 - 09:080

La grande notte dei single

L'altro giorno un amico mi chiama per dirmi che ha finito Pornhub: nel senso che ha visto tutto. Ma tutto tutto, anche quelle categorie che uno ha paura a cliccare...

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Mezzanotte e un secondo del 18 maggio 2020. Per i single italiani un momento spartiacque delle loro esistenze, come la caduta del Muro di Berlino, l’attentato alle Torri Gemelle, la puntata in cui Rachel di Friends bacia Ross. Della serie, niente sarà più lo stesso. In quel preciso scatto d’orologio si è passati dal distanziamento al darwinismo sociale. Erano tutti pronti a scattare ai blocchi di partenza già qualche minuto prima della mezzanotte, come nemmeno i più ansiosi con lo champagne a Capodanno. Lo dimostra uno studio del Meetic Institute di Solitude, nello Singleshire, per cui - dati alla mano - nonostante gli impianti sportivi chiusi, i blocchi di partenza sarebbero stati tra gli oggetti più comprati online dai single insieme al vero oggetto del desiderio: il saturimetro. Una cosa di cui nessuno sapeva nulla fino a qualche mese fa, un po’ come la resilienza, parola confinata a chimici e ingegneri meccanici che prima non si filava nessuno e ora diventata all’improvviso poetica e ispiratrice a tal punto che se non la infili a forza in una frase, la gente nemmeno ti ascolta (“Che ha detto?” “Non lo so, ma non ha usato resilienza, ’sto troglodita”. “Ah, vabbè allora non è importante”).

Utile, anzi indispensabile

Ma torniamo al saturimetro, aggeggio che serve a misurare l’ossigeno nel sangue e - per farla breve - ti dice se hai il coronavirus o no (vedi alla fine del contributo, ndr). Per un single, insomma, è più importante delle chiavi della macchina. Se non le trovi puoi sempre andare all’incontro con altri mezzi. O a piedi. Anche se l’appuntamento è dall’altra parte della città. D’altronde siamo disposti a tutto ormai. Anche correre con un saturimetro in mano. Per le donne che non trovano mai niente nella borsetta vendono un modello di saturimetro esterno, con la borsetta dentro. Almeno lo trovi subito. Io il saturimetro l’ho preso da una specie di Tiffany online della medicina: volevo strafare e l’ho pagato una fortuna, ma tanto erano due mesi che non facevo un bancomat. L’acquisto ha dato i suoi frutti. Quando ho chiamato la sventurata per gli ultimi dettagli e le ho chiesto se preferiva una bottiglia di rosso o un bianco, mi ha risposto: “Lascia perdere il vino, sono due mesi che mi ubriaco da sola in casa, porta il saturimetro. Quello ce l’hai, vero?”.
Sono arrivato con il mio ultimo modello di saturimetro: elegante, luccicante, aerodinamico, e lei ha capito subito che avevo calato l’asso. “Wow, ma è francese? Che annata è?”. Mi sono accomodato sul divano e le ho detto che è un saturimetro barricato, invecchiato in botti di rovere. Non solo misura l’ossigeno nel sangue, rileva anche se i possibili partner hanno letto i libri di Moccia pensando che fossero libri veri o ascoltato Povia. Di gran lunga il miglior acquisto degli ultimi anni insieme alla Playstation 4: il saturimetro, non Povia.

Velocità e strategie

Gli amici e le amiche single che hanno iniziato a sparpagliarsi dalla fatidica mezzanotte hanno avuto serate molto diverse. Un’amica che aveva dato appuntamento in via Parini a un ragazzo conosciuto su Tinder, mi ha raccontato che è stato tutto talmente focoso fin dall’inizio da non rendersene quasi conto. “Abbiamo incrociato gli sguardi nella strada male illuminata e dopo pochi secondi eravamo già a saltarci addosso in macchina. Quando abbiamo finito, mi ha detto: ‘Ti lascio il mio numero, devo scappare da mia moglie’. E io: Ma sei sposato? Un mese che ci messaggiamo e non me l’avevi mai detto’. ‘Veramente non so chi sei, stavo tornando da buttare la spazzatura e mi sei saltata addosso, scusa ma devo tornare su sennò sono guai’. Guardo il cellulare e vedo un whatsapp del mio match di Tinder: ‘Sono in via Farini da un’ora. Non ti vedo. Arrivi o no? Sbrigati che tra mezz’ora devo vedere un’altra’ ”.
Un amico che chiameremo Marco – per proteggere la sua identità, nel senso che si chiama Marco, ma di Marco ce ne sono tanti – ha adottato un’altra tattica, fa su e giù dentro l’ascensore del suo palazzo nella speranza che la vicinanza inattesa con un uomo scateni l’ormone femminile. Finora gli è andata così così: ha ricevuto una gomitata, un numero di telefono falso e un deodorante. Poteva andare peggio.
Questa cosa dei palazzi è strana, conosco misantropi che per anni non hanno mai salutato nessuno del loro condominio, tra sguardi ostili e minuti passati allo spioncino per essere sicuri di non incrociare gente per le scale. Sono gli stessi che ora passano gioviali le giornate sui pianerottoli per incontrare le vicine. Alcuni suonano perfino il campanello: basta chiedere un po’ di lievito. La scusa è credibile.

Tutte disponibili?

Andrea e Giorgio, che vivono nello stesso palazzo, presi dalla disperazione hanno iniziato ad adocchiare la portinaia, il cui soprannome è Beckenbauer. Probabilmente ne ha anche l’età. Di sicuro i polpacci.
Un altro ancora ha annuito da lontano alla dirimpettaia single al terzo giorno di clausura, salutato con la mano al quinto, detto ciao al decimo. Ora convivono. O meglio, convivevano. A mezzanotte meno venti lei l’ha cacciato fuori di casa. Ha detto che doveva uscire e non sapeva quando sarebbe tornata. Aveva una lista di nomi in agenda che sembrava quella delle coppie indecise quando devono scegliere quello del figlio (Deuteronomio? No. Eustachio? Troppo comune. Policarpo? No, avevo un ex che si chiamava così…). Lui mi ha chiamato in lacrime e gli ho fatto notare che pensava fosse amore invece era un lockdown. Succede. Un amore passeggero. Mentre provavo a consolarlo era già lì a scrivere a tutte le ex fidanzate. Un grande classico della quarantena, dicono. Perfino un paio di ergastolani rilasciati per buona condotta pare siano stati contattati dalle ex. A me non ha scritto nessuna, e insomma - nonostante la fedina penale pulita - devo essere stato proprio un pessimo fidanzato.
Ho poi un’amica postina, molto carina, per cui temo il peggio, visto il liberi tutti così selvaggio. Le ho consigliato di fare le consegne con un coronavirus al guinzaglio e sembra che funzioni. Un altro irrecuperabile, divorziato, si è iscritto su Tinder: “Wow, tutte ’ste belle ragazze disponibili, ma come si contattano? A saperlo prima!”.
Gli ho spiegato che le ragazze che vedeva in foto non erano quelle disponibili, ma quelle iscritte. Se a te piacciono clicchi sulla foto, e se tu piaci a loro - che non è un dettaglio - puoi iniziare a scambiarti messaggi. “Ah”. Piacere a loro è un passaggio fondamentale. Anche per questo gli ho suggerito di togliere la foto in cui mostra la tartaruga allo specchio del bagno e quella in cui lascia cinque euro negli slip di una spogliarellista. “Fa uomo di mondo, piace”, mi ha risposto. E quella del giorno del matrimonio naufragato in cui si intravede il vestito della sposa? “Era l’unica occasione in cui ho una foto di me in versione elegante”. La vedo complicata per lui, ma almeno avergli suggerito di togliere dalla descrizione “c’è la faremo” con l’apostrofo e l’accento potrebbe aiutarlo. Continuo a pensare che abbia più probabilità di essere colpito da un fulmine.

Di cibo e di donne

Un altro di cui preferisco non fare il nome mi ha chiamato l’altro giorno per dirmi che ha finito Pornhub. Anche quelle categorie che non si capisce cosa sono, che io ho paura a cliccare. Quelle che schiacci e già immagini la polizia postale in tenuta antisommossa che ti entra in casa come nei film in cui gli americani fanno i blitz nei covi dei terroristi. Mi ha detto che ora, dopo un’impresa così è un po’ come dopo aver letto Guerra e Pace. Ha bisogno di qualcosa di meno impegnativo e ha ordinato dei vecchi numeri di Postalmarket.
Anzi ora vado perché mi ha richiamato per dirmi se vado ad aiutarlo. Il corriere gli ha lasciato il pacco davanti al cancello di casa: è pesante e lui non riesce a spostarlo per via di una misteriosa tendinite al braccio destro. Gli ho promesso di andare solo se fa in modo che qualche vicina di casa possa vedere che sono in grado di alzare un peso, mentre lui no, nonostante un taglio alla mano per una giusta causa: mi sono sporto da un muretto pieno di pietre aguzze perché, dopo settimane, sentivo voci di donna provenire dall’altro lato. Homo homini lupus. E no, questa non è una categoria di Pornhub. Almeno credo. Spero. Ma una frase latina su cui poggia il pensiero di Hobbes. In sintesi: le nostre azioni sarebbero soltanto un mezzo per soddisfare l’istinto di sopravvivenza e sopraffazione di altri esseri umani. I motivi? I soliti: cibo e donne. Ma uno in quarantena abbondava, le altre no. Ai tempi di Plauto, il primo a coniare l’espressione, potevano aiutare la spada e un po’ di retorica, a quelli di Hobbes un archibugio e un fiore. Tre mesi fa un tweet velenoso e un weekend in montagna. Oggi, un saturimetro.

IL SATURIMETRO di Fabio Martini

Fino a pochi mesi fa non sapevamo neanche cosa fosse ma l’arrivo del Covid-19 lo ha, ahimè, trasformato in un oggetto d’uso quotidiano, una sorta di monitor per capire se il nostro sistema respiratorio funziona a dovere. Inventata nel 1974 dal giapponese Takuo Aoyagi, una volta applicata al dito di una mano questa piccola pinza rileva la pulsazione cardiaca e, soprattutto, la quantità di ossigeno presente nel sangue. Il vantaggio risiede nella sua non invasività e nella capacità di fornire una rapida diagnosi di ipossia, la carenza di ossigeno nell’organismo. L’importante è non scendere sotto il valore di 95, ma va precisato che i dispositivi in vendita, per lo più made in China, non sono il massimo in quanto a precisione. Vale quindi la pena, prima di preoccuparsi, verificare su più dita; e se i valori si attestano effettivamente al di sotto del 93/92 contattare un medico.

 

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved