laRegione
Nuovo abbonamento
© oltreuomo.com
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
5 gior
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
5 gior
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
6 gior
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
6 gior
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
6 gior
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
1 sett
Disturbi mentali. Ai confini della realtà
André ha dovuto imparare a sopravvivere a un mondo di allucinazioni e deliri. Ma non è l’unico: una persona su cento soffre della stessa malattia.
Ticino7
1 sett
Sulle tracce di Pun Ka-Man
Per tutti, colleghi di polizia compresi, lei è ‘Pops’ e il suo mestiere ha quel nonsoché di cinematografico: veste la tutina bianca e si reca suoi luoghi del crimine...
Ticino7
1 sett
Bologna e le staffette alimentari partigiane
L’aiuto ai ‘tagliati fuori’ della pandemia nell’esperienza di un giovane bellinzonese nel capoluogo emiliano.
Ticino7
1 sett
Woody Allen: a proposito di citazioni
“Se potessi tornare indietro, cosa non farei? Comprare l’affettatutto che ho visto in televisione”.
Ticino7
1 sett
Gente di mondo
Si convinse che in paese cambiare auto era un atto di coraggio un venerdì, mentre faceva benzina al solito distributore...
Ticino7
2 sett
The Murder Capital: delitto bernese
Forse il rock non starà vivendo i suoi anni migliori. Ma se non vi fermate alle solite programmazioni radiofoniche, le sorprese sono dietro l'angolo (da Dublino a Berna).
Ticino7
2 sett
Il galateo della distanza
Fate un po' come vi pare: uscite, divertitevi che ve lo meritate, ma occhio alle distanze. E siate (almeno per i social) politicamente corretti, in attesa del caos e della vita vera.
Ticino7
2 sett
Lambo, er gigolo romano
All’alba è già in piedi. Un quarto d’ora di doccia ed eccolo che emerge dalla foschia del minuscolo bagno...
Ticino7
2 sett
Oltre i confini. Da Sarajevo a Bironico
I conflitti degli anni Novanta nella ex Jugoslavia hanno condotto molte persone verso il Ticino. Da dove vengono, cos’hanno portato con loro e come vivono nel nostro cantone?
Ticino7
2 sett
Era bello e impossibile
Dedicato a chi vive di conquiste, di ricordi e in un mondo che forse non c’è più. Dedicato a chi non smette di provarci, sognando (sempre) Richard Gere.
Ticino7
3 sett
I colori di Natascia Maurino
‘Il colore di questo 2020 è il classic blu, una tonalità senza tempo, elegante nella sua semplicità’. Come quello intenso del mare che bagna la sua Sicilia.
Ticino7
3 sett
La natura che cambia
In che modo i mutamenti climatici e l’innalzamento della temperatura influenzano la flora e il paesaggio? L’opinione di Gianfranco Giustina, curatore dei Giardini delle Isole Borromee.
Ticino7
3 sett
La fine del possesso
Gli abbonamenti sono diventati molto popolari e, nel bene e nel male, hanno stravolto la nostra società. Uno schiaffo allo spreco e al consumismo?
Ticino7
3 sett
Jack Frusciante: dal gruppo all’antologia
Romanzo e film di una generazione, oggi è roba "di formazione" per chi, adolescente, deve leggere un classico ma non sa proprio quale. Eppure c'era dell'altro.
Ticino7
3 sett
La vita in una stanza
Quando il tizio della ditta di traslochi è entrato col fiatone nell’appartamento, non credeva ai suoi occhi. E dai sono libri e dischi. Nemmeno fossero cadaveri...
Ticino7
1 mese
Un maggio ridicolo
E anche un altro mese, tra angosce e incertezze, se n'è andato. Ma domani ne inizia un altro, non può che migliorare.
Ticino7
1 mese
Lugano e l'horror vacui
Appunti dalle palme sul Ceresio, tra un ‘tornerà la quiete’ e il programmatico ‘la Città ti è vicina’.
Ticino7
1 mese
Avventure in Marocco
Quattro giovani ticinesi raccontano il loro viaggio: dalle valli alpine verso i colori e la gente del continente africano (quando tutto ciò era ancora possibile)
Ticino7
1 mese
Il sasso di Maurito. Un racconto di Giorgio Genetelli
Era un’estate secca e ventosa, la squadra scalcinata come non se ne vedevano dai tempi del colera, dicevano i vecchi...
Ticino7
1 mese
Sunderland, una passione 'fino alla morte'
Il pallone e i tifosi in una serie su Netflix. Per raccontare la vita di una comunità partendo dallo stadio di calcio.
Ticino7
1 mese
E la chiamano estate
Che quest’anno di vacanze al mare non se ne faranno proprio, alla moglie e ai figli lui non l’ha ancora detto. Spera ci arrivino da soli (come sempre).
Ticino7
1 mese
Seno. Oltre gli stereotipi
Perché siamo gli unici primati con le mammelle visibili anche quando non allattiamo? E cosa succede quando questa importante parte del corpo ci tradisce? Tre donne si raccontano.
Ticino7
1 mese
Il più grande calciatore sconosciuto del mondo
Tomás Felipe Carlovich, detto El Trinche, è stato il Maradona dei potreros: non si sa nemmeno quando sia nato, tanto per cominciare...
Ticino7
1 mese
Ah, la retorica della pandemia...
Le cose che mi hanno proprio stremata durante la quarantena. E che ancora continuano a ripeterci.
Ticino7
10.06.2020 - 09:080

La grande notte dei single

L'altro giorno un amico mi chiama per dirmi che ha finito Pornhub: nel senso che ha visto tutto. Ma tutto tutto, anche quelle categorie che uno ha paura a cliccare...

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Mezzanotte e un secondo del 18 maggio 2020. Per i single italiani un momento spartiacque delle loro esistenze, come la caduta del Muro di Berlino, l’attentato alle Torri Gemelle, la puntata in cui Rachel di Friends bacia Ross. Della serie, niente sarà più lo stesso. In quel preciso scatto d’orologio si è passati dal distanziamento al darwinismo sociale. Erano tutti pronti a scattare ai blocchi di partenza già qualche minuto prima della mezzanotte, come nemmeno i più ansiosi con lo champagne a Capodanno. Lo dimostra uno studio del Meetic Institute di Solitude, nello Singleshire, per cui - dati alla mano - nonostante gli impianti sportivi chiusi, i blocchi di partenza sarebbero stati tra gli oggetti più comprati online dai single insieme al vero oggetto del desiderio: il saturimetro. Una cosa di cui nessuno sapeva nulla fino a qualche mese fa, un po’ come la resilienza, parola confinata a chimici e ingegneri meccanici che prima non si filava nessuno e ora diventata all’improvviso poetica e ispiratrice a tal punto che se non la infili a forza in una frase, la gente nemmeno ti ascolta (“Che ha detto?” “Non lo so, ma non ha usato resilienza, ’sto troglodita”. “Ah, vabbè allora non è importante”).

Utile, anzi indispensabile

Ma torniamo al saturimetro, aggeggio che serve a misurare l’ossigeno nel sangue e - per farla breve - ti dice se hai il coronavirus o no (vedi alla fine del contributo, ndr). Per un single, insomma, è più importante delle chiavi della macchina. Se non le trovi puoi sempre andare all’incontro con altri mezzi. O a piedi. Anche se l’appuntamento è dall’altra parte della città. D’altronde siamo disposti a tutto ormai. Anche correre con un saturimetro in mano. Per le donne che non trovano mai niente nella borsetta vendono un modello di saturimetro esterno, con la borsetta dentro. Almeno lo trovi subito. Io il saturimetro l’ho preso da una specie di Tiffany online della medicina: volevo strafare e l’ho pagato una fortuna, ma tanto erano due mesi che non facevo un bancomat. L’acquisto ha dato i suoi frutti. Quando ho chiamato la sventurata per gli ultimi dettagli e le ho chiesto se preferiva una bottiglia di rosso o un bianco, mi ha risposto: “Lascia perdere il vino, sono due mesi che mi ubriaco da sola in casa, porta il saturimetro. Quello ce l’hai, vero?”.
Sono arrivato con il mio ultimo modello di saturimetro: elegante, luccicante, aerodinamico, e lei ha capito subito che avevo calato l’asso. “Wow, ma è francese? Che annata è?”. Mi sono accomodato sul divano e le ho detto che è un saturimetro barricato, invecchiato in botti di rovere. Non solo misura l’ossigeno nel sangue, rileva anche se i possibili partner hanno letto i libri di Moccia pensando che fossero libri veri o ascoltato Povia. Di gran lunga il miglior acquisto degli ultimi anni insieme alla Playstation 4: il saturimetro, non Povia.

Velocità e strategie

Gli amici e le amiche single che hanno iniziato a sparpagliarsi dalla fatidica mezzanotte hanno avuto serate molto diverse. Un’amica che aveva dato appuntamento in via Parini a un ragazzo conosciuto su Tinder, mi ha raccontato che è stato tutto talmente focoso fin dall’inizio da non rendersene quasi conto. “Abbiamo incrociato gli sguardi nella strada male illuminata e dopo pochi secondi eravamo già a saltarci addosso in macchina. Quando abbiamo finito, mi ha detto: ‘Ti lascio il mio numero, devo scappare da mia moglie’. E io: Ma sei sposato? Un mese che ci messaggiamo e non me l’avevi mai detto’. ‘Veramente non so chi sei, stavo tornando da buttare la spazzatura e mi sei saltata addosso, scusa ma devo tornare su sennò sono guai’. Guardo il cellulare e vedo un whatsapp del mio match di Tinder: ‘Sono in via Farini da un’ora. Non ti vedo. Arrivi o no? Sbrigati che tra mezz’ora devo vedere un’altra’ ”.
Un amico che chiameremo Marco – per proteggere la sua identità, nel senso che si chiama Marco, ma di Marco ce ne sono tanti – ha adottato un’altra tattica, fa su e giù dentro l’ascensore del suo palazzo nella speranza che la vicinanza inattesa con un uomo scateni l’ormone femminile. Finora gli è andata così così: ha ricevuto una gomitata, un numero di telefono falso e un deodorante. Poteva andare peggio.
Questa cosa dei palazzi è strana, conosco misantropi che per anni non hanno mai salutato nessuno del loro condominio, tra sguardi ostili e minuti passati allo spioncino per essere sicuri di non incrociare gente per le scale. Sono gli stessi che ora passano gioviali le giornate sui pianerottoli per incontrare le vicine. Alcuni suonano perfino il campanello: basta chiedere un po’ di lievito. La scusa è credibile.

Tutte disponibili?

Andrea e Giorgio, che vivono nello stesso palazzo, presi dalla disperazione hanno iniziato ad adocchiare la portinaia, il cui soprannome è Beckenbauer. Probabilmente ne ha anche l’età. Di sicuro i polpacci.
Un altro ancora ha annuito da lontano alla dirimpettaia single al terzo giorno di clausura, salutato con la mano al quinto, detto ciao al decimo. Ora convivono. O meglio, convivevano. A mezzanotte meno venti lei l’ha cacciato fuori di casa. Ha detto che doveva uscire e non sapeva quando sarebbe tornata. Aveva una lista di nomi in agenda che sembrava quella delle coppie indecise quando devono scegliere quello del figlio (Deuteronomio? No. Eustachio? Troppo comune. Policarpo? No, avevo un ex che si chiamava così…). Lui mi ha chiamato in lacrime e gli ho fatto notare che pensava fosse amore invece era un lockdown. Succede. Un amore passeggero. Mentre provavo a consolarlo era già lì a scrivere a tutte le ex fidanzate. Un grande classico della quarantena, dicono. Perfino un paio di ergastolani rilasciati per buona condotta pare siano stati contattati dalle ex. A me non ha scritto nessuna, e insomma - nonostante la fedina penale pulita - devo essere stato proprio un pessimo fidanzato.
Ho poi un’amica postina, molto carina, per cui temo il peggio, visto il liberi tutti così selvaggio. Le ho consigliato di fare le consegne con un coronavirus al guinzaglio e sembra che funzioni. Un altro irrecuperabile, divorziato, si è iscritto su Tinder: “Wow, tutte ’ste belle ragazze disponibili, ma come si contattano? A saperlo prima!”.
Gli ho spiegato che le ragazze che vedeva in foto non erano quelle disponibili, ma quelle iscritte. Se a te piacciono clicchi sulla foto, e se tu piaci a loro - che non è un dettaglio - puoi iniziare a scambiarti messaggi. “Ah”. Piacere a loro è un passaggio fondamentale. Anche per questo gli ho suggerito di togliere la foto in cui mostra la tartaruga allo specchio del bagno e quella in cui lascia cinque euro negli slip di una spogliarellista. “Fa uomo di mondo, piace”, mi ha risposto. E quella del giorno del matrimonio naufragato in cui si intravede il vestito della sposa? “Era l’unica occasione in cui ho una foto di me in versione elegante”. La vedo complicata per lui, ma almeno avergli suggerito di togliere dalla descrizione “c’è la faremo” con l’apostrofo e l’accento potrebbe aiutarlo. Continuo a pensare che abbia più probabilità di essere colpito da un fulmine.

Di cibo e di donne

Un altro di cui preferisco non fare il nome mi ha chiamato l’altro giorno per dirmi che ha finito Pornhub. Anche quelle categorie che non si capisce cosa sono, che io ho paura a cliccare. Quelle che schiacci e già immagini la polizia postale in tenuta antisommossa che ti entra in casa come nei film in cui gli americani fanno i blitz nei covi dei terroristi. Mi ha detto che ora, dopo un’impresa così è un po’ come dopo aver letto Guerra e Pace. Ha bisogno di qualcosa di meno impegnativo e ha ordinato dei vecchi numeri di Postalmarket.
Anzi ora vado perché mi ha richiamato per dirmi se vado ad aiutarlo. Il corriere gli ha lasciato il pacco davanti al cancello di casa: è pesante e lui non riesce a spostarlo per via di una misteriosa tendinite al braccio destro. Gli ho promesso di andare solo se fa in modo che qualche vicina di casa possa vedere che sono in grado di alzare un peso, mentre lui no, nonostante un taglio alla mano per una giusta causa: mi sono sporto da un muretto pieno di pietre aguzze perché, dopo settimane, sentivo voci di donna provenire dall’altro lato. Homo homini lupus. E no, questa non è una categoria di Pornhub. Almeno credo. Spero. Ma una frase latina su cui poggia il pensiero di Hobbes. In sintesi: le nostre azioni sarebbero soltanto un mezzo per soddisfare l’istinto di sopravvivenza e sopraffazione di altri esseri umani. I motivi? I soliti: cibo e donne. Ma uno in quarantena abbondava, le altre no. Ai tempi di Plauto, il primo a coniare l’espressione, potevano aiutare la spada e un po’ di retorica, a quelli di Hobbes un archibugio e un fiore. Tre mesi fa un tweet velenoso e un weekend in montagna. Oggi, un saturimetro.

IL SATURIMETRO di Fabio Martini

Fino a pochi mesi fa non sapevamo neanche cosa fosse ma l’arrivo del Covid-19 lo ha, ahimè, trasformato in un oggetto d’uso quotidiano, una sorta di monitor per capire se il nostro sistema respiratorio funziona a dovere. Inventata nel 1974 dal giapponese Takuo Aoyagi, una volta applicata al dito di una mano questa piccola pinza rileva la pulsazione cardiaca e, soprattutto, la quantità di ossigeno presente nel sangue. Il vantaggio risiede nella sua non invasività e nella capacità di fornire una rapida diagnosi di ipossia, la carenza di ossigeno nell’organismo. L’importante è non scendere sotto il valore di 95, ma va precisato che i dispositivi in vendita, per lo più made in China, non sono il massimo in quanto a precisione. Vale quindi la pena, prima di preoccuparsi, verificare su più dita; e se i valori si attestano effettivamente al di sotto del 93/92 contattare un medico.

 

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved