Udinese
0
Genoa
0
1. tempo
(0-0)
liguriavirus-o-la-nascita-del-distanziamento-sociale
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
18 ore

La strategia del ‘revenge dress’ (metti il caso che...)

Giugno 1994: Carlo ammette l’infedeltà nei confronti della moglie Diana. Lei, di tutto punto, tira fuori dall’armadio l’abito della rivincita. Che colpo!
Ticino7
18 ore

Traffico e rumore. Quelli coi tubi in testa

Da Berna presto un giro di vite contro i veicoli rumorosi e gli stili di guida molesti. E in Ticino che si fa per arginare il fenomeno dei “tamarri”?
Ticino7
22 ore

Angélique Beldner: una questione di pelle?

Il percorso, a ritroso ma non solo, di una donna a cui oggi – nel 2021, in Svizzera – non è permesso essere come tante
Ticino7
1 gior

Quando l’emancipazione partì in bicicletta

Solo poco più di un secolo fa andare in bicicletta era considerato uno sport non adatto alle donne. Anzi, pericoloso...
Ticino7
1 gior

‘Gas a martello’ (tanto son tamarro)

Sono spesso giovani e vogliono trasgredire. Ok, ma certe cose oggi è meglio farle in un circuito automobilistico
Ticino7
1 sett

Bindu De Stoppani e le immagini che (s)corrono

Sceneggiatrice, regista e showrunner, cioè chi ‘fa correre’ l’intero processo di produzione di un telefilm. Ma ci sa fare anche con gli “affari di cuore”
Ticino7
1 sett

Ciò che il mondo separa, la poesia unisce

I versi di Francesca Matteoni e la grafica di Luca Mengoni per una raccolta poetica (curata da Fabio Pusterla) che racconta quello che sente il cuore
Ticino7
1 sett

Tra lui e lei: attraversamenti di genere e di vestiti

Uomini e donne non sono semplicemente “maschili” o “femminili”: sono molto di più. E allora si spiegano i fisici scolpiti, i toraci depilati e molto altro
Ticino7
1 sett

Radersi tra salute e consapevolezza, a ‘Movember’

Avete tempo sino alla fine del mese. Ma le buone cause, si sa, non hanno date e scadenze. Soprattutto quando parliamo di benessere, malattie e prevenzione
Ticino7
1 sett

L’ultima libertà dell’ultima cena

Nel nome del vostro bene e di quello dei vostri ospiti, mettete un bel cartello sulla porta di casa, con scritto: "Qui è vietato parlare di Covid’
Ticino7
2 sett

Dio salvi i punkinari! E le loro chitarre

C’è chi ha scritto che è morto nel 1977, altri pensano sia un modo di vivere e vedere il mondo che tiene ancora botta. Noi preferiamo parlare di musica
Ticino7
2 sett

Gli antivaccinisti al tempo del vaiolo (correva l’anno 1931)

“Il pro e il contro nella scienza sono (...) pesati e sempre soggetti a controllo. I controlli poi sono infiniti in una scienza pratica come la medicina”
Ticino7
2 sett

Disavventure Latine 8. Senza tejo, tornerò

Il caffè in Colombia è pessimo. Attenzione, non il caffè prodotto in Colombia, ma quello che bevono: “Il migliore rende troppo per non venderlo..."
Ticino7
2 sett

Patrizia Varini preferisce il viola

Nella sua esistenza fatta di lavoro, passioni, hobby e viaggi i colori non mancano. Ma ce n’è uno che brilla e vibra sopra tutti gli altri...
Ticino7
2 sett

L’omosessualità di ieri (ma vista oggi)

Vale per tutto, pure con i film: per giudicare quanto siano ‘intelligenti’ andrebbero rivisti. Ma decenni dopo
Ticino7
2 sett

1821-2021: buon compleanno, maestro!

L’11 novembre si celebra il bicentenario della nascita dello scrittore e pensatore russo Fedor Dostoevskij, fra i capisaldi della letteratura mondiale
Ticino7
2 sett

Squid Game e il solito allarmismo di noi vecchi

Il ciclo dei media sulle mode giovanili è sempre lo stesso: non le capiamo, quindi decidiamo che son pericolose e ci mettiamo a sparare titoloni
Ticino7
3 sett

La Ficcanaso e l’eterno ritardo

Essere indietro su tutto, indiscriminatamente, è un’arte. Ma potrebbe anche essere una dote ereditaria
Ticino7
16.05.2020 - 14:400

Liguriavirus o la nascita del distanziamento (sociale)

In questo caso il Covid non c'entra nulla: parliamo di una tradizione tutta ligure. Un po’ come il pesto, la focaccia, i muretti a secco o dire ‘belin’.

Pubblichiamo un contributo apparso in Ticino7, allegato del sabato nelle pagine de laRegione.

Di recente i liguri non si sono fatti mancare nulla, come i ponti che cadono (quattro in due anni). Ma questa è una tradizione recente, che con un po’ d’impegno potrebbe diventare radicata. A cadenza, o caduta, regolare. Comunque, per non farci mancare niente, cascano da un po’ anche i muretti a secco. Il distanziamento sociale, in Liguria come dappertutto, lo hanno imposto, ma qui c’era già. Una regola antichissima e non scritta, come la Costituzione britannica. Sarebbe come mettere il divieto di balneazione in Groenlandia o di polenta taragna a Trapani. La gente lo sa. Non ci prova neanche. Non gli interessa. L’ultima volta, qui a Genova, che ho visto due abbracciarsi, era ottobre ed ero al cinema: stavo guardando un film ambientato a Napoli. 

Genova contro Milano

Noi liguri, che adoriamo dare la colpa ai milanesi, abbiamo con il coronavirus un’occasione unica. Premessa: i liguri chiamano milanesi o tedeschi tutti quelli che arrivano dal nord, qualsiasi nord. La divisione, come tutte le generalizzazioni che diventano dogma, è talmente semplice che funziona. Se parlano italiano o un dialetto che sembra italiano: milanesi. Sennò tedeschi. Gli svedesi, gli svizzeri, i danesi, gli austriaci, gli olandesi, pure i veneti se parlano dialetto stretto. Tutti tedeschi. Come se ci fosse ancora il Reich. I milanesi sono malvisti, chiassosi, usano le vocali aperte e camminano per strada senza guardare le strisce, sia da pedoni che in automobile. 
Noi liguri siamo riservati, abbiamo le vocali strette e sulle strisce ci fermiamo, sia a piedi che in macchina, solo per far pesare all’altro che lo facciamo passare. I tedeschi sono benvisti e silenziosi, fin da bambini, non usano le vocali e a volte si fermano così in anticipo e così a lungo davanti alle strisce da creare code che fanno imbufalire liguri e milanesi. Questo è il quadretto estivo. Poi ti chiedi perché la gente abbandona le seconde case in riviera e preferisce un volo low cost per qualche isola spagnola o greca piena di inglesi che vomitano e turborussi arricchiti che al loro confronto i milanesi imbruttiti sembrano frati francescani in libera uscita. 
Ma il milanese ha, per contratto - presumibilmente formalizzato con l’atto di nascita - un numero imprecisato di weekend obbligatori in Liguria. Una specie di ius multi noctis ineluttabile che in riviera viene affrontato con un misto di sarcasmo e rassegnazione. Fino a oggi. Sembrerebbe, infatti, che per l’estate la Liguria blinderà i confini. Se vivi al mare puoi venire a fare il bagno, sennò no. Scommetto che st’idea, tra i tanti componenti delle task-force governative, è venuta a un ligure. È la vendetta per averci portato le vocali aperte, l’apericena e il coronavirus. Ammesso che sia davvero andata così, ma che importa.  Ci finiscono di mezzo anche i tedeschi, che portano soldi senza schiamazzi. In guerra li chiamano danni collaterali. 

Lo scontro generazionale

Ma il vero danno il coronavirus l’ha fatto dando il potere assoluto in mano ai vecchi in una regione che era già sotto il loro controllo. I giovani scappano o s’arrangiano eroicamente, e con giovani in Liguria s’intendono anche quelli che avevano già la barba quando l’Italia vinse il Mondiale. No, non quello del 2006, quello dell’82. Distorsioni. I vecchi (lo so, non si dovrebbe dire vecchi, ma è l’unica forma di rivalsa sociale di noi ex giovanotti per sempre con le barbe che iniziano a imbiancarsi). Insomma, i vecchi che già erano i padroni delle nostre case e delle nostre vite lavorative, ora invadono strade e supermercati. In giro vedi solo loro, non hanno quasi mai la mascherina, tra gli scaffali riescono a toccare, rigorosamente senza guanti, tutta la frutta, i formaggi, i pacchetti, i carrelli. Dove non arrivano con le mani, arrivano con un colpo di tosse. E addio frutta. Appena vedono un giovane con la mascherina d’ordinanza lo guardano con sdegno se non gli è utile; lo avvicinano, toccandolo, se hanno bisogno di qualcosa da uno scaffale fuori portata (“lei che è alto, zuenottu”, che sarebbe “giovanotto”). Avevano il controllo dei nostri affitti, dei nostri contratti di lavoro, ora si sono presi anche quel poco che ci restava, rimanere in giro. A volte, per strada, sembra di camminare in uno di quei mondi distopici che vanno di moda oggi: nemmeno un bambino. Quando ne spunta fuori uno, i vecchietti saltano su sorpresi, impauriti, nemmeno avessero visto un minotauro, un unicorno, un under 40 con un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Creature mitologiche insomma, almeno qui in Liguria. Sgranchire le gambe, andare a lavorare, fare la spesa, oggi non è altro che certificare che hanno vinto loro: gli anziani, che se stai andando in ufficio ti guardano come se stessi andando a svaligiare una banca. Cosa ci facciano loro in giro, non si sa. 

Poi, i liguri

I giovani stanno, perlopiù, in casa. Escono solo se necessario, stanno alle regole. Ammesso che ci siano ancora, che non ne abbiano approfittato per andarsene per sempre, di nascosto, da una regione dove sono crollati i ponti e prima ancora i patti sociali. Una regione in cui i pub chiudono presto perché gli anziani devono dormire, dove festival e concerti finiscono all’ora del tramonto perché disturbano, ma la festa della mazurca dei centenari sparata a tutto volume finisce all’alba. E guai a chi la tocca. Devono svagarsi, loro. Una regione tra le più vecchie del pianeta, dove l’età media - più alta di quella degli elfi delle saghe nordiche - è stata calcolata tre volte dall’Oms perché non ci credevano. E che alla domanda: “Qual è il segreto di tanta longevità?” rispondono “Diamo la colpa di tutto ai giovani. E ai milanesi. Ci toglie lo stress. Poi giù con la mazurca fino a tardi”.
Per la “Fase 2” – quella del ritorno alla vita “normale” – se la scelta fosse stata lo scaglionamento per età, l’annuncio del premier italiano Conte avrebbe potuto avere questi toni: “Cari italiani, inizialmente potranno uscire i giovani, poi gli under 50 e 60, se va tutto bene passeremo agli under 70, 80 e 90, alle tartarughe e ai centenari. Poi, i liguri”.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved