laRegione
Nuovo abbonamento
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
2 min
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
5 gior
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
5 gior
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
6 gior
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
6 gior
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
1 sett
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
1 sett
Disturbi mentali. Ai confini della realtà
André ha dovuto imparare a sopravvivere a un mondo di allucinazioni e deliri. Ma non è l’unico: una persona su cento soffre della stessa malattia.
Ticino7
1 sett
Sulle tracce di Pun Ka-Man
Per tutti, colleghi di polizia compresi, lei è ‘Pops’ e il suo mestiere ha quel nonsoché di cinematografico: veste la tutina bianca e si reca suoi luoghi del crimine...
Ticino7
1 sett
Bologna e le staffette alimentari partigiane
L’aiuto ai ‘tagliati fuori’ della pandemia nell’esperienza di un giovane bellinzonese nel capoluogo emiliano.
Ticino7
1 sett
Woody Allen: a proposito di citazioni
“Se potessi tornare indietro, cosa non farei? Comprare l’affettatutto che ho visto in televisione”.
Ticino7
2 sett
Gente di mondo
Si convinse che in paese cambiare auto era un atto di coraggio un venerdì, mentre faceva benzina al solito distributore...
Ticino7
2 sett
The Murder Capital: delitto bernese
Forse il rock non starà vivendo i suoi anni migliori. Ma se non vi fermate alle solite programmazioni radiofoniche, le sorprese sono dietro l'angolo (da Dublino a Berna).
Ticino7
2 sett
Il galateo della distanza
Fate un po' come vi pare: uscite, divertitevi che ve lo meritate, ma occhio alle distanze. E siate (almeno per i social) politicamente corretti, in attesa del caos e della vita vera.
Ticino7
2 sett
Lambo, er gigolo romano
All’alba è già in piedi. Un quarto d’ora di doccia ed eccolo che emerge dalla foschia del minuscolo bagno...
Ticino7
2 sett
Oltre i confini. Da Sarajevo a Bironico
I conflitti degli anni Novanta nella ex Jugoslavia hanno condotto molte persone verso il Ticino. Da dove vengono, cos’hanno portato con loro e come vivono nel nostro cantone?
Ticino7
3 sett
Era bello e impossibile
Dedicato a chi vive di conquiste, di ricordi e in un mondo che forse non c’è più. Dedicato a chi non smette di provarci, sognando (sempre) Richard Gere.
Ticino7
31.05.2020 - 15:000

Lugano e l'horror vacui

Appunti dalle palme sul Ceresio, tra un ‘tornerà la quiete’ e il programmatico ‘la Città ti è vicina’.

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Lugano horror vacui? No, vuoto bellissimo! Il ‘clan asintomatico’ di cui parlavamo su queste pagine poche settimane fa (si veda Ticino7 n. 19/2020 del 9 maggio, ndr) già rimpiange la quarantena. Bella perché surreale, divertente perché grottesca. Nel paesone mascherato da città, col suo salottino cicalone e vagamente formicolante, i primi giorni furono disorientanti ma poi... la bellezza! Siccome mai si confinò all’italiana, perché italiano a Lugano non era e in Italia non stava, lui uscì, vide, parlò e conobbe. Visse quasi normalmente. Distante dalle persone, dalle pareti di casa come muri del pianto, da finestre ante-plexiglas, da balconi a mo’ d’ora d’aria. 

Curiosi incontri

Meglio il sole e la brezza del lago che un acaro per amico. Giù nella (vuota) Rivetta Tell, nella (vuota) Piazza Manzoni, prima di rivedere le orrende code al fast food. Un omino con berretto, guanti e mascherina, bisognoso di parlare con gli umani, gli disse: “Ma lei non è l’inquilino...?”. “Sì, perché?”. Scoprì che era il dirimpettaio mai visto prima, cuoco invalido di Porlezza che viveva sullo stesso piano da trent’anni. Quello della tv accesa ‘h24’ per settimane subendo terrorismo informativo. Ogni sera verso le cinque si palesava, si toglieva la mascherina, fumava una sigaretta. L’omino buffo gli chiese se non fosse preoccupato. “No! Non ho nulla, come molti altri, del resto”. C’era l’asintomatico sereno e quello obbediente, terrorizzato. Gli sembrava persino più folle di quell’altro omone che, dall’altra parte della strada, per settimane ha passeggiato attorno alla casa pur di muoversi. E poi le fontane (vuote) a primavera; gli inguardabili tulipani bianchi nel (vuoto) parco Ciani; il kebabbaro sul Cassarate senza clienti; la polizia nei boschi; le mascherine appese al lunotto dell’auto come crocifissi; le fotocopie da usura a 50 centesimi l’una all’edicola; l’igienizzante del supermercato che sa di grappa. Sintomi di una quasi normale anormalità.

Quiete o tempesta? 

A Lugano il vacuum giunse potente e splendido come lo starnuto. Lugano non-luogo per un po’. “Oh, finalmente gente normale!” , gli disse un milanese residente vedendolo senza mascherina. Un complottista convinto che “mi sono documentato, è tutta una montatura!”. Capitò a molti asintomatici di pensarlo, ma poi... In bici dal centro (vuoto) alla foce (vuota) del Cassarate, al giardinetto (vuoto) in Cattedrale, sul terrapieno sopra il parcheggio (vuoto). Quasi la perfezione se non fosse per la polizia che girava (a vuoto) in auto, assieme a pigroni e tamarri (ma dove vai se è tutto chiuso?). La drammaturgia cartellonistica luganese che “tornerà la quiete dopo la tempesta”, come se prima della serrata ci fosse burrasca. Quella che “per fare gite, ci saranno tempi migliori” , ma intanto gira pure in auto. Quella che “proteggi te stesso e gli altri: resta a casa”, quindi sii acaro, poltrisci, isolati, così t’ammali. Quella che “la Città ti è vicina” ma non è mai stata così stupendamente lontana. Fase uno, due, tre... stella! Chi vincerà? Lugano aristotelica, che natura abhorret a vacuo. Anzi no, la natura non rifiuta il vuoto (di umani), bensì l’ama.

INFODEMIA ITALO-SVEDESE

La quarantena alternativa della Svezia è stata criticata dai media italiani, tanto da causare una débâcle diplomatica. Cosa è successo? In piena “fase rossa”, il 30 marzo The Guardian riporta gli inviti del premier svedese Stefan Löfven al suo popolo: comportatevi “da adulti”, non diffondete “panico o voci”. Poi Löfven dirà con grande umiltà alla tv svedese che “non abbiamo fatto abbastanza”. La frase farà il giro del mondo. L’11 aprile laRepubblica sarà la prima italiana a pontificare; poi il 12 aprile SkyTG24, con “mea culpa” del premier e strategia “fallimentare”. Commenti giornalisticamente poco etici, ma ripresi da tutti (anche in Svizzera). In realtà Löfven si riferiva alla smobilitazione di molti apparati d’emergenza negli ultimi 30 anni (www.ilpost.it/2020/04/16/ambasciata-svezia-repubblica-corriere/). Il 15 aprile l’Ambasciata di Svezia in Italia dirà la sua su Facebook: “Spirale di disinformazione” italiana, frase “estrapolata” dal contesto, citata “in maniera non corretta”. Preciserà che le misure svedesi “differiscono” da altri Paesi “solo in alcuni punti”, che la popolazione “osserva le raccomandazioni fatte dal governo e dagli esperti”. Il 16 aprile il Corriere della Sera farà ammenda: “Sono pazzi questi svedesi? No, dicono gli svedesi, i pazzi siete voi”. Il 28 aprile il New York Times parlerà dei frutti che, allora, la scelta svedese sembrava portare. Il 29 aprile a Teleticino il capo Area medica all’Eoc dirà di guardare “con interesse” alla scelta svedese, siccome “il pericolo è meno importante di quello che temiamo”. La stretta ticinese si giustificherà “anche perché avevamo vicino l’Italia”. Quello che è poi accaduto da allora in Italia e Svezia è storia nota (incluso il preoccupante picco di mortalità vissuto nel Paese scandinavo a metà maggio). 

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved