laRegione
Nuovo abbonamento
il-piu-grande-calciatore-sconosciuto-del-mondo
Murale del Trinche a Rosario (foto: Roberto Scarcella)
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
INCONTRI
1 gior
Una ragazza di 21 anni e il sogno di pilotare elicotteri
La storia di Céline Bartoloni che vuole librarsi in volo. Dopo l'esperienza estiva come assistente di volo, ora sta svolgendo la formazione pratica
L'approfondimento
1 gior
Quelle quasi-bistecche di carne vegetale
È arrivata anche in Svizzera. Un prodotto con tanti pregi e alcuni difetti
SOCIETÀ
2 gior
Boogaloo, i suprematisti bianchi dal nome afroamericano
Viaggio dietro le quinte del fenomeno emerso durante le proteste contro le misure anti pandemia negli Usa
Ticino7
1 sett
Amarcord Italia ’90
Più che di un Mondiale da dimenticare per molti tifosi, quello andato in scena tra giugno e luglio di trent’anni fa è stato il ritratto di un paese con ancora molte idee, nonostante i soliti immancabili difetti.
Ticino7
1 sett
Minimal Minüs: la pandemia vista da Piazza Grande
A grande richiesta, nuovi appunti dal Covid-19. Questa volta è un fuori porta tutto locarnese, tra rive più ampie, gatti smarriti e salatissimi grotti (ahi ahi…)
Ticino7
1 sett
Il lungo cammino di Lokman Kadak
Nei luoghi in cui il vento della storia soffia ostile, le esistenze si consumano più velocemente. “Ho 42 anni, ma sono diventato come un anziano” racconta, riferendosi a tutte le avversità affrontate nella sua vita.
Ticino7
1 sett
Videoconferenze. L’ospite inatteso
Tra gli effetti collaterali interessanti della pandemia vi è la smaterializzazione dell’incontro con l’altro. Una tendenza peraltro già in atto da tempo, ma in questo frangente...
Ticino7
1 sett
Indovina chi c’è nel video?
Le videoconferenze non sono più materia per le solite grandi aziende. Ma una volta connessi, non pensate solo alla vostra immagine sullo schermo: anche i contenuti hanno una discreta rilevanza...
Ticino7
2 sett
Elogio della gratitudine
Desiderate iniziare con il piede giusto questo nuovo decennio ed essere felici? Provate con grandi dosi di gratitudine: costo zero e risultati scientificamente provati.
Ticino7
2 sett
Emanuele Santoro: finché c'è vita, c'è teatro
Attore, regista, direttore artistico del teatro "il Cortile" a Lugano, oggi definitivamente chiuso causa di un nuovo progetto edilizio. Ma lui, quel bisogno di mettersi in gioco ce l'ha proprio dentro.
Ticino7
2 sett
Evviva l'impunità di gregge
L’emergenza coronavirus ha confermato quanto oggi (ahinoi) dibattiti e confronti, pacati e costruttivi, siano la vera vittima delle nostre società. E così alla fine chi grida forte e vuole avere sempre ragione non sbaglia mai.
Ticino7
2 sett
All'outlet dell'intimo
Metti un giorno che, tanto per provare l'emozione che fa, entrate in uno di quegli spazi di vendita dove tutto costa meno...
Ticino7
2 sett
Turismo che va, turismo che resta
In inverno, a contarle una per una, non arrivi a quaranta anime. Ma da giugno a ottobre le cose cambiano (non in meglio).
Ticino7
3 sett
Disturbi mentali. Ai confini della realtà
André ha dovuto imparare a sopravvivere a un mondo di allucinazioni e deliri. Ma non è l’unico: una persona su cento soffre della stessa malattia.
Ticino7
3 sett
Sulle tracce di Pun Ka-Man
Per tutti, colleghi di polizia compresi, lei è ‘Pops’ e il suo mestiere ha quel nonsoché di cinematografico: veste la tutina bianca e si reca suoi luoghi del crimine...
Ticino7
3 sett
Bologna e le staffette alimentari partigiane
L’aiuto ai ‘tagliati fuori’ della pandemia nell’esperienza di un giovane bellinzonese nel capoluogo emiliano.
Ticino7
3 sett
Woody Allen: a proposito di citazioni
“Se potessi tornare indietro, cosa non farei? Comprare l’affettatutto che ho visto in televisione”.
Ticino7
3 sett
Gente di mondo
Si convinse che in paese cambiare auto era un atto di coraggio un venerdì, mentre faceva benzina al solito distributore...
Ticino7
4 sett
The Murder Capital: delitto bernese
Forse il rock non starà vivendo i suoi anni migliori. Ma se non vi fermate alle solite programmazioni radiofoniche, le sorprese sono dietro l'angolo (da Dublino a Berna).
Ticino7
4 sett
Il galateo della distanza
Fate un po' come vi pare: uscite, divertitevi che ve lo meritate, ma occhio alle distanze. E siate (almeno per i social) politicamente corretti, in attesa del caos e della vita vera.
Ticino7
4 sett
Lambo, er gigolo romano
All’alba è già in piedi. Un quarto d’ora di doccia ed eccolo che emerge dalla foschia del minuscolo bagno...
Ticino7
4 sett
Oltre i confini. Da Sarajevo a Bironico
I conflitti degli anni Novanta nella ex Jugoslavia hanno condotto molte persone verso il Ticino. Da dove vengono, cos’hanno portato con loro e come vivono nel nostro cantone?
Ticino7
1 mese
Era bello e impossibile
Dedicato a chi vive di conquiste, di ricordi e in un mondo che forse non c’è più. Dedicato a chi non smette di provarci, sognando (sempre) Richard Gere.
Ticino7
1 mese
La grande notte dei single
L'altro giorno un amico mi chiama per dirmi che ha finito Pornhub: nel senso che ha visto tutto. Ma tutto tutto, anche quelle categorie che uno ha paura a cliccare...
Ticino7
23.05.2020 - 17:200
Aggiornamento : 25.05.2020 - 10:56

Il più grande calciatore sconosciuto del mondo

Tomás Felipe Carlovich, detto El Trinche, è stato il Maradona dei potreros: non si sa nemmeno quando sia nato, tanto per cominciare...

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Non si sa nemmeno quando sia nato, e questo è sempre un inizio promettente per una storia. Diceva di avere tre documenti: in uno la data di nascita era il 19 aprile 1947, per gli altri due era nato un anno prima. Su Wikipedia, ancora oggi, lo fanno nascere il 20 aprile 1949. Sappiamo però con certezza altre due date: quella della nascita del suo mito e quella della sua morte. Ma andiamo a passo lento, come faceva lui in campo. Figlio di Elvira e Mario, un migrante jugoslavo che si guadagnava da vivere come idraulico nel Barrio Belgrano, a Rosario, Tomás, non ancora El Trinche, era il settimo di sette fratelli. Emergeva con la tecnica nelle partitelle giocate nei potreros, quei piccoli campi di fortuna, irregolari, che ancora oggi spuntano tra le case dei quartieri meno nobili d’Argentina. Da lì, da sempre, escono campioni. Alcuni destinati ai trionfi nazionali e mondiali, altri a entrare nel mito dalla porta secondaria.

Lo sconosciuto

Il mito del Trinche Carlovich si fa eterno nel 1974, anno in cui Roy Buchanan registra il suo Live Stock, iconico disco dal vivo di colui che è passato alla storia del rock come “The world’s greatest unknown guitarist”,  il più grande chitarrista sconosciuto del mondo: un musicista emarginato e marginale, amato però da mostri sacri come Eric Clapton, Jerry Garcia, George Harrison e Jimi Hendrix. Ebbene, il 17 aprile del 1974, a Rosario, si gioca la partita che fece diventare un giocatore di serie C argentina “il più grande calciatore sconosciuto del mondo”. Quel calciatore era El Trinche. Per arrivare a tanto non gli servirono nemmeno tutti i 90 minuti. Ne bastarono la metà. El Trinche, idolo locale di una piccola squadra di quartiere, il Central Córdoba, era l’unico corpo estraneo di una selezione mista rosarina composta da 5 giocatori del Rosario Central e 5 del Newell’s Old Boys, le due superpotenze cittadine. Gli avversari? La Nazionale argentina che si preparava, tra mille difficoltà, al Mondiale tedesco che sarebbe iniziato meno di due mesi dopo.
Alla fine del primo tempo il ct dell’Argentina, Vladislao Cap, si precipitò furibondo negli spogliatoi chiedendo il cambio di quel numero 5 di cui non conosceva nemmeno il nome e che stava facendo ammattire i giocatori della sua squadra: quel 5 era El Trinche, costretto dopo appena un tempo a togliere divisa e scarpini per ragion di Stato. 

Pagato a tunnel

La Nazionale stava perdendo 3-0. Finirà poi 3-1 ma Carlovich lo seppe più tardi, perché lui nel frattempo si era fatto la doccia ed era tornato nel suo Barrio per farsi una bevuta con gli amici di sempre. Eppure, era emozionato all’ingresso in campo. Quando negli anni tutti gli hanno fatto poi sempre la stessa domanda, come si sentiva prima dell’incontro, rispondeva sempre così: “C’erano 30mila miei concittadini allo stadio, non potevo deluderli”. E non lo fece, giocando da regista basso, da volante, come si dice in Argentina, in una squadra con cui si era allenato solamente una volta. Togliendosi anche lo sfizio di fare un tunnel nientemeno che a Francisco Sá, difensore dell’Independiente, la squadra che in quel momento era campione del Sudamerica e del mondo, avendo battuto in novembre la Juventus nella finale della Coppa Intercontinentale.
Il tunnel era il suo marchio di fabbrica. Si dice che lo pagassero a tunnel. Anzi, si dice - ma se ne dicono tante quando diventi un mito lontano da telecamere e riflettori - che fosse lui l’inventore dell’ida y vuelta, cioè del doppio tunnel, prima davanti e poi dietro. Si dice che il suo trasferimento al Cosmos saltò perché Pelè era invidioso. E si dice anche che al Central Cordoba ci fossero due tariffe d’ingresso, una quando giocava il Trinche, l’altra - più bassa - quando non c’era.

‘Esta tarde juega el Trinche’

Si faceva di tutto pur di vederlo sempre in campo. In una gara in trasferta contro la squadra de Los Andes, Carlovich dimenticò i documenti, e così a fare da garante per l’identità di quell’uomo alto, barbuto e con i capelli lunghi che sosteneva di essere El Trinche si fece avanti un dirigente della squadra avversaria: “Posso vederlo giocare solo due volte l’anno, contro di noi. Non mi lascio sfuggire l’opportunità”.
In un’altra occasione, l’arbitro stava per espellerlo quando le tifoserie di entrambe le squadre si ribellarono costringendo il direttore di gara a rimettere il cartellino rosso nel taschino. I piccoli stadi di periferia con lui si riempivano, anche perché le squadre in cui giocava mandavano gli strilloni in giro per la città a urlare “Esta tarde juega el Trinche”. A confermare il pienone dalle sue parti ci sono due testimoni d’eccezione, entrambi ct dell’Argentina Jorge Sampaoli e Marcelo Bielsa, altro mito del calcio rosarino: “Con Bielsa finivamo prima gli allenamenti e andavamo sempre a vederlo” , ha raccontato in tv Sampaoli al campione del mondo Jorge Valdano. A completare il quadro, un altro ct dell’Argentina, José Pekerman, mise El Trinche come regista nella sua formazione ideale di tutti i tempi. Un’apparente assurdità per un giocatore le cui presenze nella massima divisione sono solo quattro: due con il Rosario Central e due con il Colón di Santa Fé. Non amava allenarsi, ma non era il classico ubriacone alla George Best, si racconta che al massimo correggesse la sua gazzosa con un po’ di vino, usanza mai tramontata da quelle parti.


Nel corso dell'incontro Morón contro Central Córdoba (1974).

I due Maradona

A pochi metri da una brutta statua di Che Guevara, concittadino ben più illustre, due murales lo ritraggono sui muri esterni del Gabino Sosa, il piccolo stadio del Central, a un paio di chilometri dal Parque Independencia (oggi Estadio Marcelo Bielsa), il luogo in cui giocò la partita del mito. E anche quello in cui Diego Armando Maradona l’ha incoronato per la prima volta come “Il Migliore”. Era il 1993 ed El Diez firmò per un pugno di partite con il Newell’s in vista del Mondiale di Usa ’94. Alle parole di un giornalista: “Diego, ancora devi scendere in campo e già sei il più forte giocatore nella storia di Rosario” , Maradona rispose: “Non è vero, qui ha giocato il Trinche Carlovich”. Ritirato ufficialmente a 37 anni e presente nei campionati amatoriali locali fino a 54, El Trinche ebbe un ultimo tributo nel febbraio scorso quando il Gimnasia La Plata, squadra allenata da Maradona, arrivò nella sua città per giocare contro il Rosario Central. Carlovich, invitato allo stadio, posò per una foto ricordo con Diego, che gli regalò una sua maglietta con su scritto: “Vos fuiste mejor que yo”. Parole che fanno il paio con quelle del giornalista santafesino Roberto D’Agostino: “Carlovich, el Maradona que no fue”, altra frase che sta meglio così, senza perdere tempo in traduzioni.


El Trinche in una foto recente. È morto lo scorso 8 maggio.

Morire (contento)

Il giorno dell’ultimo incontro con Maradona, El Trinche dichiarò che ora poteva “morire contento”. Non sapremo mai se è stato davvero così. El Trinche è morto l’8 maggio 2020, due giorni dopo essere stato assalito e colpito alla testa con una pietra da due giovani che volevano rubargli la bicicletta. E una fine così non è mai una bella fine per una storia. Una morte tragica, un epilogo violento, maledettamente concreto, da pagine di cronaca nera, che contrasta con la levità e l’impalpabilità del suo mito, con quell’essere campione senza che ci siano abbastanza filmati e immagini per dimostrarlo. Ma ricordi sì, magari modellati dall’alone di mito e dalla piega che prendono certe grandi storie. Una fine da film neorealista e non da realismo magico come meritava l’aura letteraria, immateriale e sfuggente del suo calcio.

 

Nel corso dell'incontro Morón contro Central Córdoba (1974).
Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved